Advertisement

www.AnimeClick.it
Informazione su anime, manga e fansub
Facebook YouTube Twitter Instagram Tumblr RSS Notizie RSS Fansub Translate in English
CSS Drop Down Menu by PureCSSMenu.com

Ano natsu de Matteru
Locandina Ano natsu de Matteru



Titolo Originale: Ano natsu de Matteru
Titolo Inglese: Waiting in the Summer
Formato: Serie TV
Anno: 2012
Episodi: 12
Disponibilità: Fansub
Valutazione: 7,150 (media 7,188, basata su 16 recensioni)
Opinioni episodi: 296 Episodi promossi 36 Episodi rimandati 25 Episodi bocciati
Genere: Commedia, Scolastico, Fantascienza, Sentimentale
Siti Consigliati: Anidb
Nazionalità: Giappone
Lista Anime: Per utilizzare la lista anime devi registrati.
Nelle liste come: 30 in visione, 417 completato, 6 in pausa, 10 sospeso, 3 da rivedere, 164 da vedere.
Tags: Ano natsu de Matteru
Immagini: 29 (Gallery) (by ReiRan->--@)

Questa scheda ha errori? Aiutaci a correggerli.

"Il cielo è di un azzurro terso, ampie nuvole si radunano là dove celano in lontananza le montagne. Uno scenario quotidiano in paese e, nello stesso tempo, il paesaggio che fa da sfondo ad un'estate indimenticabile. Un ragazzo con la voglia di fare qualcosa di speciale, che discute con gli amici della possibilità di realizzare un film. E all'improvviso arriva lei, che trasforma i sentimenti di lui in quel "qualcosa di speciale". Lui è Kaito Kirishima. Lei è Ichika Takatsuki. La loro estate sta iniziando, e la stiamo aspettando con loro."

Per favore spendete 5 minuti per darci una mano, se siete registrati potrete anche guadagnare dai 3 ai 10 punti utente. Le recensioni sono moderate, leggete il vademecum del recensore per non rischiare di vedervela disattivata. Mi raccomando, leggetelo ;-)

Utente:     Episodi Visti:     Voto:

Recensione (almeno 500 caratteri):

E-Mail (facoltativo):
L'E-Mail non sarà pubblicato, serve solo per contattarvi.

Inserisci il testo nell'immagine:
Ano natsu de Matteru 7,150 out of 10 based on 16 ratings. 16 user reviews.

Screenshot 1 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 2 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 3 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 4 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 5 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 6 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 7 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 8 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 9 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 10 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 11 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 12 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 13 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 14 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 15 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 16 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 17 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 18 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 19 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 20 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 21 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 22 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 23 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 24 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 25 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 26 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 27 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 28 di Ano natsu de Matteru
Screenshot 29 di Ano natsu de Matteru

chris1710
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 8

"Aspettando quell'estate."
Quell'estate. Già. Sì. Perché questa è una stagione magica. E' il periodo più caldo dell'anno, ma anche il più breve. Capace di potere concentrare una miriade di emozioni, sensazioni. Sentimenti. Talvolta inaspettati. Difficili anche da gestire.
E così un giorno, per caso, arriva una ragazza, una perfetta sconosciuta che si presenta al nostro protagonista come una studentessa "straniera" e lì comincerà il suo anno scolastico.
Le vacanze estive sono ormai alle porte. Il frinire delle cicale e il Sole cocente invitano sei ragazzi, sei amici del liceo, a vivere quel momento tra impacci, confessioni, incomprensioni, momenti divertenti e lacrime. Comincia così quell'estate. Per Kaito, Kanna, Mia, Remon, Tetsuro e ultima a unirsi al gruppo, nonché protagonista, Ichika.
Protagonista maschile di questa storia è Kaito, un liceale al quale piace riprendere luoghi e persone con una vecchia cinepresa (per l'esattezza una 8mm Fujica P 300 che fu prodotta tra il '67 e il '71). Così viene fuori di creare un film amatoriale con una sceneggiatura buttata sul momento. Un ricordo fatto di goffa recitazione, un po' arrangiata, e di effetti speciali alla buona. Ma il meglio, come spesso accade, si crea quasi per caso, soprattutto quando siamo tra amici, con inquadrature fuori dal set, sguardi distratti, profili presi un po' di nascosto. Tutto evidenzia la vera natura dei protagonisti, delle persone, con momenti rubati al tempo passato insieme.
I ricordi sono impressi nella celluloide e offrono quell'effetto sgranato, un po' sfocato, dal sapore vintage pieno di calore.
E poi magari un giorno prenderai quella pellicola. La posizionerai sul proiettore. La farai partire. E assieme ai presenti vivrai quei ricordi. Sarai carico di nostalgia perché erano momenti unici. Le tue espressioni in viso cambieranno al cambio di ogni scena. Ti sentirai imbarazzato/ta, ti scapperà qualche sorriso. Poi magari scenderà qualche lacrima. I ricordi sono fatti di momenti passati. Di istanti. Sta a noi farli vivere per sempre con ogni mezzo.

"Ano Natsu De Matteru" è un anime in 12 episodi della stagione invernale 2012. In un anime, la cui componente romance è alla base, non possono mancare gli intrecci tra i protagonisti. Ma qui mi voglio fermare, onde evitare la perdita di quello "stupore" che si ha quando si scoprono le piccole cose. Sia chiaro: non fornisce spunti di originalità. In una trama che è un cliché, dove i protagonisti e i loro ruoli possono essere (o sono) stereotipati, si racconta una storia con un buon ritmo, con gli elementi necessari che rendono piacevole la visione di questo anime allo spettatore strizzando l'occhio con nostalgia a quei momenti che non torneranno più.
La realizzazione è dell'ormai celebre J.C Staff che in questo genere riesce sempre a fare centro. Dal punto di vista tecnico direi un ottimo prodotto. Credo siamo negli standard: ottime animazioni, chara molto gradevole, ambientazioni che ricreano la vita di una tranquilla località immersa nella natura, uso dei colori molto piacevole dalle tonalità brillanti. Si notano poche comparse: una regia creata per mettere a fuoco i ruoli dei personaggi principali e secondari. Sono 12 episodi. Scelta intelligente.
Le musiche create sono in linea con tutto l'insieme. Si parte con l'opening "Sign" di Ray, un brano pop-dance dal sound molto spensierato senza peso alcuno. Si chiude con l'ending "Vidro Moyou" di Yanagi Nagi. Anche qui un pop-dance ma dalle linee più nostalgiche. Nonostante la leggerezza, è meno spensierato di "Sign". Le varie bgm accompagnano a dovere le varie scene.
Una cosa che ho apprezzato molto sono i monologhi che partono a inizio e fine episodio di Kaito-kun. Un valore aggiunto.

In conclusione: talvolta creare qualcosa di originale a tutti i costi non porta ai risultati sperati. Si può fare della buona animazione partendo da idee già collaudate e funzionanti, migliorandone i vari elementi che le caratterizzano. "Ano Natsu De Matteru" riesce nel suo intento fornendo novità zero a un format già collaudato, ma migliora nell'interazione e nell'intreccio tra i personaggi inserendo elementi che a primo acchito potrebbero risultare irrilevanti ma, a mio modesto parere, accattivanti. Come l'uso di una Fujica P 300 con i suoi 40 anni sulle spalle. (Vedasi Tamayura e la Rollei 35 S). Ben riprodotta dallo staff dello studio, crea un ponte tra passato e presente. Un ponte da noi spesso varcato, chiamato Ricordo.




Filtra con voto 1Filtra con voto 2
Filtra con voto 3Filtra con voto 4
Filtra con voto 5Filtra con voto 6
Filtra con voto 7Filtra con voto 8
Filtra con voto 9Filtra con voto 10


Dogwalker
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 6

E' stata una fatica arrivare fino alla fine. Dispiace dare un voto basso (e infatti, alla fine, non lo do neanche tanto basso), dato che l'anime non è fatto male, ma proprio non mi ha "preso".
"Ano natsu de Matteru" è, o almeno avrebbe dovuto essere, una commedia scolastica/sentimentale tratteggiata a tinte delicate e realistiche. Nella realtà, inserisce in questa fragile struttura un elemento fantascientifico decisamente fuori posto, inutile alla trama principale (le famiglie dei protagonisti e gli amici avrebbero potuto mettere tutti i bastoni tra le ruote che si volevano alla relazione, pur rimanendo sulla Terra), che richiede allo spettatore una dose eccessiva di sospensione del senso di realtà. L'atterraggio delle gnocche aliene che s'innamorano a prima vista del primo terrestre che vedono andava bene in "Asobi Ni Iku Yo", che, non a caso, era un altro genere di commedia. L'elemento alieno, una volta che gli autori l'hanno voluto introdurre, sarebbe pure dovuto servire a qualcosa.

