logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
zarakka92

Episodi visti: 1/1 --- Voto 6
E' il 1993: dopo l'enorme successo, la Toei Animation decide di realizzare un film cinematografico di "Sailor Moon" dal titolo "La Promessa della Rosa". Questo film da appena sessanta minuti ha il compito di esplorare ancora di più il personaggio di Mamoru. Quest'ultimo, all'epoca in cui perse i suoi genitori, conobbe un ragazzino alieno (probabilmente innamorato di lui) a cui dona una rosa. Fiore, ovvero il piccolo alieno, promette a Mamoru che sarebbe tornato un giorno per restituirgli il favore, dandogli molti più fiori. E così avvenne, tuttavia Fiore verrà posseduto da una creatura crudele e spetterà a Sailor Moon insieme alle guerriere Sailor salvare la Terra e la vita di Mamoru.
Questo film presenta delle animazioni fluide e degli ottimi colori sgargianti; riesce ad essere abbastanza appassionante, tuttavia ha molteplici difetti. La non estrema caratterizzazione di Fiore, che risulta una macchietta, una poca esplorazione del rapporto d'amicizia dei due bambini, e una durata non adeguata... con la trama che ha poteva avere una durata accorciata della metà oppure, se ben esplorata, poteva durare anche mezz'ora in più. Tutto sommato un film godibile, consigliato ai fan.


 2
Swordman

Episodi visti: 1/1 --- Voto 9
Questo film, Sailor Moon R - La promessa della rosa, il primo a mandare al cinema le guerriere che vestono alla marina retta, ha assunto negli anni una fama quasi mitica per gli appassionati italiani di Sailor Moon. Esso è stato infatti l'ultimo prodotto del prolifico brand ad uscire in Italia prima del famoso blocco pluriennale dei diritti nonché il primo ad avere un edizione integrale nel nostro paese e ancora l'unico ad avere un doppiaggio fedele all'originale.

La storia, che in futuro farà da modello per i due film successivi, non brillerà per una particolare originalità (si tratta sempre di fronteggiare l'invasione di un alieno malintenzionato) ma riesce comunque ad approfondire tutti i personaggi principali. In particolare è Mamoru quello più direttamente sotto la luce dei riflettori e del quale vengono a galla alcuni dettagli sul suo passato che arricchiscono quanto già emerso nella serie TV. Ma in generale è sul carattere e sui legami che si sono formati fra ciascuna delle Sailor combattenti che si scaverà un pochino più a fondo arricchendo ulteriormente dei personaggi già ottimi.
Il meglio di sé il film lo dà comunque sul piano dei tempi narrativi e del relativo registro con un cadenzamento praticamente perfetto dello svolgimento dei vari momenti che lo compongono e con un attenta distribuzione tra momenti drammatici (un po' prevalenti in questa pellicola) e quelli più divertenti.

Ma brilla ancor di più la fattura tecnica del film. La grafica è indubbiamente bella, sensibilmente migliore rispetto a quella della serie TV cui si riferisce (parliamo della seconda delle cinque realizzate in totale) e forse già proiettata verso i picchi di qualità che Sailor Moon ha registrato nelle sue stagioni più avanzate, con dei colori brillanti e accesi. Animazioni ed effetti speciali sono anch'essi ottimi, ne traggono giovamento particolare gli attacchi utilizzati dalle Sailor anche per via di nuove sequenze d'animazione realizzati per l'occasione.
La musica è mutuata dall'anime televisivo per cui è già di un livello più che buono che migliora ulteriormente per l'aggiunta di Moon Revenge, brano tra i più belli e importanti della discografia di Sailor Moon (tra l'altro è cantata dalle doppiatrici originali riunite sotto lo pseudonimo Peach Hips), incalzante e trascinante nel momento culminante del film oltre ad essere un ottimo congedo quando accompagna lo svolgersi dei titoli di coda.

La promessa della Rosa ritorna dunque in edizione integrale grazie a Dynit, che per l'occasione confeziona anche una versione cinematografica con video in formato anamorfico (16:9) ottimo per i televisori di nuova generazione che conserva la stessa resa dell'originale. Marginali problemini dell'edizione sono un lieve sgranamento in alcuni punti del video e un audio che soffre un po' sulle voci in secondo piano.
Superfluo elogiare le qualità del doppiaggio originale sebbene anche quello italiano non fosse alla fine affatto di basso livello, unica colpa che ha è forse quella di essere stato asservito a un adattamento scellerato.

