www.AnimeClick.it
Informazione su anime, manga e fansub
Facebook YouTube Twitter Instagram Tumblr RSS Notizie RSS Fansub Translate in English
FF-Type0 728x90
CSS Drop Down Menu by PureCSSMenu.com

La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
Il Grande Sogno di Maya 1

Il Grande Sogno di Maya 2

Il Grande Sogno di Maya 3

Il Grande Sogno di Maya 4

Il Grande Sogno di Maya 5

Il Grande Sogno di Maya 6

Immagini utilizzate per fini di recensione.
I diritti sono dei leggitimi detentori.
Titolo Originale: Glass no Kamen
Titolo Inglese: Glass no Kamen
Storia: Suzue Miuchi
Disegni: Suzue Miuchi
Edit. Originale: Hakusensha
Tipologia: Shoujo
Genere: Drammatico, Sentimentale
Anno: 1976
Vol. originali: 49 (in corso)
Disponibilità: Star Comics (in corso)
(compralo su Amazon.it, su Feltrinelli)
Valutazione: 9.238 (media 9.7647, basata su 17 recensioni)
Voti volumetti: 77 Episodi promossi 2 Episodi rimandati 0 Episodi bocciati
Lista Manga: Per utilizzare la lista manga devi registrati.
Nelle liste come: 34 in lettura, 23 completato, 1 in pausa, 4 sospeso, 2 da rileggere, 26 da leggere.
Immagini by: Fede
Tags: Glass no Kamen
Sito Consigliato: clicca qui


Questa scheda ha errori? Aiutaci a correggerli.

Trama: Maja Kitajima è una ragazzina semplice, senza doti particolari, ma con una grande passione nei confronti del teatro: ogni volta che vede un film o una rappresentazione teatrale, si estranea totalmente dalla realtà finendo col combinare indicibili disastri. Per questo tutte le persone che sono attorno a lei credono che sia una ragazza sciocca e buona a nulla. A cominciare da sua madre, cameriera di un tradizionale ristorante giapponese. Un giorno, grazie a una scommessa vinta con un'amica, Maya riesce ad assistere alla rappresentazione di "La signora delle camelie", la cui attrice protagonista è la bella Utako Himekawa. A osservarla in teatro, mentre è in totale rapimento estatico, c'è Shigusa Tsukikage, famosa ex-attrice dal volto sfigurato. Alla donna già in passato non era sfuggito l'attaccamento di Maya per il teatro; la invita pertanto a casa sua, col pretesto di un'ordinazione a domicilio. Invitata a parlare dello spettacolo, Maya ripete a memoria tutte le battute del copione, nonostante abbia assistito alla rappresentazione solo una volta. Sopraggiunti in una stanza vicina, Masumi Ayami, presidente della Daito Art Production, e Onodera, regista teatrale della compagnia Ondine, osservano Maya, criticandone l'interpretazione. Ma Tsukikage ride, avendo riconosciuto nella ragazzina un autentico talento. Masumi e Onodera vorrebbero che Tsukikage cedesse loro i diritti di rappresentazione della "Dea Scarlatta", un dramma leggendario di cui solo Tsukikage, in virtù della superiore bravura in quel ruolo, detiene i diritti. Ma l'ex-attrice rifiuta, ferma nel suo proposito: è decisa a preparare lei l'attrice che interpreterà la Dea Scarlatta. A scuola si prepara una recita scolastica, e Maya viene scelta per interpretare un ruolo secondario: una ragazza stupida. Maya studia giorno e notte per prepararsi nella parte, e l'interpretazione di Maya risulta la migliore e lascia a bocca aperta il pubblico. Maya, provata l'ebbrezza del palcoscenico, è adesso ben decisa a voler recitare... (trama tratta da Manga Shoujo Outline)

Utente:     Volumetti letti:     Voto:
Recensione di almeno 500 caratteri. Leggere il regolamento
prima di postare per non vedersela disattivata.

E-Mail (facoltativo):
L'E-Mail non sarà pubblicato, serve solo per contattarvi.


Inserisci il testo nell'immagine:

Aiuta gli altri utenti, scrivi la tua opinione su questo manga.
Le recensioni sono moderate, vi preghiamo di leggere questa guida per diventare a prova di moderatore. Grazie a tutti ;-)


FF-Type0 300X250
La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya 9.238 out of 10 based on 17 ratings. 17 user reviews.

micheles
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 34 su 49 --- Voto: 10

È facile criticare la Maschera di Vetro. Si può agevolmente sostenere che si tratta di un manga eccessivamente melodrammatico con situazioni inverosimili; certamente disgrazie, morti e malattie non mancano. Si può anche sostenere che si tratta di un manga datato, essendo iniziato nel lontano 1976, con svolgimento e disegni molto lontani dai canoni odierni. Si può anche arguire che si tratta di un manga sbilanciato, in cui la parte relativa al teatro prepondera rispetto alla parte che descrive la vita di Maya e dei vari protagonisti; si può anche imputargli una forte ripetitività di situazioni, visto che le stesse scene di una piece teatrale vengono ripetute due, tre, quattro o anche più volte. Le capacità di attrice di Maya sono indubbiamente esagerate e al di là del limite umano: Maya può ripetere alla perfezione una qualunque opera che abbia visto anche una sola volta, ricordando tutte le battute e tutti i movimenti di tutti i protagonisti; può imparare alla perfezione tutte le battute di un copione leggendo soltanto una o due volte; può interpretare una scena in modo originale e superiore a quello di un'attrice professionista al primo tentativo.

Tutto queste critiche sono assolutamente sensate: tuttavia, chi si fermasse a questo livello dimostrerebbe di non avere capito quest'opera titanica, che ha assorbito la vita della sua autrice e dei suoi lettori per più di 35 anni, opera originalissima, geniale e assolutamente indimenticabile. Come molti italiani, ho conosciuto Glass no Kamen tramite la serie anime Il grande sogno di Maya, vista per la prima volta molti anni orsono. Solo recentemente ho deciso di leggere il manga, approfittando di un periodo di vacanza, ed mi sono letto 34 volumi in una settimana, senza mai provare un minimo di stanchezza o di noia, anzi appassionandomi sempre di più ad ogni nuovo volume. Sono pochissime le serie in grado di prendere così tanto e Glass no Kamen merita tutti gli elogi che le sono tributati.