I protagonisti sono quasi stucchevoli. Appaiono troppo buoni e indifesi per poter realmente influire sullo svolgimento trama, il quale è demandato quindi sia all'azione dei personaggi secondari che, nel caso di Remon, divengono troppo comodi "deus ex machina", sia a espedienti narrativi sullo scontato andante, persino parlando di commedie scolastiche - ma guarda un po', l'unico familiare del protagonista parte per la Bolivia subito dopo avere deciso di ospitare l'aliena in casa loro, lasciandoli soli.
Dato che i protagonisti non fanno davvero molto oltre a essere innamorati l'uno dell'altro, in effetti, persino la parte sentimentale della storia riguarda più le delusioni amorose degli altri personaggi che l'innamoramento dei protagonisti, finendo per essere lacrimevole (gran parte della seconda parte dell'anime è dedicata alla visione di qualcuno che piange) senza per questo commuovere. Per esempio le difficoltà relazionali di uno dei personaggi femminili deriverebbero dal fatto che, ogni tanto, dimentica di mettersi le mutande?
Dal punto di vista tecnico, l'anime è realizzato senza infamia e senza lode. Le musiche non sono indimenticabili. C'è la solita puntata in spiaggia per potere ammirare le protagoniste in costume da bagno, d'altronde, se ormai non manca neanche nel sanguinolento "Another". Manca giusto quella alle terme, per potere avere la scena della vasca, ma non si può avere tutto.



Shaoranlover
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 8

ATTENZIONE: questa recensione contiene spoiler

Aspettando in quell'estate, una mattina in cui, con Tetsurō e gli altri, eravamo d'accordo che sarebbero venuti a casa e, in tarda mattinata, saremmo tutti andati in piscina, approfittai di un'inaspettata tregua delle piogge torrenziali e, dopo un veloce bagno, con i capelli ancora umidi ("Tanto rimangono ribelli comunque, e poi il calore li asciugherà meglio del phon", mi dissi), uscii di casa e mi chiusi la porta alle spalle.
Accesa la mia telecamera, iniziai subito a filmare prima ancora di avere lasciato il vialetto d'ingresso: la bassa vegetazione ancora rorida di rugiada e di pioggia, che rendeva il clima fresco e piacevole in maniera incredibile per la stagione, formava, con i suoi infiniti scintillii dovuti all'incontro con i raggi solari, uno spettacolo meritevole di essere fermato su pellicola; tanto più dovetti farlo, considerata la promessa che quel giorno ti feci di continuare a immortalare tutta la mia vita, persino nelle pieghe più riposte.

Mi dispiacque dare buca ai ragazzi. In quella come in ulteriori occasioni, sapevo che il mio atteggiamento era egoista; sapevo che loro non erano meno tristi di me e che il mio desiderio di isolarmi li faceva stare ancora peggio, loro così premurosi da pensare prima ad alleviare la mia tristezza piuttosto che la propria. Ma avevo bisogno di stare da solo. Avevo bisogno di isolamento e di dare libero sfogo ai miei sentimenti, e durante le mie passeggiate solitarie ripercorrevo nella mia mente gli eventi che ti riguardano accaduti nei posti in cui mi ritrovavo a passare. Sì, ero decisamente egoista in questo: mi rinchiudevo in me stesso e mi crogiolavo nei miei ricordi, che mi portavano a filmare, filmare e ancora filmare una vita sospesa come una ninfea che, dopo che il suo stelo è stato staccato dalla forza dell'acqua dal letto del fiume in cui è sbocciata, aspetta che quella stessa corrente, che ha atteso per tanto tempo certa del suo arrivo, riprenda a scorrere e non la lasci lì, dove si sente abbandonata. Era proprio da quella sensazione di apatia e impotenza che i miei amici volevano sottrarmi, e li immaginai nitidamente, ritrovatisi davanti a quell'entrata qualche ora dopo che l'ebbi chiusa, capire la mia destinazione e seguirmi. E molto probabilmente trovarmi, dato che è proprio verso quel luogo, sulle rive alberate di quel lago abbracciato dalle colline, che mi diressi.

Giunto in stazione con il sole già pienamente visibile all'orizzonte (il tragitto che per me durò una manciata di minuti, visti la mia andatura e il mio soffermarmi a riprendere qualsiasi squarcio di paesaggio interessante dovette durare molto di più), salii sul treno consueto e mi misi a sedere nel vagone, praticamente vuoto non fosse stato per qualche altro spirito mattiniero e vagabondo, e trascorsi il tempo sonnecchiando.
Durante il mio sonno leggero, forse perché la mia mente si era impressionata attraversando, poco prima, quel ponte sulle chiuse, rivissi il nostro primo, vero incontro, che sul momento ovviamente dimenticai per ricordarlo in seguito; da allora la corrente cominciò a scorrere per me, in una direzione, tutto sommato, prevedibile vista da fuori che portò a quello stallo, che sperai fosse momentaneo e non definitivo.

Svegliatomi fortunatamente a poche stazioni di distanza dalla mia meta, mi accorsi di avere sognato: realtà e immaginazione sono sempre stati inestricabilmente intrecciati in me (al risveglio, gli occhiali mi erano quasi caduti dal viso; "Questa montatura è troppo grande, e pesa", pensai).
Solo una volta sullo spiazzo di fronte alla stazione in cui scesi, mi accorsi che il cielo era terso e limpido, il che rendeva il suo colore blu così intenso da sembrare come solido, e dava l'impressione che si trattasse di un enorme disco volante azzurro cielo di ritorno sulla Terra, idea comunicata anche dalle basse nuvole che parevano appiattirsi sotto il peso della nave spaziale insieme all'aria che ritornava a farsi stagnante e rarefatta. Solo nel boschetto adiacente allo specchio d'acqua in cui si specchiava la luna ancora visibile nonostante tutto, l'aria era fredda e profumata, piacevole da inalare mentre, aprendomi la strada per un sentiero, la terra smossa scricchiolava sotto i miei passi, rumore che spaventava alcuni uccelli canterini nei dintorni, il cui concerto era assai più gradevole dell'incessabile frinire delle cicale vicino casa. Placando la sete presso una fonte, scoprii un tempietto là accanto che fino ad allora non avevo notato.
Lasciando accesa la cinepresa durante il tratto dal piccolo altare appena filmato al lago, non persi tempo e presi subito a fare le mie solite riprese; posizionato il treppiedi, l'intero paesaggio lacustre mi si aprì davanti. Come al solito, il risultato è registrato, dunque c'è solo bisogno che tu veda il nastro, le mie parole non servono.
A un tratto, sentii un rumore provenire dalla boscaglia dietro di me. Avevo ragione: i nostri amici mi avevano raggiunto, e, senza dirmi nulla, ci demmo il cambio alla regia, per filmare ogni cosa, aspettando in quell'estate…

Ano Natsu de Matteru (あの夏で待ってる, Aspettando in quell'estate) racconta la fine delle lezioni e le esperienze estive di un gruppo di cinque ragazzi giapponesi, cinque liceali che vivono un'esperienza all'apparenza ordinaria ma in verità letteralmente straordinaria: infatti, la ragazza appena trasferitasi nella loro classe nel bel mezzo dell'anno scolastico si scopre essere un'aliena in incognito.
Avvicinatasi al pianeta Terra alla ricerca di un posto da lei mai visitato ma familiare, la sua navicella si rompe e lei è costretta a un atterraggio di fortuna; di fortuna per lei ma di sfortuna per Kaito Kirishima: trovandosi a filmare un fiume dall'alto di un ponte che dà su delle imponenti chiuse, è coinvolto nell'impatto del disco volante in avaria, sbalzato dalla sua posizione e ferito apparentemente a morte, destino da cui è salvato da Ichika, l'aliena, in grado di curarlo.

