logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Kramig

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
La storia è ambientata in un mondo "parallelo" molto simile al nostro, ma con una diversa geografia e con un gruppo di persone, gli sweeper (cacciatori di taglie), regolarmente registrati che si occupano di arrestare malviventi. In questo mondo esiste anche un'organizzazione, Kronos, che controlla un terzo della ricchezza mondiale e fa rispettare il proprio volere attraverso i "numbers", tredici assassini dotati di abilità tutt'altro che comuni, ciascuno caratterizzato da una propria arma.
Il protagonista della storia, Train Heartnet, è uno sweeper che opera in coppia con Sven (ex agente internazionale). Tuttavia, nella loro continua caccia ai delinquenti, spunterà una vecchia conoscenza di Train che sconvolgerà non solo Train e Sven ma addirittura l'intera Kronos...

Il manga ha ormai qualche anno sulle spalle ma devo dire che non ce ne si accorge. La storia ruota intorno al tema della "libertà" e del valore della vita: per quanto una persona possa aver fatto del male nessuno può privarla della vita; al contrario bisogna dargli la possibilità di ricominciare, senza dimenticare il proprio passato.
Ho apprezzato molto questa filosofia di fondo di Black Cat: oltre alla storia d'azione il manga ruota intorno a questa filosofia e ne fa il perno centrale, facendo sì che invece di essere un classico shounen sia qualcosa di più che, oltre a farti riflettere, ti lascia qualcosa al termine della sua lettura.

La storia è molto scorrevole, si leggere velocemente e cattura l'attenzione, portandoti a voler sempre sapere come andrà avanti.
I disegni, semplici ma ben realizzati, aiutano la scorrevolezza della storia, evitando appesantimenti ma senza trascurare i dettagli. I combattimenti sono ben resi e non capita di doversi chiedere "ma cosa sta succedendo?"

I personaggi principali, e gran parte dei secondari, sono ben caratterizzati. L'unica pecca sono i numbers, che essendo ben dodici, a volte si limitano al ruolo di comparsa e anche quelli più presenti nella storia lasciano la curiosità di sapere di più su di loro e sul loro passato. Non essendo però i protagonisti forse è stata una scelta dell'autore.

Al termine della storia restano alcuni punti scoperti che destano la curiosità del lettore, ma al termine del manga nell' "arrivederci" dell'autore egli sostiene di avere in mente tante altre idee per una seconda serie o altre storie in cui sono coinvolti i nostri protagonisti. Staremo a vedere, anche se a distanza di tempo non mi risulta ancora niente, e forse è meglio così: la storia nel complesso è ben riuscita, leggera, scorrevole, il mondo in cui la storia è ambientata è ben fatto, al punto che potrebbe essere usato come scenario per tante altre storie, romanzi, giochi.

Secondo me è un bel manga, meriterebbe 8,5 ma dato che non c'è il mezzo punto gli do 8. Non è un voto superiore perchè non è un manga "capolavoro" ma comunque è uno di quei manga che, al termine della storia, ti lascia quel senso di dispiacere perchè la storia è terminata, e anche compiaciuto e soddisfatto di quello che hai letto. Questi sono secondo me alcuni degli elementi essenziali per determinare un buon manga.


 0
::Koizumi::

Volumi letti: 20/20 --- Voto 6
Venuto a conoscenza dell'esistenza di questo manga disegnato dal buon Kentaro Yabuki, il primo pensiero che mi balenò in testa fu: "come mai un autore che inizia la sua carriera con questo promettente shonen d'azione, poi finisce su un manga come To Love Ru?".
La risposta ce la darà il manga stesso nel corso dei volumi, dove partendo da una base piuttosto incerta, il buon Yabuki prenderà mano a mano confidenza con quelli che sono i suoi punti forti e con quelle che invece saranno le sue debolezze, dovendo ahimè giungere alla conclusione che queste ultime siano superiori numericamente.
Il soggetto di base non è originalissimo ma sempre molto interessante per un lettore: l'ex criminale, che nella sua vita ha conosciuto solo un certo tipo di mondo non per scelta ma per causa di forza maggiore, grazie ad un incontro che gli cambia la vita decide di redimersi, con tutto quello che ne può conseguire: ovviamente non tutti saranno così comprensivi con lui e la sua scelta, soprattutto i suoi ex compagni.
Il fatto di essere stato compagno di Nobuhiro Watsuki ai tempi in cui entrambi erano allievi di Takeshi Obata, sicuramente ha inciso parecchio su molti tratti di Black Cat: si riscontra infatti più di una somiglianza con Kenshin Samurai Vagabondo, sia per il tema della redenzione, sia per i motivi che hanno spinto i 2 protagonisti a entrare e poi successivamente ad uscire da un certo mondo.
Cambia ovviamente il contorno, l'ambientazione e tanti piccoli aspetti, ma da fuori l'idea che avevo avuto è stata questa, e non nego che da amante del manga di Watsuki, oltre che di storie di questo tipo, io mi sia avvicinato al manga anche soprattutto per questo motivo.
Finito il manga, non posso negare che effettivamente la mia intuizione fosse abbastanza corretta, quello che di certo però non potevo aspettarmi è che l'autore fallisse miseramente nel portare questi temi su carta.
Intendiamoci, Black Cat non è un brutto manga e può tutto sommato essere una lettura gradevole per chiunque, purtroppo però risulta eccessivamente scolastico e banale in tutto quello che fa.
La trama infatti scorre via senza particolari colpi di scena e a mio modo di vedere soffre di un'inflazione di combattimenti che, pur risultando discreti, spezzano troppo il ritmo della narrazione.
La delusione più grossa però riguarda il passato del protagonista, che già dal primo volume ci viene presentato in forma di flash back: non nego di aver puntato tutto su questa formula, che sembrava poter promettere benissimo e sembrava poter arrivare a culminare nel "dramma" al momento giusto del manga, in un'esplosione di sentimento pari a quella vista in Kenshin.
Il tutto invece viene si raccontato, ma in maniera scialba, quasi forzata e anche qui troppo scolastica e per nulla "intima", non in grado quindi di suscitare emozioni e nemmeno la scontatissima lacrima che in parti come queste è d'obbligo, se ci si trova davanti ad un autore che sa il fatto suo.
Peccato, perché i primi volumi mi avevano illuso.