Questa è un'opera epica che prende la sua drammaticità dalla tradizione del manga sportivo anni sessanta (le prove tremende cui si sottopone Maya per entrare nello spirito di un personaggio fanno tornare in mente opere come Ashita no Joe e Attack No 1), a cui si aggiungono evidenti influssi da parte della tradizione dello shojo manga di Yumiko Igurashi, sia dal punto di vista grafico che dal punto di vista di situazioni e personaggi (tanto per dirne una, Maya è sottoposta a invidia femminile e scherzi malvagi tanto quanto Candy). A differenza di queste opere però la Maschera di Vetro ha anche una forte valenza simbolica ed allegorica, cosa che è evidente fin dal titolo. In particolare non si può non sottolineare l'attenzione insistente e ossessiva all'opera teatrale della Dea Scarlatta, la cui esistenza domina la vita di tutti i protagonisti e che è il leit-motiv attorno al quale tutta l'opera si dipana fin dal primo volume. È impossibile non fare l'associazione tra la Dea Scarlatta, unico scopo di vita della sensei Tsukikage e lo stesso manga Glass no Kamen, che sembra davvero essere l'ossessione e lo scopo di vita della sua autrice Suzue Miuchi, che ci sta lavorando da decenni.

Un aspetto stupefacente è che nonostante la lunghezza della serie non si avverte mai nessuna stanchezza: Glass no Kamen non perde di qualità ma semmai aumenta il livello di coinvolgimento emotivo dello spettatore con l'andare dei volumi. Più volte capita di dire "questo è il miglior volume di tutta l'opera" per poi essere smentiti dal volume successivo. Andando avanti con la serie si capisce che anche quelli che sembravano difetti sono invece caratteristiche volute e desiderate: certo la parte riguardante il teatro è preponderante, ma questo è giusto, perché Maya è ossessionata dal teatro e giudica la sua vita privata di secondaria importanza rispetto alla recitazione. Il ripetere le stesse scene più volte (si noti bene, mai nello stesso modo) fa parte della recitazione e non potrebbe essere diversamente; allo stesso modo, l'insistenza sulla Dea Scarlatta e è essenziale per rendere l'atmosfera altamente drammatica dell'opera: mettere in scena la Dea Scarlatta è il destino ineluttabile di tutti i protagonisti. Questo è un manga che trasuda di una passione sconfinata e irrefrenabile verso il teatro.

In conclusione si tratta un'opera irrinunciabile per chiunque voglia farsi una cultura nel panorama fumettistico nipponico. Fatevi un favore e leggetelo.






roByna
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 47 su 49 --- Voto: 10

Difficilmente manga composti da 40 e più volumi mantengono quell'attrattiva che induce il lettore a chiudere un numero per aprire subito il successivo. Il plot può essere originale, i personaggi possono essere ben caratterizzati ma nel momento in cui viene allungato il brodo molta dell'originalità che si poteva riscontrare all'inizio di una determinata opera va scemando.

Tuttavia esiste sempre l'eccezione che conferma la regola, e nel caso di Garasu No Kamen, conosciuto da noi col titolo de "Il Grande Sogno di Maya", i "primi" 47 numeri usciti sembrano anche troppo pochi.

La storia di questo manga, come dice il titolo italiano stesso, ruota intorno a Maya e al suo grande sogno: quello di poter calcare il palcoscenico. La ragazza tuttavia non vive in un mondo tutto rose e fiori: orfana di padre, Maya è costretta a lavorare in un ristorante cinese in qualità di addetta alle consegne a domicilio di ramen, poichè deve aiutare la madre che lavora nel medesimo posto. Un giorno tuttavia, mentre interpreta davanti a dei bambini le battute di uno sceneggiato che aveva visto la sera prima in televisione, viene notata da un'ombrosa donna vestita di nero: la signora Tsukikage.

Questa donna, benchè appaia grottesca si scopre sin da subito essere stata in passato una grande attrice, famosa per l'interpretazione unica che aveva conferito alla "Dea Scarlatta", opera di cui detiene i diritti d'autore; il suo attuale obiettivo è quello di riportare in scena la suddetta opera, tuttavia la scelta della protagonista risulta ostica e per questo decide di aprire una compagnia teatrale tutta sua; vedendo in Maya un talento innato le chiede se vuole entrare nella sua compagnia e ovviamente quest'ultima accetta.
Con enorme disappunto da parte di sua madre, Maya se ne va di casa e inizia la sua nuova vita, costellata di sacrifici, sentimento e anche di amore: quello unico per il teatro, inizialmente.

I numeri si susseguono uno dopo l'altro, Maya recita sempre un ruolo diverso: una volta interpreta la protagonista di "Cime Tempestose", un'altra volta ricopre il ruolo di una bambola il cui unico ruolo è quello di stare immobile ed un'altra volta inscena il personaggio di una bambina sordo-cieca. Maya si immedesima nei copioni con una passione tale da far rimanere stupiti sia i personaggi dell'opera, sia il lettore; il modo in cui questa ragazza riesce a mettersi ogni volta una "maschera" diversa è impressionante, tuttavia la fragilità di queste maschere è come quella del vetro: una volta che cade va in frantumi.

Ovviamente la storia, articolandosi in quasi 50 albi, è ricca di tantissimi personaggi che, in un modo o nell'altro sono legati alla protagonista. Come in ogni shojo che si rispetti, è presente un protagonista maschile, Masumi Hayami: un cinico e algido imprenditore di una delle case di produzione più importanti dello spettacolo, e una rivale (non in amore eh!): la talentuosissima attrice Ayumi Himekawa, figlia d'arte.

Sicuramente la tematica del sacrificio è quella più marcata nell'opera, che essendo partita negli anni '70, presenta delle tematiche tipiche di quel periodo e che si possono riscontrare anche in altre opere quali per esempio "Attack no. 1"

I disegni sono molto belli, in puro stile anni '70 (occhi che brillano e affini), tuttavia la sensei Miuchi andando avanti con gli anni ha modernizzato il tratto facendo risultare lo stile di disegno degli ultimi numeri nettamente differente (e anche un po' inferiore) da quello dei primi.