Kaito è il protagonista maschile della serie: orfano di entrambi i genitori, vive in una grande casa tradizionale con la sorella maggiore; il suo hobby è filmare con la sua telecamera. Di carattere quieto, riservato e tranquillo all'apparenza, interiormente nasconde una fervida immaginazione, che lo mette in imbarazzo più volte, e un grande cuore. Piccolino di statura, la sua caratteristica sono i capelli cespugliosi color grigio scuro, mentre per il resto, occhiali dalla montatura spessa e nera in particolare, è un ragazzo come molti.
Ichika, la protagonista femminile, è invece veramente un mondo a parte: oltre alle differenze comportamentali che la separano dai terrestri che in teoria non potrebbe frequentare, Ichika ha un carattere molto spontaneo e stravagante. Alta e slanciata per la sua età, con un seno sviluppato e appariscenti capelli rossi, Ichika è una brava e dolce ragazza come se ne incontrano raramente nel mondo.
Incontrato di nuovo Kaito alla scuola a cui, non è spiegato bene per quale motivo, si iscrive, Ichika stringe conoscenza con i comprimari della serie: Tetsurō, Kanna, Mio e Lemon.

I primi due, Tetsurō e Kanna, sono amici sin da piccoli, e il primo è innamorato della seconda, la quale però è innamorata, non ricambiata, di Kaito. Tetsurō è un tipico adolescente giapponese: dietro ai suoi comportamenti sfrontatamente adulti e cool, Tetsurō è invece totalmente negato nei rapporti con l'altro sesso, ed è incapace di agire di sua iniziativa; si lascia piuttosto, insieme al maschiaccio Kanna, trascinare dagli eventi.
Mio e Lemon sono invece due estremi caratteriali: mentre la prima è una ragazza timida, silenziosa e impacciata, la seconda ha un nome che è una garanzia: ruvida e acerba all'esterno, è buona all'interno proprio per via della sua scorza acidula.
Tutti insieme, decidono per le vacanze di impegnarsi nella realizzazione di un lungometraggio, un progetto importante per la storia dal momento che moltissimi fatti vengono chiariti grazie alla finzione cinematografica (una felice strizzatina d'occhio alla funzione decadente dell'arte che, fingendo sprazzi di vita quotidiana che sono a loro volta finzione, svela la verità?).

"Ano Natsu de Matteru" è un buon connubio di antico e moderno spiccatamente nipponico: ciò perché presenta, con il bisogno di Kaito di essere "curato" dalle ferite riportate nello scontro in apertura al primo episodio, il tema della dipendenza del ragazzo rispetto alla ragazza - dinamica all'opposto abbastanza rara nel panorama europeo -, la quale diviene una sorta di principe azzurro (tant'è che la procedura di guarigione è sempre accompagnata da un appassionato bacio sulle labbra) da cui Kaito diventa dipendente anche per i lavori di casa, ma ciò è vero solo all'inizio. Infatti, con l'avanzare della storia, il loro rapporto viene seguito passo passo e si nota che esso è perfettamente paritario; sia Kaito sia Ichika danno ciascuno un apporto personalissimo e indispensabile alla loro relazione e crescita.
Questo gusto di nostalgica fiaba moderna è dovuto anche al ruolo del destino che agisce inesorabile e, di punto in bianco, fa conoscere una persona mai vista ma che è come la si conoscesse da sempre. La narrazione è comunque generalmente rilassata, tanto che i personaggi non si creano problemi pur vedendo la mascotte Rinon, torre di controllo vivente dell'astronave di Ichika, che balla allegramente su un tavolo oppure Ichika circondata da un futuristico globo di luce.

Una particolarità della serie è il modo in cui tutti i personaggi imprimono una caratteristica di sé sulla coppia principale Kaito-Ichika: ovvero, Tetsurō, Kanna, Mio e Lemon giocano un ruolo cardine nella composizione e nel modo di vivere la propria storia d'amore da parte di Kaito e Ichika. Sostanzialmente, Tetsurō, da unico altro ragazzo del gruppo, è il consulente di Kaito; Kanna, invece, sprona Ichika a non spaventarsi delle difficoltà di vivere sulla Terra e a essere fedele e sincera nei suoi sentimenti, un consiglio, o meglio, una minaccia che le è dettata dal suo non essere corrisposta, mentre Mio è quasi del tutto neutrale e Lemon aiuta entrambi a priori.
Ovviamente però quest'aspetto possiede anche il rovescio della medaglia; se è vero che Kaito e Ichika beneficiano del supporto dei loro amici, lo scambio non funziona in senso inverso: tutt'altro, questi ultimi ci rimettono. In effetti, mentre Kaito e Ichika riescono a coronare il loro sogno di amore assoluto, ciò comporta che l'altro polo sentimentale dell'anime, il triangolo Tetsurō-Kanna-Mio, sia sbilanciato e non conosca una conclusione lieta. Essendo Kanna innamorata ma non corrisposta da Kaito, Tetsurō, che a sua volta ama Kanna, si trova a un bivio: proseguire a provare gli stessi sentimenti per la sua amica d'infanzia - accontentando così anche il pubblico medio, che da un'opera di fantasia di solito si aspetta il trionfo della bontà -, oppure rinunciare, poihcé Kanna non dà affatto segno di accorgersi di lui come uomo, e accettare di stare con Mio, una soluzione un po' cinica che sembra un insulto per quest'ultima, in quanto apparirebbe come un comodo ripiego?
Insomma, eccezion fatta per Lemon che ha un ruolo in tutti i sensi sopra le righe, i personaggi secondari danno l'impressione di essere inseriti a forza perché l'anime non poteva ragionevolmente essere portato avanti solo da Kaito, Ichika e, al massimo, Lemon, ma fino all'ultimo i realizzatori sembrano non avere idea di cosa fare di loro. In questo senso, "Ano Natsu de Matteru" non esiste senza Kaito e Ichika, e se per caso loro non piacessero la visione non avrebbe quasi senso.

La storia è estremamente lineare: sin dalle prime battute, è possibile immaginare il suo sviluppo, anche se lo spettatore è tenuto in sospeso fino all'ultimissimo fotogramma, che lascia la vicenda aperta a un'eventuale seconda stagione.
Un'altra sua qualità positiva è che, come difficilmente accade con le produzioni moderne, essa contiene sì richiami ad altre serie, come per esempio ad "Ano Hana", con cui condivide lo studio di produzione e alcuni elementi nel titolo e nel character design, eppure non c'è bisogno di avere una "cultura otaku" per inquadrare gli avvenimenti: "Ano Natsu de Matteru" parla sostanzialmente di amore, una trattazione universale che rende la narrazione intuitivamente fruibile.
Inoltre, solo alcuni stereotipi, in primis quello della tsundere Lemon, vengono ripresi, ma, al contrario della tendenza generale odierna, il loro impiego ha un senso nell'economia del racconto, nonché, cosa altrettanto importante, questi caratteri conoscono un'evoluzione e un approfondimento nello sviluppo della trama.
Infine, è piacevolissimo il senso della realtà e dell'umanità dei protagonisti: all'opposto di tanti altri rosi dal tarlo di un moderno mal di vivere emo, immancabili ormai in tante storie, in cui tendono costantemente a mete oltre la loro portata per "sentirsi meglio" e superiori ai loro coetanei, nel caso di "Ano Natsu" una delle ragioni che rende la dolcezza di Kaito tanto più apprezzabile è il suo profondo sentimento umano: malgrado debba confrontarsi con cose più grandi lui quali la prematura scomparsa dei genitori e la lotta contro una tecnologia extraterrestre, Kaito rimane aderente alla sua natura di persona ordinaria ed è con le sue doti che reagisce agli eventi, non gettandosi a terra in posizione fetale rammaricandosi di un fato che non lo ha fatto grande abbastanza da sedare subito i problemi che gli si parano di fronte. Kaito affronta la vita, soprattutto il suo essere effimera, con delle armi proprie: in particolare, la sua telecamera, che dilata la breve durata delle cose e delle relazioni umane.

