«Mi sono chiesta da dove nascano i pregiudizi. E sono sicura che succeda quando si rinuncia a capire le cose. Continuare a non conoscere qualcosa che potrebbe rivelarsi molto interessante... è veramente un grande spreco.»

Le parole pronunciate dalla giovane Nachi sono quelle di una persona che ogni giorno assapora sulla propria pelle il gusto amaro di sentirsi strana, fuori posto, "diversa". La sua persona sembra non riuscire a mischiarsi nel mucchio e la sua pelle chiara che non si abbronza nonostante gli estenuanti allenamenti sotto il sole, sembra quasi gridare al mondo che in realtà lei sia una fannullona, che nel softball non metta poi tutto questo impegno, che magari invece di fiondarsi in campo se ne stia in un angolino riparato. Non è neanche così brava in quello sport, non è mai titolare, non è mai "parte" di ciò che la circonda. 
Nachi non capisce perché nonostante i suoi sforzi, non riesca a mescolarsi, e ciò che di lei risalta sono sempre i suoi lati più singolari, o almeno questo è ciò che hanno decretato alcune delle persone che vivono con lei la quotidianità. Perché rifiutare il ragazzo più popolare della scuola è assurdo, è strano, decisamente non è "normale". 
Nachi in realtà non si sente davvero strana, ma il mondo che le ruota intorno la porta a chiedersi costantemente se non lo sia davvero.

Quando però la ragazza scopre che Utsumi, suo compagno di classe che a sua volta non sembra spiccare per qualità o meriti particolari, possiede un codino simile a quello di un maiale, anche lei fugge spaventata davanti a quell'anomalia, perché le cose strane possono spaventarci, le cose diverse possono farci scappare, possono farci ferire gli altri. Ma dopo la fuga, Nachi decide che vuole saperne di più, che vuole capire, che vuole conoscere davvero quel ragazzo con lo strano codino sul fondoschiena, perché chissà, forse questa stranezza che l'ha spaventata e sconvolta inizialmente, potrebbe essere qualcosa da amare una volta fatta la sua conoscenza.
 

Così come sei (Okashiratsuki) nasce dalla matita di Mizu Sahara, già conosciuta nel nostro paese per il dolcissimo My Girl e per la trasposizioni manga del film animato La voce delle stelle. Il manga giunge da noi grazie a Flashbook Edizioni nel classico formato dell'editore, al prezzo di € 5.90. L'opera, si è recentemente conclusa in patria con il quarto volume.

Se una coda di maiale ci riporta a Márquez, che in Cent'anni di solitudine dello strambo prolungamento sul corpo umano ne faceva simbolo di vite che come una spirale scorrono ma tornano sempre allo stesso punto, Mizu Sahara la usa come elemento rappresentante la "diversità": Utsumi è un ragazzo comunissimo, ma ha la coda di maiale, così come sua madre. Non sa perché, è così è basta, il codino a spirale è una parte del suo corpo e di conseguenza della sua intera persona.
Anche se Nachi inizialmente ha paura, trova il coraggio di fermarsi ad affrontare quel codino che l'ha spaventata, lo guarda per bene, si rende conto che in fondo... è persino carino!
Conoscere e riconoscere come normale l'esistenza del codino di Utsumi significa accettare una parte di lui, e da lì nasce il desiderio di sapere tutto del ragazzo, arriva la consapevolezza che quella persona ha molto da darle, e Nachi quel molto vuole averlo, mettendo in campo anche una tenacia di cui lei stessa non è conscia.
 