La promessa della Rosa è, in conclusione, il migliore tra i film dedicati a Sailor Moon ma più in generale è un bellissimo film di animazione che dovrebbe essere visto da ogni appassionato di animazione giapponese che si reputi degno di tale appellativo.


 0
Enid

Episodi visti: 1/1 --- Voto 6
Personalmente mi sono sempre domandata il motivo per il quale Tuxedo Kamen, aka Mamoru Chiba, avesse scelto la rosa come proprio fiore distintivo. Ero infatti convinta che esistesse un altro motivo oltre al fatto che una rosa si abbinasse maggiormente al suo abbigliamento che una margherita o un'orchidea.
Con "La Promessa della Rosa", lungometraggio di sessanta minuti realizzato nel 1993 che vede al centro della scena proprio Mamoru, tutti coloro che come me si erano posti questa domanda riceveranno risposta.

Lo spettatore si troverà parzialmente immerso nel passato del ragazzo, al tempo della morte dei suoi genitori avvenuta per un incidente automobilistico, quando ancora egli era bambino e, ricoverato in ospedale, fece conoscenza e amicizia con Fiore. Anche Fiore è un fanciullo, ma alieno, che sarà obbligato ad abbandonare la Terra in quanto impossibilitato a viverci a causa dell'atmosfera. Prima di andare scambierà però una promessa con Mamoru; gli giura che un giorno ritornerà e che gli porterà un fiore tanto bello quanto quello che Mamoru gli ha donato come regalo di commiato, ovvero una rosa dal colore rosso.
Anni dopo finalmente Fiore riesce a ritornare sulla Terra ed a ricongiungersi con Mamoru. Il bel fiore che però vuole donare come promessa al vecchio amico d'infanzia è pero una pianta malvagia chiamata Xenian, che per sopravvivere si nutre dell'energia vitale dei terrestri. Così le Sailor Senshi capeggiate da Usagi nei panni di Sailor Moon saranno costrette a intervenire per sconfiggere Xeniane riportare la tranquillità sulla Terra.
Un trama classica, senza molte sorprese, ma che comunque si racconta al meglio nei sessanta minuti del film.

Anche se non sono un'esperta posso certamente affermare che, per essere all'inizio degli anni novanta, dal punto di vista grafico "La Promessa della Rosa" è veramente un prodotto ben realizzato. Se inoltre alla parte grafica aggiungiamo anche le musiche il risultato saranno scene suggestive come quelle della battaglia svoltasi nello spazio dalle Sailor Senshi e Xenian sul meteorite di quest'ultima.

Bisogna infine aggiungere che nel 1996 la Mediaset ne comprò i diritti realizzando un prodotto (che uscì anche in VHS) poco fedele all'originale e censurando non solo i nomi dei personaggi (un classico) ma anche le musiche originali e naturalmente i riferimenti alla possibile omosessualità di Fiore. Per questo motivo consiglio quindi a chiunque decidesse di donare un'ora del proprio tempo a quest'opera di visionare la versione originale giapponese, della quale si resterà molto più soddisfatti.


 1
Mitsuki_92

Episodi visti: 1/1 --- Voto 10
Eccomi qui a recensire il film di "Sailor Moon" che mi è più piaciuto: "Sailor Moon R - The Movie", ribattezzato "La promessa della Rosa".