I personaggi, pur soffrendo di qualche stereotipo comprensibile in un manga di questo tipo, risultano molto gradevoli come caratterizzazione, come modo di interagire tra loro e soprattutto per quanto riguarda il chara design, forse uno degli aspetti più riusciti del manga.
E' qui che inizia a venir fuori la predisposizione di Watsuki a curare più i personaggi femminili che non quelli maschili, ed è una cosa che viene fuori lentamente, quasi come se lui per primo non se ne fosse accorto e gliel'avessero suggerito dall'esterno, probabilmente l'editor.
Di conseguenza, quasi come per magia, col passare dei volumi la taglia di reggiseno della protagonista femminile inizia ad aumentare vertiginosamente, e quella che nei primi volumi ci viene presentata si come femme fatales ma in maniera piuttosto "casta" (passatemi il termine), inizia ad assumere tutte le caratteristiche che faranno poi la fortuna futura dell'autore in To Love Ru, a cui aggiungiamo poi l'immancabile personaggio loli-tsundere , il cui ruolo diventa sempre più importante nell'economia del manga col passare dei volumi.

Riallacciando il discorso dei personaggi femminili anche al lato grafico, c'è poco da dire: Yabuki i corpi femminili li sa fare bene, anzi, benissimo.
Tutto il manga però gode di un buon reparto grafico, che culmina come già detto in un più che discreto chara design e che regala in generale un discreto colpo d'occhio.

In conclusione Black Cat è stata una delusione non tanto per il manga in se, che risulta comunque discreto, ma per il soggetto di base e l'incipit stratosferico che l'autore aveva a disposizione ma che purtroppo non è stato in grado di gestire e sviluppare.
Il rammarico quindi sta in quello che il manga poteva essere ma ahimè non è stato.


 1
Hiruma23

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Black è un manga di Kentaro Yabuki che è stato allievo di Takeshi Obata (Death Note, Hikaru no Go, ecc).
Il manga racconta di Train Heartnet, che insieme a Sven si guadagno da vivere facendo i cacciatori di taglie. Man mano che la storia che procede si scopriranno fatti avvenuti nel passato dei protagonisti, approfondendo molto le loro vicende. Specialmente il passato di Train sarà portatore di guai nella vita dei due sweeper. Non dico nulla a riguardo, sarebbe un peccato mortale per chi dovrebbe leggere ancora il manga.
Anche i personaggi secondari godono di un ottimo background e sono caratterizzati molto bene.
Black Cat ha in se le tipiche caratteristiche del manga Shonen, però la narrazione molto piacevole e gli avvenimenti mai banali, elevano questo manga tra i migliori della sua categoria.
Nell'opera di Kentaro Yabuki potrete ogni genere di cosa, dalle risate, ai momenti emozionanti anche a quelli tristi.
I disegni comunque sono il punto forte di Kentaro Yabuki, molto belli e a mio avviso mai confusionari.

Black Cat è la dimostrazione del potenziale che ha l'autore, vedere le opere di To Love Ru e To Love Ru Darkness e infine Mayoi Neko Overrun, dove Kentaro si è dedicato solo al disegno e non alla storia (che non sono un granché a mio avviso).

Consiglio a tutti l'acquisto di Black Cat, in quanto è veramente uno degli Shonen più belli che abbia mai letto, inoltre non è nemmeno lungo, 20 volumi a 3,90€, ampiamente reperibili essendo editi da Star Comics.


 1
Dark_Devil

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Cercherò di essere il più sintetico possibile per venire incontro a tutti gli utenti che vogliono farsi un'idea di questo manga senza perdere troppo tempo, per decidere o meno l'acquisto.

Black cat è uno shonen nel senso più classico del termine, non c'è niente di particolarmente eclatante o innovativo, ma è fatto tutto in modo eccelso, seguendo i canoni del genere. Train è il solito protagonista alla Goku (Dragonball docet), spensierato, allegro, fortissimo e generoso, tuttavia con un passato oscuro di killer alle spalle da cui cerca di redimersi. I personaggi sono tutti ben caratterizzati e introdotti, la storia scorre bene, con buoni colpi di scena e imprevisti. Ottima anche la caratterizzazione degli antagonisti, anche se Creed (il nemico principale di Train) è lo stereotipo del classico cattivo da Shonen che vuole dominare il mondo. Yabuki ha un tratto moderno e pulito, simile a molte produzioni moderne, le scene di combattimento sono sceneggiate magistralmente, sempre chiare, dinamiche e mai confusionarie, è proprio un peccato che abbia cambiato genere.
Non è una serie rivoluzionaria che vi farà gridare al miracolo, ma una lettura leggera, che scorre via bene e con ottimi spunti. Tutti gli appassionati del genere dovrebbero averlo, per gli altri che sono stanchi dei soliti shonen "commerciali", statene alla larga.


 1
EmmeKira

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
La cosa che mi ha colpito più di tutte in Black Cat è la scorrevolezza limpida e chiara della sua trama. Gli eventi si svolgono quasi con naturalezza, sembra addirittura che Kentaro Yabuki avesse già pianificato ogni vicenda fin dall'inizio (e forse magari è anche così).

La storia parla di Train Heartnet, un ragazzo spensierato e di buon cuore che svolge l'attività di cacciatore di taglie insieme al suo collaboratore Sven Vollfied. Il giovane però nasconde un passato oscuro e cupo nella quale era noto a tutti come il feroce e violento assassino Black Cat.

Nei primi numeri vengono fissati, come spesso capita negli shonen, i protagonisti fondamentali; mentre successivamente viene a tessersi la vera e propria storia, organizzata in una serie di missioni che il protagonista e i suoi comprimari devono compiere. Sullo sfondo, abbiamo gli antagonisti principali, la cui presenza aleggerà sempre all'interno della storia ricordando al lettore che Train prima o poi dovrà affrontare dei potenti avversari.

Quello che stupisce è proprio la concatenazione di vicende vissute nell'istante dai protagonisti, con la storia e l'intreccio generale: ciò che ne viene fuori è una narrazione fluida e mai noiosa che si porta avanti senza quasi mai sbavature fino alla fine.