Benchè la parola "fine" non sia stata ancora messa, è un'opera che consiglio caldamente prima di tutto a coloro che amano i classici, secondo poi a quelli che amano il teatro e ovviamente agli inguaribili romantici che apprezzano sempre una bella storia d'amore.






Enigma
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 43 su 49 --- Voto: 10

L'autrice di questo Manga, Suzue Miuchi, ha dedicato chiaramente la sua vita a quest'opera, così come molti dei suoi lettori hanno aspettato una vita per vederne la fine, non ancora sopraggiunta.
Tralasciando l'attesa estenuante, rimane uno dei capolavori del fumetto nipponico, contenendo al suo interno le storie dei molteplici personaggi, annullando l'iniziale distinzione protagonisti/antagonisti, fin da subito molto sottile. La storia di Masumi Ayami il cinico proprietario della Daito ne è l'esempio principe, l'orco che si innamora della ragazzina apparentemente senza qualità.
La passione contenuta nel corpo minuto di Maya è uno stimolo per tutti i lettori, che non riusciranno a staccarsi dalla successione di eventi che porterà, inevitabilmente, allo scontro finale tra le 2 eroine del teatro giapponese: Maya e Ayumi Himekawa, la prima che impara a valutare ed a contare sul suo immenso talento, la seconda che ha dalla sua la tecnica e l'esperienza (nonostante siano coetanee).

[Attenzione, possibili spoiler]
Negli ultimi numeri, quando ormai le 2 ragazze aspettano solo la chiamata alle esercitazioni per il capolavoro scomparso, La Dea Scarlatta, dettate dalla detentrice dei diritti di rappresentazione, nonché maestra di Maya, Chigusa Tsukikage, la narrazione acquisisce la profondità di un'opera omnia, facendo rivivere ai personaggi principali (Maya, Ayumi, Masumi, Chigusa...) tutta la loro vita. Così l'eterna rivale commuove per la solitudine che ha vissuto, infine trovando l'unica sincera amicizia nella sua concorrente; il "malvagio" produttore e l'amore proibito di Maya (entrambi rispondenti a Masumi) intenerisce per la sua vita difficile condizionata dalla severità del padre, che lo costringe infine ad un matrimonio di comodo per la Daito.
[Fine spoiler]

In questo fumetto ci sono azione, amore, vita semplice e complicata, passioni, dubbi e certezze. Il tutto condito da opere teatrali più o meno famose, più o meno reali, ma sempre avvincenti e che calzano alla perfezione con l'andare della storia.
Credo che chiunque inizi a leggere questo capolavoro venga rapito dal desiderio di mettersi lui stesso a recitare e spesso nella sua mente lo fa, mentre legge i volumi a nostra disposizione.
Una lunga attesa sempre ricompensata, anche nonostante gli errori presentati, tipo l'utilizzo nel num 41 di un cellulare con foto, che negli anni '70 sicuramente non era neanche immaginabile. Ma l'imprecisione è accettabile, dimostrazione del fatto che è un fumetto sempre attuale, con i problemi di ogni giorno applicati ad opere teatrali eterne.
Lo consiglio enormemente a chiunque non l'avesse ancora letto, ha tanto da recuperare!



Mariuccia
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 42 su 49 --- Voto: 10

Conosco Maya da quando ero giovane, grazie ad una mini serie trasmessa in tv. I miei figli mi hanno avviata alla lettura dei manga e mia nipote mi ha prestato la serie di Maya. BELLISSIMI! Da leggere con attenzione. E' una lettura straordinaria da assaporare pagina per pagina. Molto è da vedere, ma tantissimo è lasciato all'immaginazione. Non vorrei morire prima di sapere come finisce...



AkiraSakura
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 49 su 49 --- Voto: 10

Non avevo mai conosciuto una tale calma.
La platea diventava il fondo del mare.
Davanti ai miei occhi si stendeva il silenzio.
Dove mi trovo?
Chi sono?
Avevo consapevolezza di me stessa, la mia anima si era risvegliata.
[Osserva il riflettore]
Quella è la luce della Luna.
Fluttuo nell'aria come se fossi nell'acqua.
Vibro nella luce come se fossi nel vento.
D'un tratto avevo la sensazione di udire la voce degli dei.
Il vento e io eravamo la stessa cosa.
Il fuoco e io eravamo la stessa cosa.
L'acqua e io eravamo la stessa cosa.
La terra e io eravamo la stessa cosa.
Gli alberi, l'erba e io eravamo la stessa cosa.
Gli animali, gli insetti e io eravamo la stessa cosa.
I pesci e io eravamo la stessa cosa.
Gli uccelli e io eravamo la stessa cosa.
Le montagne e io eravamo la stessa cosa.
Il cielo e io eravamo la stessa cosa.
Il mare e io eravamo la stessa cosa.
Il sole e io eravamo la stessa cosa.
Le stelle e io eravamo la stessa cosa.
Lo spazio e io eravamo la stessa cosa.
Esseri nel medesimo mare della vita, con la stessa anima.
Tutte le creature e io eravamo la stessa cosa.
Questi pensieri mi entravano nel petto come la luce, senza parole e senza logica; come se improvvisamente una luce nelle tenebre ti facesse vedere per un attimo il mondo vero.
Quella luce, diventata pensiero, usciva a fiotti da tutto il mio corpo.
L'anima appariva come vita, e ancora la vita si nascondeva nell'anima.
Senza tempo, viaggiavo nell'eternità.
La gente non vede il mio aspetto.
Non sa che il creato ha vita.
Non sa che lo spirito delle creature e delle persone ha la stessa origine comune.
Anime addormentate, astute e sciocche!
Prestate orecchio al suono del cielo!
Ascoltate le parole della Terra!
Il vento è il mio cuore!
Il fuoco la mia forza!
L'acqua la mia vita!
La Terra il mio amore!
Sbocciate, fiori scarlatti della vita millenaria!
- L'attrice Chigusa Tsukikage raggiunge l'illuminazione interpretando il capolavoro teatrale denominato La Dea Scarlatta.

