logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Scarlett7

Episodi visti: 13/13 --- Voto 2
"Baka to Test to Shokanju" è una di quelle serie di cui non consiglierei mai la visione a nessuna persona sana di mente.
La serie, prodotta dalla Silver Link in un momento di evidente debolezza, consta di ben tredici episodi composti per una buona parte da demenzialità, mentre le restanti componenti sono noia, sonnolenza e 'facepalm'.
Il concept di base è buono, l'idea è molto originale, mai usata fino ad ora in una serie!
Il problema di fondo è che, anche se i combattimenti sono piuttosto interessanti, una parte di questi si conclude in maniera piuttosto prevedibile, ma un'altra parte si conclude in maniera assurda, mediante espedienti totalmente ridicoli e, come se ciò non bastasse, si svolgono soltanto in alcuni episodi, riempendo la serie di banalità e demenzialità che difficilmente divertono lo spettatore.
I personaggi della serie sono anche loro un grosso problema, essendo non pochi, ma parecchio sopra le righe e per niente divertenti, poiché sono solo dementi (tutti i ragazzi) o solo tsundere (tutte le ragazze). Ovviamente, quasi tutte le ragazze sembrano aver maturato un interesse nei confronti del protagonista e non si sa bene quale sia il motivo.
Il finale è un completo buco nell'acqua, più assurdo e stupido di così non si può!
Della serie salvo solo il disegno, molto bello, con attenzione ai particolari e colori molto accesi; mi è piaciuto.
La opening e la ending non riescono a colpirmi più di tanto, ma sono decisamente perfette per una serie così scadente.
Voto senza indugi: 2.


 0
fedelic

Episodi visti: 13/13 --- Voto 7,5
Serie molto divertente con livelli di demenzialità mai vista prima, in cui assistiamo alla presenza di personaggi con spiccati livelli di demenzialità, tali da non riuscire a distinguere i geni dagli idioti (in quanto i primi si comportano come i secondi e i secondi si comportano come i primi, in determinate circostanze). La serie si concentra sulla vita di uno studente che sta nella classe peggiore, dove sono raggruppati quelli che sono classificati come idioti, e la collocazione avviene in base a determinati test. La cosa particolare è che le varie classi possono sfidarsi in battaglie virtuali per potersi scambiare i privilegi (classi migliori, ambiente più confortevole, ecc.) usando i propri avatar che hanno un punteggio in base ai punteggi dei loro test. Con questa particolarità, assisteremo a delle battaglie veramente esilaranti dove se ne vedono di cotte e di crude per vincere, riuscendo a coinvolgerti in esse. Devo comunque aggiungere che se questo era la cosa che lo contraddistingueva come serie, il problema è che è stato usato solo all'inizio e alla fine della serie, mentre nel mezzo sono stati messi episodi di vita quotidiana dove assistiamo ad amori segreti, non corrisposti (con conseguenze sadiche, passatemi il termine) e via dicendo (potete immaginarlo). Non dico che questi episodi intermedi non ci sarebbero dovuti essere, altrimenti solo battaglie sarebbe stato troppo noioso, ma credo che sarebbe stato meglio fare qualche episodio incentrato sulle battaglie seguito da episodi di transizione ad una altra battaglia, non come hanno fatto in realtà (dove hanno diviso tutto in due mega-blocchi). Per quanto riguarda i personaggi, devo dire che ognuno ha un suo carattere ben definito, e ne vengono esaltati i punti di forza ma anche i punti di debolezza; inoltre, ognuno ha un proprio livello di 'cretinaggine' (ahahah) che te li fa rimanere molto simpatici. Ho trovato i disegni accettabili, i personaggi disegnati bene e le ambientazioni delle varie classi definite nei dettagli, anche se alcune ambientazioni all'esterno potevano essere rese meglio. Le ending e le opening le ho trovate molto carine, soprattutto la ending, che ha un ritmo molto coinvolgente.
Per chi ha voglia di vedere un'opera con alto tasso di demenzialità, ma non vuole rinunciare alle tipiche situazione amorose, dove viene comunque aggiunto un pizzico di idiozia, questa serie è apposta per voi. Sulla fiducia che do a questa serie nel correggere questi piccoli errori, gli do un 7,5.
Buona visione!


 1
Kida_10

Episodi visti: 13/13 --- Voto 6
"Baka to Test to Shokanju" è una serie composta da tredici episodi di durata canonica, prodotta nel 2010, e tratta dall'omonima light novel scritta da Kenji Inoue e illustrata da Yui Haga.

La storia è ambientata in una particolare e rinomata scuola superiore dove gli studenti sono assegnati a una classe in base ai propri risultati. La classe "A", che vanta quindi i migliori elementi dell'istituto, è un vero e proprio lusso, e non si fa mancare nulla, mentre la classe "F" è un miracolo che non sia ancora crollata, o che gli scatoloni di cartone utilizzati come banchi, non siano volati fuori dalla finestra spinti da un colpo di vento. Ovviamente i protagonisti della storia saranno gli studenti di quest'ultima classe malfamata, che attraverso il particolare sistema di combattimento ideato dalla scuola per stimolare lo studio, non esiteranno a sfidare le altre per migliorare la propria posizione.

L'idea di base sulla quale si fonda la trama è piuttosto originale, e soprattutto azzeccata per costruire una commedia a sfondo scolastico. I personaggi sono ben caratterizzati e divertenti, compongono un gruppo ben congegnato e in grado di creare delle situazioni al limite della normalità che riescono a divertire lo spettatore.
Dopo queste due premesse, essendo "Baka to Test to Shokanju" una semplice commedia, si potrebbe pensare che il grosso sia fatto, e invece la serie presenta a mio avviso un grosso difetto: la trama è praticamente inesistente. Anche se non è un elemento essenziale per un'opera di questo tipo, che si pone come unico obbiettivo quello di divertire lo spettatore, l'assenza quasi completa della trama rende la visione pesante e a tratti persino noiosa. Anche l'evoluzione dei personaggi e dei loro rapporti è praticamente nulla.

Tecnicamente un lavoro discreto, nella norma. Graficamente un buon design dei personaggi si accompagna a delle animazioni piuttosto fluide e delle ambientazioni sufficientemente dettagliate, anche se non molto varie. Il comparto sonoro propone un ottimo doppiaggio e delle OST azzeccate. Opening e Ending orecchiabili, ma si scordano subito. Il finale è ovviamente inconcludente, ed è già stata prodotta una seconda stagione che si pone come sequel.

In conclusione "Baka to Test to Shokanju" è una serie si divertente, ma a tratti veramente noiosa. Ogni episodio è praticamente autoconclusivo, e se non si trova piacevole la storia presa in esame, il tempo sembra non passare più. Se siete alla ricerca di una pura commedia spinta agli estremi della demenzialità, allora consiglio la visione, in caso contrario lasciate perdere.


