logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Hatake Rufy

Episodi visti: 1/1 --- Voto 3
Taifuu no Noruda è un breve film che inizialmente mi ha incuriosito molto per la trama, ma dopo la visione sono rimasto deluso da uno sviluppo davvero scarso, forse per via dei pochi minuti a disposizione.

La trama vede protagonista un ragazzo di una scuola media che litiga con un suo amico per aver abbandonato la squadra di baseball, e subito dopo si imbatte in una ragazza molto misteriosa; nel frattempo si sta abbattendo un grande tifone sulla scuola, situata su un isolotto, collegando la calamità naturale con la ragazza incontrata dal protagonista.
Lo sviluppo della trama è molto scarso, infatti pochissime cose vengono spiegate con concretezza, non facendo capire nulla della storia; tutto succede così di fretta - litigio con il migliore amico, incontro con la ragazza e, per finire, salvataggio disperato -, che, per dirla tutta, non è per nulla originale come storia.
I personaggi non incidono per nulla, sarà anche per il poco tempo a disposizione, ma il loro impatto nella trama non è da definirsi uno dei migliori, infatti non vengono analizzati benissimo e questo non fa percepire il collegamento tra loro e le vicende del film.

Passiamo al comparto sonoro, anticipando che il doppiaggio è uno dei peggiori mai sentiti da quando ho iniziato a seguire gli anime: privo di emozioni particolari, mi è quasi sembrato non giapponese, ma almeno gli effetti sonori sono da definirsi azzeccati. Il comparto visivo è forse l'unico aspetto positivo di questo film, grazie a dei disegni carini e un ambiente circostante sempre ben caratterizzato... insomma, buona grafica e buona animazione.

In conclusione, questo film non è da definirsi guardabile, per via di una storia poco curata, così come i personaggi, e per tale motivo non ne consiglio la visione.


 4
npepataecozz

Episodi visti: 1/1 --- Voto 3
Una buona grafica abbinata a uno dei film più brutti che abbia mai visto. E' talmente brutto che diventa difficile anche il solo cercare di raccontarlo: io ci proverò lo stesso, ma non garantisco sul risultato finale.

Cominciamo. La scena si apre in una classica scuola giapponese dove due studenti se le stanno dando di santa ragione. Ipotesi numero uno: "Taifuu no Noruda" è un film sui combattimenti fra gang. Errato: subito dopo si viene a sapere che i due ragazzi, Saijo e Azuma sono amici per la pelle.
Il motivo del bisticcio sta nel fatto che Saijo vuole lasciare la squadra di baseball. Ipotesi numero due: è un anime sportivo. Nemmeno questa volta ci siamo: seppure Azuma si porti sempre dietro una pallina da baseball che ogni tanto occupa la scena senza un motivo valido, in questo titolo non si parla di sport.
Mentre è intento a salire le scale, Azuma dice all'amico che non può autopunirsi, abbandonando tutte le cose che gli piacciono. Ipotesi numero tre: è un film che parla di un ragazzo problematico che, a causa di qualche trauma sconosciuto, si sta lasciando andare all'indolenza. Nemmeno questo però è giusto: dei problemi di Saujo da questo momento in poi non se ne parlerà più.
Entrando in un aula, Saijo si imbatte in una ragazza che non ha mai visto e che è completamente nuda. Ipotesi numero quattro: è un ecchi/hentai e a breve i due ragazzi entreranno a far parte dell'età adulta. Niente da fare: oltre a questa non ci sono altre scene di nudo e non sapremo mai cosa ci faceva la ragazza senza vestiti in quell'aula.
Nel frattempo gli studenti restano bloccati all'interno dell'istituto a causa di un tifone e colpi di vento fortissimi lanciano oggetti contundenti all'interno delle classi. Ipotesi numero cinque: si tratta di un survival. Macché, di zombie nemmeno l'ombra e nessuno si fa nemmeno un taglio.
All'improvviso Saijo vede la strana ragazza di prima che viene colpita a ripetizione da un fulmine. Si reca sul posto e la tira via portandola in salvo. Ipotesi numero sei: si tratta di un anime sentimentale, i due sono destinati a innamorarsi. Neanche questa ipotesi, però, si rivelerà esatta.

Potrei andare avanti con la descrizione della trama e con le ipotesi fino alla fine del film; ma lascerò ai coraggiosi che vogliano avventurarsi nell'impresa di guardarlo il compito di continuare. Aggiungerò solo che compariranno in ordine sparso: un buco nella palestra che porta al centro della Terra, una misteriosa quanto inutile astronave, un ciondolo capace di portare distruzione del mondo ma che viene fatto a pezzi con facilità dalla forza di due studenti, colonne d'acqua che partono dalla terra e altre che vengono dal cielo, un finale che potrebbe far presagire un seguito in stile yaoi.

Non ci avete capito un tubo? Beh nemmeno io. Oddio, non è che la trama sia poi così complessa come potrebbe sembrare, ma è farcita di tante cose che o non hanno un senso o sono inutili o sono semplicemente ridicole. In casi come questi è inutile farsi domande: non troverebbero nessuna risposta sensata. Al contrario la procedura da seguire dopo aver visto questo "Taifuu no Noruda" è la seguente: chiudere il video, bere un bel bicchiere d'acqua fresca e poi cancellare dal cervello il ricordo di quello che si è appena visto.


