logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
npepataecozz

Episodi visti: 12/12 --- Voto 7
"Nessuno di voi ancora la conosce, è il cuore pulsante del Giappone centrale. L'ultimo luogo raramente visitato rimasto sulla Terra. Sto parlando della prefettura di Gunma!"

Ho voluto riprendere anch'io le parole della voce fuori campo che precede l'inizio di ognuno dei dodici mini-episodi che compongono la serie, in quanto l'ho trovata davvero divertente. In verità non amo tanto gli anime composti da episodi da pochi minuti, ma su questo credo sia giusto spendere delle parole di elogio.
"Omae wa Mada Gunma o Shiranai" è un anime "spot" della prefettura giapponese di Gunma. I motivi per cui si è ritenuto opportuno realizzare un'opera del genere si intuiscono guardando l'anime: si tratta della regione arrivata ultima nella classifica delle prefetture più attraenti del 2012, e quindi credo abbiano pensato che fosse il caso di fare qualcosa per cercare di risollevare la loro popolarità.

L'anime racconta le vicende di Kamitsuki, un adolescente che si trasferisce a Gunma e si trova ad affrontare le difficoltà proprie di un ragazzo comune che abbandona la propria casa per andare in una regione diversa. Assieme a lui si andrà alla scoperta di quei luoghi, prodotti, tradizioni per cui Gunma, a differenza di quanto si pensi, meriterebbe di essere visitata. Al termine degli episodi (di una lunghezza di due minuti circa) appaiono anche alcune personalità importanti della regione (il governatore, alcuni sindaci, ecc.), che danno il loro contributo alla causa, elogiando a loro volta le bellezze di Gunma.

Fin qui tutto come previsto, non servirebbe nemmeno perderci tanto tempo. E invece no, perché ciò che rende particolare questo anime è il modo in cui questo "elogio" di Gunma è stato concepito. A quanto ho capito, il resto del Giappone considera gli abitanti di questa prefettura come persone un po' strane; ma allora perché non usare questo progetto per propagandare un'immagine diversa degli abitanti di Gunma? Perché non gridare al mondo che la gente di Gunma è composta da persone normali? Probabilmente perché queste stesse persone sono orgogliose della loro particolarità e, se gli altri le trovano strane, saranno affari loro. E così il trasloco di Kamitsuki nella prefettura si rivelerà un vero inferno, a causa delle stramberie della gente del posto, delle stranissime tradizioni locali e della cucina "alternativa" di Gunma.

L'idea di aumentare la popolarità della prefettura prendendosi in giro da soli l'ho trovata fantastica. Immaginate se si proponesse una cosa del genere in Italia: ci sarebbero polemiche su polemiche, accuse di razzismo e chi più ne ha più ne metta. E invece si tratta solo di pura e semplice ironia.