"Ano Natsu de Matteru" è un'ottima sorpresa della stagione anime invernale 2011-2012: con poesia, delicatezza, nostalgia, ironia e un forte messaggio di fondo, la serie risulta incredibilmente gradevole per l'universalità dei suoi temi e la partecipazione agli eventi che crea nel fruitore, sebbene alcuni personaggi risultino un po' sacrificati rispetto ad altri. Ad ogni modo, si tratta di una visione consigliata, che oltretutto gode anche di un comparto tecnico e musicale tutto da scoprire, fatto di canzoni di accompagnamento che risuonano principalmente su ampi spazi e una natura incontaminata, che, come i protagonisti dell'anime, sembrano invitare lo spettatore a sedersi e ricordare con gioia nostalgica eventi trascorsi, magari in attesa di una versione italiana dell'opera, aspettando in quell'estate.





npepataecozz
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 6

L'idea della ragazza aliena che s'innamora del ragazzo terrestre è stata ormai rappresentata in tutte le salse ma, nonostante tutto, conserva un certo fascino tra gli sceneggiatori e, con molta probabilità, anche tra il pubblico giapponese. Se non fosse così proprio non riuscirei a spiegarmi come sia stato possibile che qualcuno sia riuscito a rovinare una storia d'amore e amicizia così ben costruita inserendo un elemento "extraterrestre" che, per dirla come direbbe un nostro famoso politico, "non ci azzecca" assolutamente niente con il resto della trama, ma anzi riesce nel difficile compito di trasformare una principessa in un rospo. E a farmi letteralmente incazzare.

Terminato questo sfogo iniziale, passiamo al racconto di quest'anime. Un bel gruppo di amici, due ragazzi e due ragazze, alla vigilia dell'estate progettano di sfruttare le vacanze per realizzare un film da presentare al prossimo festival scolastico. In realtà, come spesso capita, dietro l'amicizia si nascondono sentimenti ben più profondi, secondo uno schema che, però, non è né triangolare né tanto meno ricorda i sultanati classici degli harem; l'amore fra i vari membri si distribuisce invece in modo circolare, in modo tale, cioè, che ognuno di essi finisce per innamorarsi di qualcuno che è, a sua volta, silenziosamente innamorato di un altro.
A questo schema fa eccezione il protagonista, Kaito, che non è innamorato di nessuno; questo almeno fino all'arrivo di Ichika, una ragazza dai capelli rossi che si rivelerà essere (sob) un'aliena caduta sulla Terra a seguito di un guasto della sua navicella. Ichika finirà per spezzare lo schema circolare di cui sopra in quanto, ricambiando Kaito, creerà un vero e proprio terremoto fatto di gelosie, sofferte confessioni e rivelazioni insospettabili. Il tutto, però, senza spezzare il legame di amicizia esistente fra i vari membri del gruppo ma, anzi, contribuendo a rafforzarlo.

E' questo il tipo di anime che riscuote le mie maggiori preferenze perché basato sull'introspezione sentimentale. I problemi, le ansie, il dolore provati dai vari personaggi di fronte alla consapevolezza - vera o presunta - dell'impossibilità di essere ricambiati sono decisamente coinvolgenti in quanto esaltano la profonda umanità, un po' irrealistica ma molto romantica, di ognuno di essi. E il fatto che il cambiare delle condizioni non cambi anche i sentimenti è una verità sacrosanta: se la ragazza dei sogni subisce una delusione d'amore ciò non vuol dire che cadrà automaticamente nelle braccia dell'innamorato silenzioso. E questo lo sappiamo tutti.
Insomma le premesse per un anime che incontrasse in pieno il mio gradimento c'erano tutte: bella trama, bei personaggi, bei disegni ("Toradora" style). Peccato che poi il genio dell'autore sia andato a farsi friggere rimanendo impantanato tra improbabili astronavi, regole della galassia federale, men in black e chi più ne ha più ne metta.
Resterà, dunque, il ricordo di un corposo numero di episodi che mi hanno tenuto letteralmente incollato allo schermo; sugli altri, invece, meglio stendere un velo pietoso.





AganeWave
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 10

"Ano Natsu de Matteru" è una commedia romantica con (pochi) elementi sovrannaturali. Kaito è un adolescente che vive con la sorella, un giorno trova una vecchia videocamera di suo nonno e decide di girare un film aiutato dai suoi amici, così inizia la romantica avventura.
La storia non è ambientata nella solita scuola in centro piena di personaggi, in questo caso è isolata in una fantastica natura e a volte sembra quasi che sia popolata solo dai protagonisti, in modo che l'attenzione si concentri esclusivamente su essi in un'atmosfera sempre poetica.
Do il voto massimo nonostante l'anime non porti niente di nuovo, semplicemente perché rende tutto alla perfezione. La visione di quest'anime è piacevolissima, i 12 episodi finiranno senza che ve ne accorgiate, tra momenti di ironia e di poesia, rappresentati con disegni, animazioni e ambientazioni stupende. Consigliatissimo.





Mike89
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 5

Grafica bella, audio passabile, ma il resto... Commenterò uno per uno i tag 'genere'. 'Commedia': c'è qualcosa, non particolarmente divertente e sicuramente non predominante. 'Scolastico': dopo la prima puntata sono tutte vacanze estive. 'Fantascienza': c'è ma non dovrebbe esserci, è proprio infilata a forza e non ha un senso. 'Sentimentale': se per sentimentale intendiamo piagnistei e delusioni amorose a catena ce n'è parecchio.

I due protagonisti sono gli unici a salvarsi dalla suddetta catena ma (forse per solidarietà) trovano comunque motivi per piangere. Non si salvano però dalla totale mancanza di profondità che li caratterizza, piatti e insulsi, superati a livello di interesse che suscitano nello spettatore non solo dai personaggi secondari ma anche da quelli 'terziari'. Tra i secondari spicca per spessore (paradossalmente) Kanna, che (oltre ad essere molto caruccia) ogni tanto se ne esce con qualche comportamento realistico e che, contrariamente agli altri sembra avere una dieta non composta esclusivamente di zucchero e miele.

Da qui in poi per giustificare il giudizio negativo senza limitarmi a dire che troppe cose non hanno senso, devo per forza fare riferimento ad alcune vicende quindi attenzione! Chi non vuole spoiler interrompa qui la lettura. Se la parte sentimentale pur avendo i suoi problemi può al limite avere senso, la stessa cosa non si può dire di quella fantascientifica. Un'aliena minorenne identica come corporatura agli esseri umani e che parla il giapponese viaggia da sola nell'universo e arriva (si schianta) sulla terra. Nella lista delle sue priorità al primo posto c'è iscriversi a scuola (con che documenti?) subito seguito da non avere la più pallida idea di come sostentarsi e andare a pescare in un rigagnolo d'acqua privo di pesci. Entra nel gruppo di amici dove ci sono un un nerd e un figo e ovviamente di innamora perdutamente del nerd che la ospita a casa sua dove per altro non c'è nessuno perché la sorella è appena partita per un viaggio. Passa il tempo e come ci si potrebbe aspettare arriva il carro attrezzi spaziale a soccorrere la sfortunata che però ha già sviluppato più legami (uno) qui sulla terra rispetto a quelli che ha nel suo pianeta quindi decide di distruggere il mezzo di soccorso e rifiutare il salvataggio fregandosene altamente delle leggi spaziali e delle preoccupazioni della famiglia. Nel finale poi le insensatezze si sprecano anche escludendo le parti riconducibili alla componente 'Commedia'.

Nel complesso a mio parere è un'opera altamente sopravvalutata, un insieme di elementi che vanno di moda mescolati a caso in un minestrone stomachevole che ho finito solo perché non mi piace lasciare anime a metà. Se si potessero dare mezzi voti probabilmente sarebbe un 5.5 ma al 6 non ci arriva.





Tofone8
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 5

Dopo il divertente e piacevole Toradora! e lo strabiliante ed intenso Ano Hana, decisi di approfondire la conoscenza del regista Tatsuyuki Nagai, approcciandomi a questo Ano natsu de Matteru, sperando di trovare qualcosa che mi potesse emozionare come Ano Hana o al massimo intrattenermi come Toradora. C'è riuscito? Ni...

Iniziamo col dire che è un prodotto tecnicamente molto valido: animazioni fluide, tratti decisi non troppo spigolosi, colori ed illuminazione sempre al loro posto. C'è l'utilizzo (a volte massiccio ma mai evidente) della CG, che si integra perfettamente nell'animazione e spesso e volentieri le inquadrature denotano una ricerca stilistica ben precisa, anche se non ricercata quanto in Ano Hana. Non si può assolutamente dire che sia un anime mal fatto, quindi.