 0
Helki

Episodi visti: 13/13 --- Voto 6
"Baka to Test to Shoukanjuu" è un serie anime composta da due stagioni di tredici episodi entrambe (e due OAV che narrativamente sono tra la prima e la seconda stagione)
Trama: la storia narrerà le avventure quotidiane di alcuni studenti che frequentano una scuola "meritocratica", più i voti sono alti meglio sarà, perché solo gli studenti con i voti migliori potranno frequentare le sezioni migliori; partendo dalla sezione A, dove gli alunni siedono su poltrone e hanno accesso alle migliori attrezzature e comodità, arriviamo alla sezione F dove ci si siede per terra, c'è la polvere e gli studenti sono dei casinisti.
Ovviamente i nostri protagonisti saranno nella sezione F (chi per i voti e chi per sfortunati eventi) e insoddisfatti della loro situazione daranno battaglia alle altre sezioni per conquistare qualche confort, tutto ciò con degli avatar virtuali la cui potenza deriva dai voti dei loro proprietari.

Un'opera davvero divertente con un sacco di personaggi discretamente caratterizzati, ben accoppiati e diversificati; l'idea a base della trama mi è piaciuta molto, dare agli studenti uno stimolo a prendere voti alti per raggiungere una vita migliore lo trovo un buon messaggio (tutti quanti si impegnerebbero per raggiungere gli agi della sezione A se solo fosse reale...).
Con scene che spaziano dal demenziale, all'ecchi, al sentimentale, allo strategico, all'action direi che "Baka to Test..." offre un'ottima varietà di intrattenimento.
Dal punto di vista tecnico abbiamo una serie qualcosa sopra la media, con una buona grafica e dei disegni dei personaggi che renderanno piuttosto "pucciosi" pure i personaggi maschili (Oh, you Hideyoshi!), una nota positiva va anche agli effetti della realtà virtuale creata dagli avatar.
Un lato negativo in quest'opera c'è... anzi due: il primo è che è inconcludente, quindi anche alla fine della seconda stagione non avremo una reale risoluzione delle situazione dei vari personaggi. Il secondo punto invece se lo aggiudicano i combattimenti tra gli avatar che per quanto simpatici siano mancano un po' di logica, perché dovrei sudare per voti alti quando poi mi basterà essere "skillato" nel muovere il personaggio per battere nemici con un livello maggiore? Ma forse questa cosa turba solo i giocatori di RPG a turni...

Consigliato se cercate una buona commedia che riesca effettivamente a far ridere senza cercare di rendere le cose troppo elaborate; ecchi, strigliate e un po' di sana violenza sui personaggi maschili saranno alla base della comicità. Considerate la mancanza di un finale prima di decidere se vederlo ma per quanto mi riguarda non ne ho sentito la mancanza come in tanti altri anime.

Voto personale: 6
Voto oggettivo (per quanto possibile) nel genere: 7


 0
kurobato

Episodi visti: 13/13 --- Voto 7
"Baka to Test to Shokanju" è un comico che secondo me andrebbe visto nei momenti in cui ci si vuole riposare, magari dopo aver visto qualche anime con una trama molto complessa o ,più in generale, dopo aver fatto qualcosa di stancante.
La trama è interessante anche perché Baka to Test non è il classico anime scolastico, è qualcosa di molto particolare. Come difetto però c'è da dire che, dopo un po' che si vede questo anime, la trama inizia a diventare monotona. Quindi nel complesso darei un 6.5.
Riguardo ai personaggi nessuno che rimanga impresso facilmente, però restano comunque interessanti e spesso divertenti. Alcuni li ho apprezzati particolarmente, altri invece non tanto perché erano fastidiosi o già visti e rivisti. Darei un 6.5 anche ai personaggi.
L'aspetto grafico e sonoro è buono, ma non il migliore. Sia il disegno dei personaggi sia le animazioni mi sono piaciute molto. Se si parla dal punto di vista sonoro questo anime non è proprio il massimo. Sia la opening sia la ending sono orecchiabili ma stancano facilmente. Riguardo alle OST non ne ricordo nessuna in particolare. Il mio voto per questo aspetto è 6.5.
La scorrevolezza è uno dei punti forti di questo anime, presenta tantissime scene divertenti che spesso mi hanno fatto rotolare per terra dalle risate. Per quanto la comicità si possa definire banale, resta comunque molto piacevole, e gli episodi risultano davvero scorrevoli e perfetti per rilassarsi. A questo aspetto darei un 8.5.
Il mio voto complessivo è dunque un 7. Se avete intenzione di guardare questo anime solo per rilassarvi e ridere di gusto ve lo consiglio vivamente. Se invece sperate in un'anime romantico con una storia d'amore complessa e intricata evitatelo, perché non potreste apprezzarlo.


 1
Disillusion

Episodi visti: 13/13 --- Voto 7
Traducibile come "L'idiota, le verifiche e le evocazioni", l'opera è una commedia scolastica pseudo-futuristica, che sembra quasi fare un po' da parodia ai ceti delle classi sociali.
Il protagonista è Yoshii, che sarebbe "l'idiota" citato nel titolo, insieme a lui ci sono altri sei personaggi principali tra maschi e femmine, quasi tutti sedicenni frequentati il secondo anno della scuola superiore. Prima ho scritto "pseudo-futuristica", ma in realtà la storia è ambientata nello stesso anno in cui è andata in onda la serie, ovvero nel 2010, tuttavia nell'anime sono presenti elementi futuristici, o se si preferisce, è presente la tecnologia di un mondo alternativo. La scuola frequentata dai protagonisti è suddivisa in sei sezioni che vanno dalla "A" alla "F", gli studenti della "A" sono quelli con i voti migliori e possono godere di lusso e privilegi superiori rispetto alle altre categorie, mentre la sezione "F" comprende tutti gli studenti con i voti peggiori, ed oltre ad essere la classe con meno privilegi, è anche quella con le attrezzature scolastiche più scadenti ed economiche.
Il nostro "idiota" appartiene ovviamente alla sezione F, e l'anime prevede dei combattimenti di gruppo tra le varie classi delle diverse sezioni. Questi combattimenti avvengono utilizzando delle evocazioni virtuali di avatar chibi e pucciosi, da far combattere tra di loro utilizzando abilità magiche come se si trattasse di un videogioco PvP, tra il fantasy e il picchiaduro.
Yoshii, stanco delle profonde differenze tra le sezioni "F" e "A", decide di iniziare una sfida tra le due sezioni. Sfida che sembrerebbe improponibile date le profonde differenze di skill e abilità dei componenti delle due classi. L'anime è quindi una sfida tra le due classi, ma il tutto viene diluito e rallentato dalle tante situazioni divertenti anche al di fuori della scuola, che vedono il gruppo principale di amici della sezione "F" combinarne di tutti i colori.

Considero questo anime come assai sopravvalutato, a partire dalle scene divertenti e ritenute spassose, che io non ho trovato gran chè e anzi spesso mediocri, tuttavia qualche buona trovata è presente, ma in minima parte secondo me. L'altro guaio è sulla sua presunta originalità: a me infatti non è sembrato molto originale a dirla tutta, si tratta infatti di una normale commedia scolastica con l'inserimento di elementi virtuali alla Yu-gi-oh! e simili. Comunque la valutazione dell'anime dipende molto dal fatto che faccia ridere o meno. A me ha fatto ridere ben poco e non mi ha lasciato molto su cui riflettere.