Altro elemento positivo da evidenziare sono i personaggi, tutti ben caratterizzati, in particolar modo le figure principali che si muovono all'interno della storia. Il protagonista e il suo nemico sono per esempio costruiti perfettamente nella loro psicologia, quasi fossero uno la nemesi dell'altro. Per quanto riguarda i personaggi secondari non tutti sono esplorati in maniera intensa e profonda e alcune volte potremmo ritrovarci davanti figure abbastanza anonime. Nonostante questo però, proprio per una trama mai lenta e pesante, non ci si soffermerà mai in maniera particolare su questi difetti.

Da lodare anche la resa scenica dei combattimenti, tutti molto ben costruiti e architettati. I poteri e le abilità che verranno mostrate saranno tutte molto varie e interessanti, anche se non sempre le trovate dell'autore potranno definirsi originali.

Una pecca piuttosto negativa nel manga è la resa della parte finale della storia. Nell'ultimo grande arco narrativo, nonostante esso sia carico d' azione e risulti molto movimentato e avvincente, si percepisce la mancanza di importanti personaggi introdotti precedentemente, e addirittura nella parte conclusiva non si riesce a fare un uso proprio di alcune figure importanti che invece avrebbero dovuto giocare un ruolo fondamentale.

Infine a livello artistico devo dire di adorare la semplicità, la chiarezza e l' armonia dello stile di Yabuki-sensei. Anche in questo caso si sta parlando di un disegno pulito, limpido e in sostanza, ben fatto.

Concludo dicendo che Black Cat, benché non resti esente da difetti, che magari potrebbero anche far storcere il naso al lettore (nell'ultima parte in particolare, anche se essa riesce comunque a mantenersi su buonissimi livelli); è uno shonen davvero interessante che consiglio caldamente a tutti gli amanti del genere e che, in certi casi, riesce persino a fornire importanti messaggi e insegnamenti da tenere in considerazione.


 2
TWINKLE

Volumi letti: 20/20 --- Voto 6
Venti volumi sono sufficenti per raccontare una storia, per farci legare ai personaggi almeno il minimo indispensabile e stimolare così l'acquisto del numero successivo, per non finire nel Limbo degli shonen dimenticati, e neppure nel vortice infinito degli shonen infiniti. Venti volumi, ma vallo a spiegare ai Kubo e ai Mashima.

Yabuki Kentaro o Kentaro Yabuki - non mi sovviene adesso quale sia il nome e quale il cognome -, classe 1980, debutta appena diciottenne sulle pagine di Shonen Jump con una miniserie chiamata Yamato Gensouki o qualcosa di simile e si nota da subito il suo talento per il disegno, pulito, accattivante e dinamico, perfetto per cavalcare il mercato shonen dei primi anni 2000. Con Black Cat raggiunge due anni dopo il successo, pur non portando nulla di nuovo al genere.

Train Heartnet è un giovane cacciatore di taglie, chiamati qui "sweeper", sempre alla ricerca di nuove prede con il suo fidato ed elegante compare Sven Vollfied. Train però ha un passato da assassino ("eraser") al soldo di Kronos, enorme e misteriosa organizzazione che controlla mezzo mondo da dietro le quinte, un tragico evento ha spinto Train a lasciare di sua volontà Kronos e vivere libero, ma non sarà così semplice.
Se la trama scritta così sembra una rivisitazione moderna di Rurouni Kenshin con le pistole al posto delle spade, in realtà con l'aggiunta di un personaggio come Eve, seconda in ordine di importanza solo a Train - Sven è abbastanza passivo - eleva Black Cat dalla mediocrità grazie alla crescita psicologica della ragazzina, punto nevralgico dell'intera vicenda. Eve, che appare nel secondo volume, è infatti un arma biologica dalle capacità straordinarie ma che allo stesso tempo nulla conosce del mondo ed interessante è il suo rapporto con Train di "rivalità" mentre lui continua a considerare Eve la principessina da salvare ("Princ" diventerà il suo soprannome) con la diretta conseguenza che assisteremo a gag di vario genere.
La storia è abbastanza convenzionale e se vogliamo essere sinceri anche abbastanza prevedibile con pochi colpi di scena degni di questo nome, tuttavia riesce ad essere anche avvincente, da una parte per il carisma dei personaggi, amici e nemici, dall'altra per la assenza di lungaggini di vario genere slegate dalla trama principale. I combattimenti sono figli di One Piece con i vari superpoteri, forse leggermente banali ma mai invadenti, per quanto la parte action sia l'aspetto principale di Black Cat, Yabuki trova sempre il modo di variare tra gag, dialoghi e piccole sottotrame che rendono la lettura piacevole, con l'eccezione del lungo capitolo finale sull'isola pieno di battaglie.
Black Cat fa dell'aspetto grafico uno dei suoi pregi migliori, migliorandosi in breve tempo soprattutto nel character design, perfetto per piacere ad un lettore moderno, perfetto per far vendere nelle fiere le relative action figures, oggi più che mai con l'harem demenziale To Love Ru.

Consigliato a chi è alla ricerca di uno shonen semplice che di certo non entra nella storia, ma divertente e scorrevole, adatto ai nuovi lettori del genere ma anche a coloro che hanno apprezzato la fiera di tette e chiappe al vento di To Love Ru e vogliono constatare di persona se Yabuki è capace di disegnare altro (si) e di scrivere una storia (si).


 1
Effy.

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Black Cat è uno shounen di stampo tradizione con spunti interessanti fusi con le migliori caratteristiche del genere shounen per l'appunto. La storia tratta di Train Heartnet, ex eraser (killer) della titanica organizzazione Kronos che monopolizza buona parte della politica e dell'economia del mondo nel fumetto. Dopo aver lasciato i Kronos Numbers, la squadra scelta composta da tredici killer spietati al comando di Kronos, il nostro protagonista diventa uno sweeper, un cacciatore di taglie. La storia comincia proprio con la presentazione di Train e del suo compagno sweeper Sven mentre cacciano.