Il problema nasce quando si cerca di andare oltre l'impatto iniziale: la storia tratta di un'aliena che atterra sul Giappone (strano, vero?!), inizia a frequentare un gruppo di ragazzi del liceo per la durata dell'estate. Ovviamente l'aliena è di bell'aspetto e si innamora, ricambiata, di uno dei ragazzi: questo porta a tutto uno svilupparsi di situazione di stampo chiaramente "romance". Questa è la trama di base, che sebbene offra dei momenti di intensità (per la maggior parte focalizzati sui personaggi femminili terrestri), porge il fianco anche a numerose critiche.

La prima riguarda i personaggi stessi (con l'eccezione dell'aliena e di un'altra ragazza): per quanto gli altri siano quasi stereotipati nelle classiche categorie nerd-tsundere-figo-moe, non è tanto questo il problema, quanto la loro ottusità nel riconoscere i sentimenti altrui, il loro inspiegabile autolesionismo sentimentale e prevedibilità nelle azioni, oltre al fatto che tutta la loro esistenza pare restringersi al solo pedinare la persona che gli piace (non sono rare situazioni create ad hoc per strappare una lacrima allo spettatore, ma che a me hanno solo dato fastidio, visto l'aggregato impossibile di persone che avrebbero dovuto trovarsi in ben altri luoghi). Inoltre, problema essenziale per un anime del genere, i personaggi non hanno evoluzione tranne per alcune piccolissime note soprattutto in 2 di loro. Insomma, tutti piatti come una tavola da surf...
La seconda riguarda l'elemento sci-fi della storia: questo viene fuori solo in qualche momento, rendendolo più una cosa buttata li sul momento, che non un fattore determinante. Al posto dell'alieno potevano davvero mettere la ragazza trasferita da qualche posto impossibile tipo la Kamchatka, o una ragazza trasferita li da poco ma con una malattia terminale: si, è brutto vedere una malattia in un anime, ma questo conferisce un fattore drammaturgico molto più forte di un "oh, sono un'aliena caduta per caso e prima o poi me ne dovrò andare". Tantopiù che in Ano Hana si affrontava con maturità la morte già avvenuta di una persona, si poteva tentare di inserire qualcosa del genere.
Terzo elemento, il personaggio di Lemon (o Remon, che dir si voglia): assolutamente inspiegabile. Una studentessa con la divisa diversa da quelle della sua scuola, che parla come un fantasma, organizza un film e si scopre essere un...? Assolutamente poco coerente col resto, serve a ricordare che c'è l'elemento sci-fi nell'opera, che se già è poco azzeccato di per se, figuriamoci quando viene forzato così. Oltretutto un personaggio i cui propositi generali sono palesissimi fin dall'inizio, ma che anche dopo il finale resta inspiegabile sul perchè abbia agito sui sentimenti dei ragazzi per una motivazione sconosciuta.
Quarto elemento, il personaggio di Ichika: in una parola, fastidioso. Non è un'aliena spersa in un pianeta sconosciuto, ma è come una ragazza di tokyo che va a vivere in campagna, maledizione! Il personaggio più prevedibile dell'anime, tutto quello che fa è comprensibile con almeno 20 minuti di anticipo... in pratica si sa già dove la puntata andrà a parare. Di una stupidità esasperante e ingiustificata, la classica principessa che non evolve mai il personaggio. Fastidiosa.
Quinto elemento, le musiche: banali, ripetitive e prive della forza di Ano Hana, non riescono ad elevare davvero una scena e già dopo una puntata te le sei dimenticate.
Sesto elemento, il progredire e la conclusione della vicenda: senza voler spoilerare nulla a nessuno, tutto è molto, davvero, troppo, esageratamente prevedibile. Ma se tanti anime (Toradora incluso) non brillano per originalità, almeno cercavano di inventarsi modi per mascherarlo: qua invece no. Qua tutto è talmente su binari che si potrebbe seguire anche ad occhi chiusi senza sapere il giapponese, tanto il tono delle voci fa capire dove si sta andando a parare. Inoltre ha un altro problema: essendo un anime basato sui personaggi, non ci sono molti avvenimenti importanti, e va bene... ma quaggiù non succede DAVVERO nulla. Dobbiamo sorbirci per 12 puntate paturnie mentali da sedicenni (lo so perchè anche io sono stato un sedicenne), volendo si potrebbe vederne le prime 3 puntate e le ultime 3: nulla cambierà nella vostra comprensione della trama e dei personaggi, che come abbiamo detto non evolvono. Il finale è quanto di più forzatamente mieloso si possa immaginare, con un posticcio falso/vero/finto/immaginario happy ending che nulla aggiunge all'opera, bensì snatura l'idea di base dell'anime stesso (vedi ultimo punto). Immancabili le "cosa fanno adesso i personaggi" dei titoli di coda: solo che non ci siamo affezzionati alla stupidità dei suddetti e non ce ne importa davvero qualcosa...
Ultimo elemento, il tema del film e della pellicola in generale: è la cosa che più mi ha dato fastidio. Poteva essere una buona idea, quella che le persone vanno e vengono e che il protagonista ha bisogno di filmarle per mantenerle vive nei suoi ricordi ed il film girato con i compagni era una naturale prosecuzione della cosa. Capisco quindi il togliere la macchina dalla mano del ragazzo quando entra in confidenza con l'aliena (sta vivendo in quel momento, non ha bisogno di registrare) e che altri gireranno quello che lui sta provando, tutto giusto. Buona anche l'intuizione nel finale, in cui il film stesso torna ad avere importanza, dopo averla persa nelle puntate precedenti... ma allora perchè quell'ultima immagine, quell'ultimo fotogramma?! Snatura in toto l'idea di vivere nella pellicola, di sostituire il ricordo con il film, perchè "l'amore tutto può"... ecco perchè preferivo una morte piuttosto che la partenza per un'altro mondo, perchè l'amore non può tutto e questa falsità, questo buonismo di fondo mi fa incazzare come una iena.

In conclusione, un anime nella media, ma una delusione se confrontato con il suo molto più illustre predecessore, di cui non ha nè la forza negli intenti, nè nelle parole, nè negli atti. Un'occasione sprecata, un vero peccato.





A-fedcII
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 7

"Ano nastu de Matteru" è un anime prodotto nell'inverno del 2011 da JC Staff, che nello stesso anno ha diretto anche il famoso "Sakurasou no Pet na Kanojo", in collaborazione con il prestigioso studio Genco, casa produttrice di "Ano Hana" e "Toradora!".

La storia inizia come uno dei più classici anime sentimentali e scolastici. I protagonisti della storia sono quattro ragazzi giunti al loro primo anno di liceo, quattro amici che si conoscono da molto tempo, tanto da essere davvero legati da un forte sentimento l'uno verso l'altro. Le premesse sono molto scontate, ma ecco entrare in scena una ragazza di nome Ichika che si dimostrerà essere l'elemento fondamentale per la crescita di quest'anime. Lei non è una normale ragazza giapponese, bensì un alieno venuto da un altro pianeta per cercare un posto, un posto che non sa dove si trovi, ma che continua a comparirle in testa senza un motivo preciso. Dal giorno in cui si trasferirà i nostri quattro amici la noteranno subito e, con la scusa di girare un film, si avvicineranno sempre di più a lei e inizieranno a conoscerla sempre meglio.
Il nostro protagonista maschile, di nome Kaito, la ospiterà a casa sua, visto che Ichika non ha un posto dove stare, e inizierà a interessarsi seriamente a lei, ma visto che a quest'ultima è proibito stringere rapporti con i terrestri dovrà tirarsi indietro, anche se quando i suoi sentimenti diventeranno troppo forti non potrà resistere al nostro Kai. Intanto il triangolo amoroso tra i nostri amici d'infanzia diventerà inesorabilmente un pentagono.

La storia può sembrare piuttosto banale, ma viene sviluppata con davvero molte delicatezza e dolcezza. Peccato che molteplici episodi siano incentrati su fatti che potevano benissimo non essere raccontati. Questo prodotto è davvero ben fatto. L'elemento sci-fi con cui vengono illustrati i robot alieni è in quantità minima, ma è ben strutturato. L'anime è costruito su basi ben precise. A rendere più interessante il tutto c'è un mistero che sembra impercettibile, ma si sente e il tema che dà il via alla storia è il film che vogliono realizzare i nostri protagonisti che alla fine riusciranno a montare.

