I gatti. Esseri mielosi e sofisticati, persuasori nati e con grandi doti di comando e coercizione.
Quando un gattaro entra in contatto visivo con un gatto, il suo cuore inizia a battere e la sua mano a fremere dalla voglia di toccare il suo mantello liscio e soffice.
Inizia quindi una sorta di corteggiamento per accattivarsi l’amicizia del peloso nuovo amico, e se poi lui darà il consenso, allora inevitabilmente l’umano si scioglierà sotto i colpi di fusa spasmodiche.
 


I gattari ormai sono già rassegnati alla supremazia felina: quando sono artefici di qualche marachella, e dovrebbero essere sgridati, i gatti guardano con uno sguardo supplicante coccole e inevitabilmente gli si perdona ogni cosa; quanti di voi raccolgono palline di Natale frantumate? Quanti di voi gattari cercate il gatto e lo trovate nell’albero? A quanti non è capitato di assistere a qualche strana diavoleria?
Eppure tutto passa in secondo piano, perché alla fine comandano loro, le ribellioni sono inutili: i gatti conquisteranno il mondo, la cosa è già cominciata ed è tutto documentato con passione e devozione dagli amici della pagina Facebook de I gatti conquisteranno il mondo
 
E così, la casa editrice Planet Manga, conscia del fatto che questo stato delle cose sta prendendo il sopravvento, acquisisce i diritti per l’Italia di Nyaight of the Living Cat, manga shounen scritto da Hawkman e disegnato da Mecha-roots, e lo distribuisce come monito alla popolazione della penisola.
 
 
In una regione non meglio identificata del Giappone, il 5 Ottobre di un anno non identificato, una devastante pandemia (perché non né abbiamo mai abbastanza di pandemie), ha portato i gatti a essere mezzo di trasmissione di un virus che… trasforma tutti in gatti al solo tocco del manto. Ma un uomo, gattaro, che pare avere delle particolari affinità fisiche con i piccoli felini e che ha perso la memoria e non sa chi è, vuole ristabilire lo status quo pre-pandemico perché “non si può più affondare la faccia nel loro soffice mantello né sentirli punzecchiare la pelle con i loro morsi leggeri! Non si possono neanche tastare quei morbidi cuscinetti!”. Poiché queste privazioni possono portare alla follia un amante dei gatti, Kunagi, il nostro protagonista, farà di tutto per sconfiggere questa felinica malattia facendosi portatore della bandiera della libertà.
 
Il racconto ovviamente è spinto oltre ogni limite del buon senso, impregna le pagine di un gusto grottesco e paradossale e per questo assolutamente esilarante. La cosa fondamentale in questa guerra, dove chi viene toccato da un gatto, diventa, appunto, gatto a sua volta a causa del virus NN, è che ai felini pelosi non può esser torto un solo, singolo pelo e questo porta al paradosso: come si possono tenere buone e a distanza creature che per loro natura arrivano dappertutto pur di ottenere coccole e cibo? È divertente quindi vedere come gli umani, per arginare l’avanzata, mettano in campo delle strategie, che, derivando perlopiù da credenze popolari, sono destinate a fallire miseramente, e come, invece, quelle leggermente efficaci arrivino proprio dal nostro eroe gattaro.
Pian piano che si avanza con la storia, la figura di Kunagi si definisce sempre più e sempre meglio. Lo scopriamo all’inizio che, disperatamente, affronta insieme ad altri due compagni un’avanzata felina e poi, tramite un lungo flashback, ci viene mostrato il suo trascorso e rivelata la sua amnesia totale.
Il lettore, pertanto, rimanendo incuriosito dal personaggio è sicuramente invogliato a saperne di più su di lui e sulla sua crociata. Ma… attenzione! Potrebbe essere una trappola imbastita dai pelosetti!
 