Così come sei

Utsumi, dal canto suo, si sente per la prima volta accettato da qualcuno che non sia sua madre o suo padre, ed è una grande scoperta, è una bellissima sensazione, è come poter finalmente perdonare se stessi e la propria diversità. Anche lui, come la compagna, ha fatto della sua unicità un segreto, una colpa, una frustrazione. Ma perché non siamo liberi di mostrare al mondo la nostra diversità? Perché veniamo giudicati per una coda di maiale, per il peso in eccesso o per quello in difetto, per un dente storto, per una famiglia "non convenzionale", per un colore della pelle diverso dalla maggioranza, per il nostro partner, per la nostra vita passata, presente e futura? In realtà la risposta non è facile, lo sa benissimo Nachi che davanti a quel codino è scappata a gambe levate, lo sa pure Utsumi che a sua volta è scappato da Nachi perché non conosce ciò che l'amica gli chiede. Siamo davvero in grado di vivere senza rifiutare ciò che ci spaventa? Possiamo riuscire a non scappare e non ferire gli altri quando questi si presentano dinnanzi a noi in tutta la loro unicità?
Paradossalmente, anche una persona ordinaria come la sorella di Nachi sembra trovarsi a disagio nella sua normalità, tanto da pensare di poter risultare noiosa per il suo stile di vita fortemente incastrato nelle norme sociali. Non è quindi solo chi appartiene a una minoranza a dubitare di se stesso.
 

Il primo volume di Così come sei presenta dei giovanissimi protagonisti che riflettono continuamente su se stessi e sugli altri, su come approcciare il mondo sconosciuto che l'altro porge nel momento dell'incontro. Mizu Sahara parla di diversità, di unicità, di sofferenza nell'affermare la propria persona in tutte le sue peculiarità, della difficoltà e della paura di affrontare l'ignoto ma anche della bellezza che da ciò può scaturire, e lo fa con il suo stile delicato e malinconico, che parla con i silenzi e i piccoli gesti dei suoi personaggi. Non è un manga sul bullismo, è una storia in cui tutti fanno degli errori e rifiutano e stigmatizzano ciò che non conoscono, perché quella dell'ignoto è una paura atavica, e solo con faciloneria potremmo dire di non temerlo. 
Il manga mette in evidenza il male insito in una società, quella giapponese, che abbassa la testa e copre gli occhi mentre il malessere attanaglia quelle stesse persone che finge di tutelare. Ugualmente però racconta di un male universale, di un mondo in cui le informazioni scorrono alla velocità della luce e connettono gli individui da un capo all'altro della terra ma in cui si è al contempo incapaci di mettersi faccia a faccia per guardare davvero l'altra persona.

Se la cover del volume sembra un acquerello sognante venuto fuori da una fiaba, il tratto che troviamo all'interno del volume è gentile ma reale, concreto e attento ai dettagli. La Sahara presta molta attenzione all'espressione dei suoi personaggi, agli occhi sempre pieni di stupore di Nachi, che più si addentra nel mondo di Utsumi, più scopre, più conosce e più impara.
 
«Mi piace. Utsumi-kun, il tuo codino... mi piace.»

 
Il primo volume di Così come sei è dirompente nei sentimenti che esprime ma gentile nel modo in cui li espone, e ci accompagna tenendoci per mano nel percorso di crescita di Nachi. Tramite i suoi occhi vediamo un mondo difficile ma al contempo ricco di opportunità, fatto di tante persone diverse da se stessi e proprio per questo tutte da scoprire; viviamo la paura della ragazza, i suoi dubbi, e assieme a lei vorremmo saperne sempre di più su quel codino di maiale e soprattutto sulla persona che lo possiede. Insieme a Utsumi ci chiediamo se la nostra diversità ci permetterà mai una vita normale, se le nostre unicità non siano una condanna alla tristezza e alla solitudine.
Così come sei ci offre l'opportunità di fermarci a riflettere sul mondo che ci circonda, e se le cose che non conosciamo sono potenzialmente infinite, allo stesso tempo saranno infinite le opportunità di fare nostra la conoscenza di esse.