Devo ammettere però che l'anime gode di un comparto tecnico decisamente al di sopra della media. Disegni e animazioni sono ottimi, in particolar modo mi è piaciuto molto il disegno dei personaggi, davvero bello di alta qualità, e poi anche a livello di suoni e musiche è stato fatto un buon lavoro, devo dire che esteticamente è uscito un bell'anime, a livello di contenuti può piacere, ma solo se riesce a far ridere, il che non è così scontato. Assegno un generoso 7, e solo perchè sono abituato a tenere molto in considerazione l'estetica oltre che i contenuti, che secondo me in questo caso non sono eccelsi, e anzi appena sufficienti. Consiglio l'anime a chi è abituato a seguire le commedie scolastiche, e a chi ha la risata facile.


 0
KenRen

Episodi visti: 13/13 --- Voto 9
Bello, divertente e ben realizzato! Certo stiamo parlando di un anime comico/demenziale, ma, tra tanti del genere, "Baka to Test" ha il buon gusto di non cadere mai nella banalità spicciola di altri suoi simili, e soprattutto ogni puntata lascia un sorriso in volto.
La trama è davvero semplice (se volessimo trame più ricercate di certo non andremmo su questa categoria), quindi, valutando oggettivamente l'opera per quello che è, non si può dire davvero nulla di male. In sintesi, siamo all'interno di una scuola molto speciale, divisa in sezioni dalla A alla F, che in ordine decrescente ospitano gli studenti più meritevoli; ovviamente anche i comfort e i servizi viaggiano di pari passo. Come prevedibile, siamo in compagnia della F class, abitata dai soggetti più dementi e senza buon senso di tutto l'istituto, ma in questa classe l'intelligenza sembra essere inversamente proporzionale alla simpatia. Lo scopo della nostra classe di inetti sarà quello di scalare la vetta e raggiungere lo sfarzo della A class; senza neppure doverlo dire, i metodi adottati sono alquanto comici e rendono l'opera davvero un bel passatempo, che non può altro che rendere lo spettatore un piccolo tifoso dei nostri protagonisti.

Tutti i personaggi sono davvero ben caratterizzati, ognuno con le sue peculiarità dà ad ogni gag e siparietto un motivo per ridere, senza dover ricorrere a linguaggi scurrili o sconci, che al contrario fanno il 90% del divertimento di altre opere; qui infatti troviamo una pura comicità, adatta a tutti, e che non annoia in nessuna delle tredici puntate.
In conclusione, ritengo che per la categoria sia un top di gamma, da non perdere assolutamente!

Carta Velata

 0
Carta Velata

Episodi visti: 13/13 --- Voto 8
Cominciamo con "Commedia incredibilmente demenziale"!!!!

Non passeranno più di 2 minuti senza che si rida guardandolo, contando poi che l'intero anime è talmente fluido che un episodio sembra finire subito.

Già visto? Si ma, Baka to Test ha dalla sua una storia decisamente originale: allora, la storia parla di Yoshii, che "credo" sia la persona più stupida dell'istituto. Un istituto (Fumizuki academy) fantasioso dove agli studenti viene assegnata una classe in base ai punti presi durante gli esami (i più capaci finisco in classe A mentre i meno capaci in F), tale situazione sembrerebbe abbastanza discriminatoria, ma il tutto viene talmente condito di comico che non ci fai neanche caso. Ebbene Yoshii finisce nella classe F dove risiedono tutti gli studenti meno "normali" ad eccezione di Mizuki, incredibilmente intelligente, che per un particolare motivo non riesce a fare l'esame e prende 0 punti.
In Baka to Test avremo personaggi di vario tipo che rende l'anime ancora più originale, da semplici ragazze timide a maniaci, il tutto arricchito da scene di violenza, combattimenti fra avatar, amori non ricambiati (tra cui anche tra donna con donna e uomo con uomo) qualche scena ecchi. L'anime comunque non è un insieme di brevi storie, ma gira completamente intorno ad una storia d'amore tra Yoshii-kun e Mizuki. Yoshii infatti tenta in tanti modi di aiutare Mizuki a poter convivere nei migliori dei modi nella classe F dove si studia su scatole di cartone, la cattedra cade a pezzi e le finestre sono rotte.

La grafica è molto buona: personaggi fatti a meraviglia e sfondi ben disegnati. Un'altra caratteristica è la longevità di questo anime, due stagioni sono già state create, composte da una dozzina di episodi ciascuno, e ne è in corso una terza.

Sottofondo musicale: Perfetto! La base inserita è decisamente conforme all'anime. Nei momenti seri dove la storia è basata sulla scuola viene inserita una base perfetta così come durante le scene di lotta.

Il motivo però per cui non do più di 8 a questo meraviglioso anime è la morale: La scuola discrimina chi ha meno capacità di studio. A volte Yoshii viene mostrato talmente stupido da non far più ridere ma arrabbiare

Ma ripeto Baka to Test è un anime che assolutamente consiglio in quanto non annoierà per niente, anzi avviso che potreste addirittura passare ore a guardarlo senza rendervene neanche conto.


 1
Musso92

Episodi visti: 13/13 --- Voto 9
Ormai non si contano gli anime a tema scolastico/sentimentale/commedia che escono in giappone ogni anno, e tutti puntualmente hanno la stessa "scaletta" da seguire: introdurre i personaggi, di solito uno più stereotipato dell'altro, per poi gettarsi sui soliti episodi triti e ritriti come il festival scolastico, il tanabata estivo, l'uscita al mare, ecc., e ormai è veramente raro trovare qualcosa di realmente meritevole tra tutti questi nuovi anime. Fortunatamente "Baka to Test to Shoukanju" è uno di quei rari casi.

Bakatest, per abbreviare, anime uscito nel 2010, è a mio parere una delle migliori serie comico/demenziali di sempre, a cui tiene testa solo il leggendario "Gintama". A ogni episodio lo spettatore viene letteralmente sommerso dalle gag o dalle battute, che si susseguono una dietro l'altra, una più divertente della precedente, senza interruzioni, o quasi; questa serie svolge il suo lavoro in maniera così eccellente da farvi difficilmente rimanere seri per più di qualche minuto. Il tutto grazie a un cast di personaggi a prima vista stereotipati, ma pian piano sempre più caratterizzati, e soprattutto esilaranti. Un chiaro esempio può esserne il protagonista, Yoshi Akihisa, doppiato in maniera eccellente (dallo stesso doppiatore di Keima Katsuragi da TWGOK). Egli ha l'abilità quasi innata di fraintendere ogni gesto o frase gli venga detta, e di rispondere al prossimo, incurante di ciò che gli potrebbe succedere, come le ripetute mosse di wrestling che subisce da Minami.

Ovviamente non manca la componente sentimentale, che verrà approfondita meglio nella seconda serie, in quanto il protagonista ha pure due ragazze, Minami e Himeji, piuttosto carine, interessate a lui. Ciò comunque non lo rende affatto un anime di tipologia harem, in quanto solo queste due gli correranno dietro (e non venti e più come in ciarpame alla To Love-Ru). Altre rapporti verranno alla luce fra gli altri personaggi, come l'amore a senso unico di Shouko per il povero Yuuji oppure le ripetute avance, spesso anche da Akihisa stesso, subite da Hideyoshi, un ragazzo della loro classe, reputato all'unanimità una donna a causa delle sua fattezze chiaramente femminili. A fare da contorno il classico guardone di turno, chiamato da tutti per l'appunto "Guardone", che in cerca di foto provocanti da scattare sarà vittima di fin troppo frequenti epistassi.