Il mangaka Hawkman, è chiaramente un amante della specie Felis Silvestris Catus, ovvero gatto domestico, e farcisce la storia con approfondimenti scientifici e informazioni dettagliate sull’universo gatto. Inoltre tra un capitolo e l’altro ci sono brevi descrizioni di qualche razza felina e altre curiosità. Si riscontra inoltre un certo citazionismo alla filmografia d’azione, evidentemente altra passione dell’autore: le sottocopertine ne sono un chiaro rimando in quanto rappresentano due locandine cinematografiche, con tanto di invito al cinema!
I disegni, a cura di Mecha-roots, hanno un’impronta dura e metallica quando rappresentano gli umani e trasmettono un senso di ansia e disperazione, di paura e incertezza (del resto loro stanno lottando per la sopravvivenza della specie) mentre, come ovvio che sia, i disegni dei gatti sono rotondi e lanosi, anche se non trasmettono mai quella sensazione di “kawaii” facilmente associabile al loro essere. Ad ogni modo se ne apprezza la cura per il dettaglio e le sfumature di neri più marcate che rendono la storia angosciante. I fondali sono sempre presenti e sufficientemente dettagliati ai fini della narrazione, il layout è lineare e segue uno schema preciso: la pagina è solitamente divisa in tre scene ad eccezione di sporadiche situazioni più concitate. Nessun disegno passa la bordatura, se non qualche vignetta. Anche nel disegno sono presenti citazioni alla cultura pop moderna e qua e là si trovano figure somiglianti a personaggi famosi dello spettacolo.

L’edizione Planet è quella alla quale siamo abituati: al prezzo ormai consono di 7 €, ci viene proposto un volume brossurato e compatto, ben sfogliabile e corposo, con sovraccoperta e senza pagine a colori. Apprezzabile l’impegno nella traduzione, a cura di Mayumi Kobayashi, delle parole onomatopeiche che i giapponesi amano utilizzare quando si tratta di felini: già nel titolo, lasciato con la traslitterazione uno a uno, si nota il “Nya” tipico della traduzione fonetica del verso del gatto nella lingua nipponica. All’interno del manga, invece sono state rese in una forma italiana valida e coerente.   
 
 
Infine si può dire che questo manga non è un toccasana per gli amanti dei gatti, ma sicuramente la sua lettura è divertente e coinvolgente.
Ora sta a voi decidere se seguire Kunagi nella sua battaglia o accarezzare un gatto per l’ultima volta così da scegliere di diventare uno di loro. Io la mia scelta l’ho fatta.  



Nyaight of the Living Cat  1

Dimenticate carezze e coccole, non cedete ai teneri musetti e agli strazianti miagolii: la gattastrofe è iniziata! I gatti dominano il mondo a causa di un virus che trasforma in felino chiunque entri in contatto con loro. L'unica salvezza è la fuga. Come riuscirà l'umanità a resistere all'adorabile orda felina?

Opera:  Nyaight of the Living Cat
Editore: Panini Comics
Nazionalità: Italia
Data pubblicazione: 10/11/2022
Prezzo: 7,00 €

Totale voti:   9  2  2


rio79

Che trash. che cosa ho letto. n senso più positivo del termine

 28/12/2022

Arwen1990

Mi ha divertito parecchio.. questo è l'inizio della conquista del mondo da parte dei piccoli felini. Riuscirà il nostro eroe a ripristinare lo stato delle cose? Ma poi lui chi è? Forse un tempo era un gatto?Bhe io ho già scelto da tempo da che parte stare

 21/12/2022

Mr.Chef

I gatti sono pucciosissimi e disegnati benissimo, ma oltre a questo c'e' il nulla. Storia non pervenuta, pathos non pervenuto. Un volume è più che sufficiente...

 09/12/2022

brady

Brutto. Drop immediato. Non è appassionante, non è ironico, non è inquietante. Mi ha lasciata indifferente ed il continuo dire quanto sono carini i gatti alla fine risulta involontariamente ridicolo.

 01/12/2022

shinji01

Che trashata. Veramente. Ma cosa ho letto? (Si salvano solo i disegni)

 27/11/2022

riko akasaka

Puro fanservice felino!<3 Parodia degli horror survival, mi piace che i personaggi siano tutti gattofili e vengano principalmente fregati dalla loro debolezza contro la ruffiana carineria di quest'orda pelosa! Interessanti le varie informazioni sui gatti.

 20/11/2022

Focasaggia

Divertente, peccato per l'assenza di una vera componente horror (su cui puntavo).

 19/11/2022


Altri Voti




Titolo Prezzo Casa editrice
Nyaight of the Living Cat  1 € 7.00 Panini Comics
Nyaight of the Living Cat  2 € 7.00 Panini Comics