logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Quartz

 0
Quartz

Volumi letti: 14/14 --- Voto 10
"Tra le braccia della primavera", titolo italiano di "Haru wo daite ita", è, sostanzialmente, una splendida storia d'amore e di crescita personale.
Questa storia ci porta nella vita di Iwaki e Katou, attori di film hard, che si incontreranno e conosceranno proprio durante la selezione del cast di uno di questi film. Inizialmente fra i due non scorrerà buon sangue, ma poco per volta cominceranno ad apprezzarsi, ad ammirarsi a vicenda, approfondiranno la conoscenza, fino ad arrivare a unire le proprie vite, professionalmente e privatamente.

Dopo una corte, spietata e dolcissima, che il giovane Katou riserverà al più grande, il tenero Iwaki, i due capitoleranno infatti nell'amore, e man mano che il tempo passerà, si aiuteranno a vicenda nello sviluppo della carriera e diventeranno attori di successo sia sul grande che sul piccolo schermo, abbandonando completamente i film per adulti.

Si tratta di una storia yaoi estremamente esplicita: le scene di sesso ci sono: i volumi ne sono ricchi, ma le suddette scene non sono mai volgari o inserite "giusto per", mai senza calore. Invero, caratteristica di base di tutte le situazioni raccontate è che in ognuna permea il sentimento profondo e sincero che lega i due protagonisti: possono essere a lavoro, possono essere con gli amici, possono essere in trasferta, o nel mezzo di un amplesso, in ogni parola di uno c'è la conferma di quanto siano grandi la stima e l'amore che prova per l'altro, nei gesti e negli sguardi di uno c'è scritto sempre quanto sia indispensabile la felicità dell'altro per la propria felicità.

Per questa tenerezza che fa da filo conduttore, ci si innamora di questo manga, ci si innamora dell'amore di Katou e Iwaki.

Un punto estremamente a favore è il fatto che, a differenza di molte altre serie yaoi, "Tra le braccia della primavera" non mostra cotte adolescenziali o sentimenti acerbi, bensì mette allo scoperto animi maturi, sentimenti adulti... la maturità dei sentimenti traspare dal fatto che nessuno dei protagonisti si vergogna di ciò che prova, nessuno dei due si sente "diverso" perché innamorato di un uomo, e in primis la maturità di quest'opera l'ho vista nel fatto che i due protagonisti, come ripetono loro stessi varie volte, non avessero mai minimamente pensato di fidanzarsi con un altro uomo prima di incontrare l'altro: è semplicemente successo, perché "all'amore non si comanda", perché ognuno è per l'altro la persona più importante della propria vita, a prescindere dal sesso, dall'età, dal carattere; Iwaki si è innamorato e ama Katou così com'è, senza pretendere nulla, e per Katou è lo stesso, in una stupenda complementarietà, non priva di sacrifici e impegno, insegnamenti e forza d'animo, che a mio parere arricchiscono ancora di più tutta l'opera.

Per quel che riguarda il tratto della mangaka, il disegno è sublime, è il tipico tratto delle prime opere di Youka Nitta; spigoloso, elegante. Man mano che scorrono i volumi, poi, pare più addolcito, e sempre pieno di dettagli che non nauseano, anzi, rendono le tavole bellissime.
I visi, inoltre, sono rappresentati meravigliosamente: distinguono bene un personaggio dall'altro, e trasmettono alla perfezione lo stato d'animo provato, tanto che talvolta torno indietro nei dialoghi solo per osservare meglio l'espressività dei volti che la mangaka ha creato... Coinvolgenti, affascinanti, realistici, veramente belli.
A proposito dei dialoghi, questi ultimi sono tradotti molto bene e sono di facile comprensione. I discorsi sono chiari, e chiara e lineare è la trama, e allo stesso tempo travolgente.

Consiglio questo manga a chiunque sia amante del genere yaoi e voglia leggere di personaggi maturi che siano certi e sicuri dei propri sentimenti, e a chiunque voglia leggere di una storia d'amore che faccia sognare ad occhi aperti. É una perla nell'universo yaoi.
Iwaki e Katou fanno sognare ogni volta che li si va a rileggere, e credo che difficilmente non ci si affezioni a loro e al loro mondo... Conquistano.

