Al compimento del suo ventesimo anno d'età qualche anno fa, i fan di Detective Conan avevano potuto saggiare una piccola parte del consistente "dietro le quinte" del manga di Gosho Aoyama attraverso una lunga intervista rilasciata dal maestro a tutti gli appassionati: è stato così che abbiamo scoperto, ad esempio, che la nascita dello spigliato osakense Heiji Hattori è stata dettata dalla necessità di un "rivale" per Shin'ichi Kudo durante la lavorazione della serie animata, e che l'intrufolarsi di Kaito Kid in Detective Conan non era esattamente previsto. In entrambi i casi, e forse anche un po' a sorpresa, i due personaggi hanno saputo conquistarsi uno spazio e una popolarità che nulla hanno da invidiare a quella del piccolo grande protagonista.
Poi, a distanza di diversi anni, ecco giungere Tōru Amuro, all'anagrafe Rei Furuya, nome in codice "Bourbon" e senza dimenticare il soprannome di "Zero."
 
detectiveconan-zerosteatime1


Sulle prime, Amuro sembra non avere dalla sua il carismatico brio di personaggi come Heiji e Kaito Kid, eppure la storia si ripete... anzi no. Accade qualcosa che sfugge alla logica, in una maniera tanto amplificata e risonante da risultare del tutto imprevedibile: tra il film animato Zero no Shikkōnin incentrato interamente su Amuro nel 2018 e i prezzi folli raggiunti dal merchandise specificatamente dedicato a questa figura, arriva in effetti ad essere sorprendente, in Giappone, il successo di un unico personaggio avviluppato in un misterioso trittico di complesse identità, una più affascinante dell'altra, al punto che per Tōru Amuro lo spazio tra le pagine di Detective Conan non basta proprio più.
 
E' così che nasce Meitantei Conan Zero No Nichijō, manga spin-off di Detective Conan scritto e disegnato da Takahiro Arai, creato con la supervisione generale di Gosho Aoyama. L'opera viene serializzata dal mese di maggio 2018 su Weekly Shōnen Sunday e pubblicata quando il manga principale di Conan è in pausa, alternata anche ad un secondo spin-off Detective Conan: Police Academy Arc Wild Police Story che vi ha fatto capolino tra i mesi di ottobre 2019 e novembre 2020.
Non uno soltanto quindi, bensì due titoli manga dedicati a Tōru Amuro, il primo dei quali ora arriva finalmente anche in Italia con il titolo Zero's Tea Time per Edizioni Star Comics, in un tankobon di dimensioni più ampie rispetto alla serie principale di Conan, proposto con sovraccopertina al prezzo di euro 5,50 dal 24 febbraio 2021.
Il primo capitolo dell'opera era stato inoltre selezionato tra i titoli proposti per il Free Comic Book Days dello scorso 3 dicembre 2020, la cui lettura era disponibile gratuitamente in tutte le fumetterie aderenti all'iniziativa.

 
torucuscino


Pelle ambrata e capelli biondi, ventinove anni, fisico prestante e straordinarie capacità deduttive, l'Amuro che lavora come cameriere al Cafè Poirot e che si propone come allievo di Kogoro Mori ha un curriculum di tutto rispetto alle spalle, di cui capitolo dopo capitolo apprendiamo svariati frammenti talora già accennati in Detective Conan: eccellente giocatore di tennis, ottimo studente all'Accademia di polizia, conosce e sa praticare mosse di jujutsu e di boxe, "cool" nell'aspetto e nei modi ma anche brillante e premuroso, osservatore e riflessivo, senza dimenticare le abilità culinarie dietro i fornelli del Cafè Poirot.
Il suo passato presso l'Organizzazione è sconosciuto, e in un'opera corale qual è Detective Conan anche a livello di presenze genitoriali e interconnessioni familiari, dei legami e della provenienza di Amuro siamo pressoché all'oscuro.

Nell'ambito del gruppo degli Uomini in Nero lo vediamo come manipolativo e calcolatore, collegato tanto ai genitori di Ai Haibara quanto a Shuichi Akai, che detesta profondamente; il suo carattere fin troppo allegro nasconde quasi di certo l'idea che probabilmente nessuno conosce per davvero ciò che gli passa per la testa, aggiungendo un'aura di charme ad un calderone di abilità che già sobbolle ampiamente.
L'attrazione fatale verso di sé Tōru Amuro la serba d'altronde nel nome, che palesemente deriva dalla celebre figura di Ray Amuro di Mobile Suit Gundam, mentre il nome Rei Furuya mescola quel medesimo 'Ray' (pronunciato 'Rei') con il cognome del doppiatore che ad Amuro presta la voce, al secolo Tōru Furuya; anche il soprannome Zero, inoltre, è frutto del significato attribuito al kanji  零 del nome 'Rei'.
Per il maestro Aoyama, d'altronde, i giochi di parole e gli omaggi citazionistici sono il pane quotidiano, anche se forse nemmeno lui stesso avrebbe mai potuto immaginare la popolarità che il suo Zero avrebbe riscontrato.
 
