logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 1
Nyx

Volumi letti: 2/2 --- Voto 5
Il primissimo approccio con quest'opera non è stato dei migliori per il sottoscritto; lo stile grafico è carino, pulito ma piuttosto spoglio, tuttavia quel che mi è piaciuto di meno, soprattutto nella prima parte, è il tipo di approccio scelto per dipanare la trama.

La base portante dell'opera è abbastanza seriosa e incentrata sull'azione ma, soprattutto nelle fasi iniziali, sembra tutta un'enorme "barzelletta", con una caratterizzazione dei personaggi abbastanza grossolana, inflazionata, antipatica e... quasi comica. Andando avanti, per fortuna, le cose vanno evolvendosi in meglio (ma non troppo).
È un vero peccato, poiché l'idea di base son più che certo che avrebbe potuto portare quest'opera su di un livello decisamente superiore, se fosse stata sviluppata in modo diverso e approfondita a dovere. Sarebbe stato necessario un approccio completamente diverso (più serioso) e qualche volumetto in più per riuscirci.

La trama vede un ragazzo e una ragazza adoperarsi al fine di scongiurare eventi più o meno infausti in una continua lotta contro il fato. Questo, ovviamente, è possibile grazie al dono di poter in qualche modo prevedere taluni incidenti.
La prima parte del manga risulta quasi slegata dalla seconda, che servirà invece a spiegare i motivi del titolo stesso, che nel primo volumetto restavano completamente ignoti.

UnCassandra è il mio primo manga della GP Publishing. Speriamo non sia anche l'ultimo e speriamo che gli eventuali che verranno si rivelino un pelino migliori. In questo titolo le buone intenzioni non mancavano davvero ma, molto spesso, le buone intenzioni da sole non bastano: era necessaria un po' più più di sostanza.

L'edizione è economica, senza sovraccopertina e con una rilegatura molto delicata, del resto veniva a costare "solo" 3 euro e 90.


 1
The Legend Kolisch

Volumi letti: 2/2 --- Voto 6
UnCassandra è un manga targato Kodansha, pubblicato in Italia dalla Gp Publishing, scritto da Shigoro Hifumi e disegnato da Gumi Amaji. Questa miniserie conta in totale due numeri e ha come protagonisti Banjo Kizaki e Nanaki Bekku.

Banjo Kizaki è un ragazzo che prevede il futuro grazie a delle foto contenute in una vecchia agenda. Tuttavia gli è stato predetto che morirà all'età di vent'anni, e per sovvertire a questo destino cerca di sventare una dopo l'altra tutte le tragedie di cui è a conoscenza, grazie appunto all'agenda. Per fare questo usa qualsiasi mezzo, anche illegale, e fa qualunque cosa possibile, dal disinnescare una bomba a guidare una gru.

Nanaki Bekku, invece, è una ragazza che scorge il futuro attraverso delle superfici riflettenti, come gli specchi. Purtroppo questa capacità di vedere le disgrazie future l'ha fatta molto soffrire, a causa del fatto che credeva impossibile sventarle; per questo ha evitato accuratamente ogni superficie riflettente pur di non vedervi delle profezie. Tutto cambia dopo aver incontrato Banjo, infatti comprende da lui che il futuro può essere modificato e che quindi si può evitare il verificarsi di disgrazie.

La storia che vede coinvolti questi due personaggi, appena conosciutisi, è piuttosto semplice, infatti questa miniserie narra della loro difficile missione volta a distruggere tutte le profezie contenute nella vecchia agenda di Banjo.
Così se Banjo è spinto dal desiderio di salvare se stesso, vittima di una delle profezie, Nanaki è pronta ad aiutare il suo amico per mostrare a se stessa e al mondo intero che, dopo la morte della sua amica, è in grado di cambiare il destino e salvare chi le sta accanto.
Dopodiché a regalare qualche emozione è la presenza di Eitaro Makita, un esecutore di profezie, che si oppone tenacemente alla distruzione di profezie operata da Banjo e Nanaki. Comunque a dare una vera e propria scossa alla storia di questo manga, e di conseguenza a spiegare il titolo, è la presenza di una maschera di nome Cassandra, dalla storia e dai poteri oscuri, che renderà più avvincente la lettura di questa miniserie.

