logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
npepataecozz

Episodi visti: 2/2 --- Voto 3
Nei ritagli di tempo tra una serie e l'altra mi capita spesso di andare alla ricerca di film, OAV o miniserie nella speranza di trovare qualcosa che sia breve ma non per questo poco interessante. Questa ricerca è incoraggiata dal fatto che spesso viene premiata da prodotti con contenuti di un certo spessore. Non è questo, purtroppo, il caso di Switch.

Switch è un poliziesco diviso in due OAV di circa mezz'ora e narra le vicende di due poliziotti (o matori) infiltrati in una banda di narcotrafficanti. Dopo una serie di colpi di scena (o presunti tali, a me sono sembrati imprevisti abbastanza scontati) i due riusciranno solo parzialmente nel loro intento. Pur sgominando la banda, infatti, si lasceranno scappar via il deus ex machina di tutta l'operazione.

Dire che questo anime è risultato deludente non è, a mio avviso, sufficiente. A parte la già citata scontatezza degli eventi, infatti, c'è da segnalare una inconsistenza di fondo sia a livello di genere, sia a livello ci coerenza sia a livello di trama. A livello di genere in quanto nonostante si volesse creare, come ho letto nell'alta recensione, un poliziesco a tinte cupe, sembrava più la storia di Topolino e del commissario Basettoni contro la banda Bassotti; a livello di coerenza in quanto non si capisce come un poliziotto possa spiattellare tutto al primo che capita, o come il capo della banda possa bersi tutte le sciocchezze che gli racconta uno dei due poliziotti per discolparsi ("C'era una trappola nella tua stanza!" - "Oh mio eroe!". È un po' come quando alle elementari si inventa di esser stati poco bene per giustificare dei compiti non fatti).

A livello di trama poi fa proprio ridere: una coltellata finta immagino si noti o, se si è proprio rincitrulliti, si chiamerebbe un medico; ci si presenta ad un colloquio in un centro botanico senza alcuna credenziale ma limitandosi a un generico "mi piacciono i fiori". Questi non sono dettagli, perché tutta la storia può continuare solo accettando compromessi di questo genere. L'unico lato positivo è che alla fine i due protagonisti non si baciano; avrei giurato di sì, tanto paiono effemminati i due (per la precisione: una storia fra uomini non è necessariamente brutta, ma stiamo parlando di un poliziotto che combatte il crimine e che sembra invece una debole casalinga).

Insomma, a mio avviso, non c'è proprio niente da salvare in questo Switch. Non so se ne faranno altri episodi dato che la storia tutto sommato è incompiuta, ma se dovesse accadere lascerò tranquillamente ad altri l'onere di scoprire come va a finire.


 1
Nae

Episodi visti: 2/2 --- Voto 7
Prima di recensire questo anime urge una premessa: ho visto in giro degli spezzoni di questo anime e sono andata a cercarlo affascinata dalle tinte cupe e da come erano realizzati i personaggi. A livello grafico, di colonna sonora, di caratterizzazione merita un 8, forse un 9, ma il punto è che sono due episodi di "nulla". Nulla infatti viene spiegato e per capire bene c he cosa accada serve andare a cercarsi il manga e dargli una bella letta. Quindi do un 7 approssimativo, ma è terribile questa cosa dei due episodi.

Detto quanto passiamo alla probabile trama che, devo ammetterlo, non è facile da raccontare.
La vicenda narrate seguono le gesta di una squadra narcotici, un pochino speciale, visto che si occupa dei casi peggiori e più intricati. Inoltre il modo in cui i membri di tale squadra siano stati reclutati non è chiarissimo (nell'anime questo dettaglio non pensate nemmeno di cercarlo).
Kai e Hal, i due protagonisti, sono, rispettivamente, il novellino (la new entry) e il membro entrato da poco tempo nella squadra in questione. Per ordine superiore i due sono partner, ma da quello che si evince da questi due episodi Kai è parecchio fuori dagli standard. E' un buono convinto e non sparerebbe a nessuno, nemmeno per salvarsi la vita. E' sensibile ed empatico e va sempre in ansia se Hal rischia qualcosa. Insomma, sembra tutto meno che un agente speciale. Hal di contro è prefetto nel suo ruolo: freddo, controllato, capace, assolutamente logico e in grado di reprimere e nascondere pensieri ed emozioni.

Attenzione: la seguente parte contiene spoiler

Ad un certo punto a Kai succede qualcosa... ed ecco lo "switch". Il dolce e delicato protagonista diventa una macchiana assassina incredibile, per poi tornare in sé nuovamente in modalità coccolone puccioso.
Nell'anime questo dettaglio, grande come un palo della luce, è un pochino abbandonato tra gli innumerevoli dubbi che esso lascia, mentre nel manga viene spiegato che cosa succede a Kai e cosa sia lo "switch". In questi due episodi non aspettatevi dunque spiegazioni. Di fatto queste puntate sembrano concepite solo per chi sappia già cosa sia successo e come siano andate le cose. Infatti siamo nel mezzo della storia, non all'inizio e non alla fine. Siamo ad un punto in cui Hal e Kai sono già partner e la squadra già conosce la situazione. Siamo davanti inoltre ad una missione che si conclude con dei morti, qualche arresto e con un fuggitivo un po' speciale. Stop, the end.

Fine parte contenente spoiler

Che dire, una scelta un pochino strana. Potevano impegnarsi e fare qualche puntata in più, dare un senso, far capire qualcosa anche senza il bisogno di ricorrere al manga.
La triste verità è che due episodi così dal niente non possono avere nemmeno la sufficienza. Il mio 7 risiede dunque, come detto all'inizio, nella grafica gradevole, in musiche e temi di apertura e chiusura piacevoli e nel fatto che il piccolo spunto di trama che si intravede meriti davvero. Tuttavia questo voto nasconde la speranza di una continuazione, di vedre altre puntate, altrimenti è un'opera abbandonata a sé stessa, senza capo né coda.
Per chi ha la voglia di guardarsi questi due episodi, consiglio prima di passare dal manga, almeno si capiscono i vari passaggi.