logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 1
Metal_Movie90

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
Non ho mai avuto una grande passione per i manga sportivi, questo è a conti fatti il primo che ho letto; in precedenza, l'unico di cui vi avrei potuto parlare è l'immancabile Holly e Benji (o meglio, Capitan Tsubasa) in quanto faccio parte della generazione in cui ha raggiunto l'apice della sua fama grazie ai passaggi televisivi (il manga invece ancora mi manca). E ammetto che, pur con tutte le assurdità e le esagerazioni di cui già all'epoca mi ero accorto, occupa un posto di rilievo tra le opere con cui ho passato la mia infanzia/adolescenza. Ma proprio Capitan Tsubasa mi permette di riallacciarmi ad Eyeshield 21, perché questo manga in definitiva è, per il football americano, tutto quello che Capitan Tsubasa doveva essere (e non è stato) per il calcio.

Eyeshield 21 è davvero un bel manga, uno dei migliori del suo genere (dal basso della mia ignoranza in materia) e uno dei più memorabili fra quelli pubblicati su Jump, grazie soprattutto al riuscito mix di tre aspetti: i disegni, i personaggi e le partite.

Prima di avvicinarmi a questo manga non avevo assolutamente idea di come funzionava il football americano, conoscevo solo qualche principio base a grandi linee. Il primo pregio dell'opera, tutto merito dello scrittore Riichiro Inagaki (uno che sa il fatto suo), consiste nello spiegare perfettamente e senza inutili giri di parole le regole e le tattiche di questo sport (che non immaginavo essere così complesso), affidandosi il più delle volte a scene ironiche e ripetendole nei momenti cruciali. Insomma, l'autore riesce a farti appassionare davvero e in breve tempo il lettore si troverà perfettamente a suo agio!

Le numerose partite costituiscono la punta di diamante di questo manga, e personalmente non riesco ancora a trovare un difetto in come sono state rese. L'esito finale è spesso scontato (d'altronde non è questo un manga che fa della trama e dei colpi di scena il suo punto di forza), ma è nello svolgimento che risultano appassionanti e adrenaliniche. Ciascuna squadra è caratterizzata molto bene, i loro componenti ed il loro stile di gioco si riconoscono immediatamente e le "mosse speciali" dei giocatori vengono enfatizzate da illustrazioni legate al tema della squadra (per esempio, i passaggi di Kid dei Seibu Wild Gunmen che sembrano colpi di uno Shotgun); nonostante si tratti di uno shonen bello e buono, da questo punto di vista il manga raggiunge un ottimo equilibro fra realismo e fantasia, spesso (per motivi di pathos) si raggiungono situazioni estreme, ai limiti della credibilità, ma in linea di massima tutto quello che i protagonisti fanno/pensano si basa su concetti reali ed è una diretta conseguenza delle loro caratteristiche e del loro allenamento. Insomma, non vedrete mai superpoteri e personaggi che fanno cose ridicole come in Capitan Tsubasa, dove tutto viene portato all'esagerazione!

Coinvolgimento nelle partite che è assicurato anche grazie agli ottimi disegni di Yuusuke Murata, e qui non dico nulla di nuovo. Dopo un inizio "normale" (i primi volumi presentano uno stile ancora in evoluzione), quelle a cui ci troviamo di fronte sono tavole spettacolari, non solo per il dettaglio dei giocatori e delle loro uniformi, ma anche e soprattutto per come rendono il dinamismo delle varie fasi di gioco (i giocatori sembrano quasi "uscire" dalle pagine). I numerosi personaggi poi sono tutti tratteggiati benissimo ed immediatamente riconoscibili; è grazie anche a Murata se tuttora mi ricordo a memoria tutti i loro nomi (e vi assicuro che non è una cosa da poco).

Proprio i personaggi sono il secondo punto di forza di questo manga; come dicevo sono tantissimi, ma sono tutti caratterizzati talmente bene che è impossibile dimenticarseli, ciascuno presenta una determinata caratteristica fisica/comportamentale che ti permette di riconoscerlo al volo e, nel bene o nel male, avrà il suo momento di gloria nella storia. Quello che domina davvero la scena è Hiruma, il diabolico quarterback capitano dei Deimon Devil Bats, personaggio a dir poco memorabile e protagonista di alcuni dei momenti più belli (soprattutto nelle partite finali). Tra i miei preferiti anche Kid dei Seibu Wild Gunmen e Marco degli Hakushu Dinosaurs.

Sebbene in un primo momento possano apparire stereotipati, in realtà non è così, e lo testimoniano i numerosi momenti riflessivi durante le partite o i flashback (per i più importanti). I primi, per fortuna, sono funzionali e non occupano più spazio del dovuto; altra personale frecciatina a Capitan Tsubasa, che era davvero esasperante da questo punto di vista ("E invece questi hanno lunghi flashback, ma l'avversario in quel momento dov'è?" cantavano i Gem Boy).

Qualche cenno alla trama e al suo sviluppo. Come dicevo, essa è molto lineare e non vi sono particolari colpi di scena fino al gran finale. Nei primi volumi è presente molta comicità demenziale, in gran parte dovuta a Hiruma e alle sue diaboliche idee, che non stona e anzi risulta ben gestita ed efficace (anche se ho trovato davvero poco credibile Mamori che per 18 volumi non si accorge che Eyeshield 21 è proprio Sena). Questa piano piano diminuisce fino a risultare solo di contorno quando per i nostri protagonisti si inizia a fare sul serio (dal torneo d'autunno in poi). Mi sarebbe piaciuto vedere più interazione tra i personaggi al di fuori delle partite (che sono sempre il centro dell'attenzione) ma va bene lo stesso così; scordatevi a tal proposito qualsiasi romanticismo, solo accennato tra Sena e Suzuna e tra Mamori e Hiruma.

Una cosa che non ho apprezzato del tutto riguarda il finale; gli eventi principali della trama si concludono al 34° volume, mentre gli ultimi tre sono una sorta di minisaga finale in cui compaiono tutti i personaggi più famosi visti sin dall'inizio. Nonostante questa sia molto divertente e si concluda in maniera abbastanza inaspettata (inoltre permette di scoprire alcune cose sul misterioso passato di Hiruma) non mi è sembrata al livello delle precedenti, e purtroppo il suo inserimento rende un po' "monco" quello che doveva essere il vero finale. Insomma, anche se non la avessero messa, non sarebbe cambiato nulla, anzi secondo me sarebbe stato meglio.

Consiglio Eyeshield 21 a tutti quelli che sono in cerca non solo di un buon manga sportivo, ma anche di uno shonen di tutto rispetto capace di appassionare e intrattenere per un bel numero di volumi. Consigliato!


 0
Slanzard

Volumi letti: 37/37 --- Voto 7
Banale, banale, tremendamente banale, ma anche scontato, superficiale, prevedibile, con personaggi piatti e stereotipati, Eyeshield 21 tuttavia era sempre il primo volume che leggevo al ritorno dalla settimanale visita in fumetteria, qualsiasi fossero le altre uscite. Complice anche un disegno dinamicissimo, in grado di catapultare all'interno dell'azione, Eyeshield 21 avvince come pochi, si fa divorare pagina dopo pagina, volume dopo volume; perché anche se si sa già come andrà a finire, si vuol sapere come ciò avverrà, come i Devil Bats riusciranno a recuperare un ritardo apparentemente irrecuperabile, o quale tecnica Sena s'inventerà nel momento di maggior bisogno. Insieme ad una comicità a a tratti demenziale che aiuta a rendere maggiormente piacevole la lettura, Eyeshield 21 presenta tutti i (molti) difetti e i (pochi) pregi del classico spokon alla Capitan Tsubasa (Holly e Benji), e pertanto potrà essere apprezzato solo dagli estimatori di tale genere; astenersi tutti gli altri, c'è molto di meglio in giro.


 0
Atom

Volumi letti: 37/37 --- Voto 4
Ho intrapreso la lettura di "Eyeshield 21" dopo aver visionato i pareri, a dir poco entusiastici, apparsi qua e là sulla rete.
Sena Kobayakawa è un ragazzino come tanti, anzi, se vogliamo dirla tutta, è un po' piccolino rispetto alla media dei sui coetanei. Proprio a causa della sua statura è sempre stato preso di mira dai compagni, che negli anni lo hanno costretto a sbrigare le commissioni più disparate. Un allenamento che, però, nel corso del tempo, ha dato i suoi frutti, che non sfuggono allo sguardo diabolico dell'astuto capitano del club di football.
I disegni sono di ottimo livello ed i primi volumi risultano abbastanza divertenti. Man mano che la storia entra nel vivo, però, si impantana completamente. Le situazioni vengono riproposte ciclicamente fino alla nausea e la narrazione è spesso logorroica.

Quelli che vorrebbero essere colpi di scena sono di una ingenuità imbarazzante e la psicologia dei personaggi è estremamente schematizzata. In alcuni casi si intravede una maturazione caratteriale, ma il problema di fondo resta sempre lo stesso: la banalità e la scontatezza con cui l'autore fa trasparire tale processo.
Di tanto in tanto si intravede qualche fiammata e riesce a strappare qualche risata, ma non basta per gestire una storia mediocre diluita e dilatata in 37 volumi. La carenza più pesante che sconta quest'opera è l'incapacità di Riichirō Inagaki nell'infondere il giusto ritmo alla trama. A volte si ha la sensazione che finalmente stia per cambiare marcia, salvo poi gettare la spugna, facendo calare nuovamente i giri del motore. Reiterare all'infinito questo processo risulta oltremodo snervante per il lettore. Le chiacchierate che si fanno un po' tutti tra spalti e campo da gioco, mentre è in atto un'azione che richiederebbe poco più di un secondo , condite oltretutto da interminabili flash-back, non fanno che aggravare la situazione. Si finisce inevitabilmente per avere la sensazione che si stia allungando furbescamente il brodo con pagine e pagine del tutto inutili.

Concludendo, "Eyeshield 21" è sicuramente uno dei peggiori manga in cui sia mai "inciampato", probabilmente il più infantile; riuscire a portare a termine la lettura della serie è stata davvero un'impresa. Un titolo che potrebbe incontrare il gusto dei più piccoli, ma che già in adolescenza potrebbe causare più di qualche indigestione. Shōnen non può e non deve essere sinonimo di poco impegnato, poco intelligente, superficiale.
E' un vero peccato, perché Yusuke Murata riesce a trasporre su carta il grande dinamismo di questo sport, traguardo affatto scontato, enfatizzando abilmente gli schemi di corsa, che vengono rappresentati con cura certosina.
La mancanza di una sceneggiatura ben scritta, però, è fin troppo evidente e la durata complessiva dell'opera finisce per essere la causa principale del suo insuccesso. Le poche idee, se condensate, avrebbero potuto tenere in piedi la baracca e salvarla dal disfacimento totale.


 4
leo_messi_91

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
Eyeshield 21 è uno shonen manga scritto da Riichiro Inagaki e illustrato da Yusuke Murata. Più precisamente è uno spokon (manga sportivo) basato sul football americano.
Venne pubblicato settimanalmente in Giappone sulle pagine della rivista Weekly Shonen Jump a partire dal 2002 e si concluse nel 2009 con 333 capitoli, raccolti in 37 tankobon.
In Italia la sua pubblicazione inizia nel 2008 da parte della casa editrice Planet Manga.
Dal manga è stato tratto anche un anime composto da 145 episodi che però non coprono tutto l'arco della storia del manga.

Trama: Il protagonista di questo manga sportivo è Sena Kobayakawa, un ragazzo dal fisico esile, che da sempre viene preso di mira dai bulli e che si appresta ad iscriversi alla Deimon Private Senior High School, scuola frequentata dalla sua amica di infanzia Mamori.
Nonostante il fisico, Sena è dotato di una velocità incredibile e viene subito notato dal capitano del club di Football Americano della scuola, Hiruma, che lo obbliga a diventare un nuovo membro dei Deimon Devil Bats. Per nascondere l'identità di Sena ai capitani degli altri club della scuola, Hiruma decide di far indossare un casco una visiera al ragazzo.
Da qui in poi inizierà l'incredibile avventura del formidabile e velocissimo running back "Eyeshield 21".

Il disegno del sensei Murata è semplicemente incredibile. Riesce a trasmettere sensazioni e immergere nell'azione il lettore tramite il suo disegno.
Il tratto è abbastanza sporco e ogni pagina è curata nei minimi dettagli.
I personaggi sono tutti dettagliatissimi, sia per quanto riguarda le peculiarità caratteriali, sia per il caratteristico stile visivo.
Spaziamo dal rasta Agon, al pistolero Kid, al demoniaco Hiruma.
Vi assicuro che davanti a questi personaggi e a questi disegni i vostri occhi brilleranno.

Da non sottovalutare è l'aspetto psicologico.
Ogni personaggio nasconde in se un ambizione da portare avanti che lo spinge a raggiungere il successo e lo sprona ad impegnarsi a dare il massimo. Mi sono commosso tantissime volte durante la lettura.

Grazie a questo manga ho imparato le regole del football americano, che prontamente vengono spiegate dall'autore in occasione di ogni particolare giocata.

Che dire, consiglio vivamente questo manga ad ogni amante degli spokon, ma anche a chi cerca qualcosa di epico. Come manga sportivo entra di sicuro nell'olimpo insieme al mitico Slam Dunk.
Non dimenticherò mai le cavalcate di Sena, le fantastiche prese di Monta, la determinazione di Kurita, i trucchetti di Hiruma o l'incredibile idiozia di Taki.
"Noi non siamo venuti qui per batterli, noi siamo venuti qui per ucciderli!!"
Questo è un manga che porterò sempre nel mio cuore e ringrazio davvero i sensei Inagaki e Murata per aver creato questo capolavoro. Arigatou!