Il chara dei personaggi è molto buono. Hanno tutti un ruolo ben preciso e nessuno di essi è mai considerato superficiale. Ogni protagonista ha una storia da raccontare, e questa storia viene gestita in una maniera mai scontata. Le animazioni della JC sono abbastanza buone, i colori sono gradevoli agli occhi e i fondali danno quel tocco di perfezione che mancava. L'OP e la ED sono buone e le musiche di sottofondo gradevoli.

Nel complesso questo è un buon anime, a volte scontato, ma mai banale. Chi vuole vedere una storia semplice, senza alcuna pretesa, rimarrà davvero stupito dalla bellezza della storia.





Crashis
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 9

"Ano Natsu De Matteru" è un anime prodotto nel 2012 dalla JC Staff in collaborazione con Genco, stessa casa produttrice che diede luce a "Toradora" e "AnoHana".
La Trama
Un ragazzo, di nome Kaito Kirishima, è appassionato di riprese cinematografiche e di fotografia, e una notte, durante una ripresa, viene travolto da una luce accecante. Qualche tempo dopo, Kaito si risveglierà in casa, e gradualmente conoscerà una ragazza di nome Ichika, che sarà la protagonista dell'anime insieme al nostro eroe.
La storia si concentrerà inizialmente sulla produzione di un film con i nostri protagonisti principali, mentre successivamente s'incentrerà sui caratteri dei personaggi, rendendo la serie piacevole da guardare a ogni episodio e portando i personaggi a un grado di profondità veramente interessante. Ogni personaggio avrà una personalità particolare, con le proprie particolarità, e molte volte lo spettatore si troverà a prendere le parti di un personaggio in particolare. La storia in sé comunque non è niente di troppo nuovo, né di troppo stereotipato, ma il problema sta proprio nel parlarne: dilungarsi troppo sulle vicende può comportare gravi spoiler, per questo motivo la prima cosa da fare quando s'intraprende la visione di "Ano Natsu de Matteru" è essere mentalmente pronti per qualcosa di travolgente e abbastanza sbrigativo nelle note finali, non proprio riuscite come gli episodi cardine (per intendersi, dall'1 al 9).

Lato tecnico
Dal punto di vista grafico notiamo un tratto particolare e simile a quello di "Toradora" per molti versi, mentre i fondali sono simili a quelli di produzioni come "Anohana". Ciò porta lo spettatore a pensare che le tre produzioni siano in qualche modo collegate spazialmente. La soundtrack, poi, è molto bella e orecchiabile, così come le opening, molto ispirate e correlate all'anime in ogni minimo dettaglio.

Commento finale
"Ano Natsu de Matteru" è un anime da vedere in compagnia in un pomeriggio estivo, o, perché no, anche in questo periodo, per ricordare i bei tempi estivi, perché, si sa, il punto centrale di "Ano Natsu" è il ricordo. Con personaggi veramente ben caratterizzati e a tratti epici (Remon), "Ano Natsu" riesce a dimostrarsi una spanna più in alto rispetto ad altri anime della stessa annata. Lo consiglio vivamente a chiunque abbia mai visto gli anime della stessa casa produttrice, e ricordate, è da vedere con un amico, quasi necessariamente, perché succederanno talmente tante cose che serviranno per forza due teste invece di una. Un must see. Voto finale: 9.





Hondrus
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 8

Scriverò questa recensione di getto, visto che ho finito di vedere l'ultimo episodio giusto 2 minuti fa. Con questa premessa, siete liberi di passare a recensioni più dettagliate. (Non è perché sono modesto, è solo perché è la prima che tento di scrivere con molta serietà.)
"Ano Natsu de Matteru" è uno dei tanti anime scolastici-sentimentali con molte scene da commedia. Elemento che lo diversifica dalle classiche storielline è l'aggiunta di elementi extraterrestri che caratterizzano l'anime fin dal primo minuto di visione.

Storia: non mi dilungherò nella trama, visto che viene già esposta in maniera completa dal sito e che rischierei di sfociare in degli spoiler. Quello a cui punto è un'analisi degli altri elementi. Tutto sommato, la storia si articola bene, e porta con sé molti colpi di scena sopratutto nelle ultime puntate. Fino all'ultimo secondo. E, nonostante sia una commedia sentimentale, il fatto che non manchi di scene d'azione è una buona cosa, vista la natura di alcuni protagonisti. Voto: 7.

Personaggi: è difficile raggrupparli in un unico commento. I protagonisti, Kaito Kirishima e Ichika Takatsuki, appaiono spesso banali, anche se il ruolo che ricoprono spesso lo richiede. Riescono a tirare fuori qualcosa di diverso solo con le cineprese in mano.
Gli altri personaggi, Kanna, Tetsuro e Mio, hanno un carattere più marcato e che si addice perfettamente ai loro ruoli, anche se spesso compiono azioni forzate nei momenti clue dell'anime. Anche l'intreccio che c'è tra queste cinque persone è articolato e ben strutturato.
Necessitano una descrizione a parte altri due personaggi: Remon Yamano e Rinon. Remon-sempai è una "ragazza" indubbiamente subdola, ma lascia molti interrogativi fino alla fine della serie. Si vede che ha tante cose da nascondere, e il fatto che le piace giocare su questi suoi aspetti la rende un personaggio spettacolare, che aggiunge valore all'opera. Rinon, "animaletto" di Ichika-sempai, è il personaggio fondamentale. Non parla, ma le sue espressioni unite alle sue azioni lo rendono perfetto. Davvero, proprio non saprei cos'altro dire.
In pratica, gli unici che perdono spesso di originalità sono i protagonisti, lacune che vengono prontamente colmate dagli altri personaggi presenti. Voto: 7,5.

Regia: gli ambienti in generale sono stati curati molto bene, anche le inquadrature sono state effettuate con dei buoni criteri. In particolare, le scene viste dalle lenti della cinepresa rendono bene l'idea delle riprese amatoriali. Mi spiace non avere altro da dire. Voto: 8.

Colonna sonora e sigle: Trovo la colonna sonora ottima. Per ogni situazione, dalle più felici e spensierate alle più commoventi o più d'azione, c'è la sua melodia. Tutte riescono a dare un'idea della situazione in causa. Non è da poco: questo tipo di anime richiede un lavoro diverso e specifico per quasi ogni scena, obiettivo centrato da parte del compositore. Un parere migliore arriverà con il disco della colonna sonora sotto mano, quando sarà possibile analizzare con maggiore precisione il lavoro dell'orchestra. Voto: 8.

Le sigle, a mio parere, sono altrettanto favolose. L'opening, "Sign" di Ray, è perfetta, idem per le scene dello stesso. Anche l'ending, "Vidro Moyou" di Yanagi Nagi, è ottima. I disegni sono semplici, giusto quello che serve per unirsi alla perfezione con la canzone. E, cosa che apprezzo molto, il tempo di entrata variabile dei titoli di coda: se c'è bisogno di spazio per la storia con il sottofondo dell'ending si concede, proprio come viene effettuato in questa serie. Voto: 9.

In conclusione, "Ano Nastu de Matteru", a mio avviso, si merita un bel voto, c'è poco da dire. Lo consiglio a voi che apprezzate queste commedie sentimentali, non credo che ve ne pentirete.
Voto complessivo: 8.





Delandur
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 5

Attenzione: la recensione contiene spoiler

A mio parere ogni anime dovrebbe avere uno scopo: emozionare, divertire, far pensare, intrigare. Invece questa opera non è riuscita a trasmettere nessuna di queste sensazioni, lasciandomi sostanzialmente indifferente al susseguirsi degli eventi, tanto che una volta finito non ho provato esattamente nessuna emozione. L'ho visto notando il disegno molto simile ad "Anohana" (che invece mi è piaciuto) e scoprendo che avesse la stessa regia, ma ben presto mi sono reso conto della differenza tra le due opere: infatti "Anohana" era spesso molto toccante, mentre in "Ano Natsu de Matteru" si prova a emozionare con una specie di "catena amorosa", che a me personalmente non ha convinto quasi per nulla, perché sinceramente questa aliena viene sulla Terra e non ha nessuna motivazione per innamorarsi del protagonista. Inoltre, il nudismo di Mio, a mio parere, non ha nessun senso all'interno della trama.