Oltre alla trama è importante definire il tratto di disegno usato, che risulta essere piuttosto semplice e si sposa bene con il tipo di storia impostata.

Consiglio a tutti la lettura di questa miniserie poiché nella sua semplicità sia di trama che di disegno offre diversi spunti di riflessione, che possono catturare l' attenzione del lettore.

Voglio concludere dicendo che valutando trama, disegno e finale questa miniserie, nonostante sia stata una lettura piacevole, merita tuttavia un voto pari a 6, che a mio parere è più che giusto considerando il lavoro svolto dai due autori giapponesi e il tipo di disegno adottato.


 2
HakuNoKaemi

Volumi letti: 2/2 --- Voto 8
Questo è un esempio di un manga che poteva essere davvero migliore, se la testata su cui è uscito in Giappone fosse stata più attenta nei confronti del manga. Tale storia non è sviluppabile pienamente nell'arco di due soli volumi, ma ne meritava un forse 5-6 ed il motivo della maggior parte dei voti bassi mi pare esser proprio questo.
Disegni 1.75/2.5 - I disegni li ho trovati molto ben fatti per un primo manga, se non era per via della testata che ha "messo fretta" al mangaka, dedicando solo pochi capitoli, la qualità sarebbe rimasta la stessa per entrambi i volumi.

Storia 1.75/2.5 - La storia è sviluppata bene per il numero di capitoli per cui dura, anche se il secondo volume la narra la trama forse troppo velocemente.
Personaggi 2.5/2.5 - I Personaggi, soprattutto i protagonisti, sono approfonditi in modo davvero profondo per una storia così corta - il diario lo ha trovato tra le cose del nonno, e ha visto così la previsione della sua morte -.
I due protagonisti mi sono comunque rimasto impressi fino ad ora (Nanaki Bekku con i suoi capelli sempre malconci e Banjo Kizaki con i suoi occhiali rosa shocking - possibilmente femminili -).
Edizione 1.5/2.5 - Il typesseting non è di certo il migliore, ma neanche il peggiore, e l'edizione è di un livello davvero normale. L'inchiostro che usa la GP non è proprio dei migliori e, come notato da altri, ci sono errori non poco fastidiosi nella copertina.
Enjoyment + - Si merita comunque un voto maggiore, poiché la storia e i personaggi sono originali, e la lettura è stata davvero divertente.


 0
Aki97

Volumi letti: 2/2 --- Voto 7
"UnCassandra" è una miniserie di due volumi che narra le vicende di Nanaki Bekku e di Banjo Kizaki. I due posseggono il dono della preveggenza: Kizaki tenta di sventare tutte le profezie di morte racchiuse nel suo quaderno - crede infatti che così potrà annullare anche quella che vede lui direttamente coinvolto - mentre Nanaki vede semplicemente le profezie in maniera più dettagliata attraverso gli specchi, e crede che il destino non si possa cambiare. Sarà di tutt'altro avviso dopo aver conosciuto Kizaki, e insieme sventeranno le profezie del quaderno.

Personalmente, trovo che sarebbe stato meglio allungare la serie ad un terzo volume, poiché mi sembra tutto un po' troppo frettoloso. Dopo la comparsa di Chiasa al secondo volume - che ho molto apprezzato, poiché dà una svolta alla storia - ho avuto come l'impressione che l'autore avesse una gran fretta di concludere, quando invece si sarebbe potuto concentrare meglio sulla ricerca della Maschera o sullo scontro finale, invece di piazzarci lì il discorso commovente di Kizaki che tira tutti fuori dai guai. Insomma, la storia di per sé è molto originale - tutta la faccenda delle profezie e del fatto di volerle annullare - e leggerla è stato davvero un piacere. I personaggi sono approfonditi in maniera soddisfacente, considerata la durata della serie, forse solo Chiasa è lasciata un po' al caso, e ho molto apprezzato il chara. Purtroppo, come dice l'autore stesso, le scene d'azione non sono tutta questa meraviglia, in alcune si fa davvero fatica a distinguere un elemento dall'altro.

Come serie la consiglio, soprattutto se si cerca qualcosa di non troppo impegnativo né come tempo né come soldi.
Le darei otto o nove solo per quanto mi ha appassionata, ma il mio voto si abbassa a sette solo per quel finale decisamente troppo banale.