 0
Sarubise

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
Sono pochi gli spokon manga che riescono a superare gli shōnen di fantasia: Eyeshield 21 è uno di questi. Un manga brillante, capace di appassionare anche chi di football americano ne ha soltanto sentito parlare.
I disegni sono eccellenti, molto dettagliati; anche se verso la fine (ultima decina di volumi) la qualità tecnica e narrativa peggiora a vista d'occhio. I personaggi sono caratterizzati con scrupolosa attenzione in tutti i loro aspetti (come poche volte in uno shōnen manga). Sebbene ci siano molti match, avvincenti duelli nei quali ognuno dimostra le proprie "abilità", non sono mai banali o ripetitivi.
La comicità, sempre inserita al momento giusto, è uno dei punti di forza di quest'opera; tra le più divertenti che abbia mai letto.
Un manga da gustare anche se non si è appassionati di questo sport, lo stile unico di Murata vi conquisterà comunque.

STORIA: 7.5
DISEGNI: 9
STILE: 8
STORYBOARD: 7
FATTORE SHONEN: 9

Uno dei migliori shōnen manga in circolazione.


 1
Maurottide

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
La domanda da farsi quando si giudica un manga a mio parere è una: cosa mi aspetto da questo fumetto?
Ci sono molti motivi per i quali si può apprezzare o meno una storia, ecco perché ci sono pareri e gusti diversi, ma, personalmente, ho trovato a dir poco appagante leggere Eyeshield 21.
Al contrario di quanto dica il trafiletto della trama qui in alto, il protagonista non è Sena (nonostante sia su tutte le copertine dei volumi e il numero nel titolo sia il suo) ma la squadra dei Deimon Devil Bats, la cenerentola del campionato scolastico di football americano in Giappone.
Anche non capendo una mazza di questo sport (pressoché sconosciuto in Italia), sarete guidati da Hiruma, il capitano dei DDB, insieme agli altri membri, reclutati durante il corso della storia, fino a comprendere quale sia il vero senso dello sport e dell'amicizia.
Ho adorato il modo in cui dei rifiuti della società, singolarmente emarginati e malvisti, con l'unione e l'amicizia siano riusciti a scoprire il valore delle loro qualità e a trasformarsi in tasselli fondamentali di una tattica vincente.
Punto di forza della trama è l'assoluta imprevedibilità negli scontri, che vi porterà costantemente a chiedervi se Hiruma e i suoi riusciranno a superare un' ennesima sfida insormontabile; ovviamente, non vi lascio con questa certezza!
Considero Eyeshield21 uno dei manga più belli, coinvolgenti e commoventi che abbia mai letto, e lo consiglio anche a coloro che generalmente non apprezzano il genere sportivo (come me), non solo per le tavole mozzafiato, l'ironia dei personaggi, e l'elaboratezza delle tattiche - oserei paragonarle agli scontri fra Light e L in Death Note -, ma soprattutto per la freschezza degli ideali che ormai è così rara da trovare negli Shounen moderni, sempre più forzatamente irriverenti.
Il voto 9, piuttosto che 10, è dovuto alla mini-saga conclusiva, decisamente superflua, la quale non aggiunge niente alla fine naturale del manga, ma pare tanto un contentino per quelli che avrebbero voluto un manga più lungo.
Per il resto, godetevelo!


 4
Neku77

Volumi letti: 37/37 --- Voto 10
"Non lo sapevi? I demoni non chiedono favori agli dei!"

Piccola premessa: ho incominciato a leggere Eyeshield 21 per allontanarmi momentaneamente dalle trame molto spesso banali e piene di cliché dei moderni shonen fantasy, quindi si tratta del mio primo spokon, ovvero manga sportivo...e devo dire di essere stato fortunato, perché la lettura di quest'opera è stata davvero fantastica.
Cominciamo dall'antefatto: il timido ed impacciato Sena, spesso vittima di atti di bullismo a causa del proprio carattere remissivo, inizia a frequentare il liceo Deimon, già rassegnato alle probabili angherie che subirà dai prepotenti di turno; purtroppo (o per fortuna), non sa ancora cosa lo attende...
Il liceo Deimon, famoso non certo per il livello dei propri studenti, ospita, tra i tanti club, anche quello di football americano: è proprio l'incontro con questo sport, ed in primis con Hiruma, il capoclub, che cambierà per sempre la vita di Sena: se in un primo momento questi si era semplicemente proposto come manager della sgangherata squadra dei Deimon Devil Bats, da sempre in deficit di giocatori, le cose andranno invece molto diversamente...
Il nostro piccolo protagonista, infatti, costretto a svolgere "lavoretti" per conto dei compagni che lo maltrattavano, ha inconsciamente sviluppato un'incredibile abilità nella corsa, raggiungendo livelli da campioni: è per questo che, inizialmente, viene "convinto" da Hiruma a partecipare addirittura alle partite in veste di Running Back, il giocatore deputato a portare la palla alla meta attraverso azioni spettacolari ed istantanee.
Tuttavia, occorre nascondere l'identità di Sena, per evitare che altri club desiderino averlo per le sue qualità, quindi Hiruma adotta questo stratagemma: durante le partite indosserà il numero 21 ed una visiera che ne maschera il volto, da qui il titolo del manga "Eyeshield (visiera) 21". Inizia dunque la carriera da footballer di Sena, in realtà in un modo un po' complesso, visto che si trova a nascondere la propria identità persino a Mamori, sua amica d'infanzia, che sarebbe preoccupata se scoprisse il suo vero ruolo all'interno del team.

La squadra dei Deimon Devil Bats, ovviamente, diventa gradualmente il fulcro del manga: fondata tempo addietro da Hiruma e Kurita, che sognavano di andare al Christmas Bowl, il più importante evento di football americano a livello liceale in Giappone, ha in realtà conosciuto una sorte tutt'altro che favorevole, visto che per lungo tempo gli unici membri stabili sono stati solo i fondatori...tuttavia, con l'avanzare della storia, nuovi membri si aggiungeranno, in modi anche imprevedibili, per cercare di formare un vero team e realizzare, insieme, un sogno quasi impossibile.
La trama può sembrare scontata ma, in quanto spokon, gli autori di Eyeshield decidono di non sottrarsi ai canoni del genere, come il torneo, l'allenamento, le rivalità, tuttavia lo scrittore Riichiro Inagaki riesce a bilanciare questo fattore con diverse situazioni: comicità, serietà, volontà di cambiare, crescita individuale e gag si mescolano in un mix fresco e sempre trascinante. Ogni personaggio, sebbene in misura diversa, è dotato di una preciso background e di una ben definita personalità, ovviamente lo spazio maggiore è dato ai giocatori dei Deimon Devil Bats, ma gli avversari non sono da meno, tutti eccentrici e, a modo loro, assolutamente unici.
Per chi fosse spaventato dalle regole del football americano, sappia che queste sono spiegate in maniera assolutamente comprensibile per tutti, e spesso ripetute per maggior chiarezza, nelle partite più complesse, inoltre le tattiche astruse di Hiruma, o le strambe tecniche speciali sfoggiate dai giocatori, non sfociano mai nel fantasy/inverosimile, ma hanno sempre un minimo di contatto con la realtà.
A proposito delle partite e dello stile grafico in generale, va reso onore a Yusuke Murata, un virtuoso del disegno che migliora in maniera incredibile volume dopo volume, regalandoci inquadrature memorabili e scene incredibili che paiono quasi muoversi (infatti sconsiglio la visione dell'anime, visto che, oltre ad altri problemi di tipo narrativo, in quel caso la qualità grafica è decisamente inferiore a quella del manga).

In conclusione, un manga davvero valido, che non rivoluziona il genere di appartenenza, ma ci mostra personaggi meravigliosi, tra cui il folle stratega Hiruma, vera stella del manga assieme al protagonista Sena, partite emozionanti fino all'ultimo secondo (e oltre!), ed una storia che non concede spazio a capitoli inutili/filler (il capitolo 100 è solo un piacevole diversivo che ci mostra la vena comica degli autori nell'ambito degli 4-koma, siparietti di 4 vignette).
Va segnalato che la saga principale si esaurisce nel volume 34, gli altri 3 volumi vanno considerati come un racconto extra che riunisce ancora una volta i personaggi più amati: una narrazione che potrebbe non piacere a tutti per la sua brevità, visto che si sviluppa su pochi tankobon, tuttavia la ritengo un piacevolissimo commiato da parte di una serie che arriva dritta al cuore, magari in modo anche ingenuo e senza chissà quali pretese, facendoci ridere, piangere, entusiasmare e forse crescere un po' insieme ai suoi protagonisti.


 7
brook

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
Eyeshield 21 è lo spokon (manga sportivo) di maggior successo degli anni 2000, così come lo erano stati Slam Dunk per gli anni '90 e Capitan Tsubasa/Holly & Benji per gli anni '80. A cosa è dovuto questo successo? Sicuramente non alla trama, che non è mai stato il punto di forza degli spokon. Nemmeno E21 fa eccezione: la trama parla di Sena, un ragazzo gracilino che ha passato la vita a fare lo schiavetto dei bulli della scuola, che viene costretto (in tutti i sensi) a giocare a football americano per via del suo unico pregio fisico, ovvero un'incredibile velocità. Entrerà così nella squadra sfigata dei Deimon Devil Bats, dotata di soli due membri ufficiali, che mano a mano crescerà in termini di giocatori e di capacità tecniche per raggiungere il sogno di giocare il Christmas Bowl, ovvero la finale del campionato studentesco. Fin qui nulla di speciale, insomma. La forza di E21 sta in un riuscitissimo mix tra splendidi disegni, comicità demenziale, partite avvincenti e una miriade di personaggi ben costruiti. Un ulteriore merito di E21 è stato quello di aver avuto il coraggio di trattare il football americano, uno sport poco conosciuto e praticato al di fuori degli USA, e di esser riuscito a spiegarne le regole e le tattiche di gioco (spesso complicate) in maniera tale da renderle chiare al "lettore medio". Vediamo ora di enucleare i vari punti alla base del successo di questo manga.

I disegni inizialmente non sono nulla di particolare, buoni ma grezzi. Tuttavia, come succede spessissimo nei manga di giovani autori, nel corso della serie lo stile si evolve migliorandosi sempre più. Nel caso di E21 questo miglioramento è evidentissimo, e sono sufficienti pochi volumi affinché il tratto di Yusuke Murata raggiunga soglie di eccellenza e si dimostri adattissimo ad una serie sportiva e comica: i disegni durante le partite esprimono una tale dinamicità che i giocatori sembrano quasi uscire dalle tavole, e lo stile deformed per le frequenti gag viene usato in maniera sapiente.

I personaggi sono il maggiore punto di forza di E21: sono tantissimi, e quasi tutti hanno delle caratteristiche fisiche/psicologiche che permettono di distinguerli e di "ricordarli" nel corso della storia. Quello che emerge fra tutti non può che essere Hiruma, il diabolico (in tutti i sensi) leader dei Deimon Devil Bats, ma molti altri si faranno apprezzare. Fra i coprotagonisti ci sono Monta, il ricevitore che vuole riscattare con il football il suo sogno di diventare un asso del baseball, Kurita, il ciccione buono e dolce ma che se vuole diventa una belva, i tre ex-teppisti soprannominati "fratelli eh-eh" e Yukimitsu, il secchione scarso negli sport che riuscirà comunque a trovare i suoi momenti di gloria. Il lavoro migliore però è fatto con i personaggi avversari di volta in volta del Deimon, ognuno dei quali diverso per carattere, tecniche e filosofia di gioco. Riichiro Inagaki, l'autore della storia, cerca di evitare il più possibile di presentare "nemici" stereotipati, e riesce nel suo intento. Difatti nel corso della storia avremo, fra gli altri, avversari come un quarterback che ha paura della vittoria, un ricevitore che "tu mi dici cosa devo fare e io lo faccio" e un colosso di muscoli molto meno stupido e primitivo di quello che sembra. Il risultato finale è che si finisce per affezionarsi a molti dei personaggi di E21, e Inagaki, consapevole di ciò, negli ultimi volumi ci regala una mini saga dove li raccoglie pressoché tutti. Puro fanservice, ma comunque ben fatto.

La comicità demenziale permea l'intero manga, soprattutto i primi volumi dove viene lasciato meno spazio allo svolgimento delle partite. Le gag sono davvero divertenti, e hanno il pregio di non dare mai la sensazione di essere inserite "forzatamente" nella storia. Al contrario, sono utili per presentare i vari personaggi e per spezzare la tensione durante i match (in questo le somiglianze con Slam Dunk sono evidenti). Tutto ciò permette di dare ad E21 la giusta dose di freschezza e spensieratezza che dovrebbe avere uno shonen classico.