E' difficile rendere l'idea della vastità, del carisma e della profondità di un capolavoro come "Glass no Kamen". Si tratta di una di quelle opere inarrivabili che sono state in grado di elevare a livelli superiori i rispettivi media di appartenenza, passando alla storia dopo un imperituro successo di critica e di pubblico. "La Maschera di Vetro", ancora oggi capolavoro incompleto, ha completamente assorbito l'intera vita della sua autrice, snodandosi con innata grazia nel corso di numerosi anni in un crescendo continuo di bellezza e pathos, partendo da basi apparentemente ordinarie per poi elevarsi sempre di più, da una parte scandagliando l'animo umano con arguto ingegno, dall'altra rappresentando allegoricamente il bisogno di assoluto tipico dell'uomo, quel contatto con l'ignoto e con la totalità delle cose ormai perduto: la Dea Scarlatta, la rappresentazione delle rappresentazioni, il punto all'infinito verso cui tendono tutte le innumerevoli maschere indossate nel corso della propria mera esperienza di vita. Il teatro diventa quindi metafora dell'esistenza, in "Glass no Kamen", e lo spettacolo finale che lega come un filo impercettibile tutte le persone e le cose assume inevitabilmente dei connotati divini, sovrumani, impenetrabili.

Ma ora, prima di compiere un'analisi più profonda dell'opera, ne riporto di seguito una breve sinossi. Maya Kitajima è una ragazza come tante, la quale nutre una smisurata passione per il teatro; un giorno, la leggendaria attrice Chigusa Tsukikage ne riconosce l'innato talento, e decide di prenderla come sua allieva; il potenziale di Maya è enorme, e il suo stile di recitazione a dir poco geniale le permetterà di ottenere fin da subito enormi risultati, permettendole di confrontarsi direttamente sulle scene con Ayumi Himekawa, altro genio della recitazione che diventerà la sua indiscussa rivale. Entrambe le ragazze, dopo varie peripezie, verranno candidate come protagoniste della Dea Scarlatta di Ichiren, il mentore scomparso di Chigusa Tsukikage, e verranno guidate lungo tale percorso da quest'ultima, l'unica attrice esistente ad aver interpretato in passato la suddetta opera teatrale (prima che la sua carriera fosse stroncata da un incidente sul palcoscenico che la sfigurò). Per raggiungere il loro scopo, Maya e Ayumi dovranno recitare in numerosissimi ruoli completamente diversi, perfezionandosi e affrontando le numerose difficoltà presenti nel competitivo ambiente teatrale giapponese; in particolare Maya dovrà gestire il suo tormentato rapporto con il - quantomeno nell'apparenza - freddo e cinico produttore della Daito Productions, Masumi Ayami; sacrificare la propria vita privata sull'altare del teatro; trovare la forza di rialzarsi ogni volta che avrà perso tutto, dato che più volte il mondo reale non esiterà a distruggerla e a stroncare il suo sogno sul nascere.

Le idee alla base dell'evergreen di Suzue Miuchi sono affini allo shoujo e allo spokon d'autore degli anni settanta; sono riconoscibili alcuni rimandi al classico "Candy Candy" di Yumiko Igarashi (si pensi al percorso di crescita della protagonista, alle cattiverie femminili cliché, all'ammiratore misterioso che agisce nell'ombra), nonché a opere seminali del calibro di "Ace wo Nerae" (gli allenamenti sfiancanti imposti dal cosiddetto "allenatore demone", l'apparentemente irraggiungibile rivale dall'innata beltà e dal grande carisma). Ciò premesso, la cosa che rende "Glass no Kamen" superiore agli altri shoujo dell'epoca è la profondità con cui vengono delineati i personaggi principali, sopratutto dal punto di vista psicologico, e la generale maestria con la quale l'autrice riesce a rendere la sua opera una grande allegoria in cui s'intrecciano tra loro tematiche decisamente profonde quali la verità e il suo rapporto con la finzione, le maschere che regolano i rapporti tra persone, il legame che unisce l'uomo all'arte; quell'arte che, sia all'interno del manga che all'esterno, nella vita della sua autrice, diventa l'unico mezzo in grado di elevare l'artista a divinità, aprendogli un varco verso quell'assoluto impossibile da discernere in un mondo in cui gli uomini hanno dimenticato l'intimo contatto con la sostanza delle cose, e si sono rifugiati in una tetra società basata sull'apparenza, sul caos, sull'omologazione, sul cinismo e sulla competizione fine a se stessa.

Nessuno degli abitanti di questa metropoli crede nella Dea Scarlatta.
Non riescono a crederci.
La Dea Scarlatta può esistere soltanto sul palcoscenico di un teatro.
Una volta finito lo spettacolo, svanisce come un sogno.
L'animo e le parole della Dea Scarlatta non possono sopravvivere nel mondo reale.
Maya, fammi credere nella Dea Scarlatta!
- Masumi Ayami si rivolge a Maya Kitajima

Indubbiamente, come accennavo in precedenza, i protagonisti di "Glass no Kamen" sono ineccepibili: la stessa Maya, nonostante sia una ragazza nella media, una volta salita sul palco si trasforma completamente, riuscendo a rapire sia il suo pubblico che il lettore con interpretazioni pregne di una raggiante carica emotiva. D'altro canto, se Maya possiede un talento basato esclusivamente sull'istinto e sulla sensibilità necessaria a cogliere completamente l'animo dei personaggi da interpretare (non per nulla la sua maestra di teatro e di vita, Chigusa Tsukikage, l'ha fin da subito impostata con il metodo Stanislavskij), la sua rivale Ayumi Himekawa si affida completamente al ragionamento e alla tecnica recitativa tout court, dimostrando capacità altrettanto straordinarie, sebbene di natura differente. Le caratteristiche delle due rivali sono perfettamente in linea col loro background; Maya infatti viene dalle strade, e deve emergere versando un elevato tributo di lacrime e sangue: da qui la sua semplicità di "ragazza della porta accanto" dal talento prevalentemente istintivo e oltremodo viscerale; Ayumi, invece, è la figlia d'arte di una grande attrice e di un altrettanto celebre regista, e non ha mai conosciuto emozioni forti come Maya, dacché la sua vita agiata non le ha permesso di vivere la vera collera, la vera disfatta, la vera sofferenza. Ma la grandezza del personaggio di Ayumi è comunque indiscutibile, e la si comprende quando ella si sottopone a prove sfiancanti al limite dell'ascetismo coadiuvate da un totale rifiuto dei privilegi annessi alla sua condizione sociale. Detto ciò, quello che a mio avviso si presenta come il personaggio meglio riuscito dell'opera è Chigusa Tsukikage, la prima - e forse l'unica - Dea Scarlatta della storia; una temibile insegnante dall'enorme carisma, tanto dura e spietata quanto saggia ed irremovibile. La Tsukikage è una vera e propria guida spirituale per tutti i protagonisti, nonché l'inossidabile figura attorno alla quale ruotano tutte le vicende del manga.

