Autobroduzioni Headline

AnimeClick.it è lieta di presentare una nuova rubrica, Autoproduzioni, con la quale cercheremo di promuovere quegli autori italiani che hanno scelto di pubblicare personalmente le proprie storie illustrate e a fumetti, ritenendo questa via una valida alternativa all'editoria classica.
La rubrica dunque si rivolge da una parte a tutti quegli autori che hanno storie che desiderino promuovere, che siano esse in attivo o già concluse, fruibili online oppure già stampate; e dall'altra al resto dell'utenza, sperando di fornire un servizio utile a intrattenere e magari ampliare i propri orizzonti di lettore.

Qui di seguito riportiamo il regolamento per partecipare a questa iniziativa. Si raccomanda l'attenta visione dello stesso per un corretto invio del materiale tramite il quale proporsi alla commissione esaminatrice.
Una volta organizzato il materiale come indicato, gli autori sono invitati ad inviarlo, insieme a una breve lettera di presentazione, al seguente indirizzo email:

autoproduzioni-ac@googlegroups.com


Regolamento per l'invio del materiale
Il materiale inviato dovrà avere la forma del racconto illustrato o del fumetto. È possibile inviare un numero infinito di proposte di pubblicizzazione, ma verranno realizzati e pubblicati su AnimeClick.it, al massimo, due articoli ogni dodici mesi per autore. Gli articoli sono volti a pubblicizzare le opere di autori italiani, purché tali opere siano concepite, realizzate, rese fruibili ed eventualmente acquistabili rigorosamente in proprio, ossia tramite i mezzi a disposizione dell'autore stesso.

1. Meritocrazia.

Le opere edite da editori di professione, italiani o esteri, e/o per le quali si è ricevuto un compenso da un committente esterno non possono essere pubblicizzate. La commissione valuterà solo ed esclusivamente l'elaborato in base a disegno, colorazione, grafica, stile, narrazione e sceneggiatura. Non ci interessa se un autore è già noto o popolare. Un occhio di riguardo andrà alle persone meritevoli e meno visibili su internet. Il nostro vuole essere un modo per rendere più noto chi ha difficoltà ad esserlo, rendere più visibile chi non ha avuto possibilità di pubblicazione né all'estero né in Italia pur provandoci con buoni prodotti. Noi aiutiamo a promuovere chi crede nell'autoproduzione come mezzo di pubblicazione alternativo all'editoria classica, e vuole continuare a crederci, impegnandosi nella sua realizzazione al massimo del proprio potenziale.

2. Professionalità.

L'autoproduzione non è sinonimo d'incompetenza, pertanto v'invitiamo a inviare solo materiale completo sia d'illustrazione che di fumetto. Nessun progetto in cantiere o incompleto e che non vi soddisfi o non vi rappresenti.

2.1. Commissione esaminatrice. Una commissione esaminatrice formata da 4 membri aventi diritto di 3 voti dichiarerà idonei o non idonei i lavori inviati.

1 voto: Giulia Adragna. Diplomata in Fumetto (corso triennale) presso la Scuola del Fumetto di Palermo. Illustratrice e fumettista per Panini Kidz / Il Sole di Carta (Sissi la Giovane Imperatice, Sissi Piccole Principesse), colorista per Panini Comics (Magico Vento Deluxe). www.giuliaadragna.com

1 voto: Fabio Mancini. Diplomato in Animazione (corso triennale) presso la Scuola Internazionale di Comics di Roma. Dal 2012 lavora presso lo studio di animazione Musicartoon. http://www.fabio-mancini.it/

1 voto: Ilaria Catalani. Diplomata in Fumetto (corso triennale) presso la Scuola Internazionale di Comics a Roma con borsa di studio. Freelance, fumettista e illustratrice per Kawama editoriale e per la Omnimedia Europe. Autrice/disegnatrice del webcomic Hadez. http://ilariacatalani.blogspot.com
e Silvia Tidei. Diplomata in Fumetto (corso triennale) presso la Scuola Internazionale di Comics di Roma. Ha collaborato come colorista con la rivista francese Lanfeust Mag e come sfondista ad un progetto video per Ancient Legion. Collabora con Kawama editoriale per un libro della collana Mangabook. Autrice/colorista del webcomic Hadez. http://www.silviatidei.blogspot.it/ - http://silviatidei.tumblr.com/

2.2. Cosa inviare.

Materiale online

- Storie illustrate e fumetti completi già fruibili e leggibili online, anche brevi, purché si raggiunga almeno il numero di 10 tavole.