Come già detto, in uno spokon più che la trama è importante come si svolgono le partite, nella fattispecie quelle di football americano. Bene, si può dire che Inagaki abbia inserito nel manga tutta la sua conoscenza e passione per il football americano per creare dei match piacevoli da leggere, con capovolgimenti e battaglie tattiche-psicologiche o fisico-tecniche in cui sono più o meno coinvolti tutti i membri della squadra. Una delle "furbate" dell'autore è stata quella di applicare ad uno spokon uno schema classico delle battaglie shonen: i combattimenti 1 vs 1 fra i vari coprotagonisti e gli antagonisti di una determinata saga, con il focus maggiore su quello del protagonista. Difatti in E21 in ogni partita ci sono vari duelli: quello di ricezione fra Monta e il ricevitore avversario, quello tattico-psicologico fra Hiruma e il quarterback e/o l'allenatore dell'altra squadra, quello di pura forza fra le linee delle due squadre (la linea è un gruppo di 4-5 giocatori che deve difendere/attaccare spingendo gli avversari). E poi c'è il duello principale, quello di velocità e agilità fra Sena e il giocatore (di solito) migliore avversario. La maggior parte dei duelli di E21 è resa molto bene, sia come emozioni che come sfoggio di tecniche/tattiche sempre più formidabili. Mi preme precisare che in tutto ciò viene mantenuto un buon livello di verosimiglianza, nel senso che le azioni di gioco sono azioni che si potrebbero vedere (in teoria) in una partita reale di football. Molto più vicino a Slam Dunk che a Capitan Tsubasa, per intenderci. Anche qui però Inagaki ci piazza una delle sue "furbate": molte delle realistiche tecniche/tattiche di gioco sono rese a livello shonen attraverso nomi e disegni fantasy, e ogni squadra ha un tema di fondo (il selvaggio west, la preistoria, l'antica Roma…). Avremo quindi giocatori che sembrano trapassare gli avversari come fantasmi, palle lanciate che sembrano viaggiare come proiettili, ricevitori così precisi che sembrano correre su binari, e così via. Un altro pregio delle partite di E21 è la loro non eccessiva prevedibilità, una rarità negli spokon classici. Infatti ci saranno più di una volta dei risvolti inaspettati sia a livello di risultato delle partite che di evoluzione del torneo, senza però venir meno al "lieto fine". I 37 volumi di E21 si concludono poi con il "solito" finale aperto degli spokon ambientati nel periodo liceale, dove i vari personaggi chiudono una parentesi della loro vita e ne aprono un'altra verso nuovi sogni. In teoria dunque ci sarebbero tutte le premesse per una possibile nuova serie di questo manga, ma l'autore sembra aver deciso di fermarsi qui (ma mai dire mai)… E forse è meglio così.

In definitiva E21 è un ottimo spokon, imperdibile per gli amanti del genere ma da consigliare pure a coloro che cercano uno shonen fresco, divertente ed emozionante.

Trama: 7
Disegni: 10
Personaggi: 10


 1
Hiruma23

Volumi letti: 37/37 --- Voto 8
Sono sempre stato un appassionato di sport. Quattro anni fa, quando iniziai a leggere manga, Eyeshield 21 stava per essere pubblicato dalla Panini. Lo presi sia perché parlava di sport che per i disegni di Yusuke Murata, assolutamente fantastici.
Eyeshield 21 racconta di Sena Kobayakawa, un ragazzo mingherlino e indifeso, che è sempre stato vittima di soprusi da parte dei bulli delle scuole che frequentava. Nonostante ciò, tramite un ricatto bello e buono, viene "reclutato" (per non dire costretto) da parte di Hiruma, capitano dei Devil Bats, a giocare nella squadra di football americano del liceo a cui si era appena iscritto. Hiruma notò che Sena era dotato di una grande abilità nella corsa nel mentre fuggiva dai tre (imbecilli, ma mitici allo stesso tempo) fratelli Eh Eh.
Da li, insieme al quel bonaccione di Kurita, unico altro membro della squadra oltre a Hiruma e Sena, inizia una selvaggia campagna di reclutamento, per inserire nuovi giocatori nei Devil Bats e alla rincorsa della più ambita partita di football americano a livello liceale, il Cristmas Bowl, dove si gioca per diventare campioni nazionali.

La storia di Eyeshield 21 è molto bella e avvincente. E' un manga che offre di tutto. Dai momenti belli a quelli brutti, dalle risate ai momenti più seri. Ogni personaggio è caratterizzato molto bene. Perfino Cani e maialini sono spassosi in Eyeshield 21.

I disegni di Murata sono veramente spettacolari. Ogni scena è un piacere per gli occhi.
Il tratto ricorda quello di Takeshi Obata (Death Note, Hikaru No go, ecc..), questo perché Murata è stato un suo allievo. Però non è una critica, anzi. Non posso immaginare come si possa criticare un disegno di cosi alto livello.

Per concludere.
Edizioni Panini è tutto sommato buona visto il prezzo di 3,90€ a volume.
Non scartare questo manga solo perché parla di sport, oppure perché non conoscete il football americano.
Nel manga vengono spiegate tutte le cose necessarie per capire come si gioca e le varie regole del football, quindi la comprensione di esso vi sarà molto facile.
Eyeshield 21 è geniale. Non c'è bisogno che aggiungo altro.
Consigliato a tutti.


 1
alessio.avino

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
Se Capitan Tsubasa rappresenta per molti il miglior manga sportivo, quello che più di ogni altro ha fatto avvicinare i lettori allo sport trattato, Eyeshield 21 non è da meno.
La trama è semplice, Sena entra nel club di Football Americano e si scopre un formidabile Running Back. Da qui una serie di match avvincenti e situazioni fuori dal campo simpatiche e mai noiose ed è proprio questa la componente più difficile da evitare in un manga sportivo, la noia, dovuta spesso ad una certa ripetitività che annoia il lettore e rende il manga "uno dei tanti". In Eyeshield 21 ciò non accade, i match sono avvincenti, catturano a pieno l'attenzione rendendoti quasi un fan accanito di uno sport che molti prima non avevano mai ispezionato.

L'autore riesce infatti a farti immergere nel mondo del football americano tramite semplici spiegazioni tanto che alla fine dell'opera è facile ritrovarsi appassionati di questo sport e ve lo dico per esperienza personale. I manga vengono in continuazione screditati dai più critici che non vedono in esso alcun messaggio morale o etico e non sono considerati buone forme di comunicazione. Io la penso diversamente, ritengo che essi riescano a trasmettere, a comunicare con il lettore in modo eccezionale e spesso offrono vere e proprie lezioni di vita.

Volendo passare dal generale al particolare mi sento di dire che Eyeshield non offre un messaggio morale profondo, niente di particolare, l'autore vuole insegnare ad amare lo sport e poi ci sono i soliti valori quali l'amicizia e giù di lì. Stiamo pur sempre parlando di uno Shounen, non che questo genere non offra messaggi, ma nei casi più comuni è solito offrire azione e divertimento e spesso osservazioni di tipo psicologico, introspettivo e cose simili non sono sempre in primo piano. Non è certo una critica verso il genere, da me apprezzatissimo, ma solamente una visione realistica dei fatti.

Passando al disegno direi che non vi sono proprio pecche, è tutto ben realizzato e l'atmosfera creata è sicuramente quella adatta.
I personaggi sono tutti ben caratterizzati. Il protagonista è sotto i proiettori ed ovviamente è obbligo dell'autore renderlo il più apprezzabile possibile, ma ciò non esclude che gli altri personaggi siano meno caratterizzati, anzi, tutti, ma proprio tutti hanno dei tratti ben delineati e delle peculiarità diverse che rende interessante anche scoprire qualcosa in più su di essi (il migliore è senza dubbio Yoichi Hiruma).
In conclusione Eyeshield 21 è un manga che nonostante potrebbe essere sottovalutato per via della trama semplice, dell'argomento sportivo, ti tiene attaccato, ti fa immergere in un nuovo mondo e alla fine non rimarrete delusi di aver letto questa ottima serie.


 3
npepataecozz

Volumi letti: 37/37 --- Voto 7
Dato che Captain Tsubasa aveva già stravinto qualsiasi titolo immaginabile o meno, nel mondo del calcio, allo studente giapponese medio non restava altra scelta che dedicarsi ad altro sport se intendeva primeggiare. E se il football versione europea era diventato ormai impraticabile perché non provare con la sua versione americana?
Ed è così che nasce questo Eyeshield 21, che può essere considerato a tutti gli effetti come un clone di Captain Tsubasa sebbene lo sport praticato sia diverso. Perché? Per capirlo facciamo un esperimento: prendiamo la famosissima canzone/parodia dei Gem Boy e applichiamola a questo manga. Noterete che gli calza (quasi) come un guanto: anche qui giocate impossibili, partite infinite, rimonte impossibili, mosse speciali, flashback e chi più ne ha più ne metta. Se già questo potrebbe risultare un problema per chi già aveva sofferto di crisi isteriche guardando le improbabili gesta di Oliver Hutton e compagni, questo titolo potrebbe suscitare nuovi motivi di stress in quanto le regole del football americano non sono proprio chiarissime al pubblico italiano; a poco servono le pagine dedicate dall'autore alla spiegazione del gioco.

Tutto ciò dovrebbe indurmi a dare un parere decisamente negativo su questo titolo che non fa altro che riproporre gli stessi schemi di Captain Tsubasa camuffandoli con caschi, palle ovali e touchdown. Invece le avventure di Sena e compagni, per quanto inverosimili, mi hanno divertito parecchio: più di una volta mi son ritrovato a fare il tifo come un perfetto idiota per i Deimon Devil Bats anche se sapevo già benissimo come sarebbe finita. Il merito principale sta, senza ombra di dubbio, nella composizione della squadra che non è più composta da un singolo fuoriclasse con gli altri che fanno da contorno, ma da undici giocatori ognuno con la propria peculiare caratteristica di gioco e una propria personalità ben definita.
Quanto agli avversari niente di nuovo: sono circondati da un aurea di carismatica imbattibilità finché non si scontrano con Sena e compagni; dopodiché la perdono a favore di qualcun altro. Non sempre, però, vincono le partite che ci si aspetta che vincano, andando incontro a inaspettate sconfitte contro squadre fino a quel momento risultavano essere sconosciute. Questa regola, in verità, vale anche per i Deimons e ciò indubbiamente aggiunge un tocco di imprevedibilità al tutto; nei momenti decisivi, però, per questi ultimi il risultato finale è, naturalmente, sempre quello atteso.
Se la cavalcata verso il "Christmas Bowl" è risultata piuttosto gradevole, molto meno azzeccata è la parte finale in cui, così come in Captain Tsubasa, l'autore decide di strafare. Questa parte era, a mio modesto avviso, assolutamente da evitare.
In definitiva il mio giudizio è buono, anche se non esageratamente buono come nelle altre recensioni che ho letto qui. Eyeshield 21 rappresenterà un buon diversivo per tutti, un buon momento di svago per gli sportivi, un ottimo manga per gli appassionati di football americano.


 1
Spirit Eater

Volumi letti: 37/37 --- Voto 10
Eyeshield 21 è sicuramente uno dei miei manga preferiti. E' qualcosa di veramente stratosferico, incredibile.
Trama: Sena Kobayakawa è un normale ragazzo giapponese che cela una straordinaria qualità: svolgendo commissioni su commissioni per i bulli è riuscito a sviluppare una velocità straordinaria. Si iscrive al Deimon, istituto frequentato anche da Mamori, la prima e unica amica del giovane. Yoichi Hiruma, il terribile ragazzo che può ricattare chiunque grazie alla sua terribile agenda dei ricatti, ma anche il geniale quaterbeck della squadra di football del liceo, nota immediatamente le doti del giovane e lo costringe a unirsi al club. Insieme ai due abbiamo Ryokan Kurita, un giovane estremamente massiccio e terribilmente emotivo che grazie alla sua stazza è un linebeck fortissimo. Per poter partecipare alle partite serviranno molti altri ragazzi ma voi credete che i nostri si arrenderanno?
La storia nonostante il carattere sportivo dell'opera non scade mai di qualità e riesce a infuocare l'animo del lettore.
Ogni personaggio è magnificamente caratterizzato, non solo i protagonisti ma pure i personaggi delle altre squadre! Anche coloro che occupano un ruolo marginale sembrano essere stati pensati e creati per avere un ruolo fondamentale nella storia. Gli avvenimenti che sono trattati spaziano dal comico al drammatico assumendo anche una profondità degna di rilievo per il genere.
Naturalmente le varie azioni verranno condite con le solite "tecniche" speciali, che i vari personaggi apprendono e evolveranno nel corso della storia, che certo a volte ci potranno sembrare inequivocabilmente improponibili per dei ragazzi delle superiori, ma naturalmente, essendo in un manga, non fanno altro che dare una spinta in più all'opera.

Disegno: dall'altra parte troviamo un meraviglioso disegno, in continua evoluzione per tutti e trentasette i volumi, che conferisce al manga quel tocco speciale. Troviamo infatti un tratto magico che lascia trasparire tutta la dinamicità, tutta la forza, tutta l'energia e tutta la passione dei giocatori. Non credo sia possibile trovare alcuna tavola malfatta e anzi per ogni nuova pagina si riescono a scorgere nuove illustrazioni davvero ben fatte. In più in ogni scena di azione ci risulta comprensibile o grazie al disegno o grazie alle semplici e concise spiegazioni (che tra l'altro ci permetteranno di apprendere velocemente le regole di base del football americano).

In conclusione mi sento in diritto di dire tranquillamente che "Eyeshield 21" è una delle più sublimi produzioni che si possono trovare nell'intero panorama delle opere shonen.


Trama:10
Disegno:10
Personaggi10:
Coinvolgimento:10
media|voto globale:10


 1
giak81

Volumi letti: 37/37 --- Voto 10
Unico vero successore a Slam Dunk, chi è rimasto folgorato dal fumetto di Inoue non potrà che appassionarsi anche a questo. Risate, azione, sudore, emozione, il tutto shakerato in un mix da far leggere tutto di un fiato tutti e 37 i numeri. Personaggi caratterizzati splendidamente, ognuno con le sue caratteristiche e peculiarità, sia i protagonisti che gli altri, Hiruma su tutti. Un fumetto che arrivati alla fine vi lascerà con l'amaro in bocca ma solo perché si è concluso e non potrete più leggere le sfide di Sena e gli altri. Se non conoscete il football americano non preoccupatevi le poche regole sono spiegate via via dalla mascotte della squadra e dopo aver letto Eyeshield 21 forse diventerete anche appassionati di questo sport famosissimo oltreoceano.


 1
Endry

Volumi letti: 37/37 --- Voto 10
Cercate un manga sportivo? Pieno di personaggi che vi facciano emozionare, divertire e vi facciano amare lo sport del manga in questione? Bene, state sicuramente cercando Eyeshield21!
Eyeshield21 è un manga che parla di football americano, uno sport che personalmente non mi attraeva per niente, ma mentre leggevo quest'opera e, soprattutto, quando l'ho conclusa questo sport mi ha appassionato tantissimo. Tanto che io con i miei amici abbiamo preso una palla da football americano e abbiamo cominciato a giocarci tra di noi.