 0
Doll_in_the_Hell

Volumi letti: 2/2 --- Voto 7
"Uncassandra" è una miniserie composta da due tankbon, edita nel 2010 da GP Publishing a 3,90 € a volumetti, è una commedia ricca d'azione, misteri e con qualche elemento romantico qua e là.
La trama: Bekku è alla apparenza un'allegra ragazza che si trasferisce dalla provincia alla popolosa Tokyo per iniziare una nuova vita (inizialmente non si comprende bene da cosa stia fuggendo comunque). Dopo poche pagine incontra un curioso ragazzo, più o meno suo coetaneo, che si chiama Kizaki e che sembra un pescivendolo. Lui le salva la vita e subito dopo se ne va via lasciandola a bocca asciutta. Il giorno dopo si rincontrano a scuola dove la curiosa Bekku arriva a scuola stravolta. Viene poi a sapere dalle compagne di classe che Kizaki, suo compagno di classe, sembra essere maledetto o perseguitato dalla sfortuna. Bekku, curiosa com'è, decide di saperne di più, e così inizia l'avventura che la porterà a scoprire profezie, poteri e si troverà ad affrontare moltissime situazioni al limite del possibile, con il coraggiosissimo Kizaki, e chissà che non nascerà anche altro.

I personaggi: la protagonista Bekku è una ragazza molto carina, buona d'animo e simpatica, maturerà molto nel corso della storia, e imparerà a fidarsi i più delle persone che incontra. Il potere che inizialmente la spaventava a morte diventerà per lei un'arma per sventare le profezie e si renderà conto che può fare del bene credendo in sé stessa.
Il protagonista Kizaki è un ragazzo forte, temerario, coraggio e allo stesso tempo dolce e buono, a mio parere veramente un personaggio gradevole e amabile. Combatte per sventare le profezie, e prova un profondo affetto per Bekku (o forse altro). Al contrario di molti personaggi "buonisti" che si vedono spesso è un protagonista che non dà noia dopo tre capitoli, e non "scade" in azioni stupide.

Il tratto di Gumi Amaji è molto carino anche se (come lei stessa ammette nel 2° volume) le scene d'azione non son il suo forte. Comunque è disegnato in modo molto carino e i personaggi sono molto espressivi. Il suo stile è fresco e per niente ripetitivo, aggiungo alla sceneggiatura interessante di Shigoro Hifumi dà ai lettori una storia breve gradevole e più che sufficiente. In conclusione, secondo me per meno di 8€ vale la pena comprare questa miniserie, anche per sostenere tutti i mangaka che cercano di sfondare anche qui in Italia, anche perchè la storia è molto carina e fonde bene anche elementi scolastici e romantici che tanto piacciono al pubblico.


 0
Simonsan

Volumi letti: 2/2 --- Voto 7
UnCassandra è una storia molto carina, alla quale però sarebbe servito qualche volume in più. Vengono introdotti alcuni elementi per poi venir semplicemente dimenticati e altri vengono affrontati in modo sbrigativo. Le storie auto conclusive comunque sono abbastanza interessanti e discretamente avvincenti. Nonostante tutto però nei suoi 2 volumi riesce comunque a intrattenere e a sollevare qualche riflessione interessante. I disegni sono buoni, sopratutto i protagonisti abbastanza originali e caratterizzati sufficientemente. L'edizione GP è quella classica da edicola con buona carta e un prezzo contenuto.
In conclusione UnCassandra è una lettura piacevole e consigliata a chi cerca una storia corta ma avvincente e con un finale tutto sommato soddisfacente. Resta però un retrogusto amaro pensando che con qualche volume in più avremmo avuto tra le mani una storia molto interessante. Peccato.


 0
Tacchan

Volumi letti: 2/2 --- Voto 7
Non avevo grandi aspettative da questo titolo, anzi, credevo che difficilmente avrebbe raggiunto la sufficienza. In realtà riesce a dimostrarsi una lettura piacevole, seppur non certo impegnata, né in grado di eccellere il qualche aspetto. Offre tuttavia un buon ritmo narrativo e riesce a incuriosire: piuttosto che pendersi nel tentativo di costruire un soggetto complesso ad articolato, punta sulla semplicità e, senza perdersi in capitoli introduttivi, introduce il lettore subito nell'azione e cerca di trascinarlo negli eventi proposti. A suo modo ci riesce e regala un paio di volumetti di piacevole lettura, sebbene sia l'impostazione che il poco spazio a disposizione impediscono probabilmente all'autore di dare spessore ai personaggi e alla vicenda narrata.