 2
Eversor

Episodi visti: 1/1 --- Voto 4
Dopo aver letto la trama di questo "film" della durata di venticinque minuti circa, ho subito pensato che fosse qualcosa di veramente intrigante. Tuttavia, dopo averne affrontato la visione, mi sono dovuto ricredere. Le premesse c'erano, ma non sono riusciti a farle risaltare appieno per il loro valore. Una storia a metà tra una commedia scolastica e un'avventura fantascientifica, qualcosa di indefinito, che non ha neppure il tempo per costituirsi. Come si fa a creare una trama completa in appena un episodio? Neanche un OAV ce la fa. Chiamarlo film è veramente inaudito, anche perché, come vedremo, mancherà di carattere, personalità e senso logico.

Un ragazzo sta litigando con un suo amico per qualcosa che riguarda il club di baseball. Non si capisce bene, ma, in fin dei conti, non avrà neppure tutto questo peso all'interno della vicenda. L'importante è che il protagonista di turno, indispettitosi per il confronto con l'amico, si allontana e scopre la presenza di una bella fanciulla dagli occhi rossi.
Amore a prima vista? Chissà. La curiosità e tanta, ma il giovane non ha nemmeno il tempo di chiamarla, che questa scappa dalla finestra. E dunque niente da fare, almeno per ora. Il festival scolastico è alle porte, e con esso anche una marea di preparativi. La scuola è in fermento e gli studenti sembrano proprio al settimo cielo per la festa ventura. Peccato che, nello stesso momento, un tifone si sta per avventare sui nostri protagonisti. Una tempesta vera e propria che costringerà il giovane eroe, e compagni, a rimanere intrappolati nella struttura scolastica. Ma è un fenomeno naturale? C'è qualcosa di strano in tutto ciò e, a quanto pare, la ragazza dagli occhi rossi sembra coinvolta appieno in questo disastro.

Chiariamo subito che i personaggi, se così possono essere chiamati, non mi hanno colpito per nulla. Non soltanto perché venticinque minuti sono veramente troppo pochi per introdurre dei protagonisti, farli crescere e dar loro un degno finale. Dunque, l'ovvia conseguenza, è una piattezza sovrumana, che avvolge gli eroi di questa vicenda. Nessuno riesce a comunicare qualcosa di concreto e anche le relazioni tra i tre ragazzi principali (i due amici e la fanciulla misteriosa) paiono alquanto forzosi. Un'amicizia consumata? Un amore in crescita? Dove si vuole veramente puntare? Osservando gli sviluppi del film, credo che neanche il regista abbia avuto un'idea effettiva al riguardo.

La grafica è piuttosto bruttina, e alterna paesaggi realizzati in maniera ammirabile, con un impatto scenico tutto sommato positivo, a personaggi che sembrano invece stilizzati. Il doppiaggio è anche peggiore: non so se hanno preso doppiatori alle prime armi, oppure la farraginosità dei discorsi era voluta. In ogni caso l'effetto finale è apparso alquanto deludente.

E' una storia che non ha un inizio preciso e si conclude con un vago arrivederci. Gli elementi fantascientifici stonano parecchio all'interno di una vicenda che, a mio avviso, avrebbe fatto meglio a puntare su dei rivolgimenti più sobri. Astronavi, fine del mondo e via dicendo potevano essere lasciati benissimo da parte.
Insomma, "Taifuu no Noruda" non mi ha lasciato niente, se non una manciata di critiche e un senso di inappagamento. Troppo poco, o forse troppo per un'opera che, nel bene e nel male, sarà presto dimenticata.

Voto finale: 4


 2
FAIRY_CHAN95

Episodi visti: 1/1 --- Voto 5
Attenzione: la recensione contiene spoiler

Il film si svolge su una certa isola, più specificatamente in una scuola in Giappone, nella quale gli studenti sono impegnati a organizzare il festival scolastico in un clima festoso. In quello stesso periodo però sta attraversando il Giappone una tempesta e gli studenti si ritrovano bloccati a scuola per questioni di sicurezza. Il protagonista, Azuma, litiga col suo migliore amico, Saijo, perché vuole lasciare la squadra di baseball senza un motivo apparente o comunque visibile agli occhi dell'amico. Il giorno che rimangono bloccati a scuola Saijo incontra una ragazza dagli occhi rossi, Noruda, che trova in difficoltà, e quindi è preso da un'apparentemente immotivata voglia di aiutarla. Lei indossa una particolare collana e sembra essere collegata alla tempesta. Ha il dovere di ricostruire il mondo e questo la porterà a morire il mattino seguente, quando avverrà il tutto.

Allo scadere dei venti minuti le sue origini non sono ancora spiegate, e sappiamo tanto su chi è lei come quando la storia è iniziata (cioè niente). Si tratta di una breve animazione, anche troppo a mio parere, che non dà il tempo di spiegare la situazione né tantomeno di approfondire i caratteri dei personaggi. Se vogliamo, si può considerare il comportamento di Saijo come una conseguenza del fatto che si sia sentito sempre un peso per l'amico, e che quindi ora voglia decidere da solo di aiutare la ragazza.
Sorvolando sulla trama, che volendo è abbastanza prevedibile, gli sfondi mi sono piaciuti molto, sono ben disegnati, hanno una grande quantità di dettagli, contrariamente ai personaggi che, se anche fatti un po' peggio, trovo in questo modo carini nell'insieme.
Le musiche sono molto belle, meno il doppiaggio, in cui ho notato poco coordinamento voce-immagine.
Non mi sento di consigliarlo, ma credo che sia il meglio che si poteva fare in quel breve periodo di tempo.