La storia parla di un ragazzo di nome Sena Kobayakawa che nella sua vita è sempre scappato dalle difficoltà e dai problemi che gli si paravano davanti, ma non appena entra al liceo vuole cambiare tutto questo e trovarsi degli amici veri (e non fare lo schiavetto di tutti i bulli).
Un giorno per puro caso fa la conoscenza di Ryokan Kurita, un ragazzo enorme e gentile che ha il ruolo di Lineman nella squadra (della scuola superiore Deimon Private Senior High School) di football americano, i Deimon Devil Bats, che gli propone di entrare nella squadra. Sena, essendo un ragazzo molto codardo, inizialmente accetta di fare parte dei Demon Devil Bats come manager. Nel tardo pomeriggio mentre sta tornando a casa incontra 3 bulli della sua scuola che, avendo un conto in sospeso con Kurita, gli chiedono di dargli il suo numero di telefono così da andarlo a picchiare posto casa. Sena anche se è un ragazzo molto codardo è anche un ragazzo che non ha mai avuto amici, detto questo non vuole tradire Kurita e quindi, come fa sempre quando c'è un problema, scappa.
Tutti questi anni che ha passato a scappare e a correre gli hanno sviluppato in un modo impressionante l'abilità nella corsa e, quindi, riesce a sfuggire ai bulli. Yoichi Hiruma, un ragazzo diabolico (ed è per questo che è il mio personaggio preferito) quarterback della squadra dei Demon Devil Bats, lo vede mentre corre e non appena lo rincontra "gli impone" di entrare nella squadra come running back sotto il nome di Eyeshield21.

I disegni sono bellissimi. Yusuke Murata è veramente abile nel disegnare le azioni di football americano e anche le parti dove disegna i personaggi come cavalieri.
I personaggi sono molto ben caratterizzati e danno al manga grande spessore, poiché, grazie a loro ci sono tante emozioni in "gioco".
L'edizione Planet Manga è nella media (anche se nel 19° volume manca un capitolo, la Planet ci propone il 20° volume con il capitolo mancante con il primo capitolo completamente a colori...allo stesso prezzo). 37 volumi a 3,90 euro l'uno non è certo facilissimo da recuperare ma con un piccolo sforzo si può acquistare un manga veramente stupendo.
In conclusione, vi consiglio assolutamente di iniziare questa fantastica serie sportiva che vi trasmetterà tantissime emozioni e che vi farà amare il football americano.

VOTI
Trama: 10
Disegni: 10
Personaggi: 10
Edizione: 9


 2
Crysis

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
Eccomi qui a recensire Eyeshield 21.
Non lo avrei mai detto, infatti ho iniziato questo manga con molte riserve spinto dai numerosi commenti positivi che dipingevano l'opera come un manga fantastico ed eccezionale.
In effetti a priva vista questo manga non ha nulla di particolare e può sembrare la storia del classico protagonista incapace che migliora dandosi da fare e affrontando avversari sempre più forti, insomma per i primi volumi lo trovai semplicemente un buon manga. Ma inevitabilmente l'opera già dopo qualche volume ti rapisce con quel carisma unico che possiede.
La trama la potete trovare su mille siti diversi e non sarò io a spiegarvela per bene, vi basti sapere che il manga è uno Shonen Spokon, cioè sportivo, incentrato sul sogno della squadra di football americano dei Deimon Devil Bat, studenti dell'omonima scuola della regione del Kanto, di partecipare al Christam Bowl.
Queste erano le impressioni "a caldo" ora invece recensirò il manga parlando dei suoi punti di forza (amore) e dei suoi difetti (odio).

Amore
1) Personaggi: non ci si può aspettare di meglio da uno shonen. Tanti personaggi caratterizzati benissimo uno diverso dall'altro, alcuni inizialmente possono sembrare stereotipati ma invece nel corso del manga ogni personaggio matura e migliora sia nello sport che nella vita.
Notevole il fatto che i personaggi trattati nel manga siano quasi tutti presentati nei primi volumi, e anche a quelli introdotti in seguito è concesso il giusto spazio. Poi c'è Hiruma, ma di questo ne parlerò dopo.

2) Temi: Come accennavo prima inizialmente viene spontaneo pensare, leggendo i primi volumi, che il manga sia il classico shonen dove il protagonista migliora sempre di più, incontra avversari sempre più forti e (in quanto manga spokon) riesca a vincere tutto ed a diventare il migliore.
Ammetto che la maggior parte delle volte questo è quello che succede, ma nonostante ciò il mangaka è riuscito a rendere questo tema così semplice e già visto in maniera eccezionale, non ci sono i power-up tipici dei manga shonen, troppo spesso improvvisi o eccessivi, i personaggi infatti superano i propri limiti gradualmente e grazie all'impegno, e spesso le sfide che si trovano a dover affrontare sono vinte non con la forza ma con l'ingegno (basta pensare alle tattiche di Hiruma, sempre volte a colpire i punti deboli degli avversari).

3) Partite. Parlare di un manga sportivo senza citare le partite sarebbe strano, Eyeshield 21 in quanto tale non si smentisce mai e ogni partita è gestita a mio avviso molto bene. Nonostante la struttura dei match sia quasi sempre una rimonta quasi impossibile dei Deimon dopo aver subito una bella batosta, il tutto è reso sempre in maniera geniale, coinvolgendo il lettore e presentando nuove tattiche o combinazioni e aumentando sempre di più la passione per il manga e i personaggi.
Le partite infatti sono anche l'occasione che i protagonisti hanno per migliorarsi e superare i propri limiti, e perché no, anche per conoscere nuovi nemici sul campo ma amici nella vita.
Ogni squadra e in generale ogni personaggio principale ha la propria specialità, la propria "tecnica" che sfodera in campo per vincere, inizialmente questo può sembrare banale ma invece proprio questo aspetto rende il manga ancora più coinvolgente, e soprattutto mi è piaciuto il fatto che nonostante queste tecniche siano ovviamente enfatizzate durante le varie partite non cadono mai nell'esagerato o nell'umanamente impossibile ma sono sempre sensate, anche se a volte appunto un po' forzate.
Il mangaka è anche riuscito a far durare ogni partita mai più di due volumi evitando così di esagerare e poter creare tra una partita e l'altra occasioni per approfondire i personaggi.

4) Football Americano. Non preoccupatevi se non conoscete le regole di questo sport, le nozioni base e le varie tattiche vi saranno spiegate nel corso del manga in maniera chiara ed esaustiva, io non sapevo nemmeno la differenza tra football americano e rugby e non ho avuto problemi nel capire le dinamiche delle varie partite, anzi vi innamorerete di questo stupendo sport che nel manga è gestito davvero bene, forse non rispecchia al 100% quello che è il football americano "reale" ma comunque ho trovato le varie partite plausibili e mai troppo esagerate.
Altra cosa importante: niente azioni e situazioni surreali, al massimo come accadrà la maggior parte dei casi ci saranno delle rimonte quasi impossibili, ma è anche questo il bello del manga, invece non ho mai trovato situazione assurde; ovviamente essendo un manga alcune vignette o situazioni sono, come accennato poco fa, enfatizzate, ma tutto è nei limiti dei protagonisti e delle loro capacità, e anche questo rende il manga godibile e coinvolgente.

5) Hiruma ed i Deimon. A loro devo dedicare una voce a parte, ebbene sì, non mi è mai successo di trovare dei personaggi così carismatici, Hiruma è il primo tra tutti.
Prima di leggere il manga notavo che spesso i fan di Eyeshiel 21 lo nominavano spesso, ora ho capito perchè: Hiruma è un personaggio all'apparenza duro ma in realtà ha un cuore d'oro e si preoccupa per tutti i suoi compagni, anche se non lo da a vedere.
Strepitoso il fatto che ogni tre per due tiri fuori qualche arma da fuoco per costringere i suoi compagni ad impegnarsi o a fare semplicemente come dice lui; magnifico il libretto dei ricatti dove tiene annotati i segreti più intimi di mezzo Giappone in modo da poter poi ricattare i diretti interessati, fantastico il suo cane, Cerbero, che rispecchia in tutto e per tutto il suo padrone.
Il genio di Hiruma salta fuori anche con le sue numerose finte e giocate trabocchetto, insomma un vero "demone" dal cuore tenero di cui vi innamorerete immediatamente. Ma questo probabilmente lo potrete capire da voi solo leggendo il manga.
Inoltre tutti i membri della Deimon sono fantastici, in primis il protagonista, Kobayakawa Sena, che si spinge sempre al limite per vincere e permettere ai suoi compagni di realizzare il sogno che poi condividerà egli stesso.

Odio
1) Scontato. Visto che cerco sempre di recensire un manga dando la mia opinione ma sempre in maniera oggettiva devo ammettere che a volte il manga perde un po' perché già qualche capitolo prima che accada un particolare evento si capisce ragionando un po' che appunto si verificherà o meno.
Essendo uno shonen spokon è logico che certe situazioni/azioni dovranno quasi per forza verificarsi, però è anche vero che ciò non è una giustificazione. Il mangaka è comunque riuscito a rendere queste situazioni appassionanti ed avvincenti, anche se si sa cosa sta per accadere e quindi vada a mancare l'effetto sorpresa questo viene però sostituito dalla genialità con cui l'autore rende le scene più importanti che sono sempre coinvolgenti ed emozionanti.

Quindi questo è Eyeshield 21, gli ho dato nove perché nonostante alcuni piccoli difetti mi sono davvero innamorato dei protagonisti e non solo, ogni personaggio a suo modo riesce a farsi amare, finire il manga mi ha quasi reso triste, perché il coinvolgimento è stato tale da lasciarmi un vuoto non appena terminata la lettura, insomma lo consiglio.
Quindi preparatevi per intense partite, sogni, sconfitte e soprattutto vittorie, voglia di vincere e migliorarsi, preparatevi a Hiruma, alla determinazione di Sena ed al sogno dei Deimon Devil Bat!


 2
Kappei

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
Quando iniziai a leggere questo manga ero inizialmente titubante, non essendo un amante degli sport ed in particolar modo del Football Americano, temevo una possibile riluttanza con il passare del tempo. Ma la curiosità era molta visto anche l'enorme successo in patria. E così comprai il primo volumetto. E l'amore sbocciò.

Ad Eyeshield21 va riconosciuto un grande merito, quello di aver insegnato, con i giusti tempi, le complesse regole del Football Americano, conquistando poco a poco il cuore dei lettori. E senza dare mai niente per scontato, ogni piccola sfumatura viene descritta utilizzando semplici escamotage.

La storia è abbastanza semplice, come nel più classico degli shonen sportivi. Sena, un ragazzo timido ed imbranato, sta per iniziare il suo primo anno di liceo. Dopo una serie di angherie subite durante gli anni delle medie dai bulletti della scuola, spera di poter cominciare una nuova vita. Ma è proprio grazie a questo suo passato turbolento, nel quale si è ritrovato a dover correre da una parte all'altra senza sosta per accontentare i bulletti di turno, che Sena ha acquistato una velocità fuori dal comune. Verrà notato dal perfido Hiruma, che insieme al grosso e bonaccione Kurita sta reclutando nuovi membri per il Club Sportivo di Football Americano, che conta al momento solo due iscritti. Dopo aver convinto il povero Sena ad entrare nella squadra, per paura che altri Club possano sottrargli questo grande talento, Hiruma decide di fargli indossare una visiera come una maschera, e di farlo giocare con lo pseudonimo di Eyeshield21. Ed è così che comincia l'avventura dei Deimon Devil Bat.

Oltre ad aver fatto avvicinare molti ragazzi al Football Americano, Eyeshield21 ha un altro grande merito, quello di aver riportato gli shonen sportivi in vetta alle classifiche. Forse non sarà il punto di svolta, rimarrà un caso isolato, ma le carte giuste per arrivare al primo posto c'erano tutte. Perché quando si riesce a creare un connubio perfetto di azione, comicità e una spruzzatina di sentimentalismo, allora il successo è assicurato. È un manga sportivo che parla di Football, e la maggiora parte delle vignette saranno dedicate alle tantissime sfide, ci sarà poco spazio per l'approfondimento, i personaggi giocheranno tutta la propria caratterizzazione sull'impatto visivo e sul profondo senso di amicizia su cui si basa tutta la storia. I rapporti, i confronti, gli amori, e l'odio avranno luogo sul campo da gioco, come un universo alternativo, tesserà le vite di questi ragazzi attraverso i loro gesti.

Le partite, vero fulcro della storia, avranno sempre un andamento inaspettato, costringendo il lettore a non abbassare mai la guardia, mantenendo sempre quel filo di incertezza fino alla fine. La costruzione degli eventi, gli scontri, la pura azione, sono ottimamente orchestrati, utilizzando le giusti dosi di strategia e "istinto" tipici degli shonen, un impasto ben riuscito di adrenalina e botte. I tantissimi personaggi sapranno ritagliarsi un posto speciale all'interno della storia, senza risultare mai banali, accumunati tutti da una ottima caratterizzazione, creando il giusto feeling tra il manga e il lettore.
Probabilmente, tirando le somme, qualche situazione si sarebbe potuta evitare, ma sono quei piccoli momenti riempitivi a cui ormai siamo abituati. Se consideriamo la qualità dell'intera opera, è un piccolo difetto per il quale possiamo chiudere un occhio.

Lo stile, il tratto, avranno una loro crescita con l'evolversi della storia, come se crescessero insieme ai personaggi. Noterete quindi un netto miglioramento tra i primi volumi e gli ultimi usciti, i volti dei diversi protagonisti subiranno piccole mutazioni andando a correggere alcune imperfezioni per raggiungere un tratto più pulito. La cura per il dettaglio ha impatto visivo notevole e le scene d'azione risultano sempre molto veloci e chiare.