La cosa strana è che nel secondo volumetto vi è una forte sterzata con l'introduzione di un nuovo personaggio e un nuovo spunto narrativo, quando alla fine del primo sembrava che la strada da percorrere fosse già chiaramente illuminata, con un antagonista che volendo ci avrebbe potuto accompagnare fino alla fine dell'opera. Tale scelta si dimostra piacevole da un lato, perché l'idea proposta non è affatto male, tuttavia non c'è lo spazio necessario per svilupparla e quindi viene trattata in modo superficiale e sbrigativo, verso una fine che comunque ho apprezzato.

La trama prende spunto dall'omonimo personaggio mitologico in grado di prevedere il futuro, ma a cui è stata negata la facoltà sventare le proprie profezie. In questo caso, invece, Kizaki ha un'agenda in grado di prevedere la morte delle persone che ritrae e, visto che lui stesso fa parte di questa macabra collezione di fotografie, ha tutta la determinazione necessaria per cercare di cambiare l'infausto futuro che lo attende. A dargli manforte arriverà Bekku, una ragazza a sua volta in grado di prevedere il futuro.

La trama non è immune da falle e nel suo ciclo vitale, due volumetti, è molto lontana dal spiegare tutti gli elementi che introduce. A suo modo, comunque, propone una conclusione soddisfacente e, come detto, si dimostra una lettura piacevole e scorrevole, in grado di coinvolgervi e che quindi non vi annoierà. La ritengo una buona lettura estiva e, vista la sua brevità, si dimostra un impegno economico relativo. A me non è spiaciuto e se fossi in voi, soprattutto se lo trovare usato, io un pensierino ce lo farei…


 0
MpThedevil

Volumi letti: 2/2 --- Voto 7
Generalmente le miniserie si abbinano a storie quasi scadenti con poche fondamenta per trarre un racconto di qualità, cosa a mio parere errata, questi manga non saranno dei capolavori ma alcuni meritano un posto in libreria, in questo caso si parla di UnCassandra, una serie shounen del 2008 di appena due volumi di Gorou Hifumishi e Gumi Amashi pubblicata in Giappone da Kodansha e in Italia da GP publishing a € 3.90 a volumetto.

La protagonista femminile Nanaki Bekku è una ragazza appena trasferitasi a Tokyo per ricominciare una nuova vita, una mattina andando a scuola viene salvata da un ragazzo, un certo Kizaki (protagonista maschile) che possiede un "libro delle profezie" nel quale, tramite delle fotografie, può capire quando avverranno eventi catastrofici, morti di persone e intervenire per evitarle.

La trama mi ha attirato anche perché in quel periodo avevo poco da leggere e la GP stava pubblicando molte miniserie Kodansha. Non sono rimasto deluso, UnCassandra ha molti punti a favore; innanzitutto non fa l'errore abbastanza ricorrente di degenerare nel sentimentale rendendolo prevedibile, la storia non annoia (anche grazie e gag simpatiche) e si evolve in una maniera rapida e decisa preparando lo spettatore ad uscire dal prologo - rappresentato dal primo volume - verso la storia vera e propria, tutto agevolato da un tratto deciso e parzialmente pulito.
I lati negativi sono l'introduzione di un terzo personaggio nell'ultimo volume a cui è lasciato poco spazio. La classica "battaglia finale" è molto avvincente con risvolti inaspettati. Ottima l'edizione GP, eccellente rapporto qualità-prezzo. In definitiva lo consiglio a tutti.


