logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
DarkSoulRead

Episodi visti: 1/1 --- Voto 8
Ammetto di aver visto questo film almeno quindici volte quando ero bambino, e che sarà quindi difficile non farsi pervadere dalla nostalgia dei tempi che furono. Tuttavia oggettivamente il film, pur essendo datato 2000, è invecchiato davvero bene, e il mio senso critico non lo ha poi ridimensionato di molto.
"Pokemon 3 - L'incantesimo degli Unown", come suggerisce il titolo, è il terzo lungometraggio ispirato all'universo dei Pocket Monsters, e ancora oggi spicca indubbiamente tra quelli più riusciti.

Spencer è stato uno dei migliori allievi del Professor Oak e, diventato uno scienziato, sta studiando i misteriosi Unown. Mentre ispeziona delle rovine contenenti le effigi degli Unown, queste criptiche creature lo rapiscono, trasportandolo in un'altra dimensione. Sua figlia Molly, avendo perso anche la madre in circostanze misteriose, si ritrova da sola nella villa di famiglia. Presa dal panico, la bambina invoca gli Unown, i quali si mostrano disponibili a realizzare ogni suo desiderio. Molly, grazie all'illusione degli Unown, identifica nel Pokemon leggendario Entei suo padre e in Delia Ketchum (la mamma di Ash rapita da Entei) sua madre. Felice di riavere finalmente una famiglia, la bambina isola la villa per evitare ogni interferenza esterna, circondandola di fitti rovi cristallizzati. E qui entra in scena Ash, che insieme agli immancabili Misty e Brock cercherà di irrompere nella villa per liberare sua madre.

La storia è molto semplice e si sviluppa al solito in modo estremamente lineare, con un leggerissimo velo di mistero a impreziosirla. L'ambientazione è davvero suggestiva, la cittadina di Greenfield cristallizzata riesce ancora oggi a sbalordire tanto è evocativa, grazie anche a una brillante e pulita resa grafica. Bellissima la colonna sonora, figlia di un ispiratissimo Shinji Miyazaki.

Ciliegina sulla torta Charizard che si libra in volo dalla Valle dei dragoni per salvare il suo amico Ash e combattere Entei. "Pokemon 3 - L'incantesimo degli Unown" è il film che ogni fan dei Pokemon dovrebbe vedere, non riserva grandi plot twist o risvolti mozzafiato, ma risulta comunque una pellicola di pregevolissima fattura, godibile appieno anche da chi non è appassionato dell'universo ideato da Satoshi Tajiri.

Voto: 8


 2
Kotaro

Episodi visti: 1/1 --- Voto 9
<i> “Questo è un mondo tutto nuovo
Ed è tutto qui per te
Questo è il mondo tuo, e meglio non ce n’è
Prima o poi lo conquisterai
Se tutti tu li acchiapperai”</i>

È con queste parole, adattamento della terza sigla americana “Pokemon Johto”, che prende il via “L’incantesimo degli Unown”, terza incarnazione cinematografica degli inossidabili “mostri tascabili” di casa Nintendo.
Accompagnato da questa canzone, lo scontro tra Satoshi/Ash e Rin/Lisa, una simpatica allenatrice di Pokemon che il ragazzo ha incontrato per caso lungo le sue peregrinazioni nella regione di Johto.
Già da questi pochi minuti iniziali allo spettatore viene mostrato quello che è il messaggio chiave del lungometraggio come della serie Pokemon in generale.
Non si tratta di un combattimento cruento o all’ultimo sangue, ma di una pura e sana competizione, un gioco, un’allegra danza, un’esperienza che si affronta in compagnia e che farà crescere i due contendenti e i loro rispettivi Pokemon, i quali potranno poi ritrovarsi come amici una volta concluso lo scontro.
È questo, in fondo, che ha sempre insegnato Pokemon. È un viaggio iniziatico in cui crescere e trovare sé stessi, ma anche molteplici amici fidati con cui condividere l’esperienza.