In "Glass no Kamen" i rapporti tra personaggi, allo stesso modo delle dinamiche teatrali, sono vincolati da una maschera; ognuno deve indossare una maschera, altrimenti la sua vera essenza si rivelerebbe inappropriata all'ambiente circostante e all'imprinting degli individui che lo popolano. Ad esempio, dietro alla facciata brillante e irraggiungibile della bellissima Ayumi Himekawa è presente una persona tormentata dal genio di Maya Kitajima e inondata da un sentimento di amore/odio nei suoi confronti; inoltre, particolarmente significative sono le dinamiche tra Maya Kitajima e il suo ammiratore delle "Rose Scarlatte", Masumi Ayami, freddo e irriverente produttore odiato dalla protagonista e allo stesso tempo innamorato di lei; in questo caso, per il suddetto, la maschera pregna di cinismo è necessaria al fine di gestire il rapporto tormentato col padre, ad affrontare lo spietato mondo degli affari tipico del boom economico giapponese e a provocare Maya nei suoi momenti di debolezza, al fine di riaccendere in lei lo spirito combattivo necessario per superare le avversità della vita. Da una parte egli svolge un ruolo odioso, mentre dall'altra si rivela un benefattore gentile e sinceramente innamorato della sua musa ispiratrice. Nel momento in cui le maschere cadranno, gli eventi indotti dai meccanismi con cui funziona la società puniranno gli attori, li metteranno a nudo e li scherniranno, esattamente come s'essi fossero dei prigionieri rinchiusi in un teatro vuoto, gramo, in cui è impossibile elevarsi a qualcosa di superiore; a questo punto, l'unica via di salvezza rimane l'arte: soltanto sul palcoscenico si può amare veramente, con tutta l'anima, diventando degli esseri completi (si pensi all'amore di Ichiren per la Tsukikage, reso magistralmente in uno dei momenti più intensi del manga, ovvero quello in cui viene svelato il passato della grande attrice).

Tira fuori il coraggio e va' avanti, Maya!
Anche se dovessi rimanere ferita, dopo capirai certamente cosa significa essere nati per amare.
Gioia, tristezza, sofferenza, angoscia e tormento d'amore.
Tutti i sentimenti che scaturiranno dal profondo del tuo cuore alla fine ti serviranno per la Dea Scarlatta!
- Chigusa Tsukikage si rivolge a Maya Kitajima

La commistione tra shintoismo e buddhismo rappresentata dall'autrice - sia allegoricamente che esplicitamente - è pregna di un enorme fascino squisitamente orientale; spesso la Dea Scarlatta viene paragonata al Buddha, ma allo stesso tempo è lo spirito dell'albero di susino, ed ergo assume dei connotati animistici tipicamente shinto. Le stesse parole della Tsukikage di cui sopra sono un'esaltazione della forza delle passioni e della loro importanza nell'autorealizzazione del Sé, cosa molto più vicina allo shintoismo che al buddhismo; ma il punto sostanziale nelle speculazioni della Miuchi risiede nella corrente di pensiero orientale da cui shintoismo e buddhismo traggono ispirazione: il Taoismo cinese, la dottrina dell'azione nella non-azione. Il "diventare Buddha" e il "diventare pianta" sono aspetti equivalenti della Dea Scarlatta, ed entrambi sono caratterizzati dall'annullamento del sé e dall'abbandono del limitato ego umano in favore della percezione della totalità delle cose. La Dea Scarlatta è quindi un'emanazione del non-essere, ovvero il principio primo che anima l'universo, il cosiddetto Tao. L'utilizzo della simbologia dello Yin e dello Yang adoperata dall'autrice e i vari rimandi alla religione taoista sono molto precisi e allo stesso tempo gradevolmente estetizzati; durante il corso degli eventi, inoltre, l'annullamento del sé diventa un leitmotiv ricorrente: esemplare è un episodio all'inizio del manga in cui Maya deve interpretare una bambola; e giacché ella durante le prove non riesce ad annullare il suo ego al fine d'immedesimarsi completamente in tale difficile ruolo, per necessità viene mandata dalla Tsukikage a meditare presso un monaco buddhista Zen. Saranno parecchi gli spettacoli in cui Maya dovrà progredire spiritualmente al fine di riuscire a immedesimarsi nei suoi personaggi, sopratutto quelli che richiedono una marcata rinuncia a sé stessi e una percezione differente, volendo sovrumana, della realtà circostante: si pensi a Helen Keller, la sordo-cieca protagonista di "Anna dei miracoli", o alla ragazza-lupo Jane di "Lande Dimenticate". Rimanendo in tema, molto suggestiva è la storia dello scultore Kaikei, nella quale il giovane attore Sakurakoji, dovendo interpretare la parte dello scultore nella Dea Scarlatta, decide di osservare il lavoro quotidiano di un vero sculture di statue sacre del Buddha. In questo strano percorso - sia interiore che esteriore - Sakurakoji osserva che ogni singola azione di Kaikei - cura del giardino, crescita dei figli, lavoro presso il municipio del paese, ricerca del contatto umano - per quanto sembri banale è invero rivolta alla ricerca dell'equilibrio e dell'armonia. Lo scultore, giunta la domenica, si ritira in silenzio e osserva per ore il blocco di legno inanimato che diventerà la sua statua, confidando di sentire una voce chiamarlo dall'interno di esso: e la creazione artistica diventa quindi frutto dell'annullamento del sé: non è l'artista che modifica attivamente il legno al fine di ricavarne una statua, ma è la statua stessa all'interno del legno che comunica la sua forma allo scultore. Per un occidentale questo fatto potrebbe rivelarsi alquanto bizzarro, ma dal punto di vista del pensiero orientale è un'allegoria molto profonda del processo di "creazione" di una determinata cosa. L'intuizione assoluta dell'oggetto artistico è il frutto della propria esperienza di vita: Kaikei ha imparato a comunicare con il pezzo di legno che deve incidere, ma per far ciò ha dovuto diventare a sua volta un pezzo di legno, annullando sé stesso e l'invadenza autoreferenziale dell'ego. Ma il pezzo di legno è allo stesso tempo il Buddha, e anche lo scultore a questo punto è diventato Buddha, allo stesso modo di quanto accade nel caso della Dea Scarlatta: diventare l'albero di susino equivale a raggiungere l'illuminazione. Le spirali emozionali agitate dalle passioni non sono necessariamente negative, ma vanno assimilate e comprese, in quanto sono anch'esse parte integrante del percorso che conduce al Tao.
Yin e Yang, ovvero antitesi e sintesi che formano un tutt'uno indivisibile. Anche l'amore sovrumano e sostanziale della Dea Scarlatta è influenzato da questa corrente di pensiero, e la Miuchi riesce a trasmettere pienamente la sostanza delle sue speculazioni genuinamente orientali attraverso parallelismi e metafore ineccepibili.