Comunque, nonostante abbia fatto solo critiche, questo anime non è completamente da buttare: infatti è tecnicamente molto valido, sia nel disegno che nelle animazioni che nelle musiche, a volte fa sorridere e comunque la trama è abbastanza originale. Personalmente non lo consiglio: se avete altri anime in mente da vedere, probabilmente li troverete più interessanti.





Izaya_Orihara
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 7

Da sempre i Giapponesi hanno stravolto il nostro modo di pensare. Sono riusciti persino a trasformare incontri fatali con creature mostruose, in incontri sentimentali, rendendo quella figura femminile, che dovrebbe essere tanto mostruosa e terrificante, una bella fanciulla. Ano Natsu De Matteru non è altro che l'incontro tra un umano e un' aliena; un incontro che cambierà la vita ad ognuna delle due parti. Nulla da negare che questa serie potrà risultare qualcosa di trito e ritrito - un cliché da tutti i lati - però la visione risulterà molto piacevole, interessante e particolare.
Ano Natsu De Matteru è un anime della stagione invernale del 2012 di J.C. Staff, prodotto da Genco e Geneon e diretto da Tatsuyuki Nagai (già famoso per Toradora e AnoHana), dalla durata di 12 episodi.

La serie riporta varie storie sentimentali. Ovviamente sarà più importante quella tra il protagonista, Kaito Kirishima, e l'aliena, Takatsuki Ichika, ma nessuna delle altre storie sarà abbandonata o lasciata a sé, anzi, si formerà un intreccio che collega tutti i personaggi del tipo "x ama y ma non è ricambiato perché y ama z etc.", e devo ammettere, che questo intreccio è stato fatto davvero bene; sono rimasto impressionato per questa sua particolarità che riporta i drammi sentimentali di un qualsiasi ragazzo/a adolescente nel non essere ricambiato e vedere il suo moroso essere rubato dalla "nuova arrivata". Da questo punto di vista la serie può risultare anche molto reale, ma non dimentichiamoci della figura aliena e l'obbligato genere fantascientifico, vera pecca della serie. Senza questo genere, la serie sarebbe risultata sicuramente più reale e, oserei dire, anche molto più bella, in quanto le varie lacune e i difetti sono portati solo ed unicamente da quel genere: i nostri personaggi non hanno avuto nemmeno una minima reazione naturale o reale (ma alquanto inverosimile) nello scoprire che la morosa del protagonista fosse un'aliena; il finale è sicuramente molto entusiasmante, ma può risultare molto ridicolo. Per me, quindi, il genere sentimentale di quest'opera è ottimo, però non si possono tralasciare le lacune e i difetti dell'altro genere.

Anche i personaggi sanno di già visto, però anche loro risulteranno particolari durante la visione dell'opera. Particolari anche per lo stile del disegno. Il protagonista è un amante delle videocamere e delle riprese in generale, e vuole riprendere tutta la sua vita e la sua storia come in un film. Poi troveremo una tsundere, una timidona, l'amico pervertito del protagonista, l'aliena non capace di rivelare i propri sentimenti e segreti, l'amica di infanzia, la sorellona preoccupata etc. L'unico personaggio che non saprà di già visto è sicuramente Remon, che con il suo fascino e la sua misteriosità riuscirà a deliziare sempre gli spettatori. Le OST sono stupende, sempre abbinate alla situazioni, così come l'opening e l'ending. L'animazione è davvero molto buona.

Nel complesso, un prodotto davvero buono, ma per i vari difetti sono obbligato a dargli 7. Consigliato.





urara98
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 8

"Ano natsu de Matteru" è un shoujo molto diverso dagli altri soliti shoujo, forse perché è presente lo sci-fi, ma non mi ha dato la solita senzazione del "già visto", anche perché il genere della fantascenza è poco presente in molti shoujo sentimentali.
La trama non è di certo innovativa: Ichika è un'aliena venuta da un altro pianeta e si innamora del "terrestre" Kaito. Forse la parte innovativa di quest'anime sta nel fatto che i cinque protagonisti decidono di girare un film durante l'estate.
La grafica è ottima così come le eding e le opening dell'anime.
Io lo consiglierei agli amanti degli anime sentimentali, che vogliono trovare qualcosa di nuovo in questo genere.
Un otto e mezzo è più che meritato per quest'anime, anche se purtroppo non sono riuscita a dargli un nove per via di qualche pecca sulla trama.





Quasar
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 8

"Ano Natsu De Matteru" è una commedia sentimentale con elementi sci-fi.
A differenza di molti anime sentimentali, l'opera non appartiene al genere harem, in quanto non solo il protagonista non è circondato da ragazze tutte innamorate o infatuate di lui, ma inoltre in "Ano Natsu De Matteru" si dà maggior spazio anche alla storia e ai sentimenti dei personaggi secondari; elemento, questo, quasi sempre assente nel genere harem.
Peccato che proprio il finale si focalizzi esclusivamente sulla storia principale tra i due protagonisti, l'aliena Ichika e Kaito.
Dal lato tecnico l'anime è un prodotto sopra la media, con bei disegni sia per quanto riguarda i fondali sia per i personaggi. Dall'anime è stato tratto anche un manga che purtroppo nessuna casa editrice italiana sembra ancora interessata a importare.





Musso92
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 7

Attenzione! Contiene spoiler!

Beh, che dire? Ci troviamo di fronte a un prodotto superiore alla media degli anime più recenti, ciononostante mi rincresce dargli soltanto 7, ma siccome quest'anime straripa d'amore, anche abbastanza inverosimile, credo che un 7 sia sufficiente.
Spieghiamo meglio la situazione: "Ano natsu de matteru" è un anime completato da pochi mesi, e come chiunque avrà notato, i disegni sono in pieno stile "Toradora"/"Anohana". Da quest'ultimo probabilmente ha ereditato anche i numerosi piagnistei, presenti in parecchie puntate, anche se non tanti quanti ve ne sono nel suo predecessore. Ma sinceramente mi è parso come una versione molto migliorata, di "To-Love Ru", almeno, a me ha dato questa sensazione.

Kaito è un ragazzo normalissimo, nessun complesso, nessun potere latente, nessuna mania, niente, e quest'ultimo si ritroverà a innamorarsi di una ragazza aliena, che tanto aliena non mi sembra, di nome Ichika. Ora, già il fatto di avere inserito a forza un elemento di fantascienza come alieni, o i mitici "Men in Black" verso la fine, potrebbe essere da una parte una scelta molto azzardata, dall'altra c è da dire che senza i suddetti elementi, probabilmente, avrei abbandonato l'anime a metà, visto che mi è sembrato quasi uno shoujo. Con l'eccezione di "Toradora", gli anime inerenti totalmente all'amore mi annoiano, se poi è un amore venuto fuori dal nulla come in questo caso, a maggior ragione.

Altra cosa che mi ha fatto un po storcere il naso, è che alla fine solo i due protagonisti riescono ad avere un lieto fine, mentre gli altri, come si suol dire, si attaccano al tram. Durante tutto l'anime, ci accorgeremo che tutti i cinque personaggi protagonisti delle vicende avranno un amore a senso unico, ossia non ricambiato; tutti, eccetto Kaito e Lala... ops, Ichika. E gli altri? Chissene, tanto non importa a nessuno. Importa eccome invece! Se volete fare un lieto fine, fatelo per tutti, non solo per i due protagonisti, che diamine.

Dopo questi piccoli sfoghi, vediamo di riassumere il tutto: "Ano natsu de matteru" è un buon anime, con ottime animazione, una trama carina, personaggi piuttosto originali, e talmente carico d'amore da dare il voltastomaco. Lo consiglio soprattutto alle ragazze, ma penso che anche per il pubblico maschile un occhiata non faccia male. Se volete riprendervi dopo un anime penoso, questo è quello che fa per voi.





merlo50
Per l'anime Ano natsu de Matteru
Serie TV di genere Commedia / Scolastico / Fantascienza / Sentimentale
Episodi Visti: 12 su 12 --- Voto: 8

La trama ricorda molto quella di "Onegai Teacher", anche se devo dire che il finale lascia un poco di amaro in bocca, anche se ciò tutto sommato non è sbagliato: un "happy end" sarebbe stato probabilmente molto forzato. Non è escluso che vi sia una seconda serie, ma francamente non so se augurarmelo o no, mi pare che la storia possa benissimo finire così, senza altro da aggiungere.
Non dico niente della trama, dato che di questa se ne è parlato abbondantemente in altre recensioni, dirò solo che, salvo qualche incongruenza, è piacevole e verosimile, i personaggi sono realistici e ben caratterizzati, e il lato fantascientifico è limitato al minimo indispensabile. L'ho trovata una storia piacevole da seguire, anche se non aggiunge molto di nuovo a quanto già visto finora. Buona la grafica, soprattutto degli ambienti e dei paesaggi.




