Uno dei punti di forza della rampante casa editrice milanese Bao Publishing, oltre all'alta qualità dei titoli in catalogo e alla finezza delle edizioni, consiste in un particolare fiuto nello scovare talenti atipici e fuori dagli schemi. È questo il caso di Eldo Yoshimizu, poliedrico artista nipponico, con alle spalle una rispettabile carriera di scultore di arte contemporanea, che ha deciso di mettersi in gioco nel campo del fumetto dedicandosi alla scrittura di Ryuko, turbolenta avventura a tinte noir pubblicata in due volumi (il secondo è previsto per gennaio 2018) e ambientata nel mondo della yakuza. Il mangaka sarà ospite alla prossima edizione di Lucca Comics & Games dove promuoverà la sua opera prima.
 
unnamed-4.jpg
 
La bellissima e letale Ryuko è il capo di un clan della yakuza di Yokohama, la Società del Drago Nero, carica che ha ereditato da suo padre. La sua influenza si estende fino al Medio Oriente nel regno di Forossyah sul Mar Nero, paese funestato da un colpo di stato militare che cade in una sanguinosa guerra civile. Il re, appena spodestato, prima di morire affida a Ryuko la sua figlioletta appena nata di nome Barrel. Questa, diciotto anni dopo, è una donna fiera e risoluta e la sua mentore deve tenere a freno la sua indole ribelle. Un giorno, il quartier generale del clan viene preso d'assalto dalle milizie del generale Rashid, capo dell'esercito golpista, quest'ultimo però ha la peggio e, in punto di morte rivela alla boss alcune scomode verità, fra cui quella su sua madre, che fino ad allora era creduta morta. Quindi Ryuko decide di tornare in Giappone per far luce sul mistero.

Sotto certi aspetti Ryuko potrebbe essere letto come un tributo ai classici degli anni ‘70, una tradizione che si può far risalire alla vecchia scuola del manga hardboiled di Takao Saito, Ryoichi Ikegami e Tsutomu Takahashi, d’altro canto Eldo Yoshimizu riesce a esprimere una verve molto personale sfoderando una cifra stilistica audace e di stampo cinematografico. Siamo di fronte a un manga dal carattere deciso e scoppiettante, crivellato dai proiettili di una feroce guerra tra gang e narrato su diversi piani temporali in uno scenario da intrigo internazionale, dove una galleria di personaggi complessi, intrisi di dilemmi e umanità ci parlano di onore, lealtà tradita e soprattutto vendetta.
 
eldo-ryuko.png


Ispirata ai lineamenti dell'attrice e modella Sayoko Yamaguchi, Ryuko domina la scena con il suo fluido magnetico, il temperamento indomabile e un aggressivo drago tatuato che le avviluppa il fisico da top model (un vezzo che ricorda molto La ragazza che giocava col fuoco). Al suo fianco nel ruolo di comprimarie compaiono la cow girl Barrel, la driver Sasori e la lap dancer Tatiana. Un agguerrito cast di bellezze rinnegate che sembra uscito direttamente dai film pinky violence della Toei, genere che spadroneggiava nei cinema nipponici degli anni ‘70, e che farebbe la gioia di Quentin Tarantino. In effetti Ryuko non sfigura accanto a pellicole come Kill Bill, dove si può trovare lo stesso genuino entusiasmo per le seducenti dark ladies, un pizzico di auto compiacimento edonistico e la medesima torbida combinazione di eros e violenza estetizzante.

In un succedersi di flashback e colpi di scena, l’autore incastra i pezzi del plot e introduce i vari attori - ognuno con un affascinante background segnato da drammi personali e vecchie cicatrici mai rimarginate - catapultati in un mondo distopico e ostile dove i loro destini si scontrano inevitabilmente. Nessuno è totalmente buono o cattivo e c’è una sottile aura di ambiguità che aleggia sulle loro storie, il che dona loro una caratterizzazione sfumata e un certo spessore psicologico. Si intravede sottotraccia il leit motiv del complicato rapporto edipico genitori/figli, tema che tocca più o meno tutti i personaggi principali, in primis Barrel nel rapporto conflittuale con la madre putativa, Ryuko, tormentata parricida a sua volta impegnata nella ricerca ossessiva della sua stessa madre.
 
