logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
HypnoDisk

Episodi visti: 26/26 --- Voto 7
"Saiyuki Reload Gunlock" (2004) è la terza serie animata dell'opera manga di Kazuya Minekura, tuttora in corso dal 1997 a causa dei gravi problemi di salute dell'autrice, che ne hanno causato una serializzazione estremamente lenta e saltuaria. Dopo questa serie segue una breve serie OAV di tre episodi intitolata "Saiyuki Reload - Burial" (2007).

Con ancora alla direzione Tetsuya Endo con la sua regia operaia (lontanissima da quella di Hayato Date della prima serie) insieme a tutto lo staff del Reload, quest'ultima serie continua a mostrarci l'infinito viaggio verso Ovest da parte del monaco Sanzo e dei suoi compagni demoni e mezzi-demoni Goku, Hakkai e Gojo; questa volta il quartetto dovrà vedersela con l'illusionista Zakuro, e per quasi tutta la durata della stagione con il prete occidentale Hazel e il suo servitore Gato, due vagabondi che se ne vanno in giro ad ammazzare tutti i demoni che incontrano sulla strada. Non mancheranno anche alcune semi-forzate incursioni del gruppo di Kogaiji, il tutto con il misterioso Dr. Ni che trama nell'ombra.

"Saiyuki Reload Gunlock" è solo parzialmente tratto dal manga "Saiyuki Reload", in quanto al tempo della realizzazione il materiale cartaceo era ormai esaurito, così dei ventisei episodi solo sei-sette di essi gli animatori sono riusciti a prenderli dal manga, mentre tutta la saga di Hazel, seppur ispirata al fumetto, ne prende totalmente le distanze. Fondamentalmente Gunlock ha gli stessi difetti del Reload: animazioni piatte e scadenti, musiche anonime eccetto qualche brano (tipo i temi musicali dedicati ad Hazel) e mancanza di sviluppi narrativi consistenti.

Devo dire di aver apprezzato suppergiù quasi tutti gli episodi, sebbene non tutti fossero eccelsi, e alcuni non fossero sfruttati bene fino in fondo, e tanti altri appiattiti dalla regia e dal ritmo sonoro poco incalzante. Mi è piaciuta la sottotrama dell'illusionista Zakuro, la parte migliore della serie. La storia di Hazel e Gato, che comprende tutta la seconda metà della serie, si è rivelata parecchio interessante, tuttavia non tutti gli episodi sono stati sfruttati bene, in particolare il combattimento con Gato è stato molto penalizzato dalla "pezzentaggine" delle animazioni e da alcune ingenuità registiche.

Al contrario, invece, il rapporto tra Hazel e Sanzo l'ho trovato abbastanza suggestivo, d'altronde Saiyuki non ha mai fatto leva sui combattimenti, quanto sulle psicologie dei personaggi. A tal proposito le musiche di Daisuke Ikeda negli episodi finali le ho trovate un po' più ispirate rispetto a più di metà stagione dove risultavano totalmente apatiche. Finale (aperto) carino e prevedibile, piuttosto si rimane nuovamente con l'amaro in bocca per la mancanza di veri progressi nella trama.

Opening orecchiabile, ending anonima. In conclusione "Saiyuki Reload Gunlock" è quasi allo stesso livello della seconda serie, peggiore sotto certi aspetti, e superiore sotto altri. Una piacevole visione se si è fan della serie storica. Il mio voto è un 6,5/7 (un po' regalato). Un peccato che Reload & Gunlock non siano mai giunte in Italia, il doppiaggio italiano meritava davvero.


 2
Londar

Episodi visti: 26/26 --- Voto 5
Come detto già per il Raload anche il Gunlock non mi ha esaltato, al contrario della prima stagione, irraggiungibile per i 2 sequel. Le colonne sonore sono migliori di quelle del Reload ma comunque non troppo orecchiabili. Il disegno e il tratto anche non si salvano, troppo spesso le scene venivano ripetute più e più volte, il tipico "copia e incolla", e inoltre la cura dei particolari e dei fondali è pessima. La storia continua quella della precedente serie e, al contrario della sopracitata, ha una trama abbastanza delineata con una mini saga iniziale, la continuazione appunto, e una saga più lunga che dura fino alla fine della serie. Parlando di queste 2 saghe, la prima è troppo corta, priva di dettagli, fatta quasi come se dovesse essere fatta e basta, la seconda è più delineata ma comunque non si salva. I nuovi personaggi sono orribili, abbastanza ben caratterizzati, ma non raggiungono i livelli di Homura e Kogaiji prima serie. Invece il "Gruppo di Sanzo" rimane un must, sempre uguali, tra alcol, fumo e donne, ma è anche pur questo che piacciono tanto. Una nota anche sui combattimenti che sarebbe meglio non vedere poiché sono vatti veramente male.
Il voto sarebbe potuto essere più basso se non fosse per il grande rispetto che ho per questo anime...


