logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Etometsu

Volumi letti: 5/15 --- Voto 8
Ho comprato il primo numero esclusivamente ad istinto, ma devo dire che quando ho finito di leggerlo ho recuperato gli altri 4 in un attimo!
E' un manga veramente "delizioso": ha una trama classica ma ben costruita, scene comiche da copione e soprattutto il fattore musica che è un grosso punto a favore!
La cosa che preferisco di questo manga è il tipo di musica che contiene, nominano tantissimi gruppi ed artisti che adoro e questa cosa mi ha davvero fatto piacere! In conclusione l'aggettivo ideale per definire questo manga direi che è frizzante, decisamente.
Aspetto con impazienza il sesto volume!


 0
neko.chan.98

Volumi letti: 2/15 --- Voto 8
Io personalmente ho trovato questo manga quasi perfetto, è ciò che lo rende tale sono diversi elementi, a partire dalla stramba motivazione di Kosame a fare musica (c'è sempre un intreccio tra passione musicale e amore che lo spingono a suonare, tanto da non capire bene quale dei due sia il principale motivo) alla magnifica interpretazione dei sentimenti che si hanno durante la pratica musicale: difatti l'autore non dà assurdi (quanto a mio parere inutili) filosofie di bassa leva ma esprime in modo semplice e conciso ciò che è dando un forte incremento alla simpatia del manga stesso.
In quanto hai disegni non ho niente di contrario da ridire, anzi, è ammirevole il fatto che non abbia il classico cliché dei manga moderni ma segua una linea vecchio stile sopratutto per quanto riguarda il movimento e la continuità tra una vignetta e l'altra.
E' pertanto un manga che consiglierei a tutti anche se probabilmente chi lo apprezzerà di più sarà chi conosce e non disdegna il mondo del rock e sotto generi, in quanto ci sono numerosi riferimenti a cantanti e band di questo genere musicale e la stesso gruppo fa parte della corrente metal.


 1
Nick The Kid

Volumi letti: 5/15 --- Voto 8
Halleluyah Overdrive è un manga abbastanza bello, l'originalità dell'idea mi ha colpito perchè questo è il primo manga da me letto riguardante la musica.
Narra le vicende di Kosame, che dopo essere stato rifiutato da una ragazza entra in una sottospecie di club clandestino in cui si suonano alcuni strumenti musicali; data la passione del ragazzo per la musica esso decide di entrarci e diventerà presto amico di tutti i suoi membri e scoprendo anche di essersi innamorato di Haru, una componente del club del terzo anno.
Durante le vicende successive Kosame cerca di mettere insieme un gruppo e a poco a poco trova parecchi membri disposti ad aiutarlo...

La trama di questo manga è originale e tocca parecchia argomenti tra cui l'amore, i sogni e vecchi e tristi ricordi, nonostante non sia un capolavoro trovo che sia originale la cui lettura è scorrevole e piacevole per cui decido di dargli un bel 8!

Valutazione Complessive:
Storia: 8
Personaggi: 7
Grafica: 8
Originalità: 8
Voto Finale: 8
Spero che questa recensione vi sia piaciuta, consiglio la lettura di questo manga agli amanti della musica!


 0
__HellGirl__

Volumi letti: 2/15 --- Voto 5
Hareruya Over Drive! (Halleluja Overdrive) è una serie di Kotaro Takata di genere shounen che tratta principalmente di musica.
In Italia è edito dalla Panini Comics, presenta una discreta attenzione ai dettagli poiché la copertina rischia di rovinarsi facilmente ed il prezzo di 3,90€ risulta quindi adatto all'edizione proposta.

Kosame è uno studente dalle mediocri capacità d'interazione, ove è più facile definirlo uno semplice "sfigato", e seppur non abbia ancora avuto la ragazza, mira in alto: entrare a far parte di una band del rock. Malgrado le sue speranze, purtroppo queste devono nuovamente infrangersi poiché la sua nuova scuola non è provvista di un club musicale dove far pratica, né tanto meno iscriversi. Un giorno fa la buffa conoscenza di uno studente dell'istituto e dopo aver dato una mediocre dimostrazione delle sue capacità con la chitarra il nuovo amico gli rivela la vera "identità" del club di scienze: fra marchingegni di estrema precisione si nasconde un palcoscenico dove provare con gli strumenti musicali, ed insieme ad essi, vi è anche la frizzante e carina Haru.