ClnfSBkWEAAJU_y.jpg


Yoshimizu rivela una sorprendente padronanza del mezzo e gestisce i tempi ostentando una sicurezza da film maker. Sovente spinge sull’acceleratore e lancia il racconto ad alta velocità sulle strade perdute della trama, e lo fa con il ritmo serrato delle scene d’azione e con una costruzione ultra dinamica delle tavole in senso quasi cubo-futurista. A volte esagera con effetti e distorsioni, vignette evanescenti e continui cambi di prospettiva, al punto che alcune sequenze particolarmente concitate risultano oltremodo ostiche da decifrare. Predilige i tagli obliqui e spesso le vignette esplodono mischiandosi alle furiose linee cinetiche, ai balloon e alle onomatopee debordanti in un convulso ma attraente flusso grafico. In altri frangenti invece lo sguardo si perde in lussureggianti illustrazioni ricche di dettagli minuziosi in un raffinato gioco ipnotico e a tratti psichedelico.

Fra inseguimenti mozzafiato e duelli a base di arti marziali, i personaggi si muovono instancabilmente come stuntman e raramente sono ritratti da fermi. L’autore ci fa sentire il rombo delle moto di grossa cilindrata così come il crepitio assordante degli scontri a fuoco, mentre i dialoghi sono asciutti e strettamente funzionali a spiegare solo ciò che le imponenti immagini non possono descrivere direttamente.
 
tumblr_o6jq1iZcW51qeju05o1_1280.jpg


Lo stile di disegno, eclettico e anticonvenzionale, alterna un gesto sporco e vibrante, carico di energiche pennellate e sgocciolature di inchiostro (specie nelle scene più agitate), a un tratto più misurato ed elegante da meticoloso illustratore. Il character design unisce il look sofisticato e retrò delle esili figure femminili, che in alcuni punti ricordano vagamente certe stilizzazioni di Leiji Matsumoto, e le fisionomie maschili molto più dure, scolpite ed espressioniste. Un certo gusto per il dettaglio emerge nello studio degli oggetti di scena: dai set architettonici ai veicoli, dalle armi da fuoco ai gioielli, fino ai provocanti capi indossati dalle protagoniste, sono tutti presi in prestito da modelli realmente esistenti.
 
La preziosa edizione Bao salta subito all'occhio sfoggiando un’elegante copertina in cartone rigido con effetti colorati traslucidi, stampa su carta spessa da 120 grammi su più di 250 pagine in formato 21,5x15,5cm, rilegatura a filo refe, risguardi da 125 grammi, al prezzo di 17,00€. La traduzione è affidata alla cura di Valentina Vignola.

In trepidante attesa di scoprire come si evolverà la trama nel secondo e conclusivo volume di Ryuko, mi sento promuovere a pieni voti Eldo Yoshimizu, outsider dalla spiccata personalità che ha brillantemente superato l’esame dell’opera prima, fra l’altro coraggiosamente auto prodotta in patria e per tanto libera dai filacci asfissianti dei famigerati editor nipponici. Ryuko si distacca dal semplice omaggio al genere, riesce a farsi notare per il tocco fresco e disinibito, e ci consegna una storia intrigante e graficamente ricercata, non solo riservata ai feticisti del gekiga.

ryu-1 (1).jpg

 
Eldo Yoshimizu
Nato a Tokyo nel 1965 e laureatosi alla Tokyo National Universitiy of Fine Arts and Music, è un personaggio atipico nell’odierno panorama del manga. Artista poliedrico, cosmopolita e multi disciplinare, è approdato al fumetto dopo una rispettabile carriera da scultore d’arte contemporanea (ma si cimenta anche come fotografo e musicista) vantando una notevole esperienza fatta di mostre e commissioni sia pubbliche che private in giro per le più importanti città di Giappone e Corea (qui un excursus delle sue opere di scultura). Nel suo curriculum si nota anche una residenza d’artista in Italia, presso la fondazione del Castello Civitella Ranieri di Umbertide (Pg).
 
48918d860c8d2a06e7fbd1054a78dcfb--illustrations-posters-art-design.jpg

Titolo Prezzo Casa editrice
Ryuko  1 € 17.00 Bao Publishing
Ryuko  2 € 17.00 Bao Publishing