logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Evicenda

Episodi visti: 1/1 --- Voto 6
[VOTO 6,5]

Fresco fresco del manga "Ichi the Killer", sono andato a vedermi questo Ichi - Episode 0: un prequel(li adoro) prodotto nel 2002 dalla Media Suits e diretto da Shinji Ishidaira. Incuriosito sia per la trama che per il fatto che durando 40 minuti, non mi avrebbe tolto così tanto tempo.
PREMETTO che Ichi the Killer(ho recensito anche questo) l'ho trovato un manga con una grande sceneggiatura, ma per molti aspetti eccessivamente psicotico, sadico e violento, in maniera anche ingiustificata.

TRAMA
Si parte in sostanza dall'atto conclusivo del manga, per poi sfociare immediatamente nell'infanzia liceale del ragazzo. In questo frangente verranno chiarite e specificate moltissime questioni riguardanti l'infanzia del ragazzo, focalizzandosi soprattutto nelle relazioni famiglia - scuola, in cui le seconde erano già state chiarite, mentre le prime no. Con questo verranno mostrato le violenze psicologiche, le prepotenze subite dirette ad Ichi ed anche ai primi incontri col vecchio e le prime lezioni di Karate.

La storia è proprio un piccolo resoconto infantile - giovanile del ragazzo, per chiarificarne e consolidarne la psiche del personaggio di Ichi. Tutto sommato per durare 40 minuti vien ben amalgamato il tutto: rimanendo, a mio avviso, un po' violento. Sicuramente questa volta in modo meno esplicito e fin quasi a tratti con una violenza ridicola. La sceneggiatura è stata scritta Sakichi Satō e non da Yamamoto e si vede, risultando un po' sempliciotta, ma che tuttavia risulta andar bene in questa circostanza.

DISEGNO
Il disegno ed il tratto di per se sono "abbastanza"(diciamo sufficientemente) fedeli al manga. Il disegno è molto "meno squadrato e più "moderno" accompagnato da dei colori abbastanza pieni e lucidi. Ma la nota dolente c'è(eccome): le animazioni fanno veramente pietà. Penso siano tra le animazioni più brutte che abbia mai visto, rovinando purtroppo tutto l'aspetto visivo che già era al limite della sufficienza. Indubbiamente la funzione di questo Episode 0 è più che altro quello di incrementare la psicologia di Ichi e chiarirne certe parti, quindi per alcuni aspetti poteva anche essere ritrasposto in un mini - libro di 20 pagine: in questo caso il risultato sarebbe stato pressappoco lo stesso. Però indubbiamente le animazioni dovevano esser meglio curate, se non completamente stravolte in qualcosa di più consono e soprattutto sufficiente.

SONORO
L'ho visto in lingua originale con sottotitoli in inglese. A me il giapponese piace moltissimo da sentire, ma qui le voci di Ichi e di Kakihara sono un po' troppo "da grande" , rimanendo comunque piacevoli da sentire. I sottotioli inglesi inoltre erano molto chiari.

N.B, La voce di Kakihara è stata data da Takeshi Mike, il regista della trasposizione cinematografica. Trovata sicuramente carina

COLONNA SONORA
La colonna sono si basa praticamente solo su due canzoni: una all'inizio e l'altra nell'ending. La prima parte dell'opening(se così si vuol chiamare) l'ho trovata centratissima con quel ripetersi della voce femminile, mentre successivamente la musica "sclera" come il pianto di Ichi ed impazzisce: la prima parte si focalizza benissimo nel contesto notturno giapponese; la seconda con la psiche di Ichi. La seconda soundtrack mi ha colpito molto meno, rimanendo però discretamente configurata col contesto. Da questo lato non pecca la colonna sonora.

In conclusione questo Episode 0 l'ho trovato più che sufficiente. Un 6,5 di manica larga proprio perché in questo prequel viene ben chiarificato cosa succede nell'infanzia di Ichi, implementandone la psiche del personaggio e dandone una miglior caratterizzazione (anche se con una sceneggiatura non degna del manga). In secondo luogo, perché dura molto poco(neanche 40 minuti) non risultando così pesante per le animazioni oscene che ci accompagneranno per questi minuti.


 1
M3talD3v!lG3ar

Episodi visti: 1/1 --- Voto 5
<i>Ichi the Killer</i> è un'opera che ho scoperto grazie alla mia crescente passione per la cinematografia asiatica di stampo principalmente horror/thriller, anche se nel complesso il film del genio di Takashi Miike si dimostrava estremamente "fumettistico", anche se macchiato di gore e intriso d'azione alla Tarantino, in una miscela particolarmente esplosiva che dava veramente l'impressione d'intrattenersi con un manga in movimento. Ed è proprio dall'omonimo manga di Hideo Yamamoto che nasceva nel 2001 uno dei film più controversi del regista nipponico, cui, soltanto un anno dopo, seguiva un altro prodotto non cartaceo, ovvero l'OAV in questione, <i>Episode 0</i>.
Il titolo fa intendere che stiamo parlando di una sorta di prequel, che è però esclusivamente legato a un personaggio particolare. Doveva trattarsi per forza di lui, Ichi: chi avrà già avuto modo d'incontrare questa figura, sa bene che non si tratta di quella di una persona "a posto", e nemmeno di un semplice killer di quelli di cui si parla di solito.

Il passato del "numero uno" viene finalmente svelato ed è raccontato in maniera allucinante quanto esplicita. Alcune sequenze restano controvoglia impresse per la violenza in esse ritratte, ma purtroppo anche per la scarsa realizzazione tecnica che le concerne. I disegni e le animazioni soprattutto, non raggiungono mai la sufficienza. Regia e sceneggiatura non convincono, cadendo spesso nel forzato. Della colonna sonora segnalerei soltanto il brano di chiusura, molto eccentrico. Una curiosità: il personaggio di Kakihara, che appare in soli due frangenti - all'inizio e alla fine - è doppiato dallo stesso Miike.
Consigliato esclusivamente agli amanti del manga o della sua versione "live action", più che altro per soddisfare le varie curiosità riguardanti la complessa caratterizzazione del personaggio principale.