Leggendo le varie recensioni ho notato vari riferimenti alla nota serie di successo "Beck", ma non riesco proprio a capire dove vi possa essere la somiglianza fra l'uno e l'altra: se da un lato vi è arte, in Halleluja Overdrive ho soltanto avvertito una fievole intenzione di trattare seriamente di musica.
Il tema principale che spicca di più fra le mille note intonate dalla band è la relazione che si viene a creare fra l'impacciato protagonista e la batterista ingenua, fra cui spesso fastidiosa, Haru, facendo così apparire la musica quasi un hobby qualunque.
Per essere uno shounen si potrebbe pensare molto di più ad uno shoujo mal riuscito, visto che ne possiede anche i tratti che non sono assolutamente caratteristici della prima categoria citata, ma sono un chiaro esempio di rating rivolto alle ragazze.
Oltre al tratto che seppur curato non funziona nell'insieme della storia, vi è anche la terribile e costante decisione di creare una sorta di animalesche raffigurazioni mentre i musicisti suonano, che a mio avviso, è stata la scelta peggiore da fare perché se prima ci si presenta un caratteristico tratto "moe", dall'altro abbiamo un effetto duro e violento che non ci si aspetterebbe mai.

I personaggi li ho trovati simpatici, coinvolgenti per la loro ironia e sarcasmo, ma molto carenti per ciò che avrebbe dovuto dar loro il massimo del carisma: il loro hobby.
Se Halleluja Overdrive fosse stato catalogato come shoujo e privo delle vignette illustranti quelle orrende scene di sudore e fatica sul palco sicuramente mi sarebbe piaciuto, ma nel suo insieme si vengono a scontrare due realtà differenti: se da un lato vi è la delicatezza e la dolcezza di un mondo adolescenziale, dall'altro vi è la grinta, l'adrenalina che una band deve avere durante un'esibizione ma in un contesto "moe" e banale come questo, la musica, perde il proprio valore.
Il mio voto finale è pari all'insufficienza, e ritengo di non volerlo proseguire per la frivolezza in esso contenuto e della banalità complessiva dell'opera.
Voto: 5


 0
Lucy

Volumi letti: 1/15 --- Voto 8
Premetto subito che se siete appassionati di musica, specialmente rock, punk, metal, heavy metal e quant'altro questo manga non potete perdervelo assolutamente!
I disegni sono abbastanza diversi dai soliti sopratutto per quanto riguarda gli occhi, che a prima vista sembrano i soliti, ma con la lettura del volume si capisce la differenza.
I personaggi sono ben caratterizzati e già dal primo volume si può intuire quanto le emozioni siano trasmesse bene. Per esempio, quando i ragazzi suonano il disegno si fa dettagliato quasi fosse una scena shonen ed è come se sentissi le note del pezzo che stanno suonando. Oltre che innovativo è anche divertente e poi non ha un prezzo troppo alto, quindi se state cercando qualcosa di nuovo e con un'atmosfera musicale ma anche un po' shojo questo fa per voi!


 0
GeassOfLelouch

Volumi letti: 1/15 --- Voto 9
Hallelujah Overdrive! è un manga in corso di genere commedia scolastica, musicale scritto e disegnato dal sensei Kotaro Takata.

<b>[POSSIBILI SPOILER]</b>

La storia parla di Kosame, un ragazzo sfigato che in seguito ad una delusione amorosa si iscrive al liceo Meiru con il solo scopo di suonare nel club di musica leggera del sano rock. Infatti il ragazzo a causa di una strana dichiarazione d'amore, cantata a suon di rock, fatta al diploma delle medie alla ragazza di cui era innamorato, si piglia un bel due di picche dalla stessa che lo deride dicendo di essere già fidanzata con un altro che fa parte di una band in una scuola vicina.
Questa è infatti la decisione pulsante nel cuore di Kosame: iscriversi al liceo ad un club di musica leggera per vendicarsi del torto subito e diventare una stella nel mondo del rock!
Ma le sue aspettative crollano all'improvviso quando all'esposizione dei club non lo trova, ma tutt'a un tratto compare Haru, una ragazzina bionda con i capelli lunghissimi e bassina che, dopo avergli chiesto le motivazioni della sua ricerca, lo trascina in un aula in pare esista un club di musica! Lì infatti giovane Kosame fa la conoscenza di un capellone con gli occhiali alto e robusto, una tettona mora con gli occhiali vestita da maid, Ahia, e una biondina vestita in stile punk.

Ma i colpi di scena non sono finiti: quello non è un club di musica leggera, nonostante vi siano chitarre, amplificatori, una batteria e cd ovunque, quello è il club della fisica e la chimica del metallo nel quale viene costretto a iscriversi dai sempai.
A questo punto Haru lo invita a seguire l'esposizione del loro club che si rivela niente di meno che un concerto live in cui i membri si esibiscono a suon di Metal.
Kosame diventa un membro officiale del club, ma non è ancora abilitato a suonare con la sua chitarra a forma di calamaro, che lo fa deridere da tutti gli altri membri, nonostante Haru veda in lui delle potenzialità. Quindi, dopo un primo momento di sconforto Haru gli consiglia di continuare a provare ad esercitarsi e dopo un duetto dei due, la ragazza rimane estasiata dal potenziale talento che sente in Kosame.
Kosame così inizia a credere di avere delle possibilità con la solare Haru, la quale non si è accorta dei sentimenti del ragazzo.