Tutti questi personaggi vengono inseriti in un contesto scolastico che definire innovativo è un eufemismo. Infatti tutti gli studenti vengono catalogati in classi dalla A alla F, in base al loro rendimento scolastico. Gli studenti della A hanno tutti i comfort e lusso sfrenato, mentre quelli della F, dove si trovano i protagonisti, studiano su scatole di cartone, in una classe pericolante. Tuttavia gli studenti possono dichiarare guerra a un'altra sezione per accaparrarsi le loro attrezzature più all'avanguardia, tramite battaglie attraverso dei famigli, evocati all'interno della scuola, che basano la loro forza sui voti ricevuti dallo studente stesso nella rispettiva materia. Tutto ciò dà alla serie anche un aspetto alle volte strategico, visto che sono numerose le battaglie che si susseguiranno nel corso dell'anime. E credo che non potrei chiedere altro da un anime.

Ovviamente il mio voto è un 9, in quanto lo reputo sì un capolavoro, ma non all'altezza di certe serie più entusiasmanti e con una trama più lavorata e complessa, vedi FMA o Gurren Lagann. Ma bando alle ciance, state cercando un anime innovativo? Allora Bakatest fa per voi. Cercate un buon anime, a tratti strategico, e a tratti sentimentale con ottimi personaggi? Allora Bakatest fa per voi. Ma, soprattutto, cercate una serie che vi faccia cadere dalla sedia dalle risate, almeno una volta a puntata? Allora Bakatest fa assolutamente per voi. Non avete ragioni per non dargli una chance!


 0
Izaya_Orihara

Episodi visti: 13/13 --- Voto 8
Poi vedi o un anime epico oppure un anime che ti fa morire dalle risate. Beh, il tutto può essere unito per formare Baka To Test. Baka To Test è il solito anime che ti fa rilassare la giornata, quando torni stanco e ti metti a vedere quest'anime con la certezza di morir dalle risate, senza tralasciare la storia o gli obbiettivi: anch'essi sono quindi nel loro molto semplici ma di buon contenuto. Ci troviamo in una scuola dove i voti sono la parte più importante, infatti si fa un esame pre-scolastico in cui il voto che prendi ti dirige nella classe del tuo voto (da F a A). Si tratta di una scuola dove si può anche combattere con i "famigli", omini piccoli che possono combattere fra di loro e sono forti quanto le capacità che ha quell'alunno nella materia per cui combattono. Vediamo i nostri personaggi tutti ritrovati in F con tutte caratteristiche diverse. Questo è un punto forte dell'anime, possiamo trovare una decina di personaggi molto diversi fra di loro sia come aspetto fisico sia come personalità: troviamo "l'omosessuale", la "lesbica", il "guardone" e chi più ne ha più ne metta.
Alla fine l'obiettivo della trama sarà per ogni personaggio della classe F diverso, soprattutto quello che riguarda i materiali della classe, poichè nella classe F si studia con i cartoni di arance seduti a terra. Questo sarà un tormentone soprattutto per il protagonista, e non per gli altri personaggi. Di sentimentale vero ne vediamo poco, ma di sentimentale fatto a commedia vediamo assai e anche molto divertente. Due ragazze e un maschio vanno dietro al protagonista.
Quindi Baka To Test ha tutte le capacità per essere considerato un bell'anime. Voto: 8.


 0
Crashis

Episodi visti: 13/13 --- Voto 7
"Baka To Test To Shokanjuu" è un inusuale anime nato nel 2010 e che ha veramente stile da vendere, sotto tutti i punti di vista.

Trama
La trama sommariamente tratta di una scuola un po' strana: dall'esame di ammissione, infatti, gli studenti saranno collocati all'interno delle classi classificate dalla lettera A alla F a seconda dei voti ricevuti. Conosceremo quindi, se così possiamo chiamarlo, il protagonista della storia, Yoshii Akihisa, che proprio all'inizio della storia soccorrerà la dolce Himeji dopo un suo malore durante il test di ammissione.
In totale, l'anime sarà composto dalle varie tattiche di questa sgangherata banda che è la classe F e dai tentativi di attuarle usando vari stratagemmi per potere scambiare i privilegi scarni della loro aula con quelli, magari, di una classe migliore, come ad esempio la D. Tralasciando questo, la caratteristica più importante e più bella di tutto l'anime è la presenza delle "evocazioni" dei famigli, versioni Chibi dei protagonisti che avranno un valore di forza a seconda del voto ricevuto dal proprietario del famiglio stesso. Detto così può sembrare contorto, ma è veramente semplice, una volta che si è capito il meccanismo.
Parlando ora della struttura della storia, un'altra cosa molto gradita è la presenza di gag su gag, dalla prima puntata, mai banali e sempre divertenti, nonostante alcune volte siano ripetitive. Lo scopo però è proprio questo: la ripetizione di queste gag comporta a una sorta di "tormentone" che ci porta a capire quando si ha una determinata scena invece che un'altra. I personaggi sono tutti carismatici e mai piatti, sono molto dettagliati in ogni punto di vista.

Lato tecnico
Diciamo che dopo averlo rivisto poco tempo fa posso confermare senza ombra di dubbio che le immagini sono molto dettagliate e mai troppo banali. Parlando poi delle OST, nulla da dire, opening ed ending sono veramente orecchiabili e ben strutturate, e si conformano all'anime, dimostrando una stupidità di fondo nei testi, ma un sound veramente buono.

Commento finale
Per farla breve, "Baka To Test" mi è piaciuto moltissimo, e lo consiglio a tutti quelli che amano il genere demenziale e un po' ecchi (ma non troppo).
Voto finale: 7. Perché 7? Perché, dopo avere visto la seconda serie, ho dovuto tirare un po' la cinghia per una serie di sfortunati fattori. Nulla che vada a minare la visione dell'anime, per carità, ma piuttosto una svolta.


 0
Mak15

Episodi visti: 13/13 --- Voto 7
Tutte le vicende si svolgono in una scuola particolare, dove gli studenti hanno strutture più o meno buone a seconda dei propri voti. Tuttavia, è possibile scambiare la propria classe con una di superiore livello vincendo un incontro tra famigli (proiezioni minute dei personaggi con forza pari alla valutazione scolastica). In realtà, è una cosa più difficile da spiegare che altro. Sostanzialmente siamo di fronte a un anime completamente divertente/demenziale, con davvero poca storia e sentimento.
Tutti i personaggi sono stereotipi visti e rivisti, soprattutto le ragazze: timide, attraenti, svampite e perdutamente innamorate della stupido di turno. Esatto, "stupido" è la parola che meglio descrive tutto l'anime e tutti i protagonisti che ne fanno parte. Non fraintendetemi, questa non vuole essere una critica, in quanto ciò che sto descrivendo è a tutti gli effetti l'obbiettivo dell'anime.
L'opening è davvero carina, positiva e allegra. L'ending, stile punk-giapponese, è spettacolare.
Fresco e divertente, 'Baka to Test to Shokanju' è consigliato a chi cerca un anime poco impegnativo.