Nell'approcciarsi a "Glass no Kamen" si palesa istantaneamente il marcato perfezionismo dell'autrice, la quale, a dire il vero, ha utilizzato questo pretesto anche al fine di giustificare la sua estrema lentezza nella stesura del suddetto. Dal punto di vista grafico il tratto della Miuchi si dimostra elegante ed armonioso, e i personaggi risultano molto espressivi, sia nei movimenti del corpo che negli sguardi (celebre è l'artificio tipico dell'autrice di non disegnare i bulbi oculari al fine di far assumere ai suoi personaggi inquietanti connotati intimamente connessi alle loro forti emozioni). La cultura teatrale della Miuchi è sorprendente, e ogni singola rappresentazione non risulta affatto tediosa, ma avvincente e appassionante; addirittura una persona completamente disinteressata al palcoscenico come il sottoscritto ha dovuto ricredersi, e provare una forte empatia per la "finzione nella finzione" che caratterizza il manga, il quale trasuda una sincera passione per l'arte da ogni singola pagina. La sceneggiatura è estremamente incalzante, sia nelle numerose rappresentazioni teatrali - le quali compongono la maggior parte dell'opera - che nel "mondo reale" nel quale si muovono i personaggi, con le loro passioni ed ambizioni; inoltre, al termine di ogni volume è immancabile il classico cliffhanger in grado di catturare al massimo l'interesse del lettore. Ciononostante, tutte queste ottime premesse, coadiuvate da appassionate analisi dense di profondità quanto mai degne di un grande capolavoro, a parer mio sono calzanti sino al quarantesimo volume del manga (la rappresentazione della Dea Scarlatta ad opera di Chigusa Tsukikage), dopodiché "Glass no Kamen", che si era dimostrato sempre più serrato, profondo e carismatico di volume in volume - sino a diventare a parer mio un'opera omnia, una sorta di "Siddharta" a fumetti -, forse a causa della mancanza d'ispirazione e all'indolenza dell'autrice, subisce un netto certo calo qualitativo, trasformandosi in una classica soap opera marchiata a fuoco da tutti i banalissimi cliché del genere. Ed ecco che, superata la quarantina di volumi, la storia d'amore tra Maya Kitajima e Masumi Ayami diventa goffa, a tratti caricaturale, minacciata dalla follia e dai ricatti della fidanzata di lui; il teatro e gli aspetti religiosi del manga vengono messi in secondo piano, a favore di una continua stagnazione delle vicende che non fa altro che rimandare il finale con inutili artifici e altre ridondanti inezie decisamente fuori luogo; a questo punto, a mio avviso, sarebbe stato meglio lasciare "Glass no Kamen" allegoricamente incompleto al quarantesimo volume: sarebbe stato più che coerente, dacché in fondo, prima di tale inarrivabile traguardo, era già stato detto tutto quello che c'era da dire.
In conclusione, usando un noto aforisma di Paulo Coelho, non è la meta che conta, ma il cammino che si compie per raggiungerla; in questo senso, tralasciando la recente secca creativa dell'autrice, per me "Glass no Kamen" è un grande capolavoro, uno dei più grandi della storia del fumetto mondiale.






Moonlightpower!
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 6 su 49 --- Voto: 9

Mi vien voglia di dare dieci, ma preferisco di no, in quanto secondo me il dieci va dato solo al proprio manga. "Glass no Kamen" è un manga di Suzue Miuchi, in corso da oltre trent'anni in patria. Maya Kitajima è una ragazza senza doti speciali; è sbadata, non è bella e il suo andamento scolastico non è dei migliori. Ma quando recita, Maya si trasforma totalmente in un altra persona: indossa perfettamente (o quasi) la maschera del personaggio che deve interpretare. Questo talento, dovuto alla sua passione per il cinema e il teatro, viene notato da Shigusa Tsukikage, un ex-attrice che ha dovuto ritirarsi a causa di un incidente. Per incontrare la ragazza, Tsukikage chiede un servizio a domicilio (Maya lavora nel ristorante di sua madre) e così facendo possono conoscersi e discutere di teatro. Ed è così che la signora riesce a capire bene il suo modo di recitare. Nel frattempo però, la Signora Tsukikage si ritrova coinvolta in un affare: Masumi Ayami, presidente della Daito Art Production, e Onodera, regista teatrale della compagnia Ondine, propongono alla signora di cedere a loro i diritti per "La Dea Scarlatta" uno spettacolo teatrale di cui appunto solo la signora Tsukikage possiede i diritti. La signora però rifiuta, perché sta cercando la ragazza che potrebbe interpreatre al meglio questo ruolo. Come si può intuire, la signora Tsukikage ha trovato la ragazza che cercava: Maya. Così la signora propone alla ragazza di entrare a far parte della sua compagnia, in modo che possa recitare, il suo più grande desiderio. Per Maya ainizierà la lunga strada per diventare attrice. Questo è più o meno l'inizio della storia. Trama coinvolgente già dal primo volume,e che andando avanti la voglia di sapere come continua aumenta. I disegni sono anni '70-'80, quindi non sono niente di eccezionale, ma son comunque apprezabili. Il personaggio di Maya è un personaggio ben strutturato e personalizzato, che apprezzo parecchio. Insomma il mio voto potrebbe essere anche un 10, ma dò 9, 9 e mezzo per l'esattezza. Lo consiglio a tutti, perché nonostante la sua lunghezza non perde e merita tantissimo. Ovviamente secondo il mio parere.