I disegni devo dire che sono abbastanza carini e kawaii: i personaggi sono disegnati con un tratto dolce e con degli occhi che trasmettono le loro sensazioni.
Il carattere dei personaggi l'ho trovato leggermente stereotipato, ma originale e frizzante: ogni personaggio sembra ben curato e la loro crescita può essere sviluppata in molti modi.
Per quanto riguarda la storia è originale, fresca e trasudante di emozioni: fa venire voglia di prendere in braccio una chitarra, di iniziare a suonarla anche ad un principiante e ti fa amare ancor di più la musica. Anche i personaggi dopo solo un volume iniziano già a farsi voler bene dal lettore che ride insieme a loro e sorride felice dei loro successi.

Insomma dopo un solo volumetto pochi manga mi hanno colpito così tanto in positivo: oltre ad aver voglia di leggere il secondo numero con trepidazione, mi è venuta voglia di rileggere da capo il primo numero per tornare a ridere insieme a questi fantastici e promettenti personaggi.
È decisamente prematura una recensione ed un voto dopo solo un volumetto letto, ma posso assicurare che promette veramente bene: si merita un ottimo voto già da ora.
Voto: 9.


 7
sagarasosuke

Volumi letti: 2/15 --- Voto 10
Ho trovato questo manga decisamente nelle mie corde essendo anch'io musicista. Racconta in modo esemplare la storia di un ragazzo che vuole diventare musicista. Tratteggia con maestria le emozioni che si possono provare nel prendere in mano una chitarra e cantare le emozioni che vengono dal proprio cuore. Ecco, questo è un manga che parla di cuore, che parla col cuore. I suoi disegni sono particolari ma molto dolci e accattivanti, e la storia è di quelle che prendono da subito. Per me promozione col massimo dei voti.

kaku96

 0
kaku96

Volumi letti: 2/15 --- Voto 7
Manga molto piacevole, la lettura è molto leggera, la storia ancora acerba ma molto promettente.
H.O. è un manga che ho comprato più che altro incuriosito dalla trama e dai disegni, ma dopo averlo letto, una volta superati i primi due capitoli (che non sopporto in nessun manga) ho incontrato personaggi molto ben caratterizzati e divertenti già dai primi volumi, oltre che disegni a dir poco stupendi capaci di catturare il lettore. Metto 7 e non 8 unicamente perché il genere scolastico e il genere musicale in un manga non mi sono mai piaciuti, ma dato che la storia si deve ancora ben sviluppare e dà tutta l'impressione di migliorare sempre più rimane un manga consigliatissimo, per quelli a cui il genere piace potrebbe valere anche 9.


 1
stronger

Volumi letti: 2/15 --- Voto 8
Davvero un buon inizio! L'ho acquistato incuriosito perlopiù dallo stile dei disegni di Takata, ma oltre a questo c'è ben altro. La storia ruota attorno a Kosame, ragazzo il cui sogno è entrare a far parte di una rock-band.
All'autore sono bastati due soli volumi per delineare le personalità dei vari personaggi principali. Le pagine scorrono veloci e la lettura risulta sempre godibile. Uno shonen assolutamente consigliato.
L'edizione è Panini da 3.90, l'ideale secondo me per questo tipo di manga. L'unica pecca è che in patria conta solo 3 volumi, speriamo non venga interrotto prematuramente perché ci sono tutte le basi per un buon lavoro.

DISEGNI: 9
STORIA: 7
PERSONAGGI: 8
EDIZIONE: 8

Consigliato!


 5
Renesmee

Volumi letti: 1/15 --- Voto 9
Questo manga mi è piovuto dal cielo in un momento "no". Sapete una cosa? Il momento "no", d'improvviso, è divenuto "sì", complici le risate fatte, le varie citazioni ai miei idoli rock e tante altre cose che non saprei neppure spiegare a parole. In più ci troviamo di fronte a dei disegni secondo me bellissimi, citazioni alla VERA musica, non alle melodie improponibili dei vari idoli moderni, e soprattutto ad una trama ricca di spunti interessanti e amore per la musica, a mio avviso, punto forte del prodotto.
Che dire? Beh, se amate la musica, la vera musica, correte ad acquistarlo!