Non tutti, però, riescono a cominciare il loro viaggio e a conoscere innumerevoli amici nel corso di questo.
È ad esempio il caso di Mii/Molly, una bimba di cinque anni che ha perso entrambi i genitori e che, sola e spaesata, desidera soltanto tornare ai felici giorni in cui la sua famiglia era unita. Grazie ai poteri psichici dei misteriosi Pokemon chiamati Unown, la bambina riesce a dar vita a questo suo desiderio isolando sé stessa, la sua casa e l’intera sua città in un castello di cristallo che minaccia di espandersi e coprire l’intera Johto. Al suo fianco, è stato materializzato il leggendario Pokemon Entei, una vigorosa bestia in cui la bimba rivede lo scomparso padre.
Per completare il nucleo familiare, c’è però bisogno di una madre, e per il ruolo viene scelta, strappata in men che non si dica dalle braccia del figlio, la mamma di Satoshi, che peraltro conosceva già Mii perché compagna di scuola del padre.
Al nostro eroe, ai fidati compagni Kasumi e Takeshi e a Rin, che si è unita al gruppo per l’occasione, spetterà dunque il compito di salvare non soltanto la madre di Satoshi ma anche la stessa Mii, che rischia di vivere in eterno in un mondo illusorio, e il mondo intero, che vive la minaccia di mutarsi in una fredda landa di cristallo.

Si sarà capito già dal voto che ho messo, ma lo ribadisco. Ritengo che “L’incantesimo degli Unown”, insieme a “Mewtwo contro Mew” sia il migliore lungometraggio dedicato alla saga Nintendo. Col primo film, in comune, c’è l’assenza di un cattivo vero e proprio. Niente collezionisti, cacciatori di tesori, organizzazioni criminali, scienziati pazzi, ladri o pirati. Qui le avversità che l’eroe deve affrontare sono solo le materializzazioni delle paure e dei desideri di una bambina innocente e affranta per la perdita della serenità familiare. Questo porta alla creazione di una storia diversa, più matura, inusuale per la serie Pokemon che è sempre vissuta di trame semplici e schiette.
Il dipinto della psicologia di Mii, coi suoi capricci, la sua sofferenza e i suoi desideri, è tratteggiato in maniera estremamente credibile e anche oltremodo affascinante, dato che è la psicologia di Mii la vera avversaria del lungometraggio, con la sua fantasia e i suoi desideri che vengono materializzati e lanciati contro Satoshi e compagni in maniera sempre diversa e intrigante.
Il film, nel corso della sua durata, riesce a mostrare diverse vicissitudini e a veicolare diversi temi, a caratterizzare benissimo tutti i personaggi che vi compaiono (capitanati ovviamente dalla bambina e da Entei) e a trovare persino il tempo di imbastire una mezza dozzina di combattimenti sulla falsariga di quelli del videogioco che non solo risultano ben costruiti e spettacolari alla vista (regalandoci fra l’altro diverse versioni di Mii “più grande” che non sono affatto male a livello di design), ma danno anche spazio a Kasumi e Takeshi, cosa insolita e molto gradita.

“L’incantesimo degli Unown” è un film completo, che presenta ai suoi spettatori tutto ciò di cui hanno bisogno: avventura, viaggi in luoghi fantastici, azione, rocambolesche fughe, combattimenti, scene drammatiche, introspezione psicologica, sentimento e un bel lieto fine che non manca mai.
I temi del lungometraggio sono molteplici: gli affetti familiari, la perdita di una persona cara e il superamento del dolore che ne consegue, l’amicizia, ma soprattutto quel voler vivere credendo nei propri sogni e avendo fiducia nelle tante persone incontrate lungo il cammino della vita. Persone che, nella maggior parte dei casi, possiamo di diritto considerare “amici” e di cui sappiamo, potremo fidarci, che sapremo di poter avere accanto nei momenti gioiosi e in quelli tristi.
È questo ciò che Satoshi e compagni cercheranno nel corso di tutto il film di far capire a Mii, che, nonostante abbia perso i genitori, c’è un mondo intero pieno di potenziali affetti che la aspettano, e dovrebbe avventurarvisi piuttosto che restare chiusa in una torre di cristallo vivendo con una famiglia illusoria.
<i>"Questo è un mondo tutto nuovo, ed è tutto qui per te"</i>, ricordate? Un mondo in cui si lotta, si viaggia, si soffre, si ride e ci si confronta con differenti persone, che non sono buone o cattive ma semplicemente persone coi loro desideri, sogni, problemi, attitudini e sentimenti e siccome si è persone tutti quanti si potrà tranquillamente essere amici e volersi bene, anche se poi magari si sarà rivali nelle lotte di Pokemon.