Il film inizia con un flashback: Mamoru, piccolo, è in ospedale, ha perso la memoria a causa di un incidente stradale. È solo, i genitori sono deceduti. A consolarlo c'è un ragazzino, strano, sinistro. Mamoru per ringrazialo gli dona una rosa, e l'altro gli promette che al suo ritorno gli porterà un fiore bellissimo.
Presente: Usagi, con le sue amiche e Chibiusa, fanno una visita all'orto botanico, in compagnia di Mamoru. Ad un tratto una pioggia di petali di ciliegio infesta il paesaggio e fra i petali si scorge un ragazzo, che sembra conoscere Mamoru. Usagi infastidita dalla confidenza che il ragazzo aveva con il suo Mamo, si dichiara essere la sua fidanzata e il misterioso ragazzo, colto da un momento d'ira, la scaraventa per terra e poi svanisce nel nulla.
Questo è solo il prologo di una minaccia ben più grande della semplice gelosia: la minaccia contro la Terra questa volta è un meteorite dominato da un essere di nome Xenian, che si manifesta sulla Terra come una pianta "assorbi energia vitale". Le Guerriere Sailor intervengono, sconfiggono un demone, ma quando giunge una figura misteriosa le parti si capovolgono. Sailor Moon riconosce nella figura, il ragazzo che aveva visto qualche giorno prima. È potente, e sembra essere dominato da Xenian, alle apparenze un innocuo fiore rosa. Sailor Moon sta per avere la peggio, ma Tuxedo Kamen interviene, lanciando la sua famosa rosa rossa che blocca all'istante il ragazzo, impietrito. Mamoru così capisce che quel ragazzo è Fiore, quel bimbo che tempo addietro l'aveva consolato. Adirato contro Usagi, tenta lo stesso di eliminarla, ma Mamoru le fa scudo con il corpo e rimane ferito. Fiore sconvolto dal gesto del suo unico amico, lo rapisce e porta con sé, sotto gli occhi dell'inerme Sailor Moon.

La storia è davvero molto bella, ben articolata e animata. Il film fila liscio, è scorrevole e non annoia. I colpi di scena non mancheranno di stupirvi e di farvi sussultare dalla sedia. Ce la farà Sailor Moon a liberare il suo amato?
La vera protagonista di questa storia non è la solita Usagi, ma credo sia proprio l'amicizia. L'amicizia che può sconfiggere i confini della realtà. L'amicizia fra un umano e un alieno, fra due bambini completamente diversi alle apparenze, ma che condividono lo stesso dolore: essere soli al mondo. La fortuna di Mamoru è che accanto a sé ha Usagi, che lo protegge e gli dona calore. E in più vi è l'amicizia e l'affetto che Usagi prova per le sue amiche, che la porteranno, verso alla fine del movie, a gesti sconsiderati pur di salvarle.

L'animazione è davvero ottima, i colori sono accesi, vivi, i disegni sono migliorati rispetto alla serie da cui è tratto. Complessivamente è uscito un ottimo risultato. Trama di base, componente romantica, fantastica, in pieno stile "Sailor Moon". Non posso che dare 10 a questo primo film, ha davvero tutti gli elementi che più mi piacciono. Se vogliamo dirla tutta, è semplice come trama, ma il "come" viene narrata cambia tutte le carte in regola!
Consiglio a tutti i fan di vedere questo film. Non vi deluderà, promesso!


 0
Marco23111988

Episodi visti: 1/1 --- Voto 7
Sailor Moon R - La promessa della rosa è un lungometraggio ispirato chiaramente alla seconda serie, visto che è uscito in quel periodo, ma la trama non ha niente a che fare con la serie anime, e questo risulta chiaro in alcune scene; ad esempio, in questo film Marzio rivela a Bunny il suo passato, ma in realtà Bunny ne era già al corrente dalla prima serie. Comunque, il fatto che il film non abbia a niente a che fare con la serie o il manga non abbassa affatto la sua qualità, anzi, meglio questo film che molti episodi delle 5 serie TV.

La prima caratteristica da sapere dei film è che mettono in secondo piano le protagoniste per approfondire i personaggi secondari, che pur apparendo in quasi tutti gli episodi della serie, erano comunque poco approfonditi. In questo film si approfondisce il personaggio di Marzio (Mamoru Chiba in Giappone) alias Milord (conosciuto in Giappone come Tuxedo Kamen): si scopre che, dopo la morte dei suoi genitori, in ospedale fece amicizia con un ragazzino, in realtà proveniente da un altro pianeta. Fu l'inizio di una grande amicizia, che si concluse con la partenza di questo alieno chiamato Fiore dal pianeta Terra, i quale, andandosene, promise a Mamoru di tornare e regarargli un fiore. Anni dopo Fiore torna sul pianeta Terra per dare il fiore a Mamoru, ma aggredisce le guerriere Sailor. In realtà Fiore durante gli anni trascorsi nello spazio, fu manipolato da un vegetale parassita chiamato Xenian che gli ha manipolato la mente rendendo Fiore geloso del rapporto tra Sailor Moon e Tuxedo Kamen.

