logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
Gingerroot

Episodi visti: 11/11 --- Voto 8,5
Ayumu e Yuko sono grandi amiche e il desiderio di condividere anche lo stesso liceo sembra rafforzare il loro legame: studiano assieme, si aiutano e si consigliano in previsione degli esami, soprattutto per il bene di Ayumu che sembra avere maggiori difficoltà nello studio. Ma il giorno in cui scopriranno che Yuko è stata esclusa dal liceo mentre Ayumu, così in difficoltà all'inizio, è riuscita invece a farcela, spezza il loro legame. Arrivata al liceo, Ayumu si chiude in se stessa, finché Manami non le rivolge la parola...
I personaggi mi sono piaciuti molto, hanno un carattere ben definito, la trama è coinvolgente fino alla fine: si assiste giorno dopo giorno a diversi atti di bullismo che, lo si intuisce con raccapriccio, riescono perfettamente ad essere mascherati dal gruppo o dal singolo, ridotti a piccoli scherzi che si accumulano e accrescono attorno alla vittima.
Ma c'è una cosa in particolare che viene chiarita e che mi ha fatto apprezzare enormemente questa serie: il bullismo è un modo di comportarsi prima che il volto di una persona, ed è il comportamento che si combatte prima di rivoltarsi contro il carnefice e diventarne uno noi stessi. Una riflessione per nulla scontata che trovo azzeccata, soprattutto perché la seconda scelta appare sempre la più facile.


 1
Ottrano

Episodi visti: 11/11 --- Voto 8
<b>Attenzione, lievi spoiler</b>

Tratto da uno dei manga più belli e intensi che io abbia mai letto, "Life" si prende un bell'otto, un punto in meno rispetto al manga, per via di alcuni particolare che a me non sono molto piaciuti. La struttura di base ricalca la trama del manga, ma ne cambia alcuni particolari durante la storia per poi prendere nel finale tutt'altra direzione. Questo fa sì che il live action di "Life" sia un po' un'arma spuntata sempre potente - visto il voto che si merita, comunque molto alto -, ma manca quel qualcosa per arrivare al livello del manga. Il cambiamento principale, come detto, sta nel finale. Infatti nel manga l'intera classe si rende conto di quel che ha fatto alla povera Ayumu e vediamo che tutti, nel vederla entrare a scuola, gli si parano davanti come a chiedere scusa. Nel live action non succede niente di tutto ciò, infatti a essere presa di mira dall'intera classe alla fine è colei che ha cominciato le vessazioni su Ayumu, ovvero Mana che, con il continuare delle vessazioni contro di lei, si rende conto che forse Ayumu è stata la sua unica vera amica e alla fine è proprio quest'ultima che la aiuta.

Attraverso questo cambiamento il messaggio del prodotto cambia, infatti se nel manga troviamo un messaggio di speranza nel live action questo non è presente, anzi troviamo quasi una nota dolce-amara; l'intera classe infatti non fa "autocritica", anzi scarica le intere colpe su Mana e quindi questo circolo vizioso non ha fine.
La cosa che più mi ha "costretto" a dare un voto più basso rispetto al manga è la figura di Miki, che nel manga e anche nel live action impersona colei che ha una personalità forte e che aiuta Ayumu a reagire, ma mentre nel live action lei rimane sempre al fianco di quest'ultima nel manga invece lei è costretta ad andarsene lasciando Ayumu a "camminare sulle proprie gambe", e a mio avviso questa seconda scelta risulta più azzeccata della prima, che è troppo "politicamente corretta".

Consiglio questo live action a un pubblico maturo, anche se non si è letto il manga. Lo spettatore verrà trasportato puntata dopo puntata nella mente di tutti i personaggi accompagnato da una colonna sonora fantastica che cambia a seconda delle espressioni degli attori, espressioni che rendono bene l'idea, anche senza parlare, dei pensieri dei personaggi.