Fairy Tail (e non Fairy Tale, come si potrebbe erroneamente pensare) è un manga shōnen di genere fantasy scritto e illustrato da Hiro Mashima, titolo di punta del catalogo Star Comics (che ne ha da poco sfornato una new edition) il cui adattamento televisivo ha recentemente trovato spazio nel palinsesto italiano grazie a Rai 4. Dichiaratamente ispirato ad Akira Toriyama (Dragon Ball) ed apparentemente estraneo a Eiichirō Oda (One Piece), Mashima ha uno stile di disegno chiaramente riconducibile ad entrambi, indi per cui l’autore è stato ripetutamente "accusato" di plagio e la sua opera denigrata a priori dai più. Vi invito ora a mettere da parte i vostri pregiudizi e a proseguire nella lettura per scoprire cosa rende Fairy Tail – edito da Kondasha e serializzato da ormai dieci anni per la rivista Weekly Shōnen Magazine – così speciale ai miei occhi.

La struttura di Fairy Tail

Suddiviso in saghe autoconclusive, Fairy Tail racconta la storia dell’omonima gilda di maghi di Fiore tramite una classica trama circolare, in cui i protagonisti si ritrovano ad affrontare sfide sempre più ardue e riescono puntualmente a trarsene d’impaccio per il rotto della cuffia, a volte trascendendo fisica e logica come neanche Legolas (Il Signore degli Anelli) avrebbe saputo fare (Erza Scarlett, sto parlando con te). Privo di una trama orizzontale vera e propria – nonostante le prime pagine del manga suggeriscano che la storia sia incentrata sulla ricerca di Igneel, il drago che ha cresciuto il mago di fuoco Natsu Dragneel ed è improvvisamente scomparso nell’anno x777 –, Fairy Tail compensa una delle sue più grandi mancanze con avventure ricche di patos, personaggi che lasciano prepotentemente il segno e sorprendenti colpi di scena ad arricchire anche la più noiosa delle saghe. Questi ultimi sono inoltre necessari a dare un filo conduttore al manga, che basa molta della sua forza narrativa sul background dei protagonisti.

I personaggi

Il sopracitato Natsu Dragneel è certamente il personaggio più di spicco dell’intera opera, con la sua personalità sbarazzina, il suo spirito combattivo, l’incredibile forza che trae dai suoi nakama (“compagni” in lingua giapponese) quando anche l’ultima goccia di magia abbandona il suo corpo e un sorriso talmente luminoso che è impossibile non innamorarsene.
 

 

A frenare la sua indole istintiva, che l’avrebbe ucciso innumerevoli volte se solo non fosse un Dragon Slayer di rara specie, vi sono altri quattro elementi che contribuiranno a formare il più forte e assurdo team di Fairy Tail: Gray Fullbuster, amico ed eterno rivale di Natsu con la strana abitudine di spogliarsi in pubblico, per la nostra gioia e quella di Juvia Lockser; Lucy Heartphilia, protagonista femminile senza alcuna dote degna di nota, ingenua ed imbranata, ma con un cuore grande così; Erza Scarlett, la più forte maga del party e dell’intera gilda; ed infine Happy, il gatto blu con le ali che Natsu porta con sé ovunque egli vada, incredibilmente iperprotettivo verso chi considera non come un padrone, ma come un amico.

Come potrete forse intuire, Fairy Tail è molto più che un quartetto con un gatto al seguito: maghi di varia natura popolano la gilda di Fiore e dintorni, ognuno con la propria storia, i propri legami, motivazioni che li spingono a fare ciò che fanno e tanta voglia di migliorarsi, che sia per un po’ di sana competizione o per proteggere la propria gilda dai nemici. I villain sono solitamente raccolti in gruppi di quattro o più membri, quali gli Oración Seis, I Sette del Purgatorio o gli Spriggan 12, se non intere gilde. A capo di ognuno, una persona che funge a Fairy Tail da boss finale per passare alla saga successiva, i cui sottoposti spesso e volentieri vengono contagiati dal forte senso di giustizia che alberga in Natsu e compagni e scelgono così di unirsi a loro o di seguire una più retta via alla ricerca di tutto ciò che Fairy Tail rappresenta: "Questa è una gilda. La felicità di una persona è la felicità di tutti. La rabbia di una persona è la rabbia di tutti. Le lacrime di una persona sono le lacrime di tutti." 

Una certezza sin dai primi capitoli, nonché fonte dei momenti più scioccanti dell’intero manga insieme a Gerard, è il mago nero Zeref, un’ombra portatrice di morte e distruzione per cui il lettore empatizza e allo stesso tempo percepisce come la più grande minaccia che Fairy Tail abbia mai affrontato. Giunti ormai al capitolo 488, la sua presenza si fa sempre più insistente e tangibile, ad esacerbare la sensazione che il manga sia ormai giunto al capolinea. A meno di bruschi cambi di rotta, infatti, la storyline di Natsu è a pochi passi dal suo climax ultimo, dove Zeref ed Acnologia ricopriranno un ruolo senz’altro decisivo. Non sarebbe simbolico, tuttavia, se il manga terminasse con il capitolo 777?
 