Il film è molto interessante perché mostra questo strano rapporto tra Mamoru e Fiore, un'amicizia molto bella e profonda, dimenticata da tempo dal nostro eroe in maschera, tuba e smoking; comunque, come si scopre alla fine, i ricordi di Fiore su quello che successe tra lui e Mamoru sono stati manipolati da Xenian e perciò nel finale si scoprono certe cose eliminate dalla mente sia da Mamoru che da Fiore.

Quanto alla grafica, posso dire che a me i disegni dell'anime e dei film di Sailor Moon sono sempre sembrati sempliciotti, anche per un anime degli anni '90. Non so, mi sembra che le ambientazioni siano al quanto prive di dettagli ma realizzate approssimativamente, senza una vera cura.

Film comunque consigliatissimo, sopratutto a chi ama la serie animata e il manga di Sailor Moon.


 1
The Narutimate Hero

Episodi visti: 1/1 --- Voto 10
Sailor Moon R - La Promessa Della Rosa è il primo lungometraggio dedicato alle guerriere che vestono alla marinara, e può essere cronologicamente inserito nella seconda parte della serie R, certamente dopo l'episodio 77 dato che Usagi e Mamoru sono di nuovo insieme.
Durante una gita di gruppo in un giardino botanico, le nostre vengono avvicinate da un tipo sospetto, che si rivolge a Mamoru chiedendogli se si ricorda di lui.
Il giorno dopo Tokyo è sotto attacco; che ci sia un legame con quel misterioso individuo, e con il meteorite in avvicinamento alla terra di cui parlavano i TG la sera prima?

Tecnicamente parlando la Toei ha fatto un ottimo lavoro, le animazioni, i disegni e i colori sono spettacolari; stona un po' la base dei cattivi in computer grafica, ma più che altro perché si tratta pur sempre di computer grafica datata.
Anche musicalmente parlando, le Sailor non deludono i loro fan, con sottofondi musicali cantati e non, veramente ottimi e d'impatto.
Il film è disponibile in due versioni italiane: una è quella Mediaset, con le doppiatrici della serie storica, i relativi cambi di nomi e le censure.
La seconda è quella Shin Vision, con doppiaggio romano e per la precisione con Federica De Bortoli nei panni di Usagi, Massimiliano Manfredi nel ruolo di Mamoru, Domitilla D'Amico su Ami, Giorgia Lepore su Rei, Stella Musy su Makoto e Ilaria Latini su Minako. Il tutto integrale e fedele all'originale.
Il film risulta, infine, molto bello e godibile, con una trama che gode di un crescendo di suspense fino all'apocalittico finale.

I fan delle Sailor lo apprezzeranno senz'altro e per gli altri, a meno che non siano allergici al "Majokko Sentai", si tratterà di una visione piacevole.
Voto finale 10, visto l'ottimo lavoro e, soprattutto, il fatto che sia perfettamente in linea con la serie di riferimento.


 0
Yasha

Episodi visti: 1/1 --- Voto 7
L'ho visto esattamente ieri sera e devo dire che non era proprio come me lo aspettavo.
Il film e' tratto dall'omonima manga e serie di Naoko Takeuchi riproposto in versione ridotta e trasportata in film dal titolo Sailor Moon R La Promessa Della Rosa.
Il film colpisce innanzitutto per la sua sorprendente brevita', durera' non piu' di un'ora circa, e in questo poco tempo ci ritroviamo davanti ad un solo e unico argomento, una rosa simbolo di amicizia tra Mamouru (il fidanzato di Sailor Monn/Usagi) e Fiore, un nemico del Team.
Gli adattatori Italiani hanno deciso di tenere i nomi originali non cambiandoli e non effettuando nessun tipo di censura ne' audio ne' video, facendo trasparire completamente gli strani e ambigui sentimenti che Fiore ha per Mamouru. Questi le aveva regalato un fiore quand'era piccolo ed aveva alloggiato in un ospedale da poco perche' i suoi genitori erano morti in un incidente stradale; Fiore, colpita, gli aveva promesso che un giorno sarebbe tornato lui con un regalo.


A livello grafico e tecnico Sailor Moon si dimostra eccellente in molti aspetti, innanzitutto nei disegni sorprendentemente curati dei volti delle protagoniste.
Considerando comunque che e' un film del 1993 si nota che anche i fondali e le trasformazioni sono davvero fatti bene.