Una trama tanto ben costruita viene affiancata da una realizzazione tecnica davvero encomiabile: una grafica pulita e spettacolare, che, con sapienti innesti di computer grafica, sa farsi sognante o cupa a seconda delle situazioni e riesce ampiamente a dar vita all’universo onirico e ambivalente in cui questa storia si svolge.
Per quanto riguarda la versione italiana, ritroviamo qui tutto il cast principale della serie televisiva, da Davide Garbolino a Luca Bottale, da Alessandra Karpoff a Cinzia Massironi, da Riccardo Rovatti a Simone D’Andrea, da Giuseppe Calvetti ad Emanuela Pacotto. Riguardo ai nuovi personaggi qui introdotti, abbiamo una spumeggiante Jasmine Laurenti su Rin, una tenerissima Giovanna Papandrea su Mii e un austero e maestoso Marco Balbi nel doppio ruolo del padre di Mii e di Entei.
Riguardo alla colonna sonora, è abbastanza buona e incisiva, ma va detto che non è quella originale. Anche stavolta, infatti, la versione da noi giunta è un riadattamento del film americano, che presenta una diversa colonna sonora. A differenza del primo film non ho notizie di tagli o censure troppo gravi, quindi, a fronte di una storia stupenda e pregna di significato, mi azzardo senza alcun problema ad assegnare un voto molto alto.
Si tratta di un film che chiaramente ha bisogno di una conoscenza basilare dell’universo Pokemon per essere compreso, ma che riesce ad incantare e ad insegnare molto ai suoi spettatori, piccoli o grandi che siano. Un piccolo capolavoro che ci mostra come si possano trarre produzioni di tutto rispetto anche da un videogioco.


 1
The Narutimate Hero

Episodi visti: 1/1 --- Voto 9
<b>[ATTENZIONE! CONTIENE SPOILER]</b>
Pokémon 3 - L'Incantesimo degli Unown è, come intuibile dal titolo, il terzo lungometraggio sui mostri tascabili Nintendo e l'ultimo ad essere approdato in Italia passando per il cinema. Il film si svolge nella regione di Johto, ambientazione dei videogiochi Pokémon Oro/Argento/Cristallo (per Game Boy Color) e della parte finale della prima stagione japponese della serie.
Il professor Spencer Hale sta svolgendo delle ricerche sui misteriosi Pokémon Unown (ritenuti da lui responsabili della sparizione della moglie) in alcune rovine (presumibilmente le Rovine di Alpha dei videogiochi), quando d'un tratto questi si materializzano dinanzi a lui, trasportandolo in una dimensione alternativa. La sua scomparsa lascia la figlia Molly completamente sola, con l'unica compagnia di una scatola di mattoncini raffiguranti gli Unown, con i quali la piccola comincia a scrivere delle parole. Questo invoca i misteriosi Pokémon, che iniziano a realizzare i pensieri della piccola, isolando la villa con dei cristalli, alterando la realtà per lei e fornendole anche un Entei parlante che le fa da nuovo padre.
Quando Ash, Misty e Brock raggiungono la villa, allarmati dal professor Oak (le famiglie di Ash e di Molly sono amiche da tempo e il professor Hale era uno dei migliori allievi di Oak) la situazione precipita, perché la madre di Ash, Delia, accorsa anch'essa insieme al professor Oak per verificare l'accaduto, viene rapita da Entei sotto la richiesta di Molly, che voleva una mamma e aveva scelto proprio lei come tale. Ash senz'altro non può lasciare le cose come stanno, e si precipita nella villa con i suoi compagni per liberare la madre e risolvere il problema alla
radice.

Data la presenza di Noctowl nella squadra di Ash e la presenza di Zubat, e non Golbat, nella squadra di Brock, il film può essere piazzato tra l'episodio 156 (154 in occidente) e il 167 (165 per noi).
Il film gode di un aumento di tensione rispetto al precedente e può vantare tematiche ben più drammatiche, tramite l'analisi della disperazione di una bambina che si ritrova di colpo senza genitori e che trasforma questa disperazione in pericolo per gli altri.
Gode anche di colpi di scena maggiori, con l'apice raggiunto con un clamoroso ritorno di cui non faccio parola, anche se lo sanno praticamente tutti.
Tecnicamente è estremamente elevato e molto bello da vedere, date le cristallizzazioni e i mondi onirici creati dagli Unown.

Le musiche svolgono un buon lavoro d'accompagnamento anche se non quanto quelle del film precedente.
Il doppiaggio Italiano è ancora una volta affidato alla vecchia guardia, anche se Luca Bottale fa qui il suo debutto su Brock sul grande schermo, dando però prova di indubbie doti di doppiatore.
In aggiunta al cast storico abbiamo Marco Balbi nel doppio di ruolo Prof. Hale/Entei, doppiamente ben riuscito, e Giovanna Papandrea in quello di Molly, efficace nel rendere una bambina innocente che diventa mortale nei suoi capricci (e che nel corso del film cambierà pure età più volte).

In conclusione, il film è bello, funziona e commuove pure. Il mio consiglio è quello di non perdersi i titoli di coda, perché la trama trova la sua vera risoluzione finale lì, e di godersi alla grande tutto ciò che viene prima.
Nove pieno.