La componente shōnen, il lato comedy e il chiacchieratissimo fanservice

Essenziale in un manga che si dice del genere, sono i combattimenti: avvincenti, ben disegnati, in cui è possibile apprezzare appieno ogni sequenza d’azione grazie alla fluidità di movimento che le immagini trasmettono e dove nulla è lasciato in pasto alla confusione del momento, complici gli sfondi piuttosto essenziali di cui l'autore si avvale. E fin qui tutto bene.

Laddove delle vite sono messe a repentaglio ma chi è morto non ci lascia mai veramente – che sia un effimero ritorno sotto forma di fantasma o una presunta morte mai avvenuta, al contrario di titoli come LAttacco dei Giganti e Fullmetal Alchemist, tanto per citarne un paio –, Mashima spezza con un tipo comicità che a primo impatto potrebbe apparire rozza e fuori luogo, ma che mai impedisce di venire travolti dalle emozioni in momenti topici come l’addio ai draghi o lo scontro tra Natsu e Gildarts nel capitolo 205, tuttora uno dei più significativi dell’intera opera nonostante avvenga tra due membri della stessa gilda.

Ben più invasivo è il fanservice, nel quale all’autore piace sguazzare almeno quanto ama ricordare ai propri lettori cosa significhi far parte di una gilda, una pagina sì e l’altra pure – cercare di far passare un messaggio così insistentemente e riuscire ad entrare nel profondo anche dopo dieci anni non è affatto scontato, perciò la mia non è da considerarsi una vera e propria critica. Chi asserisce che le scene di nudo sono letteralmente ovunque non ha torto: ogni occasione è buona per mettere in evidenza le curve delle formose maghe di Fairy Tail, durante i combattimenti così come nei momenti di relax. Ma quand’è che il troppo stroppia? Nel bel mezzo di una battaglia è impensabile che chi possiede il potere di fermare il tempo lo sfrutti per tagliuzzare i vestiti delle protagoniste piuttosto che sferrare un attacco mortale, non ha alcun senso. Tuttavia do per scontato che chi è arrivato fin qui di certo non sia rimasto per il seno prosperoso di Lucy o il tonico fondoschiena di Mirajane, ma per una trama e dei personaggi che nella loro ripetitività ed eccessiva familiarità rispettivamente hanno saputo dar lustro alle qualità piuttosto che agli evidenti difetti che Fairy Tail non tenta neppure di nascondere. Sicuramente il fatto che la parola filler sia a malapena contemplata nel vocabolario di Mashima aiuta. Vi consiglio inoltre di non saltare a piè pari i capitoli speciali che vengono proposti una tantum, perché racchiudono alcune delle migliori gag dell'intero manga (ogni riferimento al capitolo 462.5 è puramente casuale).
 

Conclusioni

Se non per qualche breve momento di noia (la saga di Edoras non sono proprio riuscita a farmela piacere), non ho mai avuto motivo di abbandonare uno shōnen tanto imperfetto quanto speciale: ai personaggi ci si affeziona in un attimo – siano essi primari o secondari, poiché non ai soli protagonisti viene dedicato spazio all’interno dei vari capitoli –, la storia offre spunti di riflessione sempre nuovi, si ride e si piange di cuore; i colpi di scena, inoltre, tengono incollati al volume o allo schermo con la bramosia di saperne sempre di più. In definitiva, Fairy Tail è un manga che va apprezzato per ciò che è: uno shōnen di medio livello, da leggere a cuor leggero senza bisogno di continui paragoni con prodotti di maggior qualità. Lasciatevi trasportare, potrebbe valerne la pena.
 
(Clicca per visualizzare i volumi e le edizioni)
 
Titolo Prezzo Casa editrice
Fairy Tail  1 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  2 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  3 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  4 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  5 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  6 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  7 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  8 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  9 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  10 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  11 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  12 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  13 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  14 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  15 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  16 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  17 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  18 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  19 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  20 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  21 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  22 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  23 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  24 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  25 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  26 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  27 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  28 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  29 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  30 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  31 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  32 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  33 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  34 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  35 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  36 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  37 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  38 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  39 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  40 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  41 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  42 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  43 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  44 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail  45 € 3.90 Star Comics
Fairy Tail  46 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail  47 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail  48 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail  49 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail - Limited Edition  23 € 6.50 Star Comics
Fairy Tail New Edition  1 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  2 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  3 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  4 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  5 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  6 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  7 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  8 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  9 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  10 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  11 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  12 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  13 € 4.30 Star Comics
Fairy Tail New Edition  14 € 4.30 Star Comics
Fantasia - Fairy Tail Illustrations € 18.00 Star Comics