 0
Sora89

Episodi visti: 13/13 --- Voto 8
'BakaTest', forma abbreviata per riferirsi a 'Baka to Test to Shoukanjuu', è una serie anime del 2010 sul genere commedia demenziale (punto fondamentale per la valutazione complessiva dell'opera).
La trama è semplice ma presenta già aspetti innovativi e originali, davvero intriganti. Il protagonista Akihisa è, in parole povere, un idiota. La storia ruota attorno alle sue disavventure. Akihisa è accompagnato da un gruppo variegato di amici, all'interno della scuola superiore da lui frequentata, che presenta delle regole piuttosto singolari. Gli studenti sono suddivisi nelle proprie classi in base ai loro risultati scolastici (gli studenti migliori nella sezione A, i peggiori nella F) e ogni classe presenta l'attrezzatura e i comfort meritati dagli studenti (classi di lusso nella A, una stanza decadente e senza banchi nella F). Ma ecco la novità: ogni studente può evocare, in speciali campi, un proprio famiglio la cui forza d'attacco è data dal risultato degli esami dello studente in ogni materia. In questo modo si possono organizzare combattimenti fra classi per migliorare la situazione della propria classe.

Ricordiamo il genere dell'opera: commedia demenziale. L'aspetto più importante di 'Bakatest' è la risata. E personalmente non mi sono mai divertita tanto nel guardare un anime.
La risata è scatenata principalmente da due fattori: le assurde situazioni in cui si ritrovano costantemente i protagonisti e la loro assurda reazione a esse - se nel titolo si parla di "Baka", ovvero stupidi, non è un caso -; la parodia degli stereotipi dei classici personaggi da shoujo e delle situazione ormai diventate cliché negli anime. Tutto questo è richiamato in maniera ironica e addirittura esagerato al limite, risultando, al contrario di quanto ci si possa aspettare, imprevedibile e originale. Ho amato in modo particolare la caratterizzazione dei personaggi, che li ha resi unici e divertentissimi: si pensi al pervertito "Mutsurini", al femminile Hideyoshi, al "cool" Ryuuji, alla sadica Kyoko... la lista continuerebbe all'infinito.

La linea grafica è perfettamente adatta allo scopo dell'anime: i visi dei protagonisti sono "esageratamente" in stile anime, occhi enormi, capelli super-vaporosi e dai colori appariscenti, teste al limite della sproporzione rispetto al corpo... una parodia anche nel disegno, piacevole alla vista e decisamente kawaii. Gli sfondi sono più stilizzati che realistici, molto colorati e divertenti.

La narrazione procede bene, principalmente per episodi autoconclusivi, con un buon ritmo che non annoia mai.
Non mi convince la parte dei combattimenti: per quanto sia un accompagnamento alla trama principale che rimane una commedia, i famigli potrebbero essere sfruttati meglio, con sfide più sostenute ed energiche, che non avrebbe affatto guastato, oltre ad attirare un target più ampio di spettatori.
Nel complesso 'BakaTest' è una visione che consiglio vivamente, una delle produzioni più convincenti dell'ultimo anno, ovviamente a chi apprezza il genere demenziale; adatto sia a ragazzi sia a ragazze in quanto non cade mai nello sdolcinato.

Aggiungo che è già disponibile la seconda serie, se i pochi episodi della prima non vi sono bastati - anche se la giudico inferiore, in quanto più lenta e seria rispetto alla prima, risultando un po noiosa in alcuni episodi.

Buon divertimento!


 0
Dartes

Episodi visti: 13/13 --- Voto 8
"Baka to Test to Shoukanjuu" (letteralmente "Scemi, esami ed evocazioni") è un anime del 2010 prodotto dallo studio Silver Link, sotto l'accurata regia di Shin Ounuma. E' tratto da una light novel di Kenji Inoue successivamente realizzata anche sotto forma di manga, a cura di Mosuke Mattaku - edita in patria sulla rivista Shounen Ace -. E' uno shounen che si discosta dai soliti generi con combattimenti ed eroi; infatti narra principalmente di avventure scolastiche.

Trovo la trama davvero piacevole e originale. Narra di Akihisa Yoshii, studente della nuova scuola Fumizuki, nella quale classificano gli studenti, disponendoli in diverse classi, a seconda del loro rendimento scolastico. Egli, essendo un ragazzo considerato da tutti come un "Baka", ovvero stupido, non potrà che essere aggiunto alla classe peggiore: la F. Non è semplicemente ritenuto stupido, ma il peggiore dell'intera scuola. In questa "futuristica" scuola gli studenti possono evocare delle piccole creature (che potrebbero benissimo essere considerati come "avatar viventi"), per poi combattere con gli altri studenti sotto la supervisione degli insegnanti. La cosa più buffa, più di quanto non lo sia già il tutto in generale, è che la potenza delle creature di ciascuno studente dipende anch'essa dal suo rendimento negli studi. Con questi duelli, però, risulta possibile essere cambiati di sezione, a seconda della vittoria o della sconfitta.
In questa classe il protagonista incontrerà nuovi amici, uno più bizzarro dell'altro, con i quali intraprenderà nuove e fantastiche avventure in questa pazza scuola.

Devo ammettere che l'anime è stato in grado di colpirmi particolarmente sin dai primi episodi, in quanto l'idea di fondo è originale, ma poi viene mutata in una sottospecie di fantasy che poco mi si addice. Ho però trovato il modo di apprezzarla ugualmente e di fare grosse risate in compagnia del team di svitati studenti. Credo che l'idea di fondo sia davvero buona, ma che sia sbagliato l'inserimento di tutti questi elementi fantasy non necessari, e che la serie avrebbe potuto trovare sviluppi più interessanti basandosi su fatti più realistici e comprensibili.
Il character design a mio parere è eccellente sotto tutti i più svariati aspetti; inoltre i disegni di Mattaku-sensei si presentano davvero in un modo smagliante e pressoché perfetto. Tutte le gag, che accompagnano dall'inizio alla fine l'anime i questione, sono assai divertenti e buffe; il tutto è alimentato dalla stranezza dei personaggi che le creano. Infatti, le situazioni che verranno a nascere, saranno una più comica dell'altra, senza eccezioni.

Il lato tecnico è fiorente sia sotto l'aspetto dell'audio sia sotto quello dei video: il doppiaggio è a dir poco ottimo, mentre la regia di Ounuma è fantastica e ci concederà grandiose riprese e giochi grafici piacevoli per gli occhi. Mentre le opening e le ending sono nella norma, nulla di speciale ma neanche troppo scadenti.
Nel complesso sono davvero soddisfatto, e consiglio questo recente anime a un pubblico perlopiù giovane e con tante voglia di divertimento, con umorismo semplice e regolare.


 0
MaoMao

Episodi visti: 13/13 --- Voto 9
Baka to Test to Shokanju per me è molto bello, rientra nell'harem ecchi come già detto, ma si vede subito che non segue le solite storie dello sfortunato ecc. Già partire con l'idea delle evocazioni per migliorare il proprio status a scuola e cercare fin da subito di volere vincere quando si hanno poche possibilità, e vincere con l'astuzia e l'ingegno, diventa molto interessante. Di scene comiche, l'anime ne è pieno e sono veramente molto divertenti, dalla 2a puntata in poi ho sempre riso.

