logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
alessiox1

Episodi visti: 12/12 --- Voto 6,5
“A.I.C.O Incarnation” è anime del 2018, della Bones, di 12 episodi.

Spoiler episodi 1 e 2[/b[
Incominciamo parlando della trama: siamo nel Giappone del 2035, in questo periodo è avvenuto un gigantesco incidente, in un centro che si occupava di intelligenze artificiali, tale incidente viene chiamato “Burst”.
A seguito di tale evento, dal centro di ricerca è uscita una strana materia organica, chiamata materia maligna, che ha inglobato diverse città nella sua morsa, tale biomassa ha seguito il corso dei fiumi, ed è stata bloccata dopo vari i sforzi del governo, che ha creato varie dighe per impedire il dilagare di questa materia maligna, e per impedire che potesse raggiungere l’oceano con esiti disastrosi e sconosciuti.
Le vicende ci portano due anni dopo (quindi nel 2037), in una città nei pressi della zona dove si è fermata la biomassa, e vediamo la nostra protagonista, ovvero la studentessa Aico Tachibana.
Aico ha perso quasi tutta la sua famiglia nell’incidente di due anni prima, ma non ricorda molto di allora, attualmente si ritrova ad essere in sedia a rotelle, ma questo non le ha impedito di continuare a frequentare la scuola, ed è molto ben integrata con i suoi compagni, e sta attualmente seguendo il percorso per la riabilitazione, in poche parole la sua è una vita normale.
Un giorno fa la sua apparizione a scuola un nuovo compagno, Yuya Kanzaki, (la sua comparsa ricorda molto quella di Sagara di FMP), questo misterioso personaggio sembra conoscerla molto bene, e da subito inizia un forte feeling tra i due, e da allora per qualche oscura ragione, Aico riprende a camminare.
Aico non si spiega questo cambiamento ma è ovviamente molto felice di ciò, un giorno va insieme a Kanzaki, e vanno a casa di quest'ultimo, ma sono inseguiti da agenti del CAAC (Control Agency of Artificial Creatures), in poche parole agenti del governo che si occupano della materia maligna.
Kanzaki scappa insieme ad Aico, e la porta nella vecchia città, qui incontra i “subacquei”, che sono delle squadre agli ordini dei privati o del governo, che recuperano oggetti nelle città inglobate dalla materia maligna, qui Aico farà una amara scoperta.
Susumu Kurose amico di Kanzaki, rivela ad Aico che il suo corpo attuale è un corpo artificiale, solo il cervello è quello suo, e le rivelazioni non finiscono qui: Aico scopre che sua madre e il suo fratello minore sono vivi, sono come in stasi nei pressi dell’impianto di ricerca Kiryu, e che la materia maligna si è manifestata lo stesso giorno del suo incidente nella stessa struttura.
Tale area è chiamata Primary Point, ed è ovviamente la più pericolosa, Aico è inizialmente molto scossa e titubante, ma vedendo le immagini capisce che è tutto vero, e decide che deve andare a salvare i suoi familiari, oltre che recuperare il suo vero corpo, nel frattempo che la squadra composta da Aico, Kanzaki e dai “subacquei” si prepara però fanno irruzione le squadre del CAAC.
Per il resto dovete vedervi l'opera.
Fine spoiler

Ora parliamo del comparto tecnico, iniziando dall'aspetto grafico: la qualità tutto sommato è buona, non eccellente ma comunque positiva, la CGI è gestita male soprattutto nei veicoli e nella materia maligna, i combattimenti avrebbero potuto essere realizzati meglio graficamente, diciamo, come voto 7.
Mentre per quanto riguarda il comparto sonoro, darei un 6,5, bella la opening, interessante la ending, ma le ost erano poche e non erano neanche granché, escludendo quella che viene usata durante i combattimenti.

Per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi diciamo che oscilliamo tra 6 e 6,5 se dovessi dare un voto: di molti personaggi non sappiamo molto, probabilmente questo è dovuto anche alla brevità dell’opera e al numero molto alto di personaggi. Il personaggio che mi ha convinto di più è Aico, la protagonista, e uno dei membri dei subacquei, ovvero Kazuki Minase, che instaura un forte legame con la protagonista.
Di altri invece sappiamo molte cose, ma molti di essi non mi hanno convinto, senza considerare che verso la fine le cose si complicano, e molti personaggi risultano non chiari (non posso dire di più perché sennò sarebbe spoiler).

La trama ruota tutto intorno al concetto di cosa è artificiale e cosa no, cosa è vivo e cosa non lo è.
Un altro punto importante dell’opera, sono i limiti della scienza, dato che questo enorme incidente è stato causato proprio dalla scienza, per certi versi una Chernobyl biotecnologica, quindi una discussione sulla bioetica, anche se purtroppo non viene affrontato né in modo esaustivo né in modo approfondito, ci provano verso la fine ma diciamo che falliscono miseramente.

Per quanto riguarda le tecnologie che vediamo nell’anime, esse non sono particolarmente futuristiche, vediamo esoscheletri e tutte da combattimento, che ricordano vagamente i mecha di "Code Geass" (soprattutto per i “pattini cingolati”), e vediamo un tank su “gambe” e con “pattini cingolati”, che avrà un ruolo importante nell‘anime. Come altre cose vediamo anche braccia artificiali, dato che all‘inizio dell’anime, vediamo un personaggio perdere un braccio, ed esso dice che è un braccio artificiale, anche se non si capisce se di natura metallica o organica (anche se opterei per quest'ultima opzione).
Poi abbiamo un piccolo animaletto artificiale che mi ha ricordato molto, Oeufcoque di "Murdock Scramble" .
E per finire, le armi e le munizioni contro la materia, che sono molto diverse dalle normali armi, perché va considerata come una guerra biologica, la lotta contro la materia maligna.
Quest'opera, è uno dei pochi anime che mette in primo piano la biotecnologia, dato che se anche si parla di intelligenza artificiale, qui la materia maligna, è più qualcosa di biologico che di meccanico, al massimo una biomacchina, ma dà l’impressione di un essere vivente artificiale anche se non pienamente cosciente di sè.
Infatti qui i corpi artificiali sono comunque organici, e non di metallo, come la quasi totalità del genere, e questo mi fa venire in mente un serie tv sempre cyberpunk, ovvero Altered Carbon.
Qualcuno scherzosamente su internet, ha definito per questo tale opere come biopunk, ma penso che il termine cyberpunk vada più che bene.

In conclusione ritengo "Aico Incarnation" un anime interessante, che intrattiene, con le scene d’azione e con la parte tecnologica, ma che per certi versi è stata un occasione sprecata, dato che aveva potenzialità più alte.
Voto finale 6,5