Lo spessore e la caratterizzazioni dei personaggi vacillano tra lo stereotipo e la prova di farli originali, soprattutot se si tiene conto di Fiore, un personaggio che vuole apparire cattivo e crudele, ma che lo è solo a causa del fiore di Xenedia che le controlla l'anima, in quanto, in realta', vuole solo catturare l'affetto del suo amico per ricambiarlo.

Sailor Moon R la promessa della rosa e' un film carino anche se troppo corto.


Bye Yasha 12/10/09 5:22



 1
Kotaro

Episodi visti: 1/1 --- Voto 9
Sailor Moon R non è propriamente la meglio riuscita, tra le cinque serie che compongono la serie di Sailor Moon.
Eppure, durante la sua trasmissione, nel lontano 1993, uscì nei cinema giapponesi un lungometraggio animato tratto da questa serie R, che ha inaugurato una fortunata tradizione durata ben tre anni, e che, dei tre film animati ispirati al manga di Naoko Takeuchi, si rivelò essere senza dubbio il migliore.

Al centro della storia, una rosa.
Gli spettatori giapponesi che nel 1993 andarono al cinema a vedere questo film, avevano già avuto più di un anno di tempo per familiarizzare con Tuxedo Kamen, il bel "principe azzurro" che, vestito con un bizzarro ed elegantissimo smoking, che aiuta e salva le guerriere dai pericoli attaccando i mostri con coreografiche rose rosse che sfidano tutte le leggi della natura e della fisica.
Ebbene, "La promessa della rosa", il film da noi preso in esame, si incentrerà proprio su Tuxedo Kamen/Mamoru Chiba e sul perchè sia diventato uno spettacolare spacciatore di rose.
Vedremo, infatti, più nel dettaglio l'incidente stradale che gli tolse la famiglia, quando era bambino, che già avevamo avuto occasione di ammirare come flashback nella prima serie animata, e conosceremo Fiore, un alieno vagabondo giunto per caso sulla Terra ai tempi dell'infanzia di Mamoru, e che con lui strinse amicizia.
Al momento di ritornare nello spazio, a causa dell'atmosfera terrestre a cui il suo organismo non era abituato, Mamoru regalò a Fiore una bella rosa rossa. L'alieno, colpito dal gentile gesto, promise a Mamoru che sarebbe tornato sulla Terra, un giorno, e che, per ringraziarlo, gli avrebbe portato in regalo il fiore più bello che sarebbe riuscito a trovare.
Passano gli anni, e Fiore mantiene la promessa, ritornando sulla Terra per portare a Mamoru il bellissimo fiore che gli aveva promesso. Peccato che si tratti di un fiore Xenian, una pianta parassita che prende possesso dell'anima dell'alieno, sfruttando i suoi ricordi e sentimenti per metterlo contro Mamoru stesso e per spingerlo a distruggere la razza umana che "aveva lasciato Mamoru da solo" e a rapire il suo amico per salvarlo dalla distruzione del pianeta.
All'amata Usagi/Sailor Moon e alle compagne Ami/Sailor Mercury, Rei/Sailor Mars, Makoto/Sailor Jupiter e Minako/Sailor Venus il compito di salvare il principe dal rapimento e il pianeta Terra dall'annientamento.

A livello di eventi, La promessa della rosa non è troppo dissimile da un classico episodio della serie, malgrado la durata doppia: avremo quindi i soliti siparietti comico-quotidiani, la parentesi sentimentale, le trasformazioni e gli attacchi, il lancio della rosa, lo scontro con i demoni minori e così via. Addirittura si ripescano alcuni leitmotiv ed eventi specifici della serie, come gli episodi finali della prima serie animata, di cui sono state riprese alcune tematiche e persino alcuni fotogrammi.
Tuttavia, pur nella sua semplicità, La promessa della rosa riesce a creare una buona trama e a proporre dei buoni personaggi. Fiore, seppur mutuato graficamente da Ail ed En (due personaggi creati dagli sceneggiatori dell'anime per i primi episodi della serie R), ha un'ottima caratterizzazione. Riesce ad inquietare nei momenti in cui si lascia andare ai perversi poteri del fiore Xenian, e fa invece tenerezza nel suo voler semplicemente ricercare l'affetto del suo unico amico Mamoru, in ricordo di quella bella rosa rossa che lui gli regalò (e che è davvero il fulcro di tutta la trama, dato che collega Fiore, Mamoru/Tuxedo Kamen e Usagi/Sailor Moon, il passato e il presente).
Malgrado la scarsa durata, si riesce a dare anche un buon ruolo, toccante e determinante nel finale, alle quattro guerriere comprimarie, oltre alla sempre ottima Usagi, che nell'arco di un'ora vediamo impegnata in gags divertenti, in momenti seri e parecchio drammatici.