Devo essere sincero, gli ultimi tre volumetti sembravano inizialmente una sorta di spin-off, una forzata conclusione extra per i fan. Arrivato alla fine, non posso che ricredermi, e lodare l'ottimo lavoro svolto per un'opera che merita tutto il successo ottenuto.
Ready Set Hut!


 2
cuorearte

Volumi letti: 36/37 --- Voto 10
Che dire di quest'opera? A mio parere un capolavoro, in tutti i sensi. Se uno pensa che il football americano sia uno sport o una cultura incomprensibile sbaglia di grosso a snobbare quest'opera, è un manuale delle regole del football! Spiegate con una semplicità pazzesca, anche perché chiaramente neanche il protagonista le conosce, è un manga sportivo fuori dal comune che non si limita a mostrare una partita ma ogni minimo giocatore, anche il più marginale, ha il suo spessore. Il manga è anche carico di gag e umorismo non comuni in una storia del genere, tirate avanti anche da quella genialata di personaggio che è Youchi Hiruma.
Tecnicamente è un lavoro di altissimo livello, le inquadrature sono mozzafiato e la dinamicità delle tavole è fantastica, sembra quasi che i personaggi in corsa fuoriescano delle tavole.
Che dire di più, leggetelo, anche se non conoscete nulla sul football americano, imparerete ad amarlo insieme a Sena!


 3
Rain

Volumi letti: 34/37 --- Voto 10
Da grande fan di football americano non posso non dire la mia sul manga sportivo forse migliore di tutti i tempi. Lo sport è un genere molto trattato nei fumetti giapponesi, alcuni come i classici Slam Dunk, Captain Tsubasa e quelli di Adachi si sono elevati sull'olimpo, altri invece sono stati un totale flop. In tutto questo Eyeshield 21 dove si colloca? Sul trono probabilmente, quando un autore (in questo caso due: Riichiro Inagaki e Yusuke Murata) decide di affrontare un tema praticamente sconosciuto in Giappone come il football americano vuol dire che ha del fegato. La coppia però oltre al fegato sfoggia un'incredibile bravura in ogni tavola, facendo combaciare alla perfezione ogni dialogo con annesso il suo disegno. Una varietà di personaggi quasi infinita, dei quali tantissimi con un carattere proprio, con le loro emozioni e i loro sentimenti, infatti lo sport è solo un pretesto per approfondire tutte le avventure di Sena e della sua squadra impegnata praticamente in ogni volume in una partita nuova, con quel tocco di shounen classico come super mosse speciali e power-up che si sposano perfettamente col titolo.

Insomma un manga completo, che insegna inoltre praticamente tutto quello che c'è da sapere su questo sport meraviglioso. In definitiva darei molto più di 10 a questo capolavoro contemporaneo che ha fatto avvicinare tantissime persone a questo sport, darei molto più di 10 per i disegni di Murata, autentiche opere d'arte che pochi altri disegnatori riescono a eguagliare nella storia del fumetto nipponico. Consigliato davvero a tutti, grandi e piccoli, lettori fissati solo con i combattimenti alle ragazze con lo shojo. Un capolavoro promosso a pieni voti.


 2
Hiruma95

Volumi letti: 30/37 --- Voto 10
Sena, classico ragazzo vittima dei bulli, ha un gran talento della corsa. Verrà costretto da Hiruma a essere membro del Devil Bats, squadra di football della scuola, e dopo un po' di partite si innamorerà di questo sport.

Dare solo 10 a Eyeshield 21 è davvero poco. Nell'agosto '08 comparai senza troppa convinzione questo manga: all'inizio ero indeciso perché non conoscevo nulla sul football americano. Lessi il primo numero e me ne innamorai: storia scorrevole, ottimi disegni, simpatiche scenette. Non riuscii a prendere il 2° e 4° numero, è sempre un casino perdersi i primi numeri, ma mi riagganciai benissimo alla storia senza problemi. Altro elogio da fare al manga è che spiega benissimo le regole del football americano, e anche se non sei appassionato o non segui lo sport in generale ti trovi bene. Yoichi Hiruma è il mio personaggio preferito, mente della squadra, ha mille idee e schemi in testa. Insomma, secondo me un ottimo manga che descrive bene i personaggi, un vero capolavoro.


 1
Mark D. Ace

Volumi letti: 30/37 --- Voto 10
Finalmente uno shonen come si deve! Tema principale, ma non unico, di questo splendido manga è lo sport, che funge da collante per la storia raccontata da Riichiro Inagaki e ottimamente disegnata dal maestro Yusuke Murata. In questo caso la disciplina sportiva "trattata" dai due mangaka è il football americano, per quanto ne so argomento mai presentato in un fumetto orientale.

Sena, una ragazzo molto introverso, che per cavarsela viene costantemente protetto e aiutato dall'amica d'infanzia (quasi una seconda madre) Mamori, si trova quasi involontariamente a far parte del club di football americano del liceo in cui frequenta il primo anno scolastico. Tale club non se la passa benissimo, e i suoi due unici iscritti sono Hiruma, un personaggio fantastico che ne combina di tutti i colori, e Kurita, una vera e propria montagna d'uomo. Sena, fin dalla sua prima partita, indossa un casco completo di visiera verde che ne impedisce il riconoscimento del volto, e porta la nomea di Eyeshield 21 (letteralmente visiera 21, come il suo numero di maglia); questo, oltre che uno stratagemma per fare in modo che Mamori non riconosca Sena e gli impedisca così di giocare a football, considerato da lei una possibile fonte di pericolo, è una trovata del diabolico Hiruma, che vuole impedire agli altri club di capire chi si celi realmente dietro quella visiera, e per evitare che essi "rubino" letteralmente Sena al club di football per arruolarlo nei loro club, sfruttando così la sua più grande dote: un'incredibile velocità. Il club con Sena acquisterà lentamente popolarità, verranno col tempo introdotti nuovi giocatori (divertentissimi e strampalati), e, tramite partite incredibili e avvenimenti imprevedibili, cercherà di raggiungere il sogno che Hiruma e Kurita covano da anni: giocare e vincere il Christmas Bowl!

Per quanto riguarda il design devo veramente fare i complimenti al maestro Murata, autore di disegni impeccabili, puliti, proporzionatissimi. Le scene d'azione delle partite di football sono poi estremamente chiare, davvero un piacere per gli occhi!
L'edizione è la classica da 3,90 euro della Planet Manga, niente di eccezionale, ma un ottimo prodotto per il prezzo a cui ci viene proposto.

Devo riconoscere che anch'io ero scettico nel leggere questo manga, non essendo un amante del football americano; ma grazie ai consigli di diversi amici mi sono buttato sulla lettura, e devo dire che ho trovato e trovo questo manga una piccola opera d'arte. Divertentissimo e pieno di scene esilaranti, è tuttavia colmo anche di momenti seriosi, di tensione, di agonismo, di forza di volontà, sogni, amicizia, gioco di squadra, paure, limiti, possibilità, impegno, e tutto ciò che ruota intorno a uno sport. Leggetelo, e non ve ne pentirete, ve lo assicuro!


 2
Matt

Volumi letti: 27/37 --- Voto 9
Eyeshield 21 è un manga basato sul football americano scritto da Riichiro Inagaki e illustrato da Yusuke Murata. Il manga è stato pubblicato dalla rivista Weekly Shōnen Jump della Shūeisha dal 2002 al 2009, mentre in Italia è edito dalla Planet Manga. La serie conta 37 volumi.

La storia vede come protagonista Sena Kobayakawa, un ragazzo che cattura l'attenzione del capitano della squadra di football Americano della scuola, Yoichi Hiruma, che lo fa diventare un membro del team "Deimon Devil Bats" come running back. Inizia così la sua avventura (e le sue partite) con la squadra, composta da molti membri particolari. Vediamoli nel dettaglio.
Yoichi Hiruma è il capitano nonché quarterback della squadra. È lui che nota Sena e lo costringe ad entrare nella squadra. Ha un aspetto diabolico, un carattere aggressivo e possiede armi. Ci sono poi il goloso lineman della squadra, Ryokan, e il kicker con i suoi calci potenti e Monta, molto forte.

Devo ammettere che pensavo che questo manga non potesse essere molto bello perché sportivo e perché non presentava un'avventura. Mi sono ricreduto, infatti anche se parla di football americano è un ottimo manga, che riesce ad appassionare ed emozionare. La trama vede lo svilupparsi dei rapporti e degli stessi personaggi andando avanti partita dopo partita. Il disegno è molto bello e i personaggi sono stupendi. Anche se il football americano è poco conosciuto in Italia questo manga riesce a far entusiasmare e a far amare questo sport. Vengono alternati momenti umoristici a momenti di tensione, questi ultimi sono presenti in particolare nelle partite, quando manca poco tempo e devono ribaltare il punteggio per vincere. Manga molto piacevole e sorprendentemente avvincente, da non farsi assolutamente sfuggire. Consigliato.


 1
Monkey D. Giggi

Volumi letti: 28/37 --- Voto 9
Fare uno shonen con tema lo sport non è semplice, i capolavori si contano sulle punta delle dita: Holly e benji, Slam Dunk, e pochi altri. Eyeshield 21 va oltre, parla di uno sport poco famoso sia in patria che all'estero, il football americano, ma riesce a parlarne in modo tale che, invece di leggere un manga pieno di termini tecnici sconosciuti e dove non si capisce niente, ci si ritrova a leggere un manga che ti avvicina e ti appassiona ad uno sport che magari fino a poco tempo prima si considerava violento e noioso.
La storia è ben articolata, i disegni sono magistrali e ti tiene con il fiato sospeso in ogni volume, facendoti sudare quel mese di attesa per il volume successivo. I personaggi sono tutti ben caratterizzati, ed è impossibile non affezionarsi ad almeno uno di essi. È un manga che consiglierei a tutti, perché fa vivere, ad ogni pagina, il brivido del football americano, facendo appassionare il lettore. Certo, spesso l'esito della partita è scontato, ma è ciò che succede in mezzo che sorprende. Amanti del football americano o meno, leggetelo!

Droide

 2
Droide

Volumi letti: 34/37 --- Voto 6
Concedo la sufficienza per via del disegno molto curato. E un po' perché comprendo di essere una delle pochissime persone che non hanno apprezzato questo manga.
Forse per capire perché dovrei fare due premesse: sono un appassionato nonché giocatore di football americano e mi aspettavo qualcosa di simile a Slam Dunk.

Eyeshield21 sta al football come Holly e Benji sta al calcio. Non che Slam Dunk fosse una fedele ricostruzione di quello che è il basket, ma E21 è davvero penoso da questo punto di vista.
Poi la trama... Ho sentito di colpi di scena e simili, ma io ho trovato la storia semplicemente scontata, tutto estremamente prevedibile. Personalmente l'ho trovato fastidioso. Io ho continuato a leggerlo perché speravo migliorasse, ma niente.

Personalmente lo considero uno dei peggiori manga che abbia mai letto. E mi dispiace da morire, perché io il football lo amo.


 1
kakeru96

Volumi letti: 25/37 --- Voto 10
Sena, è il tipico ragazzo "sfigato", che è fatto schiavo dai bulli della scuola, ma grazie a queste esperienze diventa un vero e proprio missile nella corsa. Quest'anno, però, Sena si ritroverà al primo anno del liceo, dove verrà praticamente trascinato nel club scolastico del football americano (Deimon Devil Bats), in cui conoscerà Hiruma e Kurita.
Insieme a loro, e con sempre più compagni di squadra, i Deimon punteranno ad arrivare al Christmas Bowl, il trofeo liceale più importante del Giappone, molto difficile da raggiungere.

Eyeshield 21 è per me il manga di sport per eccellenza, secondo la mia opinione, è l'erede di Slam Dunk!
Molti fanno l'errore di pensare: "A me il football americano non piace e poi non lo conosco" e scartano questo manga, è un errore ENORME! Questo manga vi spiegherà durante il corso della storia le regole, e vi farà appassionare moltissimo a questo sport.
La storia è appassionante e coinvolgente, i disegni stupendi, dall'allievo di Obata, non ci si poteva aspettare di meglio!
Consigliatissimo agli amanti dei manga sportivi, ma anche a tutti gli altri!


 1
Shadow

Volumi letti: 37/37 --- Voto 9
Eyeshield 21 è uno spokon manga basato sullo stupendo gioco del football americano. I Deimon Devil Bats sono la squadra di football americano della scuola superiore Deimon Private Senior High School, a cui Sena Kobayakawa è iscritto per frequentare il primo anno di superiori. Sena è un ragazzo dalla corporatura esile e minuta, tuttavia dotato di una grande velocità nelle proprie gambe, affinata durante gli anni passati a fare da facchino per i bulli che lo prendevano di mira. Questa sua particolare abilità viene notata da Yoichi Hiruma, studente del secondo anno, quarterback e capitano dei Deimon Devil Bats, che costringe con l’ausilio di ogni mezzo il povero Sena ad entrare in squadra, malgrado la sua riluttanza a tale eventualità. Tuttavia una volta indossati casco e divisa da football e iniziato a prendere parte alle prime partite questo sport, Sena non potrà far altro che iniziare ad appassionarsi ed ad amare questo sport. Purtroppo all’inizio dell’anno scolastico il club di football annovera tra le proprie file tre soli elementi, includendo Sena. Oltre a lui e Hiruma nella squadra è presente Ryokan Kurita, ragazzo enorme e gentile, lineman, che ha fondato il club insieme ad Hiruma l’anno prima. Quindi prima di tutto dovranno mettersi alla ricerca di nuovi membri per il club con cui poter poi puntare alla vittoria del Christmas Bowl.