amuro poirot


Difficile, insomma, non cedere al fascino di un ragazzo come questo già nello sfogliare le prime pagine di Zero's Tea Time, che per la verità possono essere ascritte al puro e pieno fanservice di sorta: il lettore viene introdotto al protagonista osservando un Amuro che si desta e prepara nel proprio appartamento, un Amuro che arriva al Poirot per dedicarsi a tutta una serie di compiti che nessuno nota ma di cui tutti hanno bisogno senza saperlo, un Amuro che pulisce una pistola nella quieta oscurità della propria stanza con una chitarra alle spalle, un Amuro che si lancia su strada con una guida piuttosto sportiva. E non bastasse questo, ben altro non mancherà nei capitoli a seguire.
 
Al di là dell'evidente strizzata d'occhio una volta tanto dedicata perlopiù al pubblico femminile, l'intero volumetto si fa leggere in scioltezza: i capitoli fanno piroettare con sorprendente agilità il protagonista da una veste all'altra, proponendolo sia nella divisa di distaccato ufficiale di pubblica sicurezza, dov'è conosciuto con il suo vero nome di Rei Furuya, che in quella del misterioso Bourbon dell'Organizzazione, nonché nei panni dell'alias Tōru Amuro, apprezzato dipendente part-time del Cafè Poirot e detective a tempo 'perso', la cui vita quotidiana si arricchisce di piccoli e grandi accadimenti.
 
amuro haro


Attraverso vicende dal taglio marcatamente slice-of-life, Zero's Tea Time centra dunque un duplice obiettivo: il primo è quello di saziare il lettore che vuole vedere in Amuro qualcosa di più di una mera comparsa, quand'anche di rilievo, tra un'indagine e l'altra di Conan. Il secondo è la capacità di collocarsi come degno spin-off di Detective Conan, di cui rievoca con acume il gusto didascalico e deduttivo in determinati scambi di battute e vignette, ma senza porsi per questo come una scopiazzatura insapore.
Chi si ritrova tra le mani il volume, invece, apprezzerà come in Zero's Tea Time Amuro sappia essere protagonista di piccole storie dal ritmo disteso, composte da tasselli apparentemente insignificanti e soprattutto da svariate vignette di inquadrature silenti, che a differenza di Detective Conan lasciano al lettore la possibilità di raccogliere o meno l'indizio. O, perché no, di ponderare le idee durante una pausa caffè o l'ora del tè del pomeriggio, proprio come suggerisce il titolo dell'opera.

Da grandissimo appassionato del maestro Aoyama qual si proclama, il Takahiro Arai che in Italia conosciamo per la rivisitazione de I Miserabili, pubblicata da Goen, richiama il tratto del sensei Aoyama con un'affinità grafica piuttosto piacevole: anche in questo caso il disegno è estremamente simile a quello che si può vedere in Detective Conan, eppur dotato di una sua godibile identità attraverso un segno meno rigoroso, più marcato e per certi versi più morbido.
Come si è detto, la composizione delle tavole rispecchia il contenuto slice-of-life ed è dunque fresca e ariosa, con un 'aiutino' agli storyboard che giunge qua e là direttamente dal maestro Aoyama, come scopriamo nel dietro le quinte proposto in conclusione al volume.
Neanche a dirlo, poi, che gli espliciti rimandi ai personaggi già visti in Conan e a certi momenti di pathos da lì direttamente ripresi appaiono come inserti gradevoli, nonché come un rispettoso omaggio di Arai all'opera principale.
 
rei miyano


L'edizione di Star Comics propone il volume in un formato 13x18 cm privo di tavole a colori, più ampio del solito e dunque diverso rispetto al tascabile di Detective Conan, cosa che potrebbe far storcere il naso a coloro i quali avrebbero desiderato porre i tankōbon l'uno accanto all'altro sullo scaffale della propria libreria. Va detto tuttavia che le maggiori dimensioni giovano non poco alle tavole di Arai unitamente alla morbida sfogliabilità del volume, che di recente abbiamo iniziato ad apprezzare con le pubblicazioni dell'editore perugino unito ad una gradevole leggerezza nel peso della carta.