Il mio voto è 10.


 9
dawnraptor

Volumi letti: 14/14 --- Voto 9
La prima cosa da dire, parlando di questo manga, è che si tratta proprio di un prodotto yaoi, molto esplicito. Le scene di sesso sono abbondanti e in queste tavole la censura è parola sconosciuta. Chi si avventuri per questi sentieri ne sia conscio!

Non sono una tecnica e, come dico spesso, per me è bello quello che mi piace. E questo lavoro mi piace tantissimo.
Ho gradito molto i disegni. Molto bella la caratterizzazione dei protagonisti, ma è assolutamente splendida l'ambientazione, ricca ed accurata, con alcune tavole che si possono definire tranquillamente opere d'arte. Non so se sia cambiata la mia percezione dei disegni rispetto a quando ho visto le animazioni, o se siano effettivamente diversi ma, avendo visto le due serie di OAV tratte da questo manga (Haru wo daite ita e Fuyu no semi), pensavo di trovare un prodotto sostanzialmente simile a quanto già visionato. Non potevo sbagliarmi di più, nel senso che il manga è molto, molto superiore alle animazioni che ne sono state tratte, ma limitandosi ad un racconto parziale.

Assistiamo infatti al nascere, progredire e maturare della carriera artistica di due attori e del loro rapporto amoroso, con tutti i successi e i problemi che il lavoro di attore può comportare.
Il giovanissimo e biondo Katou ed il bruno e più maturo Iwaki sono infatti due attori di film per adulti che si trovano a competere per il ruolo di protagonista in un lavoro dalle tematiche difficili, ma non porno: si tratta, per entrambi, dell'occasione per fare un salto di qualità tale da cambiare per sempre la carriera. Da lì, si svilupperà pian piano un percorso che porterà i due da una situazione di rivalità ad una di profonda intesa e rapporto amoroso impegnato e durevole. Sarà Katou, almeno in principio, il motore di questo rapporto: allegro e persistente, darà a Iwaki una caccia amorevole quanto spietata, costringendolo a riconoscere i propri sentimenti nonostante le sue resistenze, a volte anche veementi e un tantino crudeli.

Il percorso professionale dei due sarà costellato sì di soddisfazioni, ma anche di tanti problemi: ci viene presentato un Giappone in generale non proprio entusiasta all'idea di una coppia di attori gay, tanto che alcuni episodi sono incentrati su un altro attore, Kikuchi, che dieci anni prima era stato costretto a trasferirsi all'estero a causa di uno scandalo a sfondo omosessuale. Kikuchi è amareggiato dal fatto che, invece, l'amore dei due venga percepito come un sentimento puro e susciti la simpatia del pubblico.

All'interno del manga troviamo la storia "Fuyu no semi", pedissequamente trasposta nella serie di OAV con lo stesso titolo, ambientata negli anni 60 del 1800. Più avanti, assisteremo alle problematiche che la troupe di attori incontrerà per filmare il racconto, che segnerà un trionfo per i nostri, proiettandoli sempre più nel mondo dello spettacolo.

Nel frattempo, non mancano gli approfondimenti psicologici dei vari personaggi, seppure ci si focalizzi molto di più sui due protagonisti: assistiamo ai differenti punti di vista dei parenti di Katou e Iwaki, e specialmente ai conflitti che le scelte di quest'ultimo hanno portato all'interno della famiglia. Sarà difficile, per Katou, farsi accettare.

Si tratta di un manga complessivamente abbastanza lungo, ma che non stanca: la trama prosegue in una costruzione progressiva e logica, mostrando la crescita caratteriale e professionale dei protagonisti, ma senza trascurare del tutto una piccola serie di personaggi secondari. E se, arrivati all'ultima tavola, verrà voglia di tirare un "ma porc!?", ripensandoci, si capirà poi che, invece, non poteva esserci un finale diverso o migliore.
Come spesso mi accade, dopo aver passato molte ore con questi personaggi mi riesce difficile staccarmene. "Haru wo daite ita" è un manga che ti avvolge e sa trascinarti lontano, molto coinvolgente: penso ne avrei letto altrettanto senza stancarmene. La mia votazione non può quindi che riflettere tale coinvolgimento.