Andando avanti nella storia scopriamo una caratterizzazione dei due personaggi principali, Train e Sven, molto accurata sia dal punto di vista grafico che dal punto di vista caratteriale. Questo manga, soggetto di polemiche per via delle varie accuse di plagio ai danni di opere come "Naruto" è un ottimo prodotto per la propria categoria. L'autore cerca di caratterizzare bene ogni suo personaggio, riuscendo secondo me egregiamente nell'intento. Forse una delle note dolenti imputabili alla serie è l'abbandono e ripresa consecutiva di alcuni personaggi, come per esempio Rinslet la famosa ladra a pagamento, il cui ruolo all'interno della serie non si capisce quanto sia profondo, in quanto in alcuni momenti risulta messa lì per dare una spiegazione a una determinata situazione senza realmente partecipare al tutto.
Le tavole sono sufficienti, niente di più niente di meno. Il disegno è il classico del genere shounen, tuttavia l'autore con il proprio tratto cerca di dare qualcosa a volte riuscendoci altre no. Punto forte del disegno dell'autore sono i combattimenti, niente risulta macchinoso o incomprensibile, le tavole risultano chiare e mai, concedetemi il termine, "incasinate" fra loro, cosa non da poco visto che il difetto dello shounen risiede proprio nella dinamica dei combattimenti disegnati!

Tirando le conclusioni,la serie mi ha fatto una bellissima impressione. Non è mai risultata pesante, e anzi risulta molto leggere e scorrevole da leggere anche nei dialoghi un po' più pesanti. Avrei dato 7.5 a questa serie, non potendo essere una via di mezzo tuttavia mi trovo costretto a decidere se andare in difetto o in pregio, e viste le impressioni positive che ha avuto su di me la serie invece di togliere il mezzo lo aggiungo, dandole un otto pieno! Consigliatissima agli amanti dello shounen di buona qualità (nonostante i plagi)!


 5
GianniGreed

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Black Cat è un manga di ben venti volumi di Kentaro Yabuki, autore che adesso è noto per essere il disegnatore di To Love-Ru. In To Love-Ru comunque si occupa solo dei disegni, davvero ottimi, mentre in Black Cat ha scritto anche la storia, un’ottima storia, che, pur seguendo gli stilemi classici degli shonen manga (è stato pubblicato su Shonen Jump) riesce a essere originale.

Black Cat è la storia di Train Heartnet, un killer facente parte di Kronos Number, una potentissima organizzazione segreta che controlla due terzi degli interessi mondiali.
La sua vita cambia quando incontra Saya, una sweeper (cacciatrice di taglie), e decide di lasciare l’organizzazione. Le cose purtroppo si mettono male, un altro membro di Kronos, Creed, per far tornare Train sulla retta via uccide Saya.
Anni dopo Train è diventato uno sweeper che vive alla giornata, finché non fa di nuovo la sua comparsa Creed, intento a distruggere Kronos Number e voler conquistare il mondo.

Come detto, la storia è abbastanza classica nel porsi al lettore, e a prima vista sembra un manga qualunque. Ma Black Cat ha elementi originali, che nel corso della lettura vengono man mano svelati, rendendo la storia molto intrigante.
Il fumetto inizia in modo semplice per poi rivelare le sue vere potenzialità. Dopo i primi numeri che presentano la storia, i personaggi e il mondo in cui agiscono, fa la sua comparsa quello che è il nemico della serie, Creed appunto, e la storia inizia a delinearsi.

L’elemento shonen del manga è molto presente, infatti con l’arrivo di quelli che sono chiamati “apostoli delle stelle” il fumetto si riempie di personaggi dotati di poteri straordinari, alcuni molto originali, altri già visti, ma che daranno il via a molti combattimenti.
Il protagonista Train è un po’ atipico, del resto lui combatte con una pistola, ma l’autore riesce a creare degli ottimi combattimenti sfruttando la cosa nel modo giusto.
Ma non è solo questo. Black Cat ha anche una bella trama seria, la storia di Train e Saya, cardine dell’intero fumetto, è molto profonda e bella da leggere.

I personaggi sono tantissimi, tutti ben caratterizzati, Train su tutti ovviamente. I comprimari non sono da meno, Sven ed Eve, sono delle ottime spalle, sia nelle scene comiche che durante i momenti d’azione. Il gruppo di cattivi è molto vario, e poi ci sono tutti i personaggi di mezzo.

I disegni sono ottimi, migliorano di volume in volume, e si nota molto l’evoluzione grafica dell’autore confrontando il primo volume con l’ultimo.

La lettura è consigliata a chi cerca un ottimo manga pieno d’azione, sorretto da una validissima trama e pieno di personaggi divertenti e carismatici.

L’edizione di Star Comics è molto buona, negli standard della casa editrice, abbastanza curata, e offre un ottimo rapporto qualità-prezzo.


 1
ZIPPYBUNNY

Volumi letti: 20/20 --- Voto 10
Black Cat è uno dei miei manga preferiti.
La storia è secondo me davvero molto elaborata e particolare, e anche i disegni sono bellissimi - nei primi volumi un po' di meno, ma col tempo diventano sempre più belli.
I personaggi hanno tutti carattere, sono simpatici e divertenti e al tempo stesso seri e decisi. Train è il mio personaggio preferito, anche per il suo soprannome "black cat" e anche perché è il numero 13 dei kronos number. I colpi di scena non mancano mai ed uno dei pochi manga seri che abbia mai letto.
Consiglio assolutamente di leggerlo a tutti coloro che cercano un buon shonen ricco d'azione e avventura.


 0
Fanny11

Volumi letti: 6/20 --- Voto 7
Premetto che non ho letto tutti i numeri di Black Cat, e non so come si conclude, poiché nella cittadina dove vivo c'è solo una fumetteria seria e aveva tutti numeri spaiati; per cui, darò il mio parere in maniera molto frammentaria, anche se spero possa essere utile. Io ho apprezzato questo manga soprattutto per i disegni e per i personaggi: ho preso spesso ispirazione da questo fumetto per i miei disegni o tentativi presunti tali, e lo stile, ad esempio, degli occhi secondo me è molto comodo per le figure maschili. In secondo luogo, i personaggi mi sono piaciuti perché non stereotipati: ognuno aveva una propria storia da raccontare, alle volte anche commovente. Train e Eve sono molto profondi, secondo me, e l'autore dimostra di non essere né banale né scontato. In quanto alla storia, la trovo interessante ma non straordinaria, forse proprio perché mi mancano dei prezzi e non comprendo a pieno l'opera. Per questo non mi sento di sbilanciarmi con un 8 pieno, ma se fossero ammessi i mezzi darei un bel 7.5 a questo manga che probabilmente ha molto da dire.