Lord Orion

 0
Lord Orion

Episodi visti: 1/1 --- Voto 7
Molto gradevole questo film, senz'altro uno dei migliori dopo il capolavoro Mewtwo e i futuri fasti di Diamante & perla. La trama è forse quella più originale tra tutti i lungometraggi dei Pokèmon: una bambina, rimasta sola dopo la misteriosa scomparsa del padre, riesce in qualche modo ad evocare i poteri dei leggendari Unown, che materializzeranno per lei il pokèmon dei suoi sogni: Entei, che la piccola identificherà (e la cosa commuove anche un pochino...) come il suo scomparso papà, mentre la parte della mamma la farà la madre di Ash, catturata proprio da Entei su indicazione della piccola.

La bambina infatti, complice il potere di Entei e degli Unown, è riuscita a costruirsi un mondo incantato e perfetto in cui tutti i suoi desideri possono essere realizzati... e naturalmente il primo è quello di vedere riunita la sua famiglia e vivere insieme felici. Questa sua chiusura però porta a diversi guai nel mondo "reale", dove la villa della bambina verrà circondata da una selva di cristalli impenetrabili, all'interno dei quali il protagonista Ash cercherà di avventurarsi per salvare la madre rapita.

Veramente tenero come pochi questo film, originalissimo nel suo concept, in grado di mostrarci i soliti leggendari proponendoci finalmente qualcosa di nuovo rispetto alla solita fuga da improbabili cacciatori di pokèmon o alla eterna lotta con altri leggendari più o meno potenti. Ottimo anche il comparto grafico, che con questo film fa un deciso salto di qualità rispetto ai primi due, risultando gradevole e coloratissimo. In definitiva, una delle scelte migliori che potete fare se cercate un'oretta tranquilla da passare in compagnia dei Pokèmon.


 0
Gackt

Episodi visti: 1/1 --- Voto 7
Bisogna dire che dopo i primi due film, i seguenti lungometraggi non reggono il paragone, anche se rispetto alla serie animata hanno una migliore realizzazione tecnica e trame molto più solide. Come ogni lungometraggio Pokèmon, si tratta di uno spin-off creato col pretesto di mostrare un mostro leggendario, in questo caso Entei. Nel film Entei non è altro che la materializzazione dei desideri di una bambina, Molly, ad opera dei misteriosi Unown. Ash, come al solito, non sa farsi i fatti suoi, anche se questa volta è giustificato, visto che il cagnolone gli ha rapito la mamma (e pure lei si trovava là perchè non si fa mai i fatti suoi, come il figlio). La trama procede quindi tra varie assurdità, a cui i dolci mostriciattoli ci hanno ormai abituato, ma in fondo non ci aspettavamo nulla di più, né pretendevamo molto da una serie il cui target naturale è l'infanzia, anche se col tempo ha cercato di maturarsi e diventare più "cattiva", ottenendo solo risultati piatti e banali. Non regge quindi il confronto con i primi due film (a mio parere due capolavori), ma non è male per passare un'ora e mezza in tranquillità con Pikachu.

nekochan

 0
nekochan

Episodi visti: 1/1 --- Voto 9
Il mio preferito tra i tre che ho visto. L'animazione è la migliore, logicamente, ma anche la trama è molto interessante e ben articolata e ci sono delle scene veramente belle (lo scontro sott'acqua tra Misty e Molly mi è piaciuto tantissimo).
Insomma, altamente consigliato, specie se siete fan della serie. :)

HikariTajiri

 0
HikariTajiri

Episodi visti: 1/1 --- Voto 9
I completely agree with what Grandpaladin said. This movie is incredible, and the only things stopping me from rating it 10 are the music- for some reason 4Kids insisted on removing Shinji Miyazaki's incredible original score and replacing it with cheap synthesized Manny Corallo rubbish- and the sheer unshippyness, although if you aren't a shipper you wouldn't notice that. So watch this. Now.

grandpaladin

 0
grandpaladin

Episodi visti: 271/1 --- Voto 9
I can't see why people are bashing this movie so blindly. It seems that everyone is so disillusioned by the fact that kids fads are all about merchandising. As Roger Ebert said, kids and monsters have a lot in common, they are always knocking things over and don't fit easily into the adult world. In this we have much better than average animation, more elaborate and coherent storyline, epic battle scenes (don't quit too soon and you'll miss an exclusive underwater girls only battle and a three-on-one climactic final showdown), and good morals. It does have a few weaknesses, with some cheesy dialogue and a little short but it is still a good anime. Please see it even if you are not a fan, you will like it!