Così come sei  1

Nachi Hiyama fa parte del club di softball della scuola e vive con un complesso di inferiorità a causa del colore chiaro della sua pelle che non ha la capacità di abbronzarsi come quella degli altri. Dal carattere particolare, famosa perché respinge tutti i ragazzi popolari che le si dichiarano, è poco simpatica alle ragazze che la considerano una snob. In realtà Nachi semplicemente non ha interesse verso alcuno di essi o l’amore in generale. Le cose cambiano però quando fa amicizia con il compagno di classe Utsumi.

Opera:  Così come sei
Editore: Flashbook Edizioni
Nazionalità: Italia
Data pubblicazione: 18/06/2021
Prezzo: 5,90 €

Totale voti:   14  1  0


Lollo74

Pienamente soddisfatto. Preso con qualche dubbio ma poi la storia prende e scorre bene. Molto belli i disegni.

 12/09/2021

riko akasaka

Mi è piaciuto molto più del previsto. Originale nel trattare il tema del diverso, con una protagonista carina ma di carattere che sa prendere l'iniziativa. Utsumi è adorabile, pure la sorella e il freeter sono dei bei personaggi. Aspetto impaziente il 2°.

 09/08/2021

Shiho Miyano

Molto belle questo primo volume: la paura e la curiosità (quasi il feticismo) per in diverso. e la madre di Utsumi che è, anche se più pacificata, "la donna della Colchide" di Christa Wolf. Però immagino qui la storia sarà decisamente più allegra!

 29/07/2021

Zero___Zone

Gli do fiducia, anche se non mi ha convinto pieno: il concetto di discriminazione è un po’ tirato per i capelli, ma in effetti è un problema rilevante per la società giapponese. Buono il disegno e i personaggi, soprattutto la sorella maggiore di Nachi.

 27/07/2021

Arwen1990

Sono sempre stata così attratta dal diverso che non ho difficoltà a capire quello che pensa Nachi. Avere una caratteristica unica è bello a prescindere da quale essa sia. Ma la società è altra cosa, dura e spietata, paurosa. La famiglia di Utsumi è amore

 20/07/2021

Boku_owl

Primo volume che ho trovato splendido, mi sono fin da subito affezionata ai due protagonisti (anche la sorella di Nachi e i genitori di Utsumi sono bellissimi pg) e la tematica del pregiudizio verso chi è "diverso" è mostrata in modo chiaro e particolare

 16/07/2021

shinji01

Un manga dolce e delicato. Però mi ha annoiato un po'...

 12/07/2021

Aminako

Dolce e di impatto allo stesso tempo. Sia per chi impara ad accogliere le diversità, sia per chi finalmente smette di difendersi dagli altri e impara ad essere speciale.

 12/07/2021

2247

Interessante il tono delicatamente sensuale della storia. L'accettazione è nel desiderio, nel voler toccare con mano letteralmente l'intimo dell'altro. Di contro la discriminazione è voler mantenere le cose stabili, pure, asettiche. Assenza di desiderio.

 08/07/2021

Arashi84

Un volume dolcissimo e al contempo che fa tanto male al cuore: il codino di maiale potrebbe essere il colore della pelle, una disabilità, un difetto di pronuncia, una qualunque cosa che allontani dalla "norma". E' impossibile non avere paura del diverso?

 04/07/2021

Ninfea

Bellissimo! Storia, disegni, personaggi mi hanno incantata; una maniera insolita di affrontare tematiche scomode, come il pregiudizio e l'accettazione di chi è apparentemente 'diverso'. Faccio il tifo per Nachi e Utsumi, soffro per loro e con loro.

 01/07/2021

Hamlet

La discriminazione qui impera. Un volume dove appaiono evidenti i mille difetti di un popolo che non riesce a vedere oltre i propri occhi, ristretto di mente e prigioniero dei pregiudizi, in una società che di moderno ha solo la tecnologia. Un bel quadro.

 29/06/2021


Altri Voti



Titolo Prezzo Casa editrice
Così come sei  1 € 5.90 Flashbook Edizioni
Così come sei  2 € 5.90 Flashbook Edizioni
Così come sei  3 € 5.90 Flashbook Edizioni