 3
Smooth Criminal

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Una delle migliori serie manga che abbia letto. In questo manga l'autore, Kentaro Yabuki riesce subito a coinvolgere il lettore, sin dal primo volume. Infatti la trama parte subito bene, con la presentazione di un protagonista riuscito davvero bene, uno dei miei personaggi di manga preferiti, Train Heartnet. Nonostante sia un cacciatore di taglie, Train risulta essere davvero molto simpatico, ma spietato e cattivo al punto giusto se necessario. La trama è abbastanza semplice, ma comunque ben articolata e ricca di sorprese. Molto bella l'idea dell'organizzazione Kronos Number, con i membri che hanno tatuato sul corpo il loro numero. Belli e ben rappresentati sono anche i personaggi secondari e i vari nemici. Sven, il compagno di avventure di Train è anch'egli uno sweeper, un cacciatore di taglie che possiede un potere molto particolare, anche se potrebbe essere paragonato a uno sharingan o cose varie. Molto belli i disegni e la storia, che si conclude con un buon finale. Da leggere se si cerca un bello shonen con colpi di scena (e di pistola). Buona l'edizione italiana, per dialoghi e per il prezzo modesto.


 2
Hisoka

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Black Cat è uno Shounen capace di attirare, a mio parere, sia i maschietti che le femminucce, in primo luogo perché graficamente merita molto, pulito ed esplicito, il disegno di Kentaro Yabuki dovrebbe essere apprezzato a maggioranza, ma soprattutto perché la tematica dell’assassino imbattibile che cerca vendetta per l’uccisione dell’amata potrebbe di certo incuriosire anche qualche amante degli shoujo che vorrebbe un po’ più di movimento nelle sue letture.
Un po’ di combattimenti ben pensati, entrate in scena accattivanti e un po’ di super poteri tanto per gradire.

Per questo manga Yabuki Kentaro ha saputo creare dei personaggi davvero interessanti, misteriosi, attraenti, dolci e a volte anche buffi.
La simpatia infatti non manca, quel burlone di Train riesce facilmente a farci sorridere in una pagina e a farci spalancare gli occhi la pagina dopo, vestendo i panni del famigerato Black Cat, il terrore di tutti i malviventi. Ma per fortuna a tenere a freno il nostro ingordo assassino c’è il suo amico nonché compagno di lavoro Sven. Altrimenti conosciuto come l’uomo con la benda sull’occhio e il cappello, Sven si crede un gentiluomo e protettore del gentil sesso e sarà proprio lui a incontrare per primo Eve, all’apparenza una ragazzina dall’atteggiamento strano e l’aria innocente... o almeno, è quello che penserà all’inizio il nostro Sven.
I due sweeper, Sven e Train, andranno in giro per il mondo inventato da Kentaro cercando criminali con una taglia sulla testa capace di saldare tutti i loro debiti, e nel mentre incontreranno un mare di personaggi, tra cui anche l’affascinante ladra Rinslet, con la quale intesseranno un legame di lavoro.
Piccola pecca sono tutti quei personaggi che il mangaka tira fuori dal suo cilindro, senza considerarli gran che, li fa apparire e poi scomparire alla stessa velocità. Un peccato, per molti elementi validi della serie.

Intendiamoci, non che la storia sia gran che innovativa, e alcuni elementi possono causare una sensazione di deja vu, ma l’intreccio, flashback quando servono e situazioni comiche a non farci mai annoiare degli avvenimenti tendono a risollevare in generale l’insieme.
Se all’inizio sembra non esserci una trama di fondo ben precisa, andando avanti con i volumi ci renderemo sempre più conto che Creed, il nemico giurato di Cat, diventerà sempre di più una minaccia da doversi eliminare al più presto. Ma ce la farà Cat a vendicarsi di Creed e della sua compagni di pazzi assassini e super potenziati?
In definitiva questo è un manga sempre disponibile e che aspetta e merita di essere letto.

Devil

Volumi letti: 20/20 --- Voto 7
Train Heartnet è un ragazzo come tanti altri. Allegro, spensierato, sempre in movimento e senza un soldo in tasca. Le sue giornate passano serene in compagnia del suo amico, Sven Vollfied, tra una giocosa lite e un'altra. Sembrerebbero persone del tutto comuni, normali agli occhi di chiunque, ma la realtà è ben diversa. Train e Sven sono sweeper, ovvero cacciatori di taglie che si guadagnano da vivere catturando i vari ricercati più o meno pericolosi (e di conseguenza più fruttuosi). Le loro abilità sono fuori dal normale e riescono sempre a raggiungere il traguardo prefissato, ma la loro caratteristica è anche il buon cuore, dato che molte volte rifiutano di incassare la ricompensa per aiutare qualcuno in difficoltà. Inoltre una caratteristica di Train, la più importante e anche la più segreta, è una sola: porta con se l'identità segreta di Black Cat, famosissimo cacciatore di taglie sparito dalla scena qualche anno addietro, noto per la sua straordinaria abilità con la pistola e per la sua... incredibile crudeltà.
Tutto questo è Black Cat, creato dal maestro Yabuki Kentaro, uno shonen di 20 numeri che racchiude in sé molte caratteristiche del genere, ma che sa catturare e stupire il lettore in non pochi punti.
La storia non esita a ingranare già dal primo numero, mostrandoci subito quali saranno i protagonisti e i personaggi principali che saranno ci accompagneranno per tutta la vicenda: oltre ai già citati Train e Sven, la vicenda ruoterà anche intorno ad una strana ragazzina bionda di nome Eve, che ha con se una terribile capacità che potrebbe essere letale per malintenzionati, ma persino per i suoi amici. Oltre a questi tre, nel primo numero farà la sua apparizione anche una ragazza di nome Rinslet che sarà un'ottima spalla per i nostri protagonisti, racchiudendo intelligenza, astuzia e bellezza, come una Fujiko dei manga odierni.

