logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Arashi84

Volumi letti: 1/1 --- Voto 8
Fuyumi Souryo racconta l'età dell'innocenza di una giovane sovrana.

Che Fuyumi Souryo fosse un’autrice di grande valore lo avevamo intuito già nei primi anni 2000, con il debutto italiano del suo "Mars". Lo aveva ben capito Star Comics che su questa autrice ha puntato fortemente portandoci molti dei suoi manga più belli, come ES -Sternal Sabbath. Che fosse appassionata di storia e dei suoi personaggi, lo abbiamo scoperto con "Cesare", da lei definita l’opera della vita.
Con "Maria Antonietta – La gioventù di una regina", la mangaka decide di raccontarci gli anni giovanili di una delle figure più famose e controverse della rivoluzione francese.

Il personaggio lo conosciamo tutti, vuoi per averlo studiato sui libri di scuola, vuoi più semplicemente per l’anime "Lady Oscar". Tornando indietro di molti anni rivedo la me stessa bambina che tra uno sguardo innamorato ad Andrè e un improperio contro Oscar (che a mio dire, scioccamente, non lo considerava abbastanza) ammira con occhi luccicanti “la principessa bionda” che indossa abiti e gioielli eleganti, che ha dei boccoli che sembrano creati ad arte dal pasticcere, che sembra avere tutto ma che al contempo pare tormentarsi in ogni momento della sua vita, ora per il bel Fersen, ora per semplice capriccio.

Tralasciando quanto ci possa essere di vero storicamente parlando, in questo volume la Souryo ci mostra una Maria Antonietta appena quattordicenne costretta a lasciare casa per andare in sposa al Delfino di Francia. Se è vero che tutto inizia con una donna adulta, sposa di un re e madre di 3 bambini, subito si torna indietro nel tempo, al momento in cui la giovane lascia casa salutando la madre e i fratelli tra angoscia e paura per il futuro.

Maria Antonietta viene rappresentata come una ragazza sincera e, per forza di cose, ancora immatura, che però non può far altro che accettare il suo destino senza battere ciglio. È bella, come solitamente lo sono le donne della Souryo; è spontanea e poco incline alla rigida vita di corte impostale, ma soprattutto sembra essere una ragazza che, seppur lo faccia più per amore materno che per non personale volontà, prende a cuore il suo ruolo, cercando di costruire con lo sposo un vero rapporto. E a proposito dello sposo, forse è un po’ diverso da come solitamente viene descritto: alto, slanciato, molto bello, e che quando scioglie i lunghi capelli ricorda un po’ il Rei di Mars. Il suo carattere taciturno e gli obblighi regali a cui deve sottostare rendono difficile per Maria Antonietta avvicinarglisi, anche se con una certa insistenza, la giovane pare far breccia nel suo cuore.

Maria Antonietta e Luigi ebbero svariati problemi nella loro vita di coppia ma il manga si incentra più sul lato romantico della cosa, facendo crescere il rapporto tra i due attraverso il superamento delle difficoltà relazionali. Ciò non significa comunque che l’autrice non abbia studiato a fondo il soggetto, lo si evince anche dalla corposa bibliografia a fine volume.

I disegni della Souryo, uniti ad una narrativa unica, hanno come sempre il potere di catturare il lettore, trascinandolo quasi forzatamente da una pagina all’altra. È dunque facile immergersi nella storia, seguire le vicende di questa ragazzina e appassionarsi agli intrighi di corte, purtroppo questi lasciati un po’ troppo sullo sfondo. A fine lettura la prima cosa che mi è balenata in mente è stata: “vorrei leggere un manga della Souryo incentrato su Madame du Barry”, personaggio che, pur con poche apparizioni, attira e affascina, come se la vita di corte fosse da lei gestita nell’ombra dei salotti.

Come già accennato, i disegni dell'autrice stregano e catturano e grazie ad una sapiente regia, ella riesce sempre a trasmettere i pensieri e le emozioni dei suoi personaggi. Il tratto è preciso, accurato e particolareggiato. Spesso vengono portati in primo piano i dettagli del mobilio o dell’architettura: un arco, una sala da ballo, un fastoso letto a baldacchino, sempre con minuzia di particolari. Le tavole non sono quasi mai vuote, se non nel momento in cui la mangaka preferisce dare risalto alle espressioni facciali dei personaggi.

Edizioni Star Comics porta in Italia il volume al costo di 7 euro, dotandolo di un’elegante sovraccoperta con degli inserti dorati che impreziosiscono il tutto. In appendice al manga vi sono degli interessanti approfondimenti sui personaggi, protagonisti e non, e sulla vita alla corte di Versailles. Probabilmente niente di nuovo per molti, ma la lettura è comunque interessante.