Quest'anime raggruppa diversi modelli di personaggio e chi li conosce li apprezzerà tutti, si va dalla ragazza tsundere piatta innamorata al genio timido molto dotata anteriormente; dal compagno di classe che è in tutto e per tutto una ragazza, ma che continua a sostenere il contrario ed il dubbio rimane sempre, all'amico d'infanzia (che non è sfortunato) che lo aiuta e spesso lo fa finire in certe situazioni. Per non parlare di Voieur, che è sempre alla ricerca della fotografia più ecchi possibile, esperto solo in anatomia, e della migliore della scuola, che è innamorata dell'amico del protagonista e non ha problemi a legarselo a sé con catene e taser. Ah! Chi ama le ragazze neko non rimarrà senza perchè la tsundere usa il suo fiocco come le orecchie da gattina quando serve.

Dato che per me un grande anime è Bakemonogatari, arrivato secondo ai top 50 anime del decennio davanti a Toradora e a Clannad, è stato usato il suo stesso tipo d'inquadratura alle parti del corpo in un determinato momento per esprimere pienamente l'emozione che prova la persona in quel momento e questo l'ho molto apprezzato.
Per fortuna la serie non presenta la solita storia del protagonista sfortunato nella quale tutte sono innamorate di lui; qui solo due e l'altra dell'amico lo amano.

Nella serie si fa riferimento molto agli anime più famosi degli ultimi anni e anche questa è una cosa molto carina, come ha fatto per le sue due serie "Hayate the Combat Butler".
Trovo le animazioni e i disegni semplici ma belli quando servono, musiche molto carine.
Il mio voto è 9, bel finale.


 0
hgaxf

Episodi visti: 13/13 --- Voto 8
Quest'anime parla di tre cose: gli idioti, gli esami e le evocazioni dei famigli. Difatti, è questa la traduzione del titolo: nulla potrebbe sintetizzare meglio tutto l'anime. L'ambientazione è palesemente scolastica, ma non è locata in una scuola normale, ma in una scuola basata su un complicato sistema scolastico. Innanzitutto ci sono sei sezioni, dalla A alla F, in ordine della qualità dei servizi e delle attrezzature scolastiche: dalle poltrone della classe A ai cuscini senza imbottitura della classe F, dalla classe A, con zona self-service e computer personali, alla classe F, con il suo pavimento sporco e polveroso e le finestre rotte.

La sezione di appartenenza degli studenti è determinata dalla loro valutazione nel test d'ingresso: migliori sono i risultati, migliore sarà la classe. Quindi nella classe F si raggruppano i peggiori idioti della scuola. E ora l'elemento fondamentale: gli ESB, gli esami di combattimenti evocativo. Agli studenti è data la possibilità, sotto la supervisione di un professore, di evocare un famiglio e usarlo per combattere contro altri studenti. La forza del famiglio è ancora una volta determinata dall'ultimo esame conseguito. Utilizzando gli ESB per combattere classe contro classe, le sezioni peggiori possono tentare di sconfiggere le sezioni migliori allo scopo di far cedere la classe del perdente al vincitore, così da migliorare la propria situazione e vita scolastica.

In tutto questo plot, s'inserisce un protagonista deficiente, il peggior idiota che sia mai comparso sulla faccia della terra (insultarlo è divertente lol). Questo basta per avviare una storia divertentissima e decisamente piena di comicità e gag esilaranti. Il tutto è condito da elementi da commedia romantica e da un po' di sano fan-service che non guasta mai, anzi alleggerisce ancora e facilita l'inserimento di scenette comiche.
Il tutto è corredato da animazioni di ottimo livello, e dai bellissimi deformed per i famigli. Inoltre, l'uso dei colori è davvero sorprendente, anche nelle ambientazioni, che spesso sono un po' trascurate in altre opere.

In generale, l'opera convince non poco, sia sul comparto tecnico sia nell'ambito della trama. Non posso però dare un voto migliore: a volte l'anime è un po' ripetitivo, magari un po' allungato e "filleroso" in alcuni tratti, con delle sbavature anche se piccole nella trama. Insomma, siamo su un livello alto, ma si poteva fare ancora di più, del resto chi guarda non si accontenta mai.


 0
Kappei

Episodi visti: 13/13 --- Voto 8
Partiamo dalla fine: il mio voto è un 8.5 (ho preferito arrotondare per difetto).
Baka to Test è stata una felice rivelazione. Avevo voglia d'intervallare la visione di serie "impegnate" con una deviazione più rilassata. E questo strambo anime c'è riuscito in pieno.

La trama, come nella maggior parte degli anime che percorrono il filone della commedia demenziale, è abbastanza semplice e senza pretese. E questa è una scelta ben precisa, perché l'obiettivo è quello di volere regalare divertenti siparietti comici, senza distrarre lo spettatore con altri fattori.

Per farla breve, una scuola decisamente fuori dal comune ha adottato uno strano sistema di classificazione che promuove le classi con il punteggio più alto, dando loro la possibilità di studiare in aule di lusso con tutti i comfort del caso. Mentre i meno "secchioni", come i nostri protagonisti, vengono relegati in stanzoni fatiscenti con degli scatoloni al posto dei banchi.
Ma c'è un un modo per potere capovolgere la situazione, oltre allo studio, ovvero sfidare le classi migliori in uno scontro virtuale.
Attraverso un'area (virtuale, l'ho già detto?) che gli stessi professori attiveranno, gli studenti dovranno affrontarsi in un vero e proprio duello stile RPG, con il punteggio delle diverse abilità determinato dai voti delle specifiche materie. Un alter-ego super deformed farà da spalla ai nostri studenti durante gli scontri.
In sintesi la storia è tutta qui.

Ma quando un'insalata senza troppe pretese viene condita a dovere, allora il risultato è decisamente gustoso.
Tanto humor, citazioni a non finire, la giusta dose di fan-service e una sana presa per i fondelli verso alcuni tipici cliché del genere rendono questo spassoso anime una visione da non perdere.
Decisamente orecchiabili le due sigle (iniziale e finale) che vi resteranno in testa per molto tempo.

BAKAAAAAAAAAA!!!


 0
npepataecozz

Episodi visti: 13/13 --- Voto 8
Quanto contano i voti scolastici nel definire una persona? In questo Baka to test Shokanju contano moltissimo. La storia si svolge infatti all'interno di un classico istituto scolastico giapponese che, però, ha alla sua base una regola molto particolare: la qualità dell'attrezzatura scolastica dipende dai voti presi agli esami. A seconda di questi, cioè, si può finire, se si è proprio bravi, nella sezione A, i cui studenti studiano nel lusso e con a disposizione tutti i migliori strumenti d'istruzione possibili; se si è proprio idioti si può finire invece nella sezione F dove il livello di degrado è estremo: i banchi, ad esempio, sono delle semplicissime scatole per arance.
Il livello dei voti, però, non conta solo a livello di collocamento iniziale: le varie sezioni possono infatti dichiarare guerra alle altre sezioni e se si riesce a vincere si ottiene lo scambio delle attrezzature. Queste guerre vengono combattute attraverso i famigli, che in questo caso non sono evocazioni di animali ma evocazioni in miniatura degli stessi protagonisti.
L'anime si svolge attorno alle vicende degli studenti della classe F e alle battaglie da loro condotte verso la scalata sociale.