La tenacia e la costanza sono i punti forti del manga, vengono mostrati vari personaggi che per raggiungere il loro traguardo non esitano a mettere a rischio le loro vite. Il coraggio e lo sprezzo del pericolo sono una costante del genere, ed anche qui non perdono la loro importanza e la loro lucidità, presenti in ogni momento. Ovviamente un altro elemento che non poteva mancare era l'amicizia e il sacrificio verso coloro che si ama e che si vuole proteggere, forse unica vera forza motrice della vicenda, la vera e propria anima non solo del protagonista, ma anche dei suoi amici, disposti ad accompagnarlo e ad aiutarlo, nonostante certe volte non siano d'accordo con le sue scelte.
Black Cat non si limita a mostrarci vicende singole, slegate tra di loro, come quelle mostrateci nei primi numeri: infatti la trama principale viene fatta capire al lettore già da subito, mostrandoci due vere e proprie organizzazioni rivali, che saranno il vero campo di battaglia per Train e i suoi. I Kronos Numbers e gli Apostoli delle Stelle sono alle soglie di una vera e propria guerra segreta, fornendo a Train l'occasione di sistemare del tutto i conti in sospeso con la sua nemesi, Creed, leader della seconda organizzazione citata.
Train si muove principalmente grazie al ricordo di una sua amica che gli ha letteralmente cambiato la vita, mostrandogli le meraviglie e i veri valori del mondo. Essa rimarrà per sempre scolpita nei ricordi del ragazzo e fungerà anche come una coscienza sempre presente.

Lo stile della storia e la sua capacità di attirare l'attenzione sono molto buoni, raccontandoci una vicenda che di certo non spicca di originalità, ma che comunque non annoia e in molti punti appassiona anche, mostrandoci molte vicende e situazioni che danno solo che piacere ad esserle lette, soprattutto per un profano del genere. Si, profano, perchè Black Cat attualmente potrebbe piacere più a chi inizia a muovere ora i primi passi verso il vasto mondo dei manga, che ai lettori navigati. La saturazione attuale del genere shonen ha portato molte delusioni e ha stancato tantissimi lettori che ormai poco più si avvicinano al genere, cercando situazioni diverse. E questo è un vero peccato, perchè il fenomeno può privare l'avvicinamento a molti manga come questo, capaci di attirare l'attenzione e di appassionare il lettore, proprio come è successo a me.

L'edizione è curata da Star Comics, presentandoci un formato standard della casa, resistente, con carta abbastanza spessa (soprattutto dal numero 8 in poi) e bianca, e che non corre il rischio di deteriorarsi subito, presentandoci magari distaccamenti di pagine vari. Anche il prezzo è quello comune di 3.90€, consentendo una non eccessiva spesa nel caso del recupero degli arretrati: fortunatamente tutti i numeri sono reperibillissimi e non presentano rialzi del costo per la possibile rarità nel settore. Infatti la casa è famosa per la sua ampia disponibilità di arretrati, che tanto facilita la vita ai lettori di manga.

Concludo consigliandovi immancabilmente di leggere quest'opera, non sarà un capolavoro, ma comunque non annoierà, anzi regalerà piacevoli momenti di lettura e sicuramente non stonerà nella vostra collezione di manga.


 0
I_can89

Volumi letti: 20/20 --- Voto 7
Ho visto un sacco di 10 nelle recensioni precedenti, e mi sento un po' in colpa ad abbassare la media, però lasciate che vi dica le mie motivazioni.
Black Cat ha degli ottimi personaggi tutti ben caratterizzati, e la mano di Yabuki rende il tutto migliore, ma la storia, che all'inizio è così affascinante, riesce a prenderti sin dai primi volumi per poi buttarti dalla scarpata verso i volumi finali.
una bella trama piena di presupposti ottimi che mi avevano fatto sperare in un finale avvincente, pieno di colpi di scena, sono stati in buona parte mal usati (dire traditi era troppo). Si poteva fare decisamente meglio, forse anche con qualche volume in più, e personalmente il finale mi ha lasciato un po' male, mi aspettavo qualcosa di diverso ( ma è un parere personale).
Il mio 7, è il voto ad una trama iniziale splendida, ma che lascia a desiderare alla fine... e si sa che se la fine non piace anche l'opera nel complesso perde punti. Consigliato se vi piacciono i manga d'azione ben disegnati e con del sano umorismo.


 0
Eren

Volumi letti: 20/20 --- Voto 10
Davvero un bellissimo manga, che consiglio a tutti coloro che amano l'azione e i personaggi "fuori dal comune".
Black Cat affianca momenti di sfrenata ilarità a riflessioni molto profonde, in un susseguirsi di azione e colpi di scena.
I personaggi sono caratterizzati benissimo: ognuno ha la sua storia raccontata nei minimi particolari, il suo carattere, le sue "virtù" e morali.
La storia è complessa, ma ben realizzata, i collegamenti sono ottimi e nulla viene lasciato al caso o all'incuria. Tutto trova una risposta logica e soddisfacente.
Il tratto del maestro Yabuki è splendido, degno di un allievo del grande Takeshi Obata, quale lui è.
Io ho letto tutti e 20 i volumi e non mi sono mai annoiata, la voglia di proseguire nella lettura mi ha tenuta incollata al manga dalla prima all'ultima pagina e mi è dispiaciuto molto quando il manga è terminato, ma sono rimasta molto soddisfatta del finale, cosa non sempre scontata, ahimè! Che altro dire... un vero capolavoro!


 0
zzmario

Volumi letti: 20/20 --- Voto 10
Superlativo... Questo è il mio parere dopo aver letto tutti i 20 volumi.
La storia articolata, ma ben organizzata, parla di un giovane ragazzo di nome Train Heartnet che, insieme al suo collega, svolge brillantemente il pericoloso mestiere di sweeper. Ben presto si scopre la vera trama del manga, dove in realtà il giovane cacciatore di taglie non è altro che il famigerato number XII della più grande e potente organizzazione di Assassini professionisti, Black Cat.
La trama s'intreccia sempre più con la comparsa di un'altra organizzazzione, il cui capo è un vecchio amico di Train, che vuole avere il sopravvento sui Number e dominare così il mondo.
Si susseguono numerosi scontri e combattimenti tra le varie fazioni che cercano di trascinare dalla loro parte il giovane Sweeper per servirsi dei sui poteri e del suo innato talento di killer.
Intanto il gruppo di Train s'allarga e alla coppia iniziale s'aggiunge anche una simpatica ma poco socievole bambina, geneticamente modificata con l'utilizzo della nano-tecnologia.
Non aggiungo altro, vi consiglio vivamente di leggerlo... Ciao!