- Materiale seriale (webcomic) già fruibile e leggibile online, purché abbia raggiunto un totale di almeno 30-50 tavole (n.b.: in questo caso il numero di tavole è variabile poiché la selezione verrà eseguita in base alla storia e relativa tipologia di narrazione; starà dunque alla commissione esaminatrice verificare se 30 tavole siano sufficienti per capirne la trama oppure si necessiti di un maggior numero).

- Materiale autoconclusivo, sia strisce che tavole, già fruibili e leggibili online, purché abbiano raggiunto un totale di 10 tavole autoconclusive, mentre per le strisce resta la variabile di 30-50 come per i webcomic.

Materiale stampato
Allo scopo di promuovere gli albi in concomitanza con eventi fieristici e aiutare la diffusione del prodotto, s'incoraggia l'autore ad inviare tempestivamente in redazione il materiale per scrivere l'articolo munito di un'adeguata documentazione fotografica dell'avvenuta stampa e dei dati tecnici dell'opera, segnalando inoltre l'evento, la sua ubicazione (area e numero dello stand), i giorni e gli orari per le dediche.

Il materiale inviato alla redazione dovrà essere il seguente:
- titolo e logo del progetto;
- almeno due illustrazioni a colori a scopo promozionale, di cui una deve essere la copertina;
- 3 tavole prive di testo scritto; ~ opzionali: trailer, studi di personaggi e ambientazioni ~
- descrizione del progetto (deve comprendere: numero volumi previsti, soggettobreve, target. curiosità e aneddoti qualora ve ne fossero) - max 1000 parole;
- se l'opera è seriale (webcomic), indicare la cadenza di pubblicazione online;
- breve nota biografica dell'autore - max 200 parole per autore; indicare i ruoli nel caso di più autori.
- tutti i contatti web dell'autore, allo scopo di verificarne la notorietà e visibilità su internet, e utili per la sua segnalazione all'interno dell'articolo a lui dedicato:
- sito e/o blog dedicato al progetto/autore

- contatto facebook e pagine fb dedicate al progetto/autore

- twitter/deviantart/tumblr/youtube…

Tutto il materiale non dovrà essere inviato in allegato alla mail di presentazione, ma scaricabile da un link esterno (servizi cloud storage / upload su spazio web /jumbo mail) in una cartella nominata nel seguente modo:

"Nome o Nickname autore" – "Titolo opera" – "Sito internet".

Inviare la mail di presentazione e il link con il materiale al seguente indirizzo: autoproduzioni-ac@googlegroups.com

L'utilizzo di tutto o parte del materiale inviato sarà a discrezione di chi scrive l'articolo.

3. Tutela.
A tutela dell'autore.
- Si richiede materiale a bassa risoluzione: 72 dpi in formato jpeg, gif o png, rigorosamente in formato RGB.
- Si richiede materiale privo di testo scritto (dialoghi all'interno dei balloon / parte di testo nei racconti illustrati) in modo da mantenere l'esclusiva della lettura solo ai siti dell'autore.
A tutela di AnimeClick.it
- Nel caso di lavori a più mani, ogni autore deve approvare la pubblicazione dell'articolo e dunque dell'opera sul sito di AnimeClick.it ; sarà sufficiente esplicitarlo nell'email. Es: “Noi, Autore1 e Autore2, acconsentiamo alla pubblicazione del materiale da noi inviato sul sito AnimeClick.it”.

- L'articolo verrà realizzato e pubblicato solo se provata la preesistenza delle opere inviateci su siti pubblici e/o account pubblici su varie piattaforme. Non faremo anteprime di nessun tipo ma riporteremo informazioni già presenti sul web.

4. Educazione.

Tolleranza zero con cafoneria, inciviltà e arroganza. La nostra politica è di non promuovere opere che pullulano di parolacce e bestemmie e/o autori che comunicano in modo volgare e che siano modelli di maleducazione e di inciviltà, pertanto non sono ammesse opere gratuitamente oscene a meno che non giustificate dal target o dalla trama.


NB: Teniamo a specificare sin da ora che anche gli stessi curatori del progetto Autoproduzioni potranno proporsi come normali candidati coi loro elaborati, fermo restando che dovranno sottostare alle stesse identiche regole e condizioni valide per qualsiasi altro partecipante. Questo perché non ci sembrava il caso di, paradossalmente, penalizzare chi lavorerà a questo progetto negando loro l'opportunità di avere visibilità come chiunque altro.