 0
Bekku

Volumi letti: 2/2 --- Voto 7
La storia comincia con l'arrivo di Nanaki Bekku nell'immensa Tokyo, dove incontra per la prima volta Kizaki, un ragazzo strano e con degli occhiali rosa shocking che gli salva la vita. In seguito scopre che Kizaki è un suo compagno di classe e incuriosita dalle chiacchiere che circolano a scuola, sulla sua sfortuna nell'essere sempre coinvolto in incidenti, comincia a spiarlo. Un giorno, Bekku viene in possesso della strana agenda che Kizaki porta sempre con sé e fa una scoperta sconcertante: al suo interno ci sono foto di incidenti e omicidi. Credendo che si tratti di una specie di maniaco getta l'agenda in un torrente, rovinando irrimediabilmente le foto che conteneva. Allora Kizaki gli spiega che quelle foto lui le usava per predire delle catastrofi e impedire che si realizzassero. Bekku sentendosi in colpa decide di aiutarlo rivelando che lei prevede gli incidenti guardandosi allo specchio. Dopo aver sventato varie catastrofi si imbattono in un altro nemico, una maschera chiamata Cassandra, chiunque la indossi può essere l'artefice di un futuro infausto...

Personalmente penso che la storia di questo manga sia molto interessante e originale, l'unica pecca è che non viene approfondita la vita dei protagonisti, lasciando molti punti scoperti; ad esempio Kizaki come faceva ad essere in possesso dell'agenda con all'interno i dettagli delle profezie? O come si sviluppa la storia tra Bekku e Kizaki, sono solo amici o c'è di più?
Per il resto trovo che i disegni siano carini, anche se un tantino troppo semplici ed essenziali. Penso che il prezzo sia adeguato e ho trovato la lettura semplice e veloce. Un ottimo passatempo se si desidera qualcosa di poco impegnativo.


 0
Jak89

Volumi letti: 2/2 --- Voto 6
UnCassandra narra la storia di due ragazzi, Banjo e Nanaki, che sono capaci di prevedere il futuro: se lui ci riesce interpretando delle foto incluse in un taccuino, lei lo fa attraverso visioni abbastanza dettagliate davanti allo specchio. I due decidono di coalizzarsi nel tentativo di scongiurare le disgrazie descritte nel libercolo di Banjo al fine di ribaltare l'ultima profezia, di cui egli sarà vittima. Nella loro missione tuttavia si scontreranno con un uomo di nome Makita, perverso e ossessionato dalla sua volontà di essere un "Esecutore di profezie", che intende fermarli anche a costo di ucciderli pur di impedire loro di cambiare gli infausti presagi.

Fin qui la storia è davvero interessante (ovviamente se passate sopra alla sensazione di "già visto", più che lecita): personalmente ho trovato il racconto molto interessante, a tratti non troppo scontato, davvero meritevole insomma.
Tuttavia dal primo quarto del secondo volume viene introdotto un terzo personaggio, una ragazza di nome Chiasa, alle prese con la terribile "Maschera di Cassandra", che intende "sigillare" per fermare il suo potere demoniaco. La ragazza si unisce al duetto e insieme decidono di cooperare per portare a termine le rispettive missioni. L'introduzione di Chiasa nella storia però appare secondo me davvero fuori luogo: prima di tutto rompe il duetto a cui ormai ci si era abituati nel primo volume: risultava per me originale, in quanto essendo maschio e femmina volti a rischiare la propria vita e salute (Banjo per primo!) pur di distruggere le profezie era davvero interessante. La seconda ragazza risulta perciò inappropriata di fronte al duo affiatato. In secondo luogo da qui la trama diventa ben meno interessante, a tratti prevedibile, costituita da elementi narrativi già visti e rivisti e da colpi di scena davvero improbabili, primo fra tutti l'esplosione di un appartamento dalla quale Banjo ne esce praticamente illeso anziché ustionato, neanche fosse stata un'"innocua" onda d'urto!
Il finale non è male: è sereno, mite, accettabile direi, ma mi ha lasciato impassibile anche se costituisce una maniera giusta (ma piatta) di terminare questo manga.
Azzarderei che l'autrice non aveva più idee e ha terminato in fretta e furia questo plot avviato bene ma proseguito in maniera degenerata perdendo il ritmo iniziale.

I disegni sono fatti bene, nonostante il tratto sia non propriamente originale, tuttavia è accettabile anche nelle scene d'azione. Da annoverare le copertine: sono rappresentate scene molto adrenaliniche e con una buona scelta di colori, davvero belle a vedersi.
In definitiva posso dire che questo manga nell'insieme mi è piaciuto, tuttavia il primo volume è di gran lunga migliore del secondo, che di contro è poco ispirato; per questo il giudizio finale si abbassa ad un 6 risicato.
Edizione a cura dii GP Manga, molto buona e dalla copertina parecchio robusta.