 0
Kouga

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Black Cat è il perfetto esempio come il mix di generi diversissimi fra loro possa amalgamarsi nella più totale e perfetta armonia, concependo una storia brillante, divertente, per nulla scontata e completa nel giro di una ventina di volumi. Se il plot principale può non sembrare originalissimo, i suoi personaggi lo sono molto e lo stesso vale per la storia, salvo i primi numeri che vanno a stabilirsi come prologo, previa presentazione di episodi auto-conclusivi atti ad acrescere appeal e curiosità riguardo personaggi principali e a presentare i comprimari. Poi il tutto si fa sempre più interessante ed avvincente, raggiungendo verso la fine un climax altissimo.
Lo stile di disegno di Yabuki è quanto di più semplice, particolareggiato e gradevole si possa immaginare, e cresce in maniera spasmodica e a ritmi velocissimi: il primo tankobon e il ventesimo hanno un abisso grafico incredibile. Un entusiasmante shonen consigliato anche alle ragazze e che ha il punto forte di non perdersi lungo la strada. Bello, bello, bello!


 0
Kerolin

Volumi letti: 20/20 --- Voto 10
Train Heartnet è uno sweeper, ma in precedenza era conosciuto da tutti come il leggendario assassino Black Cat. Deciso a cambiare il suo stile di vita, e stufo di vivere alla giornata come un gatto randagio, Train (aiutato dai suoi compagni) cercherà di annientare la pericolosa organizzazione degli Apostoli delle stelle capitanata da Creed, un ex compagno di Train.
Stupendo Shonen, mi ha colpito dal primo numero e lancia un messaggio molto importante: vivere nel migliore dei modi il presente, portando il peso del proprio passato.


 1
Al Shirosaki

Volumi letti: 20/20 --- Voto 6
<b>[Attenzione, spoiler]</b>
Black Cat è stato il primo manga che ho collezionato, cercando tutti i numeri che mi mancavano. Il motivo è che il primo numero mi colpì moltissimo: finalmente avevo trovato una storia adulta, con un protagonista tormentato e perseguitato dal passato. E, numero dopo numero, la mia passione e il mio amore per Train aumentava, portandolo in cima alle mie preferenze. Ma tutte queste mie aspettative si sono infrante, putroppo, con il volume 14. La storia, fino a quel momento appassionante, diventa noiosa, in parte perchè sono solo combattimenti, in parte perchè non vengono approfonditi alcuni aspetti per me fondamentali: prima di diventare Black Cat, dopo essere entrato nel organizzazione, chi era Train? Com' era? Tutto quello che la trama, fino a quel momento prometteva, è sparito. Molti aspetti sono accennati durante l' opera, ma rimane la speranza di un possibile approfondimento. E invece no. Tutto finisce con la sconfitta dell' antagonista, pertanto neanche in maniera verosimile. Parliamo anche dei nemici: scontatissimo e abusatissimo il sistema di dare loro poteri speciali, che sconfiggono chiunque tranne il protagonista e i compari. Che, a parte Eve, combattono con delle pistole. Ma allora non potevano venire sconfitti lo stesso da altri? Ovviamente no. Ecco un altro limite, presente non solo qui: l' essere scontato. L' autore usa gli elementi tipici degli shonen, abbassando di qualità il prodotto. Il vero problema è però che essi sono usati e praticamente infilati tutti nella parte finale, distruggendo le aspettative precedenti (il non seguire i canoni degli shonen). Pure il disegno perde qualità: all' inizio i personaggi sono disegnati proporzionati, poi, dal 13 in poi, tutti si restringono di misure, diventando giovanissimi, quasi bambini. Ma se il protagonista ha 25 anni!! Insomma, un' opera che è partita bene ma si perde per strada. Provatelo e vedete.

FredJoker

 0
FredJoker

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
E' un manga che ho scoperto da poco, ma che mi ha entusiasmato tantissimo, con una storia sempre divertente e con molta azione.
Questo manga racconta la storia di Train Heartnet, un ex-Eraser (assassino) un tempo chiamato Black Cat, ora diventato Sweeper (cacciatore di taglie); nella sua avventura Train non è da solo, infatti è aiutato da Sven ( uno sweeper dalle abilità misteriose), Da Rins (una ladra) e da molti altri personaggi che incontrerà nel corso della storia (non dico altro per non fare spoiler).
La storia è molto avvincente e piena di colpi di scena e rivelazioni, andando a scavare nel passato di Train. Se volete un manga che entusiasmi e che si legge con molta facilita per la sua bellezza, Black Cat è il manga per voi!


 0
Ewil

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Uno shonen disegnato divinamente e degno di essere classificato come uno dei migliori degli ultimi tempi. La storia è intraprendente e non si perde mai nel vago, i personaggi ben caratterizzati e l'azione ed i colpi di scena sono di casa. Uno shonen completo, consigliato a chiunque, sia quelli alle prime armi che quelli che già se la intendono di più ;) .

kyuna

 0
kyuna

Volumi letti: 20/20 --- Voto 10
Black Cat è un manga davvero bellino, sia per la storia che per i protagonisti e per il vero protagonista, cioè Train, che è molto carino ed è il solito tipetto oscuro all'inizio e poi cambia. E' davvero magnifico, i disegni sono la cosa che mi hanno colpito di più, lo ammetto, ma la storia è "strabella" e anche romantica in certi punti. Spero che arrivi anche in Italia...
L'anime è bello anche quello anche se diverso, purtroppo, ma va bene e anche quello è caruccio.
Lo consiglio vivamente, è davvero piacevole da leggere.

moxys

 0
moxys

Volumi letti: 20/20 --- Voto 10
E' fantastico: un ottimo mix di fantasy con le sue scene divertenti che sdrammatizzano un po', odio la troppa serietà. Son d'accordo con tutti gli altri commenti, la storia si "frena" al 10° volume anche se è comunque molto bello con i disegni ben curati.
L'anime è leggermente differente dal manga con la stessa base principale ma con grandi cambiamenti.