romina
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 43 su 49 --- Voto: 10

Un manga bellissimo ed emozionante. Riesce a trasmettere emozioni e sentimenti come se venissero vissuti veramente. L'alternarsi di risate, momenti di serietà, tensione e di nuovo risate, riesce a tenere il lettore incollato fino all'ultima pagina di ogni singolo volume! Il profilo dei protagonisti (sopratutto Maya e Masumi) è dettagliato, ti permette di immedesimarti come se fossi tu a dovere decidere cosa fare o pensare. Si fa il tifo per questa povera ragazza, sfortunata all'inverosimile, ma che nonostante tutto si aggrappa alla sua passione eterna, riscoprendo lotta dopo lotta quanto sia grande e vitale per lei recitare. Anche per quanto riguarda Masumi, buono e cattivo insieme, forte e fragile allo stesso tempo... il suo personaggio riesce a catturare l'attenzione e i sentimenti del lettore, che vive la sua situazione di "amore/odio" con estremo trasporto.
Si potrebbe pensare che la parte "tecnica" del teatro, come le prove o scrivere le sceneggiature, risulti noiosa. Invece l'autrice riesce, grazie alla volontà, alla tenacia, alla grande passione di Maya, a coinvolgere il lettore in questo mondo ed a farglielo amare... ed a palesare come tante finzioni che si adoperano nel teatro, in realtà noi le mettiamo in scena ogni giorno nel quotidiano.
Un manga che consiglio a tutti perchè è originale, entusiasmante e sopratutto coinvolgente al massimo! Speriamo solo che la nostra cara Miuchi si decida a finirlo presto!






lucia
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 42 su 49 --- Voto: 10

Bellissimo, magnifico. Questo manga è un misto di cultura perchè impari a conoscere la storia di alcune opere famose interpretate dai maya, come per esempio Beth in piccole donne. Di riflessione perchè ti descrive la verità, quando mettiamo la maschera riusciamo si ad essere persone diverse, ma in realtà mostriamo il nostro vero lato e si nota nell'opera.
Concludo dicendo che è bello e adoro molto la storia d'amore tra lei e il suo donatore, nonché la persona che odia e che ama di più, anche qui c'è molta originalità ove un uomo ricco e sicuro di se si fa incantare dalla semplicità di Maya imparando a riscoprire i suoi sentimenti puri, persi per colpa del padre.



pippy989
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 43 su 49 --- Voto: 10

Garasu no Kamen, un patrimonio del mondo shojo dal grande valore. Realizzare un manga di questa portata credo sia un grande dono perché traspare una voglia di vivere non una ma 100 vite che in molti altri non c'è. E' talmente realistico questo manga al punto da farmi entrare quasi in un altra dimensione, riesco a immedesimarmi nella protagonista Maya Kitajima, nel suo amore per l'ammiratore delle rose che sempre la protegge nell'ombra e che è più vicino di quanto lei non creda. Certo, come molti sapranno, il volume 43 di prossimissima uscita si è fatto attendere moltissimo, ma so che ne varrà la pena. Lo stile cosi curato e minuzioso, il linguaggio elegante e spesso forbito dei personaggi, la passione e l'intensità con cui la piccola Maya interpreta mille maschere sul palcoscenico, trasportano il lettore al teatro stesso, come in un sogno. Come non farsi ammaliare dalla sincerità e dalla forte passione di Maya? Un manga sempreverde, che non deluderà neanche le future generazioni... Una vera e propria dea che sta per sbocciare! DA NON PERDERE.






shigeta
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 42 su 49 --- Voto: 10

Considero questo manga un capolavoro che appassiona in ogni sua pagina: riesce a farti emozionare, a farti piangere, a farti amare il teatro e ad apprezzare ogni opera che viene trattata o meglio "recitata"; ed i personaggi ti coinvolgono con i loro sentimenti e con le loro problematiche.
Il mondo dello spettacolo è trattato in maniera ineccepibile, con le sue rivalità, le crudeltà che si devono affrontare, leggendolo ci si sente vicini a Maya, alle sue difficoltà, ma nonostante tutto non si riesce nemmeno ad odiare Ayumi, la sua rivale.
L'amore tra Masumi e Maya poi è così passionale, romantico, tragico che riesce a coinvolgere il lettore profondamente.
L'unica pecca è la lentezza dell'autrice, che ancora non è riuscita a concludere questa perla.
Con la speranza di poterne leggere la fine presto, ne consiglio la lettura a tutti: da non perdere.






dina
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 7 su 49 --- Voto: 10

E' il maga più bello che abbia mai letto! Questa si che è una storia reale ricca di emozioni e di passioni!
Nel leggere questo manga mi sono integrata nella storia ed ho cercato di comprendere i personaggi mi sono immedesimata in Maya e ho provato tutte le sue emozioni! Leggevo leggevo e leggevo integrandomi sempre di più nel personaggio e sembrava di vivere realmente quelle emozioni e quella storia. Quando Maya si emozionava sul palcoscenico l'ho compresa benissimo ho compreso la sua sensazione ho capito come lei riusciva a catturare il pubblico perché nelle stesso modo ha catturato me! Anche la figura di Masumi mi ha coinvolto tantissimo... è intrigante, misterioso ed affascinante... mi ha colpito molto questo personaggio! E' un manga molto vivo e vero ed ha una capacità di trascinare le persone a leggerlo impressionante. I personaggi sembrano veri e non rispecchiano la personalità di un cartone animato ma bensì quella di una persona reale che vive per davvero tutte quelle emozioni! Maya rispecchia molto la mia personalità, io la percepisco per davvero e la sento dentro è come se io e lei fossimo una sola anima!
Consiglio a tutti di leggerlo perché credetemi è un manga davvero stupendo che vi trascinerà nella lettura e nella comprensione dei personaggi senza neanche accorgervene come è successo a me! E' un vero capolavoro, complimenti!