 3
The Wolf And The Night Flower

Volumi letti: 1/15 --- Voto 7
Hallelujah Overdrive non è di certo uno di quei must read alla Monster o alla Slam Dunk (o con più attinenza al genere musicale, alla Beck), tuttavia il mio parere a proposito di questo primo numero è più che positivo.
Pur trattandosi di una commedia shonen dai toni molto leggeri (non mi trovo d'accordo con quelli che lo definiscono un shojo) che non tratta tematiche particolarmente profonde, il manga riesce a divertire ed intrattenere il lettore (nel mio caso è successo). Quello che più mi ha lasciato sorpreso è appunto il fatto che riesca nei suoi ambiti nonostante faccia uso di trovate e situazioni che ricalcano altri milioni di commedie scolastiche preesistenti. L'originalità non è infatti il punto di forza di questo fumetto, lo sono invece la sua freschezza e la sua capacità di trasmettere le emozioni che la musica riesce a suscitare in ognuno di noi.

Pur non reggendo il confronto con un pezzo d'arte e storia quale Beck è, devo ammettere che Hallelujah Overdrive potrebbe essere apprezzato anche da coloro che partecipano attivamente al mondo della musica anche nella vita reale; nonostante appaia (e in fondo sia) una ragazzata dall'impatto prevalentemente emozionale e con poco o nulla di professionale (per ora) riesce ottimamente a far comprendere come la musica possa essere coinvolgente ed appassionante - soprattutto da suonare - e di come si ci possa innamorare facilmente di essa.
Io suono da diversi anni, tuttavia questo manga, con la sua simpatia ed il suo approccio diretto, è riuscito a ricordarmi come nacque in me l'amore per la musica e soprattutto quanto io ci tenga, invogliandomi ad impegnarmi di più.

I disegni sono ovviamente semplici e non troppo curati, perfettamente riconducibili al genere shonen ed altrettanto adatti ad esso ed all'approccio comico e spensierato che caratterizza personaggi e trama. Nonostante questo sono abbastanza piacevoli all'occhio, quasi da definirli "simpatici"

In conclusione, Hallelujah Overdrive è una di quelle banalità molto ben riuscite, che ci riportano ogni tanto fuori dalla sfera delle nostre preoccupazioni e rendono il nostri pensieri più "leggeri".. Consigliato a chiunque fosse in cerca di un piacevole e spassoso passatempo, certo non aspettatevi però il manga musicale del millennio.


 2
riuccio90

Volumi letti: 1/15 --- Voto 7
Premetto che ho letto solo il primo volume e anche l'unico disponibile fino ad ora, quindi, mi limiterò a recensire solo il primo volume. Trovo questo fumetto fresco e leggibile non toglie tempo, gli darei 6 ma mi è piaciuta molto la citazione "1+1 non fa più 2 ma 10... 100" molto poetica, quindi gli do 7. Lo consiglio a chi vuole leggere una cosa leggera con un sottofondo musicale molto bello, non piacerà sicuramente a chi non segue la musica rock.
C'è da dire anche che ovviamente non regge assolutamente il confronto con Beck, quindi questa sarà ovviamente una seconda scelta.


 0
Fil Madness

Volumi letti: 1/15 --- Voto 6
La trama di questo manga tratta di un ragazzo che per, una delusione amorosa, viene catapultato nel mondo dell'heavy metal.
Partendo dal presupposto che la motivazione che spinge il protagonista ad entrare in una band non sta in piedi, le mie aspettative per questo manga erano molto più alte, ma chissà perché mi sono ritrovato a leggere un shojo da ragazzine emo.
Sicuramente un fumetto ben fatto, ma ragazzi per chi come me fa musica metal da anni è una presa in giro. Tutto sommato merita una lettura, ma da qui a farne un must...

Romeo Casanova

 2
Romeo Casanova

Volumi letti: 1/15 --- Voto 6
Halleluja Overdrive è un manga come tanti altri, a mio parere senza niente di speciale. È presentato come shonen ma è evidente che nonostante l'autore sia un uomo questo abbia voluto realizzare un classico shojo musicale. Infatti questo non ha niente a che vedere con Beck-Mongolian chop squad, a mio parere il migliore fra i manga che parlano di rock. Consigliato soprattutto alle ragazze che amano gli shojo musicali, questo manga sta sfruttando l'ondata di popolarità di Kilari, sarebbe altrimenti strana la pubblicazione in Italia visto che in patria ha raggiunto solo tre volumi e che non c'è alcuna garanzia che non venga interrotto prima di arrivare a conclusione. È comunque una storia carina e si lascia leggere pur essendo inadatta agli appassionati di rock che si aspetterebbero meno sentimentalismi e più riferimenti alla musica che amano visto che in teoria il manga parla di questo.