logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Pannero

Volumi letti: 1/6 --- Voto 9
"31 Ai Dream" è il primo josei (manga per donne adulte) di Arina Tanemura, che finora si è occupata sempre di manga con un target 8-12 anni, avendo lavorato sempre per la rivista Ribon della Shueisha. Tuttavia la Tanemura non si distacca neanche stavolta dagli elementi che l'hanno resa celebre.

Ai una volta era una studentessa bella e popolare mentre adesso è una trentunenne ancora vergine, sciatta e insoddisfatta della propria vita, incapace di dimenticare il ragazzo di cui era innamorata alle superiori.
Durante una riunione di classe Ai riesce a rivedere il suo vecchio amore che però adesso sembra essere impegnato. In preda allo sconforto Ai cerca di suicidarsi, ma viene fermata da un suo ex compagno di classe che le rivela di lavorare per una casa farmaceutica che sta lavorando su un farmaco capace di far tornare giovani.
Immediatamente Ai gli chiede di poter provare la medicina e di tornare temporaneamente a quando aveva quindici anni. Per una serie di coincidenze, andando in giro per strada da quindicenne Ai viene reclutata come modella e ha l'occasione di entrare nel mondo dello spettacolo. Che sia finalmente l'occasione di Ai di riscattarsi dalla sua vita che non le piace?

Come potete notare, torna l'elemento della trasformazione ragazza-donna (stavolta al contrario) come in "Full Moon wo sagashite" (manga precedente della Tanemura) e per quanto l'idea possa sembrare poco originale da il via a un manga ben costruito.
Come al solito la Tanemura è molto abile a creare personaggi interessanti e misteriosi, dal passato oscuro. Tutti sono interessanti e tutti, ma proprio tutti, hanno qualcosa da nascondere: il vecchio compagno di classe di Ai che le da la medicina per tornare giovane, nonostante sia felicemente fidanzato, si emoziona fin troppo quando vede la ragazza nuovamente con le sembianze con cui l'aveva lasciata al liceo, rivelando al lettore dei sentimenti di cui Ai non era mai stata a conoscenza; il ragazzo idol con cui la Ai nuovamente quindicenne lega, dietro a un sorriso impeccabile, nasconde un passato familiare triste e delle responsabilità che deve portare interamente sulle sue spalle; e infine il primo amore di Ai, all'apparenza freddo e superficiale, i cui sentimenti sono ancora un mistero.

Per quanto riguarda i disegni, le tavole sono molto più semplici rispetto al solito, meno fronzoli, sfondi al minimo e una retinatura meno pesante del solito, ma è interessante vedere la Tanemura cimentarsi con uno stile grafico diverso dal solito, più essenziale, decisamente lontano dalle tavole inverosimilmente dettagliate di "Shinshi Doumei Cross- The Gentlemen Alliance" e "Full Moon wo sagashite".

Come dicevo, nonostante le premesse un pò "ingenue" e la trama di fondo non proprio originale, il fascino di 31 Ai Dream sta nelle peculiarità narrative della Tanemura, campionessa nell'intrecciare sentimenti non proprio limpidi e nascosti, da tempo ero curiosa di poter leggere una sua storia più matura, e sono molto curiosa di vedere che piega prenderà il manga andando avanti.