Devo dire che questo tipo di articolazione della trama mi aveva lasciato piuttosto perplesso: temevo che il tutto si trasformasse in un clone di Yu-gi-oh, un anime che (non me ne vogliano gli appassionati) ho sempre detestato. Anche non volendo notare questa somiglianza una storia di battaglie scolastiche in stile gdr non mi sembrava degna di grande attenzione.
Quando comincio un anime, tranne alcune rarissime eccezioni, sento sempre l'impulso a finirlo anche se non è di mio gradimento. In questo caso il volere continuare per forza è stata una fortuna perché Baka to test Shokanju si è rivelato essere un vero gioiellino.
Due gli aspetti da sottolineare.
Il primo riguarda il livello di comicità di personaggi e situazioni. La farò breve: si ride per tutto il tempo. Personaggi e situazioni sanno spesso di già visto, ma posso assicurare che sono del tutto inediti in termini di capacità di suscitare il riso in chi li guarda: provare per credere.
Il secondo riguarda la critica ironica alla società-scuola giapponese che non offre le stesse possibilità di crescita ai più e ai meno dotati. Si potrebbe obiettare che in fondo si tratta di "meritocrazia" e che in linea di principio non andrebbe bocciata; la denuncia, se così si vuole chiamarla, riguarda però l'eccessivo attaccamento a parametri che tendono a dividere e classificare le persone, spingendole a competere con mezzi più o meno corretti per il raggiungimento di un livello più alto. Si ha un numero (anzi in questo caso una lettera) come espressione di un individuo senza che altre qualità meno pratiche ma più nobili possano avere alcuna influenza.
Insomma Baka to Test to Shokanju è un anime consigliatissimo a tutti: è davvero troppo divertente per rischiare di perderselo.


 0
Aribo

Episodi visti: 13/13 --- Voto 7
Quest'anime è una di quelle produzioni che parte con il piede giusto e non prosegue altrettanto bene.
La trama è vivace e originale: in un istituto i punti ottenuti dai test di matematica, fisica, letteratura ecc., vengo trasformati in life points degli alter ego degli studenti in modo tale che questi possano combattere tra di loro per ottenere strutture migliori. Difatti, a seconda dei voti più o meno alti, la classi sono divise in sezioni che vanno dalla A alla F, in cui la struttura della classe a loro disposizione equivale ai loro voti e, se gli studenti vogliono cambiare classe, allora devono scontrarsi con un settore superiore tramite i loro alter ego per ottenerla.

Fin qui, è tutto fresco e nuovo, ma enuncio ora ciò che mi ha più deluso: i personaggi. Abbiamo, la tsundere, la moe, il protagonista scemo, la yuri fissata con la tsundere in stile stalker, la fredda, il figo scazzato, il megane da istinti yaoi segreti e la sorella con comportamenti ambigui verso il fratello, cosa che personalmente ho odiato alla morte, forse è lo stereotipo più terribile dei giapponesi. Si salva Hydeoshi, personaggio alquanto originale poiché è stato creato come parodia dei maschi con tratti così puri e angelici da sembrare una donna, e pochi altri personaggi di sfondo, come i disperati della F.

Io, personalmente, tutti gli altri, li ho trovati piatti, stereotipati, per la prima volta non sono riuscita a legarmi a nessuno di loro in particolar modo, cosa che invece in un altro anime mi viene spontaneo; per cui, se volete vederlo, vedetevelo per la trama e per i personaggi secondari, le battute sono anche carine, come alcune situazioni, ma per il resto Baka to Test to Shokanju non è un'opera eccezionale.
Senza infamia ne lode, merita un 7.


 0
Leon_94

Episodi visti: 6/13 --- Voto 3
Ho cominciato a vederlo, Baka to Test to Shokanju, per i commenti, molti dicevano che era divertente ecc., allora mi sono detto "vabbé, proviamolo". Questo perché ho un umorismo un po difficile, quindi perché un anime mi faccia ridere ce ne vuole. Le prime puntate mi sembravano normali, c'erano buoni propositi, un ragazzo, sfigato non direi, ma scemo, e una scuola in cui si possono evocare dei propri alter ego a mo' di caricatura con punti vita ecc. Mi aveva colpito sopratutto questo aspetto, perché mi faceva pensare a un gdr, però poi non è stato approfondito molto, però comunque fino alla puntata sei non mi ha preso più di tanto: risate direi qualcuna se non nessuna. Così ho smesso di vederlo, non fa per me.


 0
Alice Liddle

Episodi visti: 13/13 --- Voto 9
Se cercate un anime leggero che vi strappi una risata (anche più di una in questo caso) ma che non sia la solita pappa sentimentale-scolastico, questo anime è veramente la scelta giusta!
Non è la trama ad essere potente in Baka, quanto più la parodia sulle situazioni banali e gli stereotipi degli anime: c'è infatti il personaggio principale tonto, la ragazza piatta e violenta, quella prosperosa e timida, il pervertito, la stalker... ci sono anche diversi riferimenti ad altri anime che, se avete una buona cultura nel campo, potrete facilmente associare, nel caso contrario niente paura visto che la maggior parte delle volte sono messi a casaccio tanto per condire l'idiozia di fondo dei personaggi.
Ma gli autori non si limitano a mescolare elementi triti e ritriti ma mettono del proprio condendo la storia di un particolare quanto singolare metodo di apprendimento basato su un combattimento fra classi, che non vede faccia a faccia i singoli studenti ma la loro versione super-deformed che viene evocata con il consenso dell'insegnante. Come basare il livello di forza? Semplicemente convertendo il voto scolastico (o i voti) nei parametri di un rpg (hp, str..). ovviamente la classe dei nostri protagonisti è quella con i voti più bassi, che in questa scuola significa avere un'aula che cade a pezzi senza lussi e privilegi, invece concessi alle classi con votazioni migliori. L'obiettivo finale è ovviamente sconfiggere la sezione A (i secchioni) che hanno addirittura un'area ristoro tutta loro.
L'unione di un elemento particolare a situazioni banali divente piuttosto spassoso se si entra nell'atmosfera idiota dell'anime.
Il 9 va alla non complessità e superficialità tuttavia divertenti di quest'opera, elementi che, per quanto mi riguarda non molti altri anime dello stesso genere hanno mai raggiunto.

albi93

 0
albi93

Episodi visti: 13/13 --- Voto 10
Troppo divertente! Quest'anime non potrà essere considerato un capolavoro assoluto, ma a mio avviso lo è senz'altro per quanto riguarda il suo genere. Ha l'obiettivo di divertire e di mettere di buon umore e ci riesce perfettamente! Ogni cosa è pensata per creare un'atmosfera spensierata all'interno della serie, a partire dalla trama davvero assurda: i nostri protagonisti, molto, molto stereotipati, sono alunni di una scuola in cui a seconda dei risultati ottenuti durante il test d'ammissione vengono smistati in classi, dalla più orrida, la loro, la sezione F, in cui non ci sono nemmeno i banchi, alla fantastica sezione A, in cui gli studenti sono viziati con ogni tipo di comodità. Inoltre ogni alunno può evocare un avatar con le sue sembianze, anche se molto deformate, con dei valori di forza proporzionali ai risultati dei test del possessore.