Storia:5, Disegni:6, Qualità/prezzo:7


 2
GianniGreed

Volumi letti: 2/2 --- Voto 6
Ho deciso di leggere questo manga per via della sua brevità, e incuriosito dal titolo e dalla trama, in qualche modo legata al mito greco di Cassandra, di cui mi ero interessato un po’ di tempo fa.

La Cassandra del mito era una sacerdotessa del tempio di Apollo, cui il dio per riceverne l'amore, donò la preveggenza, lei però rifiutò il dio, che le sputò sulle labbra, facendo sì che le sue profezie rimanessero inascoltate.
E proprio sulle profezie si basa il manga. I due protagonisti, per motivi diversi si ritrovano a fare i conti con delle profezie che predicono incidenti o altre disgrazie che porteranno morte. I due personaggi con motivazioni diverse decideranno di unire le forze per cambiare il destino inesorabile.

Nei due volumi di cui il manga è composto, la storia scorre molto velocemente e arriva a un finale un po’ frettoloso e forse forzato. Probabilmente il manga è stato fatto finire forzatamente, perché nel secondo volume la storia cambia completamente direzione, introducendo un terzo personaggio e si riavvicina in qualche modo al mito greco.
Forse era intenzione di farlo dall’inizio, ma magari con più capitoli a disposizione. Invece allo stato attuale sembra una cosa buttata lì per far finire il manga, lasciando anche alcune cose non spiegate.

Tuttavia, almeno a mio parere, il finale è comunque buono, e l’ho trovato gradevole. Si sono persi alcuni elementi iniziali, come la comicità, forse perché verso il finale la storia doveva farsi seria, e il tutto diventa più lineare, più semplice. Anche l’elemento delle profezie viene lasciato in secondo piano, come pure l’idea sviluppatasi alla fine del primo volume di contrapporre degli avversari ai protagonisti, se ne vede solo uno, e purtroppo non scopriremo le sue motivazioni e l’origine dei suoi “poteri” di preveggenza, come del resto non scopriremo quelle dei protagonisti.

I disegni, abbastanza buoni per quello che forse è il primo manga a cui il disegnatore lavora, peggiorano nel secondo volume, sembrano meno curati e più frettolosi.
Comunque non è un manga da bocciare completamente. Certo la storia con più numeri a disposizione avrebbe potuto svilupparsi meglio e dare molto di più.
UnCassandra di certo non è un manga che spicca tra gli innumerevoli titoli che affollano gli scaffali delle fumetterie, ma se lo si prende per quello che poi è, un breve manga in due volumi, risulta una lettura non impegnativa, magari adatta a lettori meno navigati, più che a quelli "esperti" che di sicuro hanno letto di meglio. Ma anche di peggio a dirla tutta.

Ultimo appunto sull’edizione curata da GP. La loro tipologia di manga da edicola, senza pagine a colori o sovraccopertina, almeno non ha la carta trasparente.


 0
hgaxf

Volumi letti: 2/2 --- Voto 5
Dunque dunque dunque. Ricordiamoci un po' di cosa parlasse UnCassandra... Predizioni? Si, giusto, poi c'era anche... c'era anche? Beh, nulla. Due volumi che girano solo intorno a predizioni&co.
Belle predizioni? Non poi tanto.
Almeno bei personaggi? Ok, un po' di caratterizzazione c'è.
Poi?

Avrete già capito che il manga non mi è piaciuto. E sono chiari i motivi, almeno in parte. Ora, chiariamo che il manga non fa schifo e non è completamente banale. Il protagonista (o meglio, co-protagonista) è un ragazzo che possiede un libro in cui sono elencate decine di predizioni per il futuro. È predetta anche la sua morte nei suoi diciotto anni. Forte di questa sicurezza di non poter morire prima, non esita a buttarsi rischiando l'osso del collo nelle imprese più assurde e pericolose, al fine di "distruggere" le predizioni. È infatti convinto che, una volta distrutte tutte, anche quella della sua morte si annullerà. Ok, fa un po' acqua ma regge, no? E anche una protagonista un po' scialba ci può stare.
I disegni? Sono quelli di un esordiente, quindi ancora da modellare bene sul proprio stile, ma tutto sommato accettabili.