Uno dei punti di forza dell’opera è il personaggio di Hiruma, davvero ben riuscito e che non si può non adorare. Il suo aspetto, rappresentato con tratti indubbiamente e volutamente demoniaci, si abbina perfettamente con un carattere particolarmente aggressivo sia dentro il campo da football che fuori, in più possiede un notevole arsenale di armi che utilizza per far rispettare i propri ordini o solamente per il gusto di sparare in area. In più non esita a ricattare gli altri per ottenere ciò che desidera, attraverso informazioni compromettenti che ha raccolto nel tempo e annotato sul suo personale taccuino. Nonostante sia considerato da tutti come il “male” in persona è senza di dubbio lui l’anime dei Deimon Devil Bats, che sostiene con la sua immancabile voglia di ottenere il successo e le sue strategie spesso non ortodosse.

Le varie partite di football americano sono davvero tutte ben realizzate e sono capaci di coinvolgere il lettore con colpi di scena e ribaltamenti di fronte ben congegnati e utilizzati, aumentando il senso di suspense delle singole giocate o delle strategie messe in atto. Ben caratterizzati anche i componenti delle molteplici squadre avversarie che i Deimon Devil Bats devono affrontare lungo il loro percorso.
Unica pecca è stato il voler far continuare il manga per alcuni volumi dopo che aveva raggiunto la sua fine naturale, dove si nota un calo nella qualità di storia e partite.
Comunque alla fine credo che il nove se lo meriti tutto.

::Koizumi::

Volumi letti: 18/37 --- Voto 9
Eyeshield 21 è un manga dedicato allo sport (in questo caso il football americano) ma questa definizione appare veramente limitativa: questa serie è infatti veramente completissima, più di quanto ci si possa aspettare valutandone la classificazione.
Il manga analizza senza mai annoiare la componente sportiva con match avvincenti e adrenalinici conditi da un disegno pregevole, introducendoci uno sport poco conosciuto alle masse ma che perfettamente si presta ad una riproduzione cartacea.
Nonostante il manga parli di football, ci troviamo spesso a pensare che il tema sportivo sia solo un pretesto: la partita viene spesso usata solamente come mezzo per risolvere problemi psicologici dei vari personaggi, situazioni di vita adolescenziali o battaglie ideologiche tra antagonisti, dando così una carica emotiva al match che fa quasi passare in secondo piano l’azione di gioco, e in questo il football si presta benissimo come sport, visti i numerosi tempi morti capaci di dare tempo alle riflessioni.
Certo, non mancano azioni e mosse spettacolari, alcune partite durano anche più di un volume, ma il centro dell’attenzione sarà sempre spostato più sulle idee che non sui muscoli. I personaggi poi si spingono sempre al limite delle loro possibilità, ma non lo fanno mai in maniera banale.
Come se non bastasse, tutti questi elementi sono contornati da un umorismo eccezionale e da gag indimenticabili, utili a volte per smorzare la tensione durante le partite, ma che spesso sono inserite anche nel contesto di vita di tutti i giorni.

Scendendo nel dettaglio, il manga è basato come tutti gli spokon sullo sviluppo atletico e psicologico del protagonista, timido, impacciato e piuttosto imbranato, che si riscopre tutto d’un tratto come atleta di tutto rispetto sotto il profilo della velocità (frutto di anni e anni passati a scappare dai bulli a scuola), ma che riesce a dare “sportivamente” il meglio di se solo sotto l’alter ego di “Eyeshield 21”, cosa che però pian piano riesce a dargli sicurezza anche nella vita di tutti i giorni, quando è solo Sena Kobayakawa.
Il protagonista gioca infatti con una visiera verde che non permette agli altri di riconoscerlo, e che è un assicurazione per il team: con quella velocità, sarebbe senz’altro il desiderio di qualsiasi club sportivo, soprattutto quello di atletica!
Ma di queste gag simpatiche, un po’ improbabili ma geniali, il manga è pieno: Hiruma, il capitano della squadra, è un personaggio più unico che raro, che con le sue genialate riesce sempre a creare falsi miti o inventarsi balle colossali, tenendo sotto minaccia l’intera scuola grazie alle sue doti di ricattatore, che gli permettono di ottenere qualsiasi cosa. Insomma, è grazie soprattutto a lui e alle sue trovate che probabilmente questo manga esce dal binario classico per costruirsi una sua identità precisa, fatta di metafore continue, simbolismi e tanto altro ancora.
La trama poi, se così si può definire, è interessante: non è una carrellata infinita di partite, ma tra l’una e l’altra vengono ad inserirsi varie situazione (e anche qualche mistero) che riescono a tenere sempre alto l’interesse alla storia.
La cosa più importante è che gli autori sono riusciti a creare un manga che per un motivo o per l’altro trova sempre un motivo per farsi leggere, ogni volta riesce a trovare uno spunto in più, una chiave di lettura oltre la partita, spesso analizzando le varie psicologie dei personaggi e le loro storie.
I personaggi, appunto, rappresentano il punto di forza assoluto della serie: simpaticissimi e pazzi, ognuno ha i suoi punti di forza e le sue debolezze, sociali e sportive, che riescono spesso a far immedesimare il lettore con almeno uno di loro.
Una delle peculiarità di questa caratterizzazione, a mio avviso unica e originalissima, è che nonostante i personaggi ci vengano posti in maniera palesemente assurda e parodiaca, con caratteristiche veramente poco realistiche e poco credibili, riescono comunque sempre a risultare veri.
Spesso inoltre in primo piano viene messa la loro crescita, la loro maturazione nella vita e nello sport: volume dopo volume, impercettibilmente, ognuno di loro impara una lezione e cresce.
La squadra, che parte con solo 2 elementi, aumenta sempre più e ogni elemento va a tappare le precedenti lacune formando piano piano un gruppo con un grandissimo assortimento, che permette poi sia in partita che nella vita di tutti i giorni di ricreare situazioni incredibili e spesso parecchio divertenti.
Nonostante poi sia una serie sportiva, si riesce comunque a notare un power up quasi da shonen classico del protagonista, che sviluppa le sue nuove tecniche di corsa in maniera divina (grazie ad allenamenti parecchio strampalati), che quando poi vengono applicate in partita riescono sempre ad esaltare chi sta leggendo, senza mai risultare però assurde: Sena corre e basta (magari troppo), ma non ci sono palle che si bucano o muri che si sfondano, rimaniamo sempre nel campo del verosimile, e questo secondo me è importantissimo sottolinearlo.
Un altro punto di forza del manga è sicuramente il disegno: la dinamicità di alcune tavole è impressionante, i giocatori trasudano forza e velocità da tutti i punti e in alcuni disegni sembra quasi che chi corre stia per uscire dal foglio! Nonostante questo, il tratto è spesso leggero e mai caotico. Incredibile come l’autore sia riuscito a ricreare come pochi le azioni di gioco, rendendole chiare e comprensibili, oltre che emozionanti.
Sono convinto che non ci fosse disegnatore più adatto per disegnare un manga del genere.

Questo manga è edito da più di un anno in Italia dalla Planet Manga, nella classica edizione da 3,90 €. Nessuna nota di merito o di demerito in particolare all’edizione quindi, tranne forse la carta che più volte non ha trattenuto in maniera ottimale l’inchiostro.
Ma siamo abbondantemente nella sufficienza, ho visto di peggio allo stesso prezzo o a prezzi addirittura più alti.

In chiusura non posso quindi far altro che consigliarvi questo manga: non fatevi spaventare dal fatto che si basi sullo sport, perché vi fareste fregare da un giudizio grossolano, siccome questa serie è completissima sotto tutti i punti di vista e soprattutto sa appassionare e divertire come pochi altri manga hanno saputo fare, senza mai risultare una lettura troppo pesante o noiosa.
Reputo questo uno dei manga migliori degli ultimi anni, in senso assoluto, provatelo e vedrete!


 1
sensei 12

Volumi letti: 18/37 --- Voto 9
Eyeshield21 è uno degli shonen sportivi più intriganti ed originali degli ultimi anni. Già il fatto di riuscire a creare un manga di oltre 30 volumi sul football americano (sport quasi sconosciuto in Italia, ma non in Giappone) merita un applauso.
La storia inizia nel più classico dei modi, con il protagonista Sena, il solito ragazzetto basso e gracilino che da un momento all'altro si ritrova ad essere la stella del club di football. A seguire ci sono una serie di personaggi unici e ben caratterizzati (alcuni meno) che sono già entrati nella storia, tipo Hiruma, il diabolico quaterback dei Deimon Devil Bats; oppure Shin, l'implacabile lineback degli Oujo.

In breve: un manga da non lasciarsi scappare per nessun motivo, altamente piacevole e divertente.
Non merita il 10, in quanto l'edizione Panini pecca molto sulla traduzione, arrivando a risultati a dir poco imbarazzanti nei primi 10 volumi stravolgendo il senso di molte frasi che non hanno nessun nesso logico con ciò che viene detto prima o dopo... anche se negli ultimi volumi si è notato una cura più dettagliata nella resa dei dialoghi. Da ammonire anche l'abitudine della Panini di coprire le scritte giapponesi con le pecette... e se permettete, con i programmi di oggi è possibile eccome ricostruire gli sfondi e gli oggetti... quindi la Panini non può nascondersi dietro nessun dito.


 1
TTB-Kun

Volumi letti: 17/37 --- Voto 9
Eyeshield 21 è uno spokon manga dedicato ad uno sport che per molti potrebbe suonare strano: il Football Americano.
Però iniziando a leggere il manga non ci si avverte un senso di disagio dovuto al fatto che questo sport non sia molto famoso, anzi, il fatto che lo sport sia sconosciuto rende tutto molto più affascinante, e in poco tempo ci si ritrova immersi nella splendida trama e catturati dai bellissimi disegni.
Infatti il ritmo è fin da subito avvincente e i personaggi ben caratterizzati.
Oltretutto il fatto che questo manga sia MADE in Shonen Jump è già di per se una garanzia.
Consiglio a tutti gli appassionati di leggere questo splendido manga.


 1
Yuri90

Volumi letti: 17/37 --- Voto 8
Eyeshield 21 è una storia divertente e ricca di colpi di scena, con personaggi carismatici e ben caratterizzati. Un manga che si stacca dai soliti shonen e che ti regala una mezz'oretta (a volume naturalmente) di puro divertimento.
Tra i personaggi principali che compaiono nel corso della storia troviamo: il malizioso e furbo Hiruma, il dolce e forte Kurita, la bellissima Mamori, i simpaticissimi "fratelli Eh-Eh", la scimmietta della squadra Monta, la mascotte Cerbero e il protagonista della serie, il giovane e veloce Sena.
E sorprendente vedere come la storia, all'inizio forse banale, si evolva in maniera eccezionale.

I disegni sono ricchi di particolari, l'espressione e il viso di Hiruma sono fantastici, i dialoghi sono scorrevoli e le partite sono molto avvincenti.
L'edizione è paragonabile ad un'edizione standard Star, cioè senza sovracopertina e in formato 11 cm × 17 cm.
Ottimo manga. Consigliato.


 1
claud

Volumi letti: 17/37 --- Voto 9
Manga accattivante, incentrato non solo sullo sport del football americano, ma sui personaggi stessi che compongono la squadra.
Stupefacente caratterizzazione dei personaggi tra cui superlativo il quaterback Hiruma. Durante tutti i numeri è favoloso osservare lo sviluppo stesso dei vari caratteri dei personaggi (e l'esempio lampante è il protagonista Sena, alias Eyeshield 21) ed anche il rapporto intercorrente tra i vari membri. La trama è divertente e accattivante, e già dal primo numero si rimane letteralmente incollati in attesa di sapere il proseguimento.
Consigliato caldamente a tutti coloro che vogliono un fumetto divertente, a cui piace anche una vena di introspezione psicologica. In conclusione un manga FENOMENALE!

dark schneider

 2
dark schneider

Volumi letti: 14/37 --- Voto 9
Solitamente non amo i manga sportivi, ma questo Eyeshield 21 è riuscito piacevolmente a sorprendermi. I disegni sono bellissimi, i personaggi caratterizzati in maniera ottimale, le partite sono ben articolate ed entusiasmanti e la storia non risulta mai pesante. Un bellissimo shonen manga sul football americano. Inoltre la presenza di un personaggio come Hiruma vale un punto in più. Consigliatissimo.


 1
Panther

Volumi letti: 15/37 --- Voto 8
Pregi: La storia è brillante, ricca di gag, ma anche di pathos e si lega perfettamente al disegno, curatissimo nei dettagli e capace di rendere al meglio sia le scene d’azione sia quelle comiche. I personaggi sono fantastici ognuno con una caratteristica unica.
Difetti: Essendo una serie abbastanza lunga, con il tempo potrebbe risultare ripetitivo visto l’argomento trattato.
Opinione finale: Una serie stra-consigliata agli amanti dello sport e a tutti coloro che ricercano in un manga divertimento e azione. Una volta iniziato non si può fare a meno di continuare a leggerlo!


 1
strikemc

Volumi letti: 14/37 --- Voto 8
Tanta azione, tanta satira ed umorismo per un grande shounen sportivo.
La storia è tranquilla, ricca di azione e non si fa mancare i suoi bei colpi di scena. I disegni sono molto curati e rendono bene le azioni nel campo da football.
Poi l'inserimento di un personaggio come Hiruma è geniale a mio avviso.
molto consigliato.