In sostanza tutto è studiato per fare da sfondo a situazioni assurde e improbabili, per questo molto divertenti. I disegni sono bellissimi per i mio gusto e insieme alle musichette stupide mantengono un clima molto allegro. Questo è l'anime giusto per voi se volete passare qualche oretta spensierata, è ovviamente sbagliato se ciò che cercate è una trama impegnata e riflessiva.
Io intanto gli metto 10 perché mi è piaciuto un sacco e nel suo genere è a mio parere una delle opere meglio riuscite.


 2
Felioth

Episodi visti: 13/13 --- Voto 9
Considero quest'anime una delle migliori rivelazioni dell'anno! Mi ci sono avvicinato scettico, ma già dai primi minuti ho capito che mi sarei innamorato di questa serie.
Baka to Test to Shoukanjuu è una commedia sentimentale/scolastica, con un forte accento sulla comicità, e, quando dico "forte", intendo che farete fatica a stare seri per più di tre minuti di fila.
La premessa è più originale della maggior parte degli esponenti di questo genere. Ci troviamo infatti in un istituto scolastico in cui, a inizio anno, si svolge un "test attitudinale" che deciderà in che classe si verrà collocati; i migliori verranno inseriti nella classe A, mentre i peggiori nella F, con ovviamente tutti gli altri che saranno dislocati nelle rimanenti sezioni (B,C,D,E) sempre in base al punteggio ottenuto. La particolarità di queste classi è che ciascuna avrà strutture e strumenti di apprendimento più lussuosi della precedente; infatti, se nella classe A ci sono sontuosi divani e ciascuno studente ha un computer personale, nella F si fa fatica a trovare un banco che si regga in piedi o un cuscino su cui sedersi.
A rendere più interessanti le cose, ciascuno studente ha a disposizione un "avatar" superdeformed, rappresentante se stesso, che può usare per "combattere" contro gli altri studenti; infatti ciascuno di questi guerrieri ha forza e abilità differenti in base alla valutazioni ottenute durante l'anno nelle varie materie. Oltre che per semplici schermaglie, questi "cloni" possono essere usati per combattere vere e proprie guerre contro le altre sezioni e gli sconfitti dovranno "scambiarsi di posto" con i vincenti, perdendo così le eventuali comodità che avevano nella propria classe d'origine.

Il nostro protagonista è Akihisa Yoshii, un ragazzo generoso e gentile ma completamente svogliato nei confronti dello studio e, soprattutto, un grandissimo idiota! Ogni sua battuta è funzionale al personaggio e, personalmente, lo considero uno dei protagonisti meglio caratterizzati degli ultimi due anni. Ha il dono innato di mal interpretare ogni gesto nei suoi confronti e quasi ogni scena in cui è presente fa spaccare dalle risate.
Tra gli altri personaggi abbiamo Mizuki Himeji, timida e bellissima ragazza che, seppur molto intelligente, si ritrova in classe F insieme ad Akihisa, in quanto sentendosi male durante il test d'ingresso non può portarlo a termine, prendendo a tutti gli effetti uno zero (è proprio il protagonista a portarla in infermeria compromettendo anche il proprio test!). Poi abbiamo Minami Shimada che, chiaramente legata ad Akihisa, ripercorre lo stereotipo della classica ragazza violenta che non riesce a esprimere i propri sentimenti; Yūji Sakamoto, il miglior amico del protagonista e rappresentante di classe della sezione F, sempre pronto ad organizzare guerre contro le altre classi per migliorare la condizione sua e dei propri compagni; e chiudono il cerchio altri divertentissimi personaggi che, anche se ricadono un poco nei clichè di questo tipo di commedia scolastica, sono tutti molto interessanti.

Tecnicamente ci troviamo di fronte ad un anime ben realizzato, ben disegnato e ben animato, con una menzione particolare per le musiche, che trovo veramente ben orchestrate - l'opening e l'ending per me sono memorabili!
In conclusione consiglio questa serie a tutti, appassionati del genere e non, in quanto la considero uno di quei piccoli capolavori che spesso passa inosservato.
Buon divertimento!


 0
Mank

Episodi visti: 7/13 --- Voto 10
Quest'anime mi fa sbellicare dalle risate.
Partiamo con la trama. Il protagonista è la parodia di ogni protagonista che si rispetti, infatti è unico nel suo genere in quanto a essere l’idiota supremo! Solo per questo sono morto dal ridere.
Il suddetto protagonista frequenta una scuola sperimentale che praticamente trasforma la struttura scolastica in un enorme RPG a scopo educativo. Infatti ogni studente dispone di un avatar che rappresenta una versione super deformed di se stesso e a seconda dei punteggi nelle verifiche l’avatar avrà un tot di punti d’attacco. A seconda dei voti nel test d’ingresso, inoltre, gli studenti verranno smistati in classi sempre peggiori più il punteggio sarà scarso. Grazie a ciò, gli studenti possono sfidarsi in combattimenti tra avatar per conquistare le classi migliori. La scuola dei miei sogni.

L’avatar del protagonista, essendo di proprietà dell’idiota supremo, è materiale e dalla grande forza fisica, inoltre le sensazioni che prova si trasmettono anche al possessore.
Solo per la trama bisognerebbe essere già a terra dal ridere, ma si prosegue con i personaggi: dalla timida, dolce e formosa ragazza incapace di cucinare (le gag in cui i ragazzi fanno a gara per decidere chi deve sacrificarsi sono geniali), alla ragazza energica, piatta e violenta (un classico, come sopra), al capoclasse astuto, fino alla ragazza silenziosa e gelosa.. sono tutti stereotipi, utilizzati però nel migliore dei modi.
Il disegno e il character design li ritengo fantastici e accentuano il lato comico della storia. Le sigle sono energiche e frizzanti, perfettamente azzeccate.

Quindi, pur non essendo un anime profondo o dalla trama complessa io gli do un bel 10 perché fa veramente ridere, e a mio avviso è una cosa importante, un mix gradevole di comicità, vita scolastica e velato romanticismo, comunque trattati in termini parodistici.


 0
BU773RS

Episodi visti: 2/13 --- Voto 10
Che dire, non sono solito guardare anime, ma per questa serie, che alla fine si è rivelata una piacevolissima sorpresa, ho fatto un'eccezione. Partendo dal presupposto che il manga fosse in ogni caso superiore all'anime, ho dovuto successivamente ricredermi. La serie è graficamente perfetta, un chara design magnifico, colori vivaci e opening ed ending molto gradevoli (e sono uno di quelli a cui di solito le sigle non piacciono per nulla).
La storia sembra riprendere quasi del tutto ciò che è stato proposto nel manga, anche se con delle variazioni che ho trovato ugualmente piacevoli. In effetti, avendo visto solo due episodi, non c'è granché da elogiare, in quanto va ancora visto in che modo la storia si dipanerà e in quante puntate.
Per me è da 10. Resta a voi dargli un'occhiata.