La promessa della rosa è un film completo, che unisce umorismo, amore, azione e dramma, convogliando l'attenzione dello spettatore e trascinandolo verso una parte finale estremamente coinvolgente e toccante, che rischia di far versare parecchie lacrimuccie a chi guarda.
La grafica, essendo una produzione cinematografica, è curatissima e spettacolare, ancor più della già ottima serie R a cui si appoggia. Le animazioni sono fluide e spettacolari, i colori vividi e le sequenze di trasformazione e di attacco delle guerriere sono state rifatte per attenersi alla nuova grafica e non semplicemente "copincollate" dall'anime.
Splendido come sempre il doppiaggio giapponese, tra i quali spiccano una sempre eccelsa Kotono Mitsuishi/Usagi e un sempre serissimo Toru Furuya/Mamoru.
Il comparto sonoro, poi, è davvero una delle cose migliori di questo lungometraggio. I temi musicali che accompagnano le trasformazioni delle guerriere e i loro attacchi sono stati rifatti (se si ha presente la serie animata, la differenza appare lampante) con molta cura, e una menzione d'onore va a "Moon Revenge", la canzone portante del film, cantata dalle cinque doppiatrici delle protagoniste e presente, sia in versione estesa a fare da splendido accompagnamento alle scene finali, sia in versione carillon nei momenti più intensi del film. E' una canzone d'amore davvero ritmata e piacevole da ascoltare, che riesce a coinvolgere lo spettatore come sottofondo alla bellissima parte finale
del film.
In apertura, poi, la classica "Moonlight Densetsu", la sigla d'apertura delle prime quattro serie animate.

Ignoriamo la versione spezzettata in più episodi e con parecchi tagli (Pensavate che avrebbero lasciato le canzoni in giapponese e i piccoli riferimenti alla presunta omosessualità di Fiore?) della Mediaset, e dispiaciamoci però che i diritti della serie siano attualmente bloccati e che così si è dovuto ritirare dal commercio il pregevolissimo dvd realizzato dalla Shin Vision, fedele in tutto e per tutto alla versione originale e comprensivo di parecchi extra, tra cui lo special "Make Up! Sailor Senshi!" che era stato proiettato nei cinema in apertura al film.
Preghiamo affinché l'autrice sblocchi i diritti della serie per l'estero così da poter godere anche noi di una giusta versione italiana di questo bel lungometraggio, che un fan delle guerriere in marinaretta non può assolutamente farsi scappare e che è un ottimo apripista per chi volesse approcciarsi alla visione della serie.
Il mio voto sarebbe 8 e mezzo, ma arrotondo in eccesso per distinguerlo dalle votazioni che darò ai film successivi.


 1
Catulla

Episodi visti: 1/1 --- Voto 8
La Promessa della Rosa.
Con questo titolo il primo film di animazione è stato trasmesso in Italia. Il film è molto denso e ben disegnato ed animato, molto belle le animazioni, i volti delle guerriere sono i più belli che abbiamo mai visto finora.
Nella storia, che si articola secondo lo schema classico delle trame dell'anime, non mancano i momenti di humour che sono tipici di Sailor Moon, e che sempre strappano un sorriso.
Molto bella la storia che scatena la battaglia... un'amicizia d'infanzia che lega Marzio/Mamoru bambino ad un misterioso essere alieno che presenta forti somigliane con Ale, uno degli antichi nemici di Sailor Moon.
La nostra paladina riesce a proteggere nuovamente la Terra dalla minaccia di un nemico affranto dalla solitudine grazie all'amore e all'amicizia, temi che sono propinati ripetitivamente e che già ritroviamo costantemente nelle serie televisive.
Tuttavia la ripetitività dei temi e lo schema predefinito secondo cui si svolgono le solite vicende non tolgono punti ad un lavoro ben realizzato sia per quanto riguarda la regia, che per l'animazione. Per gli appassionati delle cinque paladine è un ottimo lavoro.