"Maria Antonietta – La gioventù di una regina" è un’opera coinvolgente, ben scritta e perfettamente disegnata che ben mette in risalto le capacità artistiche e narrative di Fuyumi Souryo. Il manga non considera la parte più movimentata della vita della famosa regina, ma si limita a mostrarci una giovane donna che va incontro al suo destino, con tutti i dubbi (e anche più) di una qualsiasi quattordicenne che si affaccia al mondo, che sia ella una futura regina o una ragazza comune alle prese con una nuova fase della vita.
Le mani magiche dell'autrice riescono ancora una volta a catturare il lettore, trasportandolo nei pensieri e nelle emozioni della sua protagonista, coinvolgendolo pagina dopo pagina.
Forse quella di Maria Antonietta non è stata in realtà una storia felice, ma a questo personaggio omaggiato da artisti di ogni genere, la Souryo decide di regalare, almeno per un momento, una prospettiva di vita felice e ancora immersa nella pura innocenza.


 9
Chiharu

Volumi letti: 1/1 --- Voto 9
"Maria Antonietta - La gioventù di una regina" è un manga decisamente diverso, e forse insolito rispetto alle ultime produzioni. È un'opera di Fuyumi Soryo, famosa per altri lavori come "Mars" e "Sole maledetto".
Il volume è stato recentemente pubblicato in Italia dalla Star Comics.
La trama narra di una giovanissima Maria Antonietta, che ben presto sposerà Re Luigi XVI. Due personaggi raccontati e descritti in modo diverso rispetto ai libri di storia, grazie ai quali abbiamo imparato a conoscerli, seppur non sempre in maniera approfondita. In questo manga, ci vengono descritte altre sfaccettature della vita dei due, ma non ci sono accenni alle loro azioni in qualità di sovrani.
Quello di Maria Antonietta e Luigi, è un matrimonio combinato, come quasi sempre avveniva a quei tempi, nel Settecento, periodo del Rococò e di uno degli eventi più celebri della storia: la Rivoluzione Francese. Sostanzialmente, è un'unione che pone fine alle numerose divergenze che c'erano tra Francia ed Austria, patrie rispettivamente di Luigi XVI e Maria Antonietta. L'aspirante regina, tra mille dubbi e incertezze, si prepara a quell'importante cerimonia. Arrivato il grande giorno, la giovane parte dalla sua terra natia sostenuta dai suoi connazionali, e raggiunge prima Strasburgo, dove l'attendono migliaia di Francesi curiosi di vedere per la prima volta la loro prossima regina.
Arrivata a Versailles, conosce il suo futuro marito, nonché prossimo re di Francia; un uomo alto e slanciato dai capelli biondi e occhi azzurri. Lei ne rimane profondamente colpita, non lo avrebbe mai immaginato così alto e con un portamento così adulto. Sicuramente nemmeno lui si sarebbe mai aspettato una ragazzina così minuta, che non dimostra affatto gli anni che ha. Ma comunque, nonostante la brevissima conoscenza, la cerimonia ha luogo nella Reggia di Versailles, fatta costruire da Re Luigi XIV, detto "Re Sole" e simbolo della monarchia assoluta francese. Lì vivevano tutti i più importanti nobili della Francia.
A primo impatto, i due giovani sposi sembrano avere un rapporto freddo, e questo, inevitabilmente, alimenta le voci sul loro conto che vagano indisturbate nella Reggia. Frequentemente, la giovane Maria Antonietta, viene giudicata inadeguata per un ruolo così importante, perché assume dei comportamenti non propriamente adatti alle rigide regole della vita di corte.
Nei primissimi giorni dopo il matrimonio, Maria Antonietta scrive delle lettere a sua madre, esprimendole incertezza e scetticismo nei confronti di quell'ambiente, totalmente diverso da quello a cui era abituata. Le confessa la sua disapprovazione riguardo alle rigidissime regole di corte, che le risultano quasi obsolete e pesanti.
La vicenda successivamente si amplia, e l'autrice mette in luce il clima e le situazioni che quotidianamente accadono nella Reggia e l'inizialmente difficoltosa vita di coppia dei due sposi. Non mancano riferimenti storici e situazioni riguardanti le zie del futuro re, le più pettegole fra tutti i personaggi, che non perdono occasione di dire la loro e spargere scomode voci su chiunque, specialmente su Madame du Barry.
Luigi, invece, è un giovane uomo amante dei lavori manuali e della caccia, a cui dedica la maggior parte del suo tempo. Apprezza della propria sposa la sua schiettezza, che spesso a lui manca. Ciò, quindi, non farà che intensificare il loro rapporto.
Quando la storia si conclude, nelle pagine successive, è presente un'interessantissima descrizione dei personaggi più rilevanti e realmente esistiti, che hanno fatto parte della nobiltà di quella dura realtà francese.
Il manga, dal punto di vista narrativo, risulta scorrevole e di facile lettura. Una storia come questa, rischiava di essere monotona e noiosa, così fortunatamente non è, soprattutto per merito del brillante lavoro svolto dagli autori. Magnificamente illustrati sono i personaggi, uno stile inconfondibile e piacevole agli occhi. Altrettanto lodevole è la rappresentazione degli ambienti, resi realistici e pieni di particolari, tanto da farli sembrare quasi delle fotografie. Chissà se in futuro ci sarà un seguito, sarebbe interessante seguire l'evolversi delle vicende, invogliati da questa grande capacità narrativa e dalle suggestive tecniche di disegno presenti nel volume.
Nel complesso, è un manga che merita davvero di essere letto, e che amplia le nostre conoscenze sulla vita di due dei sovrani più celebri della Storia francese.