Quindi cosa abbiamo in definitiva? Un vaso di terracotta pieno di buchi. Ora, in molti altri manga questi buchi sono riempiti da divagazioni sul tema, comicità ben fatta o magari un po' di non-sense (senza scordare il moe che tappa e spiana ogni imperfezione). Qui quante volte sono usati questi elementi? Una o due, e anche piuttosto poveramente. Niente di eccezionale, insomma.
Che dire in definitiva? Avrei voglia di provare a leggere la prossima opera della coppia di autori, ma per ora la sufficienza proprio non me la sento di dargliela.


 0
:YaSu:

Volumi letti: 2/2 --- Voto 5
Poteva essere migliore. Sfogliando il primo volumetto in fumetteria e leggendo la trama devo ammettere che mi sono subito incuriosito e vedendo che si trattava di un manga della GP l'ho comprato a scatola chiusa.
Arrivo a casa e scopro con dispiacere che la serie è composta da due soli numeri e ciò mi fa girare parecchio perché per mia natura non sono molto propenso alle mini-serie. Certo, ovviamente esistono le eccezioni.
Parto a leggerlo finalmente ma dopo poco comincio a capire che c'è qualcosa che non va.

La trama è molto instabile e omette parecchi dettagli importanti (primo su tutti: perché diavolo Banjo è in possesso di questo dannato quadernetto con le profezie? Mah!).
I disegni non sono molto curati e troppo "spigolosi" per i miei gusti. Sembra tutto buttato giù in modo molto frettoloso e questo sinceramente potrà piacere a dei ragazzini delle medie ma non ad un "vecchio" lettore di manga come me!
Il 5 è per l'intenzione, la trama era davvero carina e poteva essere sviluppata in modo migliore. La mia prima semi-delusione targata GP.


 1
shinichi kudo 98

Volumi letti: 2/2 --- Voto 9
Nanaki Bekku è una ragazza che si è appena trasferita a Tokyo. Qui incontra un ragazzo di nome Kizaki che le salva la vita. Questi due ragazzi fanno parte della stessa classe e più avanti Nanaki scopre che Kisaki è in possesso di uno strano quaderno che è in grado di prevedere il futuro. Kisaki usa questo quaderno per prevedere il futuro delle persone, per poi salvargli la vita.

Trovo questo manga davvero fantastico. La lettura è molto veloce, ma basta a soddisfare i lettori. La trama a mio parere è davvero molto bella ed originale. I disegni pur essendo a mio parere semplici, sono comunque davvero belli.
È stato davvero molto piacevole e divertente passare un po' di tempo a leggere questi due volumi. Consiglio la lettura di UnCassandra a tutti gli amanti di questo genere di storie. Complimenti agli autori e buona lettura a tutti gli interessati.


 5
kakeru96

Volumi letti: 1/2 --- Voto 7
Manga carino, una lettura veloce e simpatica. Bekku è una ragazza che si è appena trasferita in una nuova scuola, dove le verrà salvata la vita da Kizaki, un ragazzo che si rivelerà essere un suo compagno di classe. Kizaki è un ragazzo che, guardando le foto di incidenti futuri non ancora accaduti, capirà come e quando le persone ritratte in foto moriranno.

I disegni sono semplici, niente di particolare a mio avviso. Ogni volta che leggo un nuovo manga della GP Publishing i disegni mi sembrano sempre tutti uguali.
In definitiva è una storia carina, abbastanza originale, anche se c'è una bomba ogni giorno a Tokyo. Proprio un bel manga d'azione, che si alterna con piccole scenette divertenti. Abbastanza consigliato.


 5
micheles

Volumi letti: 2/2 --- Voto 4
Ho faticato non poco per terminare i due volumi di questa miniserie. Si tratta di un manga di azione, esplosioni e inseguimenti: non ho nulla contro il genere, ma qui siamo molto sotto lo standard. Onestamente non ci ho trovato nulla di buono: la storia fa acqua, i personaggi sono del tutto scontati, i disegni sono confusionari. Questo è un caso in cui conviene risparmiare i soldi e comprare qualcos'altro. Mi sorprende che l'editore si sia deciso a pubblicare "UnCassandra" quando ci sono senz'altro dei manga molto più meritevoli ancora inediti in Italia. Sconsigliato.