 1
Mirari

Volumi letti: 14/37 --- Voto 9
Eyeshiend 21 è un ottimo shonen sportivo, incentrato sulle vicende della squadra di Football Americano Devil Bats.
Venni a conoscenza di questo manga in modo fortuito, quando lo acquistò mio fratello... iniziò ad assillarmi consigliandomelo caldamente. Un giorno mi decisi a sfogliarlo e con grande stupore mi accorsi che era davvero particolare ed interessante.
La storia parte con il piccolo protagonista che entra a far parte di questo club scolastico di football americano grazie ai metodi poco ortodossi di Hiruma, uno studente che potrebbe essere tranquillamente il parente segreto del sergente Hartman. L'incipit è tranquillo e presenta i principali personaggi di questo manga: Sena, il ragazzino in passato bulleggiato, che poi diventa l'asso della squadra grazie alla sua fulminea velocità; Hiruma, un personaggio totalmente fuori dalle righe che ricatta la gente per raggiungere i suoi scopi; Kurita, un tipo pacioso e compagno di Hiruma; e Mamori, una delle poche comparse femminili importanti, che diventerà poi la manager della squadra.
La storia si evolve rapidamente con l'arrivo di nuovi membri dei Devil Bats e l'iscrizione della squadra al primo torneo, dal quale vengono quasi subito eliminati. Una caratteristica di questo manga è che la squadra non diventa subito la numero uno, anzi affronta molte sconfitte e duri allenamenti prima di riuscire a ottenere buoni risultati... indimenticabile la marcia infernale, imposto a tutta la squadra per arrivare ben preparati al nuovo torneo. Lungo il corso della storia ciascun personaggio cresce sia all'interno della squadra, sia nella sua individualità, rendendo questo manga realistico nei suoi contenuti e gradevole agli occhi del lettore. Gli avversari dei Devil Bat sono davvero originali e sono caratterizzati molto anche nelle tattiche di gioco (indimenticabili i Poseidon, in assoluto i miei preferiti dopo i Devil).
Le parti sportive sono interessanti e le tattiche e formazioni sono spiegate in modo semplice ed efficace, senza risultare noiose e pesanti. Lo stile di disegno è davvero di ottimo livello: i particolari sono molto curati e realistici e la tecnica caricaturale con la quale vengono disegnati i personaggi non infastidisce, anzi, valorizza il tutto.
In sostanza Eyeshield è un titolo che merita e lo consiglio a tutti i fan di manga sportivi e non.


 1
Kouga

Volumi letti: 13/37 --- Voto 8
Penso che definirlo l'erede di Slam Dunk sia esagerato, anzi: Eyeshield 21 inaugura un filone di manga sportivi e demenziali aggiungendo quel non so che di fantastico che manca in titoli come Slam Dunk (vedi Cerbero o gli armamenti di Hiruma), discostandosi dal reale. Nessuna delle due serie è a mio avviso superiore all'altra, sono entrambe diversamente belle. La forza di Eyeshield 21 sta nella bravura degli autori che hanno realizzato una trama veloce, ricca di colpi di scena ed incalzante, contornandola con una grafica incredibile dove arte pura e velocità si mescolano previo utilizzo di metafore degne delle migliori tag e dell'urban style. I momenti demenziali vengono alternati a momenti di grande serietà agonistica (spiegati anche in maniera piuttosto semplicistica e chiara anche ai neofiti del Football), così come a momenti toccanti e di forte impatto emotivo, non dilungandosi in partite eterne e facendoci conoscere una vasta gamma di personaggi assolutamente ben caratterizzati. Senz'ombra di dubbio lo shonen sportivo dell'anno. Consigliato a tutti! :)


 1
Riccardo80

Volumi letti: 13/37 --- Voto 9
Il degno erede di Slam Dunk.
Eyeshield 21 parla di uno sport poco conosciuto anche in Italia (il football americano), e lo descrive magistralmente.
La storia ha come protagonista Sena, ragazzo timido ma estremamente veloce che viene iscritto, suo malgrado, nel club scolastico di football americano, gestito da Kurita, un simpaticissimo ragazzo forzuto (anche se grasso), e sopratutto dal diabolico, spietato nonché simpaticissimo (se non ce l'hai di fronte) Hiruta!
Hiruta peraltro, secondo me, è una dei personaggi più riusciti della storia dei manga, il manga meriterebbe largamente di essere letto anche solo per lui.
Anche la caratterizzazione delle squadre rivali è fenomenale, visto che rispecchia il nome stesso delle squadre (così per i Chamaleons avremo un caposquadra con una lingua smisurata).
Pur esagerando un pochino, lo sport viene descritto in maniera molto realistica. Consigliato!


 1
Hikari_chan

Volumi letti: 13/37 --- Voto 9
Ho provato a consigliare questo manga a tanta, tanta, tantissima gente, ma nessuno mi ha mai dato retta, rispondendo con: "un manga che parla di football americano?! Ridicolo! dev'essere di una noia !" e invece non è assolutamente così. Neanche io riesco a ricordare perché ho comprato il primo volume, forse non avevo niente da comprare, o semplicemente ero alla ricerca di una boccata d'aria fresca, fatto sta che l'acquistai. All'inizio mi pareva simpatico, pieno di gag divertenti e sicuramente leggibilissimo. Andando avanti con la trama ho iniziato ad appassionarmi a Eyeshield 21, proprio come i protagonisti "reclutati" a forza da Hiruma hanno iniziato ad appassionarsi al Football.
La storia tratta di un ragazzino appena entrato alle superiori, Sena. Questi non ha nessuna dote particolare, è entrato al liceo per il rotto della cuffia, ed è soggetto a maltrattamenti da parte dei bulletti. La sua unica dote è quella di correre davvero veloce, sviluppata a furia di fare il servetto.
Hiruma e Kurita sono gli unici membri del club di football americano della scuola: il primo è astuto, pazzo, furbo, senza scrupoli, ricattatore... insomma, chi più ne ha più ne metta. Questo, mediante armi e la "mascotte" della squadra, il cane Cerberoo, obbligherà Sena ad iscriversi al Club. Il secondo, Kurita, è un bonaccione che mangia troppo.
Sena si ritroverà così coinvolto nel Club di Football sotto lo pseudonimo di "Eyeshield 21", questo per tenere la sua identità segreta ed evitare che gli altri "club" lo rubino a quello di footbal.
E così parte un’improbabile storia, dai mille sbocchi, e mille gaffe, accentuate da Hiruma e Cerbero.
Sicuramente un titolo da non perdere.


 1
KiraSensei

Volumi letti: 12/37 --- Voto 9
Eyeshield 21... inizio con una piccolissima premessa: all’inizio lo snobbai perché parla di football americano e quindi di un argomento che non suscita in me particolare interesse, ma poi, dietro “insistente” consiglio di un estimatore della serie, mi sono deciso a dargli una possibilità. Questa è stata una delle cose più giuste che abbia fatto quest'anno, perché mi ha permesso di scoprire un manga che veramente mi piace e mi fa divertire, tanto che dopo aver preso il primo numero ho recuperato tutti gli arretrati d’un botto!
<che leccaculo="">
Ma veniamo all’opera in se: la storia sembrerebbe una come tante, l’usatissima componente sportivo-liceale (tipo Slum Dunk) che la fa da padrona sul resto, in cui l’ambito sportivo va a prevaricare tutto quello che concerne scuola, amici e comicità... invece no! La storia scorre fluida, mescolando perfettamente tutti gli aspetti che rendono molto piacevole la lettura di Eyeshield 21, non mancheranno le gag comiche (personalmente mi prendono i crampi a forza di ridere), l’azione sportiva, ed in più sono presenti anche scene toccanti,le quali spiegano motivazioni e passato dei protagonisti (per ora solo in parte).

In Eyeshield 21 non esiste un unico personaggio principale, si può dire che a loro modo Sena, Kurita e Hiruma siano il motore di questo manga, mentre tutti gli altri personaggi vanno a completare un quadro narrativo che diventerà via via sempre più avvincente. Naturalmente non mancheranno personaggi secondari, che comunque saranno caratterizzati in modo impeccabile nonostante le poche pagine d’apparizione.

Sena è un ragazzo che ha sempre fatto da schiavetto ai ragazzini più grandi e forti di lui, così facendo ha sviluppato una dote incredibile nella corsa, sarà questo fattore a invogliare il diabolico Hiruma a volerlo nella squadra di football del liceo Diamon (I Diamon Devil Bats).
Per nascondere l’identità di Sena, il talentuoso giocatore numero 21, Hiruma lo obbliga a giocare con una visiera scura sul casco... da qui il nome del maga!

A questo punto inizia la ricerca di nuovi membri per il club, e a mio avviso una delle parti più divertenti del manga finora: il Gigante buono Kurita, il diabolico (e mio preferito) Hiruma e il buon Sena si ritroveranno a creare una squadra dal nulla componendola di giocatori diversi e a loro modo “speciali”. Naturalmente non mancheranno gli antagonisti, anche questi caratterizzati in maniera praticamente perfetta.
Il disegno è molto buono, chiaro anche nelle situazioni dinamiche e l’espressività dei personaggi rende perfettamente il loro stato d’animo, in particolar modo in Hiruma e nel cane Cerbero.

L’edizione è in formato standard, la carta è bianca e non lascia inchiostro sulle dita. L'unico difetto fino ad ora riscontrato è la ripetizione di alcune frasi nei baloon del secondo volume, comunque un difetto trascurabile vista la pochezza dell’errore.

Se quello che è stato detto via ha intrigato o per lo meno incuriosito non aspettato un solo momento, fondatevi in fumetteria e recuperate Eyeshield 21, a mio avviso uno dei migliori manga su piazza, che ci accompagnerà ancora per un paio d’anni prima della sua conclusione, visto che il numero totale di volumi supera di poco la trentina.
Se non si fosse capito lo consiglio a tutti anche a coloro che non amano particolarmente il manga sportivo, questo manga per me è stato una rivelazione, e per questo ringrazio ancora chi me l'ha consigliato!
KiraSensei.


 1
Cook-San

Volumi letti: 11/37 --- Voto 8
Manga che colpisce fin dal 1° volume, l'ambientazione è diversa dagli altri manga, dato che parla di football americano. Anche io prima di comprare il 1° volume ero dubbioso, ma già dal 1° capitolo il manga ti prende e soprattutto ti fa ridere. Ogni personaggio è diverso da un altro, ogni squadra ha una sua particolarità. Questo è un manga stupendo consigliato a tutti, anche chi non se ne intende di football (come me) tanto pian piano vi appassionerete tutti a questo sport. Leggetelo o lo dico a Hiruma!Ya-Ha!


 1
oberon

Volumi letti: 10/37 --- Voto 10
[recensione esente da spoiler]

Devo innanzitutto fare una doverosa premessa: questo è si un manga sportivo, ma non bisogna assolutamente farsi trarre in inganno da questa apparente specificità. Io stesso inizialmente l’avevo snobbato alla grande pensando che, trattandosi di manga basato su uno sport che non mi interessava, la sua lettura mi avrebbe solo annoiato. Questo è un gravissimo errore, visto che il tema sportivo è ben coadiuvato da quello ironico e scolastico, e comunque spesso diventa solo uno spunto per la creazione di situazioni spassose (vedi le assurde prove di selezione per entrare in squadra, o gli allenamenti speciali... quante risate!). Inoltre col tempo finirete addirittura per appassionarvi anche alla semplice componente sportiva.

La lettura di questo titolo è avvenuta per me (come spesso capita) in circostanze fortuite: in pratica navigando capitava spesso di imbattermi in numerose immagini dei personaggi di questo titolo un po’ ovunque (come l’avatar del grande capo di AnimeClick.it ^^) . Inoltre il titolo era spesso presente nelle prime posizioni delle classifiche di vendita giapponesi, e (prima ancora di essere pubblicato da noi) se ne parlava ovunque benissimo. Mi decisi quindi a cercare un po’ di materiale per farmi un’idea di questo manga, ed una volta trovato... me ne sono letteralmente innamorato dalla sola lettura (giuro) delle prime tre pagine!
Per me E21 ha costituito davvero una ventata di freschezza e di novità, anche perché era da tantissimo tempo che non leggevo un maga così divertente e comunque così ben fatto in genere.

<B>La storia</B>

L’incipit potrebbe sembrare abbastanza ordinario, ma in realtà costituisce una premessa ad una trama che diventa sempre più avvincente di numero in numero: Sena un ragazzo come ce ne sono tutto sommato tanti, per di più vittima dei bulli, che manifesta inconsapevolmente delle doti fuori dal comune che lo porteranno ad una annessione (forzata!) al disastrato club di football americano della scuola. Egli diventerà così la punta di diamante della squadra, sotto le mentite spoglie di “Eyeshield 21”, ovvero il giocatore numero 21, che indossa sempre un casco con visiera che ne nasconde l’identità (questa è una trovata folle del caposquadra Hiruma, allo scopo di evitare che qualche altro club si accaparri il velocissimo Sena!). Da qui comincia l’odissea per trovare nuovi membri da annettere finalmente a questa povera squadra che inizialmente conta solo tre membri (l’astuto Hiruma, il grosso Kurita ed il velocissimo Sena)!
Uno degli elementi più importanti del manga è indubbiamente la caratterizzazione dei personaggi, visto che dal primo all’ultimo (includendo anche le comparse) possono vantare una eccellente varietà caratteriale. Questo vale soprattutto per il diabolico Hiruma, fautore delle gag più spassose, che tra un malefatta e l’altra (adorerete la sua “agendina dei ricatti”) dimostra anche una profondità emotiva non indifferente.
Il ventaglio di caratteri e personalità si amplia col procedere dei volumi man mano che nuovi membri si uniscono alla squadra, e questo porta sempre alla nascita di nuove, ironiche ed avvincenti situazioni. Complice di questa varietà è anche la scelta di incentrare un manga su uno sport (il football americano appunto) nel quale, a quanto pare, vi è spazio per tutti, indipendentemente dalla corporatura e dalle abilità innate (e vi assicuro che non tarderete ad appassionarvene).
Forse l’unico personaggio un po’ più anonimo rispetto agli altri (ma solo un pochettino) è proprio il protagonista Sena, soprattutto se lo paragoniamo ad Hiruma (indubbiamente questi uno dei più bei personaggi che siano mai apparsi in un manga). Probabilmente questa è una scelta dettata da ragioni di mercato, secondo le quali il protagonista debba rappresentare un po’ il lettore medio, affinché questi se ne possa identificare. Ma alla fine non ci vedo nulla di male, anzi, sinceramente credo che la cosa funzioni meglio così... anche perché il cinico e (apparentemente) spietato Hiruma dà il meglio di se agendo nell'ombra, ih ih ih!