 1
Devil

Episodi visti: 26/26 --- Voto 6
Saiyuki Reload Gunlock è la terza serie di Saiyuki. Devo dire che come giudizio complessivo è sufficiente, anche se scarseggia molto per qualità di animazioni, tratto e trama, della quale si rialza un pò alla metà della serie.
Il gruppo di Sanzo, continuando il suo viaggio verso l'Ovest incontra orde di youkai che cercano ogni volta di sottrarre al monaco il suo sutra, indispensabile a Gyokumen Koushu per risvegliare il re dei demoni Gyumaoh. Il quartetto, dopo varie peripezie fa la conoscenza di Hazel, un monaco con uno strano potere, e Gato, il suo fido compagno di viaggio. Il duo mostra subito il suo reale potenziale, nonché le vere intenzioni di Hazel: il suo potere consiste nel resuscitare i morti inserendo nel corpo le anime degli youkai uccisi per dargli così nuova vita. Il monaco, inoltre, insiste perennemente nel convincere Sanzo a seguirlo nel suo viaggio, ritenendolo un aiuto fondamentale per la sua missione. In tutto questo non mancheranno di certo Kougaiji con i suoi, che aiuteranno Sanzo i suoi nei momenti più critici ma anche ostacolarli nei momenti più propizi.
Di certo la trama è molto scarsa, consistendo per la metà della serie in episodi autoconclusivi che non lasciano per niente spazio a svolgimenti e colpi di scena, risultando piuttosto molto noiosi e monotoni. La seconda metà della serie subisce un discreto rialzo della trama con l'apparizione di Hazel, che però si perde moltissimo nel finale, secondo me per niente sfruttato e elaborato.
La qualità delle animazioni è abbastanza scadente, mostrandoci movimenti a scatti e per niente fluidi raffigurati nel tutto da immagini stilizzate e scarsamente curate nei particolari. Il tutto è condito da colori monotonici, con pochissime sfumature e effetti scadenti e scarsi. Considerando che la seconda serie ha una qualità di animazioni terribilmente scadente, e il tratto lascia molto a desiderare, molto di più di questa serie, l'aspettativa(bassa ovviamente) non viene tradita più di tanto, questo ovviamente se prima di questa di vede la seconda serie, Saiyuki Reload, a parere mio la peggior serie di Saiyuki mai realizzata.
Le musiche sono molto anonime, tranne qualche eccezione, andando così a mancare l'aggiunta di quel particolare coinvolgimento che aiuta a mantenere l'interesse verso l'azione. Tutto questo perciò va a aggiungere così altri punti a sfavore ad una serie che poteva essere sviluppata molto meglio. Rimanendo sempre in campo di musica la sigla iniziale, presentata in due versioni visive, con varianti di immagini dalla seconda metà della serie sono apprezzabili e piacevoli, forse una delle poche note positive dell'anime. Le sigle finali invece sono due, le quali le ho trovate prive di spessore, risultando così siglette molto mediocri.
In tutto a questa serie do un 6, non di più, per il fatto che è indubbiamente superiore alla seconda, anche se non più di tanto, e ha saputo un po' riprendersi verso la fine, ma che ci ha regalato un finale decisamente deludente. Il tratto e le animazioni sono scarse ma comunque piuttosto accettabili(anche se in vari punti risultano addirittura urtosi i metodi per creare certi effetti). Da vedere solo se si è decisamente fan di Saiyuki, anche se devo dire che se non vedete nè questa di serie nè la precedente non vi perdete assolutamente nulla, essendo prive di svolgimenti decisivi per l'esito della serie. Se invece cercate un anime shonen mediocre senza troppe pretese allora forse avete trovato quello giusto.