logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 1
francy9900

Episodi visti: 12/12 --- Voto 6,5
L'idea dell'anime in sé è carina, purtroppo a mio parere lo stile con cui è disegnato invece è davvero sgradevole; non sono riuscito ad abituarmici, nonostante abbia visto tutti e dodici gli episodi.
La trama è così scontata e banale, che è facile capire come andrà a finire già dai primi istanti. Per gli amanti dell'azione: non vi stupirete granchè, visto che i combattimenti veri e propri scarseggiano.
Ho deciso di valutare 6,5 questo anime, perchè tutto sommato riesce a farti continuare la visione, lasciandoti con la curiosità di mangiare l'episodio successivo.
Per concludere, consiglio la visione di questo anime: pur non essendo tra i più originali, riesce comunque a dare qualche emozione positiva.


 1
Kappak

Episodi visti: 12/12 --- Voto 2
Anche in questo caso, è un anime targato Netflix che non ha grandi pretese: il problema più grande di questi anime è che la storia all'inizio può offrire vari spunti interessanti, ma poi bisogna anche saperli sviluppare, altrimenti il risultato è quello visto in questo "Cagaster of an Insect Cage".
Sulla grafica inutile soffermarsi, è sempre quella targata CGI di questo periodo 2019-2020.
La trama è piatta e senza senso, come anche i personaggi, i quali non sono per niente approfonditi.
Gravemente insufficiente, voto 2.


 3
Marffy

Episodi visti: 12/12 --- Voto 7
È un anime carino. Non ho letto i fumetti.
La grafica è buona ma non eccezionale, la storia scorre piacevolmente, anche se impiega qualche episodio per decollare. Cosa mi è piaciuto di più? Intanto che ha un inizio e una fine, quando invece siamo abituati ad anime che ci danno solo assaggi per poi svanire nel nulla. La tecnologia 3D con cui è fatto l'anime non mi fa impazzire, però l'ho trovata ben fatta. Gli episodi finali per me sono fatti molto bene, la guerra in città è particolarmente costruita bene. La storia d'amore tra lo Sterminatore e la Principessa regge bene, sembra quasi che ci sia un rispetto profondo da parte del primo, essendo lei più piccola. E questo rapporto l'ho trovato molto attuale e per niente banale.