Se ti piace questo anime ti consigliamo di guardare
17 sugg: AnoHana - Ancora non conosciamo il nome del fiore che abbiamo visto quel giorno
14 sugg: Toradora!
6 sugg: Please Teacher!
4 sugg: KimiKiss Pure Rouge
3 sugg: Amagami SS
3 sugg: Onegai Twins
3 sugg: Hanasaku iroha
2 sugg: Nagi no Asukara
2 sugg: Lamù - Urusei Yatsura
1 sugg: Mikakunin de Shinkoukei
1 sugg: Cara dolce Kyoko - Maison Ikkoku
1 sugg: Ranma 1/2
1 sugg: Ookami-san to shichinin no nakama-tachi
1 sugg: Hyouka
1 sugg: Il giardino delle parole
1 sugg: Hotarubi no Mori e
1 sugg: Sakurasou no Pet na Kanojo
1 sugg: Chuunibyou demo Koi ga Shitai!
1 sugg: Chobits
1 sugg: Bakuman.
1 sugg: Accel World
1 sugg: 5 Cm Per Second
1 sugg: Clannad
1 sugg: Inu X boku SS
1 sugg: Bokura ga Ita
1 sugg: Kamisama Hajimemashita
1 sugg: To LOVE-Ru OAV
1 sugg: To LOVE Ru
1 sugg: Fortune Arterial
1 sugg: Hoshizora e kakaru hashi
1 sugg: Mashiro-iro Symphony: The Color of Lovers
1 sugg: Sakamichi no Apollon
1 sugg: Ichigo 100% TV
1 sugg: Fruits Basket
1 sugg: La Malinconia di Haruhi Suzumiya
1 sugg: Another
1 sugg: Amagami SS Plus

Anime collegati: Ano natsu de Matteru
Serie TV: Ano natsu de Matteru

Se hai dei suggerimenti e vuoi esprimerli, ti chiediamo di registrarti e utilizzare la tua Lista Anime.
Grazie :-)
Elenco degli episodi
Ep 01:
You Shouldn't Do That.
24"
Visualizza episodi fansubbati
41 Episodio promosso 2 Episodio rimandato 1 Episodio bocciato
Ep 02:
With You...
24"
Visualizza episodi fansubbati
28 Episodio promosso 4 Episodio rimandato 1 Episodio bocciato
Ep 03:
You Will Say It...
24"
Visualizza episodi fansubbati
28 Episodio promosso 4 Episodio rimandato 0 Episodio bocciato
Ep 04:
You Were Amazing.
24"
Visualizza episodi fansubbati
21 Episodio promosso 3 Episodio rimandato 3 Episodio bocciato
Ep 05:
You Are the Lead.
24"
Visualizza episodi fansubbati
23 Episodio promosso 1 Episodio rimandato 2 Episodio bocciato
Ep 06:
You've Got a Rival.
24"
Visualizza episodi fansubbati
22 Episodio promosso 1 Episodio rimandato 2 Episodio bocciato
Ep 07:
Your Feelings.
24"
Visualizza episodi fansubbati
23 Episodio promosso 1 Episodio rimandato 0 Episodio bocciato
Ep 08:
You are in trouble. PINCH.
24"
Visualizza episodi fansubbati
22 Episodio promosso 5 Episodio rimandato 1 Episodio bocciato
Ep 09:
You
24"
Visualizza episodi fansubbati
26 Episodio promosso 4 Episodio rimandato 2 Episodio bocciato
Ep 10:
Yours and Ours.
24"
Visualizza episodi fansubbati
15 Episodio promosso 6 Episodio rimandato 2 Episodio bocciato
Ep 11:
Please don't Go...
24"
Visualizza episodi fansubbati
17 Episodio promosso 3 Episodio rimandato 5 Episodio bocciato
Ep 12:
Episodio 12
Visualizza episodi fansubbati
29 Episodio promosso 2 Episodio rimandato 6 Episodio bocciato
Special 01:
Special 01
1 Episodio promosso 0 Episodio rimandato 0 Episodio bocciato

Manca un episodio?
Aggiorna il numero di episodi correggendo questa scheda,
poi verificheremo e lo aggiungeremo quanto prima possibile.
Staff
Art Design: Nobuhito Sue
Assistente di produzione: Yasuyuki Ueda
Assistente di produzione: Fuminori Yamazaki
Assistente di produzione: Satoshi Fujita
CG Line Director: Garyū Tanaka (1-6, 8-12)
Character Design: Masayoshi Tanaka (1-6, 8-12)
Character Design originale: Sakura Uon (1-6, 8-12)
Chief Animation Direction: Yukie Hiyamizu (3, 5, 7, 9, 11)
Chief Animation Direction: Masayoshi Tanaka (1-10, 12)
Chief Producer: Nobuhiro Ōsawa (1-10, 12)
Colour Design: Maya Muranaga (1-10, 12)
Direttore del suono: Jin Aketagawa (1-10, 12)
Direttore della fotografia: Yoshio Ōkōchi (1-10, 12)
Direzione artistica: Ayu Kawamoto (1-10, 12)
Effetti sonori: Katsuhiro Nakano (1-10, 12)
Mecha Design: Kanetake Ebikawa (1-10, 12)
Montaggio: Oscar Macri' (1-10, 12)
Musiche: Maiko Iuchi (1-10, 12)
Musiche: Sōnd I`ve (1-10, 12)
Planning: Tarō Maki (1-10, 12)
Planning: Hisato Usui (1-10, 12)
Planning: Michihisa Abe (1-10, 12)
Planning: Tetsuya Dobashi (1-10, 12)
Planning: Eiji Orii (1-10, 12)
Planning: Takaaki Kidani (1-10, 12)
Planning Assistance: Hitoshi Nagai (1-10, 12)
Production Committee: Showgate (1-10, 12)
Production Committee: AT-X (1-10, 12)
Production Committee: Bushiroad (1-10, 12)
Production Committee: Genco (1-10, 12)
Production Committee: Geneon Universal Entertainment Japan (1-10, 12)
Produttore: Ryūtarō Kawakami (1-10, 12)
Produttore: Mitsutoshi Ogura (1-10, 12)
Produttore: Yūji Matsukura (1-10, 12)
Produttore: Genco (1-10, 12)
Produttore colonna sonora: Jun Nishimura (1-10, 12)
Produzione computer grafica: Hiroaki Matsūra (1-6, 8-12)
Prop Design: Hiroshi Yakō (1-6, 8-12)
Realizzazione colonna sonora: Geneon Universal Entertainment Japan (1-6, 8-12)
Realizzazione effetti sonori: Capsule Magic (1-6, 8-12)
Regia: Tatsuyuki Nagai (1-6, 8-12)
Serializzazione: Gekkan Comic Dengeki Daiō (1-6, 8-12)
Personaggi
Ichika Takatsuki
Ichika Takatsuki
Haruka Tomatsu
(Doppiatore originale)
Kaito Kirishima
Kaito Kirishima
Nobunaga Shimazaki
(Doppiatore originale)
Kanna Tanigawa
Kanna Tanigawa
Kaori Ishihara
(Doppiatore originale)
Remon Yamano
Remon Yamano
Yukari Tamura
(Doppiatore originale)
Tetsurou Ishigaki
Tetsurou Ishigaki
Hideki Ogihara
(Doppiatore originale)
Mio Kitahara
Mio Kitahara
Kana Asumi
(Doppiatore originale)
Emika Takatsuki
Emika Takatsuki
Yui Horie
(Doppiatore originale)
Rinon
Rinon
Rina Hidaka
(Doppiatore originale)
Titolo ExtraPrezzoCasa editrice
Motore di ricerca interno al sito.
Cerca nel sito:
 
Non riusciamo a capire chi sei!
Inserisci i tuoi dati di accesso:



Non sei registrato?

Registrati!








Ricordati di me


Le schede Anime e Manga di AnimeClick.it.
Visita le seguenti schede Anime e Manga:

Forum Lista Anime Flash News

Sito Partners