kayla
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 7 su 49 --- Voto: 9

Personalmente è il mio manga preferito, la prima volta l'ho visto in tv e mi sono subito appassionata. La protagonista Maja dimostra di avere un carattere forte decidendo di lasciare tutto per seguire la sua passione, ovvero, diventare una grande attrice, in questo sarà fortemente ostacolata dalla madre che non aveva per nulla fiducia in lei. Troverà degli amici sinceri ed un ammiratore misterioso che le manderà sempre delle rose scarlatte, avrà anche una grande rivale con la quale si contenderà il ruolo più importante, quello di protagonista de La dea Scarlatta. Se non lo conoscete vi consiglio vivamente di leggerlo, è istruttivo per certi versi; con questo ho concluso.



mimi-hiwatari
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 42 su 49 --- Voto: 10

Glass no Kamen è uno dei pochi manga che è riuscito ad emozionarmi e farmi piangere. Inizialmente lo lessi riluttante, ma arrivata alla fine del primo volume mi sono letteralmente mangiata i restanti. E' un capolavoro, e anche se solitamente disdegno gli stili shojo, stili classici come questo rimangono nel cuore. Tratta il tema del Teatro in modo assolutamente impeccabile, come si può già scorgere dal titolo originale (che rappresenta la maschera che gli attori indossano sul palcoscenico quando recitano la loro parte). Man mano che la storia prosegue, i personaggi ed i loro sentimenti sono così vivi che sembra quasi di toccarli. Riesce a catturarti dentro, a farti desiderare di essere sul palco come Maya e di recitare con la passione che lei mostra nelle sue vicende. Nonostante la sua lunghezza, non è mai noioso. Un vero gioiello del manga.






Veronica
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 42 su 49 --- Voto: 10

Caspita è troppo lungo! Avevo detto cosi quando mio fratello mi aveva prestato questo manga e sinceramente i disegni non è che mi facessero impazzire, ma poi, cos'è successo??
Mi sono letteralmente innamorata di questo manga e avrei voluto che la storia non avesse mai fine!
Davvero, non avrei mai pensato che anch'io potessi avere l'ansia da palco scenico... questo manga mi ha veramente presa e mi ha fatto essere la protagonista! Veramente consiglio proprio a tutti di leggerlo, anche a coloro che generalmente non amano gli shojo. Indimenticabile!



Elys
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 42 su 49 --- Voto: 9

E' grandioso...
Come hanno già detto ti emozione tantissimo..
Leggi un numero e subito dopo hai voglia di leggere subito l'altro per vedere come andrà a finire... secondo me è un capolavoro... la grafica all'inizio è pesante se non si è abituati, ma dopo tutto scompare t'interessa soltanto la storia...
Veramente molto Bella...
Il problema riusciremo mai a finirlo? Ler nostra sfortuna l'autrice si dice che sia malata... e avendo una certa età... non si sa se finirà o no mai questo grandioso manga...



Gunperga
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 20 su 49 --- Voto: 10

Quello che sento di dire a proposito di questo manga è che tutti ma proprio tutti dovrebbero leggerlo...perchè è a dir poco fantastico...in ogni suo aspetto merita tantissimo e non ti delude mai...ti tiene con il fiato sospeso e ti fa tribolare fino alla fine...non puoi non rimanere affascinata dai personaggi e protagonisti del manga ed immedesimarti nelle loro vicissitudini....unico neo....NON È ANCORA FINITO....E speriamo che la Miuchi si decida a farci felici tutti prima o poi...=__=



betta
Per il manga La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
di genere
Volumetti Letti: 42 su 49 --- Voto: 9

Questo manga è meraviglioso! I sentimenti dei personaggi sono vivi, reali, ti coinvolgono fino a farti immedesimare completamente. Davvero in questo manga si può trovare una parte di se stessi. E' una storia che coinvolge perché è reale; leggendo ritrovo sensazioni che ho provato nella mia vita di tutti i giorni. Molti manga sono storie divertenti e romantiche, ma nessuno mi ha mai comunicato qualcosa con così tanta intensità.


Titolo ExtraPrezzoCasa editrice
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di MayaVisualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 10 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 11 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 12 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 13 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 14 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 15 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 16 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 17 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 18 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 19 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 20 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 21 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 22 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 23 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 24 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 25 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 26 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 27 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 28 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 29 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 30 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 31 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 32 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 33 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 34 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 35 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 36 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 37 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 38 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 39 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 40 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 41 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 42 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 43 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 44 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 45 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 46 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 47 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 48 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics
Il grande sogno di Maya 49 Visualizza dettagli€ 4.20Star Comics

Mi spiace, ma nessuno ha suggerito dei titoli per chi ha apprezzato questo manga.

Se hai un suggerimento e vuoi inserirlo,
dovresti prima registrarti e utilizzare la lista manga.

Manga collegati: Glass no Kamen
in corso: La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya

Anime collegati: Glass no Kamen
Serie TV: Il Grande Sogno di Maya
Serie OAV: Il grande sogno di Maya - La maschera di vetro (OAV)
Serie TV: Il Grande Sogno di Maya (2005)
Serie TV: Glass no Kamen Desu ga
Film: Glass no Kamen Desu ga the Movie: Onna Spy no Koi! Murasaki no Bara wa Kiken na

Altre opere di Suzue Miuchi
in corso: La Maschera di vetro - Il grande sogno di Maya
completato: Suzue Miuchi Best Works

Se hai dei suggerimenti e vuoi esprimerli, ti chiediamo di registrarti e utilizzare la tua Lista Manga.
Grazie :-)
Motore di ricerca interno al sito.
Cerca nel sito:
 
Non riusciamo a capire chi sei!
Inserisci i tuoi dati di accesso:



Non sei registrato?

Registrati!








Ricordati di me


FF-Type0 300X250
Le schede Anime e Manga di AnimeClick.it.
Visita le seguenti schede Anime e Manga:

Forum Lista Anime Flash News

Sito Partners