logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Seve

Episodi visti: 20/20 --- Voto 6,5
Una mano misteriosa lascia cadere sulla Terra (ma sarà la "nostra" Terra?) un oggetto capace di assumere forme diverse e progressive, anche biologiche, ma impossibilitato a morire. Questa la premessa che viene spiegata nei primissimi istanti della serie e anche all'abbrivio di molti degli episodi.
La storia si focalizzerà principalmente sullo sviluppo della coscienza, dell'intelligenza e della morale di questa entità, attraverso una saga generazionale, mostrandoci dunque anche lo sviluppo di una società primordiale a una più evoluta e i sussulti che questo comporterà.

Tratto da una (lunga) serie di romanzi, questa scaturigine è sia la forza che la principale debolezza di questa animazione.
Se è possibile leggere i vari romanzi in modo a sé stante, ciascuno focalizzato su una incarnazione di questa entità o su un periodo della civiltà che la ospita, come serie TV l'episodio precedente lega abbastanza male col successivo. Per quanto ci si provi, è davvero difficile (io non l'ho mai veduto accadere) trasporre in immagini un'emozione dovuta a una lettura prosaica, che è più intima.
Va detto però che la premessa e le intenzioni sono molto mature, il che appunto viene da questa origine "nobile" che arricchisce il prodotto di un certo spessore (insomma, si vede che non è "per bambini"). Non si ride, non si piange, non ci sono colpi di scena, non ci sono loli o bishonen o siparietti comici o battaglie shonen, si osserva a volte con molto interesse a volte con pochissimo "la vita", nuda e cruda. Il piacere che si ricava da questa opera dipende grandemente da quanto si è curiosi di letteratura formativa, di plot molto poco appariscenti e più riflessivi.

L'animazione è decente, il design può ricordare qualche opera di Miyazaki, ma soltanto nella caratterizzazione (la tecnica di animazione è quella da serie TV, non oltre), i personaggi sono morbidi e piacevolmente imperfetti. Gli sfondi sono scolastici, funzionali, mai epici.
Io la intendo come un'opera affine a quelle educative e morali prodotte da Tezuka a metà degli anni '70, con il difetto di non nascere in seno a un contesto di intrattenimento, e forse è questo a rendere la struttura un po' fallace.

Da vedere? Secondo me non è per tutti.

P.S. Non lasciatevi ingannare dai tag presenti in descrizione, la serie prenderà svolte decisive rispetto all'incipit, con balzi temporali consistenti che cambiano il tono generale ogni volta.