†~Follettina~†™

 0
†~Follettina~†™

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
Black Cat è davvero una bellissima opera, mi è piaciuta fin da subito. L'autore è riuscito meravigliosamente a raccontare la storia che ho trovato molto particolareggiata. I disegni non sono da meno: puliti e dettagliati (c'era da aspettarselo da colui che è stato allievo del mitico Takeshi Obata XD).
Black Cat potrebbe sembrare la solita storia del ragazzo in viaggio in cerca di vendetta ma vi assicurò che non è così! La storia nasconde qualcosa di speciale e secondo me anche un po' di romanticismo XD.
Train Heartnet è un cacciatore di taglie ed è il partner di Sven che incontra quasi subito essere diventato uno sweeper (all'inizio della storia si conoscono già ma in un volume non ricordo quale viene raccontata in breve la storia del loro incontro), a loro si aggiungeranno Rinslet ed Eve, una ragazzina nel quale corpo sono state introdotte delle nanomacchine, e grazie a queste riuscirà a trasformarsi.
Rinslet però non si unirà a loro in modo stabile anche se sarà comunque di grande aiuto. Questo piccolo gruppetto vivrà davvero molte avventure che però non rivelo :D

Considerazioni: davvero un buon manga consigliato a tutti i fan dell'avventura e dell'azione. Voto: 8.
Davvero bello e un 8 se lo è proprio meritato, spero dunque che anche To-Love-Ru arrivi presto in Italia, o almeno me lo auguro XD.

Notazione: Eve assomiglia tantissimo ad Oscurità d'Oro di To-Love-Ru, un'altra opera del medesimo aurore :P

Piccola Yu

 0
Piccola Yu

Volumi letti: 20/20 --- Voto 10
Attira la sua attenzione questa opera, con soli 20 volumi ci spiega di tutto. I disegni sono fantastici, e ogni numero si vede che vengono perfezionati sempre di più. La storia è qualcosa di coinvolgente, e le risatine non mancano per via d alcune battutine senza senso, ma è pur sempre qualcosa che dal titolo fa capire parecchie cose

Kurai

 0
Kurai

Volumi letti: 20/20 --- Voto 9
Black Cat è qualcosa di sublime! Veramente un ottimo manga in tutto: disegni, storia, personaggi e loro caratterizzazione, poteri, colpi di scena. Una vera opera d'arte. In primis la storia è semplice ma ben articolata con molti colpi di scena. Le scene di guerra sono ben amalgamate con quelle riflessive. I personaggi sono presentati benissimo con più tipi di caratterizzazione e i cattivi hanno quel che di affascinante... sono molto particolari per quanto riguarda i poteri. Il tratto dell'autore Yubuki Kentaro si affina con lo scorrere della storia. UN MANGA CHE CONSIGLIO A TUTTI! VALE VERAMENTE TANTO!

XXXRena-chan19

 0
XXXRena-chan19

Volumi letti: 20/20 --- Voto 9
Black Cat è superstrabellissimo!
Davvero uno dei migliori shoenen che abbia mai letto. I disegni diventano sempre più meravigliosi ogni volume che passa, la trama è ben fatta e non annoia mai (ho sempre amato le storie di cacciatori di taglie), Train è un protagonista perfetto, Creed è il nemico perfetto (TI AMO), Eve è assolutamente irresistibile, le scene comiche sono fantastiche, quelle d'azione spettacolari. L'ho adorato! ASSOLUTAMENTE CONSIGLIATO.

Moz

 0
Moz

Volumi letti: 20/20 --- Voto 8
"Non hai il diritto di scegliere, Gatto Nero".
Su questo ruota la storia di Black Cat. Un bel manga, appassionante, lineare, divertente e maturo. Con la semplicità della storia e dei disegni mi ha conquistato fin dall'inizio. I personaggi sono ben caratterizzati e carismatici per le loro peculiarità.
Grande fantasia nella scelta dei poteri del tao e delle armi dei numbers.
La cosa che mi ha un pò deluso è che si sarebbe potuto concludere benissimo al decimo volume, dal momento che il senso di mistero che permeava la serie svanisce presto e lascia il lettore un pò sorpreso.
Molto consigliato!

Krys

 0
Krys

Volumi letti: 20/20 --- Voto 10
Un manga bellissimo! Disegni spettacolari, personaggi ben ceratterizzati, belle gag umoristiche e una trama avvincente piazzano questo manga fra i miei preferiti solo dietro One Piece e Naruto! Le situazioni sono varie e i poteri dei Numbers e dei fanti del Tao sono sempre più spettacolari! Consigliatissimo agli appassionati di fantasy.

neodym

 0
neodym

Volumi letti: 20/20 --- Voto 9
La storia ricorda molto quella di Cowboy Bebop, ma si mtratta comunque di un prodotto davvero valido, secondo me.
Il disegno è molto gradevole e la caratterizzazione dei personaggi è decisamente ben fatta.
I primi volumi sono decisamente più coinvolgenti degli ultimi, e forse nel finale la storia si risolve in maniera forse troppo banale, mentre all'inizio era un po' più complessa e studiata.
Si tratta comunque di un fumetto che vale la pena acquistare.

gackt

 0
gackt

Volumi letti: 17/20 --- Voto 7
Black Cat è iniziato alla grande, con una storia interessante e profonda, personaggi ben caratterizzati e un mare di colpi di scena. Purtroppo dopo il decimo volume l'unica cosa gradevole che rimane è il disegno di Kentaro Yabuki, mentre la storia diventa piatta, priva di segreti da svelare, perdendo il fascino dei primi numeri

The XIII

 0
The XIII

Volumi letti: 18/20 --- Voto 10
Inizio col dire che se potessi darei molto più di 10. Assolutamente il mio manga preferito. La storia non è delle più originali, ma il protagonista è uno dei meglio caratterizzati mai visti con delle abilità e un carattere fuori dal comune. Anche i personaggi secondari vengono trattati con molto cura. Un mix tra serietà e gag, fantastico. Assolutamente da NON perdere!!!!!