Ma non pensate che questo manga sia tutto risate e niente profondità, non mancheranno infatti le piccole situazioni toccanti (ma mai troppo drammatiche), che vi scalderanno il cuore in più di un’occasione. Non è difficile, ad esempio, commuoversi assistendo agli enormi sforzi e i sacrifici a cui si sottopongono, soli soletti, il furbo Hiruma e l’ingenuo Kurita (gli unici e più anziani membri del club, prima della venuta di Sena) pur di far crescere il club più insignificante dell’istituto scolastico. Anche gli altri personaggi presenteranno poi le loro personali motivazioni, meno superficiali di quanto si potrebbe inizialmente pensare.
La narrazione lascia intravedere, inoltre, anche una certa dose di mistero, legata ai trascorsi del club di football americano, ed al passato di alcuni personaggi (soprattutto lo stesso Hiruma).

Nel descrivere questo titolo spesso risulta inevitabile compiere paragoni con quello che è il manga sportivo/scolastico più famoso della storia, ovvero Slam Dunk. Ma tra le tante differenze, a parer mio, ce n’è una fondamentale: mentre in SD la componente sportiva, col procedere dei volumi, prende il sopravvento su qualsiasi altro fattore, in Eyeshield 21 il collaudatissimo trittico “sport - contesto scolastico – umorismo” è sempre ben bilanciato, vario e non annoia mai.
Comunque in patria la storia sembrerebbe avviarsi verso le battute finali, e il tutto dovrebbe terminare non troppo oltre il trentesimo volumetto, insomma fortunatamente non siamo davanti del solito shonen infinito, che sfrutta fino alla nausea il gradimento del pubblico.

<B>Il disegno</B>

Il sottoscritto ritiene questo uno degli shonen meglio disegnati attualmente sulla piazza (parola di "accademico"):
lo stile è caricaturale quanto basta, i personaggi son tutti molto espressivi e magnificamente caratterizzati (persino quelli "di contorno").
Cosa non trascurabile, ogni vignetta (fate caso anche alle immagini a corredo della scheda) trabocca di particolari dettagliatissimi (soprattutto gli interni), e gli spazi bianchi (non disegnati) si contano sulle dita di una mano. Nonostante ciò, anche nelle situazioni più affollate c'è sempre estrema pulizia e leggibilità.
Le tavole, quando serve, sanno essere estremamente dinamiche (ma mai confuse), ed anche le "prospettive esagerate" sono decisamente ben disegnate. Questi elementi contribuiscono a rendere questo titolo alquanto "spettacolare".
Il tratto risulta sempre sicuro ed elegante nei contorni, ed anche i retini vengono utilizzati solo per migliorare la leggibilità delle tavole, e comunque l'autore non disdegna l’utilizzo di magnifici tratteggi paralleli od incrociati (un po’ come accade spesso con Togashi di Hunter x Hunter) per rendere i chiaroscuri e le volumetrie. Insomma... DIVINO!

<B>L’edizione</B>

L'edizione Panini è in linea con la concorrenza: il formato è piccolo ma il prezzo è conveniente e la carta è bianca, liscia e non trasparente. L’unico vero peccato per me è la mancanza delle tavole a colori (rese in semplice gradazione di grigio) visto che raramente in un manga ne ho viste di così ben colorate, anche tra i nomi più illustri. Aspetto con ansia il giorno in cui TUTTE le case editrici capiranno l'importanza di riproporre TUTTE le pagine a colori originali, in OGNI edizione, anche quelle più economiche.
Visto il prezzo comunque non si poteva pretendere di più (soprattutto dalla Planet Manga), ma io per questo titolo avrei sborsato volentieri anche 6€ a volume, pur di avere un'edizione perfetta alla J-pop, con tanto di sovracoperta!
L'adattamento comunque è molto buono, ed ogni singola scritta (anche la più piccola od inutile) viene tradotta in maniera poco invasiva.
Gli errorini di lettering purtroppo non mancano: nel secondo volume, ad esempio, ho notato qua e là alcuni balloon con all'interno il testo ripetuto due volte. Peccato, perché per evitare questi stupidi errori bastava rileggere il tutto prima di mandarlo in stampa. Comunque nulla di intollerabile alla fin fine, soprattutto visto che nei volumi successivi non ho notato altri refusi. Non vi nascondo che se l’edizione (che comunque ripeto è all’altezza degli standard della concorrenza) fosse stata “pregiata”, sicuramente mi sarei goduto di più questo magnifico titolo.

<B>Concludendo</B>

Sarà che la classica accoppiata "sceneggiatore + disegnatore" porti spesso dei buoni risultati e che sia una garanzia di qualità, ma sta di fatto che Eyeshield 21 è davvero un manga ben fatto sotto ogni aspetto, che parte benissimo e migliora di numero in numero. Ve la farete sotto dalle risate dalla primissima all’ultima vignetta, grazie alle gag sempre varie ad originali che prendono sempre alla sprovvista, e anche grazie ai suoi personaggi (molti di essi sicuramente resteranno nella storia dei manga) che, come ha già detto qualcuno, meriterebbero ognuno un manga a parte!
Se poi avete paura che la poca dimestichezza con lo sport possa rovinavi la lettura (come credeva erroneamente il sottoscritto) non dovete assolutamente preoccuparvi, visto che le poche regole necessarie per poter apprezzare questa disciplina sportiva verranno man mano spiegate al protagonista, Sena, che è assolutamente alle prime armi in questo campo.
In definitiva più ci penso, e più non riesco davvero a trovare qualche categoria di lettore a cui questo titolo non possa piacere: questo è un manga che davvero può appassionare chiunque: son riuscito persino a farlo leggere alla mia fidanzata che di solito snobba i miei manga e mi ritiene anche un fissato... ed il bello è che le è piaciuto! (senso di lettura originale a parte :-P ).
Insomma io consiglio con tutto il cuore l’acquisto di questo titolo, passerete davvero tante ore piacevoli e divertenti in compagnia dei suoi pazzi personaggi. Insomma leggetene almeno le prime pagine, e vedrete che non riuscirete più a separarvene, e mi raccomando: fatelo leggere ai vostri amici a tutti i costi!
A proposito... preparate i pannoloni per la probabile incontinenza da risate! :D

Voto 10/10
By Oberon.


 1
agredo93

Volumi letti: 8/37 --- Voto 9
Questo manga è molto bello, affascinante e convincente, colpisce subito per la storia dei personaggi.
La storia parla di Sena Kobayakawa che inizia la scuola secondaria in un modo inaspettato, viene reclutato dal club football americano a causa dei "violenti modi " di Hiruma; da qui in poi si aggiungeranno dei nuovi personaggi che si uniranno alla loro squadra.
Il manga è pieno di momenti comici grazie ai personaggi con la loro frenesia ed un po' di ingenuità nelle loro azioni, ma soprattutto grazie ad Hiruma ed il suo fido "compare" Cerbero (il suo cane) per il loro violento atteggiamento.
Un altro punto a favore di questa opera è il disegno molto raffinato ed frenetico nelle scene di gioco.
Un punto molto importante è come il manga riesca ad travolgerti ed appassionarti allo sport di nome football americano.
Io che non lo conoscevo bene, grazie al manga (che ti spiega le basi, le regole ecc...) ormai riesco a capirlo bene.
Quindi senza preamboli io lo consiglierei a tutti quanti sopratutto ai giovani come me e non costa tanto solo 3,90.


 1
hideki20

Volumi letti: 9/37 --- Voto 10
E' in assoluto uno dei più bei manga sportivi che abbia mai letto, forse è anche superiore a Slam Dunk che fino ad ora consideravo il massimo in questo campo.
Ogni numero sa emozionare sempre di più rispetto al numero precedente. La trama è molto lineare e precisa ma la cosa più importante è che è sempre pieno di colpi di scena e non ti annoia mai.

A mio parere va letto assolutamente anche solo per provarlo... costa "solo" 3,90 pochissimo per i tempi che girano.


 1
devilman

Volumi letti: 8/37 --- Voto 8
A prima vista sembrerebbe il solito manga sportivo... sembrerebbe. Eyeshield 21 infatti colpisce sin da subito: in primis lo sport trattato è il football americano e in più c'è comicità' allo stato puro! Situazioni assurde che fanno piegare in 2 dal ridere si vanno ad alternare a climax sportivi fantastici senza dimenticare gli ottimi disegni.
Ottima è anche la caratterizzazione dei personaggi che vi faranno appassionare e adorare questo manga!


 1
GIGIO

Volumi letti: 8/37 --- Voto 8
Le premesse c'erano tutte, la pubblicità e le voci dal Giappone ci avevano preparato a leggere un manga fuori dal comune. Con Eyeshield 21 queste aspettative sono state ripagate. Difficilmente mi diverto nel senso di ridere come in questo manga dove personaggi come Hiruma o il cane Cerbero veramente mi fanno scompisciare. Un manga sportivo sul football è una novità ma nonostante non si conoscano magari regole o il mondo che ruota attorno a questo sport il manga prende comunque per situazioni, vita reale e perché no demenzialità. Egregiamente disegnato forse un po' troppo carico di "effetti speciali" alla Holly e Benji le azioni sul campo sono curate e dettagliate al fine di poter comprendere al massimo la situazione. Sono giunto al numero 8 e moltissimi altri ce ne sono davanti ma se penso che dopo 7/8 numeri reputavo Slam Dunk (nella top 5 dei miei manga preferiti) una cavolata, per poi ricredermi alla grande, penso che con Eyeshield vedrò i fuochi d'artificio, questo perché disegni, demenzialità e storia a parità di numeri mi piace di più del celebra manga sportivo per eccellenza. Quindi incrocio le dita e spero che continui così!

mic

 1
mic

Volumi letti: 7/37 --- Voto 10
Eyeshield 21 è uno delle poche novità che mi abbia attirato. La trama ovviamente non ha nulla di significativo ma ciò che lo rende interessante è la caratterizzazione dei personaggi che sono davvero simpatici, dando così a questo manga sportivo un sapore comico demenziale mai visto in altri manga di questo genere, rendendolo così davvero accattivante anche per chi non apprezza questo genere.


 1
Nerissaw

Volumi letti: 4/37 --- Voto 7
Solita storia per uno shounen manga sportivo: Sena è un ragazzino timido e introverso che sta per iniziare il liceo ma non sa di avere un grande talento; infatti ha un agilità ed una velocità incredibile ed a causa di questa sua dote si ritroverà, suo malgrado, costretto dal diabolico Hiruma, ad iscriversi al club di Football americano della sua scuola...

Insomma lo schema è quello tipico... povero sfigato+ grande talento nascosto=un futuro brillante! Ma non fatevi trarre in inganno , nonostante la premessa sia un po' banale, Eyeshield 21 è una vera e propria chicca di manga in ogni senso!
Infatti i personaggi (...anche quelli secondari!) sono davvero fenomenali, per non parlare di Hiruma... ci vorrebbe un intero manga solo per parlare di lui! I disegni poi sono curatissimi ed in perfetto stile shounen ed anche chi non ha mai sentito parlare prima (come me!) di football americano potrà godersi un titolo frizzante e senza troppe pretese come Eyeshield 21!

Insomma, l'unico consiglio che posso darvi è... "provare per credere!", date almeno una chance a questo manga: difficilmente vi deluderà!

Supervisore rosa

 1
Supervisore rosa

Volumi letti: 9/37 --- Voto 9
Uno dei pochi manga sportivi che apprezzo.
All'inizio ero un po' in deciso sull'acquisto, ma alla fine non ho resistito, e mi sono trovato tra le mani un manga che ha superato abbondantemente le mie aspettative.
Hiruma lo considero uno dei migliori personaggi di sempre, e a mio parere metà del successo dell'opera della coppia Inagaki-Murata è dovuta proprio a questo personaggio.
La versione della Planet è veramente buona e sfoggia una delle migliori traduzioni che questa casa editrice abbia mai fatto.
Che dire.. una scelta più che consigliata, considerando che anche il prezzo non è eccessivamente alto (3,90€).

narvikh

 1
narvikh

Volumi letti: 1/37 --- Voto 10
Di solito non leggo manga sportivi, Italia 1 mi ha fatto detestare anime come Capitan Tsubasa, o Attacker You!.
Ma di questo manga ne avevo sentito parlare cosi bene, che mi son detto "leggiamolo, al massimo butto 3,90€ nel cesso": meno male che l'ho comprato.
La storia: un ragazzo di nome Sena, dopo aver passato gli esami (insieme alla sua amica di infanzia) dell'istituto che voleva frequentare, viene "costretto" ad unirsi al club di football americano. Insomma, è uno sfigato cronico che viene sempre sfruttato dagli altri (vedi History's Strongest Disciple Kenichi o roba simile): lui però ha un dono, quello della corsa, che viene notato dal demoniaco capo-club. Da quel momento, risate, partite incredibili si susseguono, e tutto questo in un solo volume.
Beh, io ho fatto il mio compito, a voi acquistarlo o meno. Ma secondo me ne vale veramente la pena.

schwedezu

 5
schwedezu

Volumi letti: 1/37 --- Voto 10
Quando ci si trova davanti a uno shonen veramente ben fatto, non si può fare a meno di rimanere incantati già dal primo volume. Se il primo tankobon è in grado di regalare emozioni, risate, personaggi ben caratterizzati, ma soprattutto voglia di continuare a leggere, allora ci troviamo di fronte a un fumetto magnificamente strutturato. Eyeshield 21 entra per me nell'olimpo dei migliori shonen.