La traduzione è ancora una volta affidata a Rie Zushi; a tal proposito non sarebbe parsa fuori luogo una nota esplicativa relativa alla canzone popolare per bambini "Furusato" ('paese natale') del 1914 di cui si fa menzione all'interno del primo volume, conosciuta da tutti i giapponesi in quanto da lungo tempo insegnata nelle scuole pubbliche. Se le liriche della stessa avranno un significato ulteriore nell'ambito della storia personale di Amuro ancora non lo sappiamo, ma con ogni probabilità si tratta comunque di una piccola chicca ad opera di Aoyama, dal momento che "Furusato" è stata musicata da Teiichi Okano, compositore nato nell'epoca Meiji e originario di Tottori, città che ha dato i natali allo stesso Aoyama.
 
Amuro.Tooru illustrazione


Non c'è bisogno di soggiungere, quindi, che certamente questo spin-off è dedicato in primis, e quasi esclusivamente, a chi di Detective Conan non ne abbia mai abbastanza e non veda l'ora di esplorare ulteriormente il background di un personaggio su cui ci sono aspetti del suo quotidiano potenzialmente infiniti da raccontare.
Grazie al suo contenuto accessibile a tutti, però, Zero's Tea Time può proporsi anche come una serie tutto sommato dotata di una sua indipendenza, e che è possibile sappia ritagliarsi con il tempo una propria precisa identità.
E' da ricordare peraltro che alla pubblicazione del terzo tankōbon la serie aveva quasi raggiunto le due milioni di copie vendute, classificandosi inoltre al 6° posto dell'elenco dei titoli consigliati dai dipendenti delle librerie: il sito dell'Honya Club aveva pubblicato il ranking che vedeva collocati, tra gli altri, Jujutsu Kaisen al primo, La via del grembiule - Lo Yakuza Casalingo al secondo e Jigokuraku - Hell's Paradise al quarto posto. 
 
Si tratta di una lettura adatta quindi anche a chi del genere slice-of-life piace non farsi mancare nulla, nonché a tutti coloro i quali si scoprissero curiosi di saperne di più a riguardo della Amuro-mania, che affligge il Giappone da ben prima che i tempi recenti vedessero accendersi un fervore ancora maggiore dei confronti di popolari titoli come Demon Slayer o Jujutsu Kaisen.
Bizzarro sarebbe non comprenderli, semmai: come annoiarsi con una triplice identità da gestire, che a Tōru Amuro sembra a volte ancora non bastare?


 
triplice


Detective Conan - Zero's Tea Time  1

Da Bourbon, super agente degli Uomini in Nero, a Rei Furuya, agente segreto della NPA, senza dimenticare Toru Amuro, detective privato e cameriere del Café Poirot: qual è il trucco per gestire parallelamente questi tre ruoli senza perdere la testa?! Di certo è necessaria una routine decisamente impegnativa e... tutta da scoprire! Pronti ad affiancare l’uomo dalle molteplici identità in questo nuovo, attesissimo spin-off di Detective Conan?! It’s tea time!

Opera:  Zero's Tea Time
Editore: Star Comics
Nazionalità: Italia
Data pubblicazione: 24/02/2021
Prezzo: 5,50 €

Totale voti:   6  2  0


Shiho Miyano

Un "nulla di che" decisamente accattivante: bello il tratto, azzeccate le storie (che a nulla servono se non a far vedere quanto bello e bravo sia il nostro), un pizzico troppo reverente, aiuta pure signore anziane e cagnolini! :-D !!

 03/05/2021

Zero___Zone

Manga disegnato benissimo e Amuro è un bel personaggio........però mi è sembrato uno slice of life un po' inutile. Non è brutto ma nemmeno niente di imperdibile, speriamo che almeno nei prossimi volumi ci siano storie con un po' più di brio...

 04/03/2021

LaMelina

Si legge così in fretta ed è così rilassante, oltre che ben disegnato, che davvero è l'ideale per accompagnare una tazza di tè. Amuro è talmente TUTTO, che può fare qualsiasi cosa e io starei lì a guardarlo estasiata... (๑♡⌓♡๑) Haro è puccissimo!

 01/03/2021

zettaiLara

Amuro ha tante, troppe cose da raccontare, e ho trovato questo volume ben fatto nel proporle a piccole dosi di pillole del suo quotidiano irrorate da buon fanservice. Da figura solitaria qual è, le pagine con Haro mi han proprio emozionata çOç

 28/02/2021

Xxx aka Skorpion

Spin off che non aggiunge nulla e si capisce qual è l'unico motivo per cui sia stato realizzato, ma comunque una buona lettura. Dà molto fastidio il formato diverso da quello della serie originale.

 27/02/2021

FoxyAlice

I disegni mi piacciono molto!

 23/02/2021


Altri Voti




Titolo Prezzo Casa editrice
Detective Conan - Zero's Tea Time  1 € 5.50 Star Comics
Detective Conan - Zero's Tea Time  2 € 5.50 Star Comics
Detective Conan - Zero's Tea Time  3 € 5.50 Star Comics
Detective Conan - Zero's Tea Time  4 € 5.50 Star Comics