Misterioso, fantastico, coinvolgente, doloroso, sono solo alcune delle parole che mi vengono in mente nel descrivere Il castello invisibile - nuovo manga pubblicato della casa editrice Dynit.
 
Il castello invisibile

Tratto dall’omonimo libro di Mizuki Tsujimura e disegnato con sapiente eleganza da Tomo Taketomi, il castello invisibile racconta una storia di dolore, amicizia e speranza.
Dietro la sua copertina fiabesca – che ricorda le classiche storie fantastiche dove i protagonisti sono giovani eroi – si nasconde una storia molto più oscura e amara. Ci accorgiamo fin dalle prime pagine che Kokoro, la nostra protagonista, vive una situazione emotiva non proprio serena, causata dal bullismo delle sue compagne di scuola. Questa violenza le provoca un blocco psicologico - oltre che fisico - che le impedisce di comportarsi come una comune liceale.
Ed è qui che la componente fantastica entra in scena, tramite lo specchio che ha in camera, Kokoro, viene “scelta” da una ragazzina - che si fa chiamare Signora Lupo - e portata in un castello insieme ad altri sei ragazzi. A tutti loro viene chiesto di trovare una chiave nascosta all’interno del castello, ed entro un certo limite di tempo. Il premio che spetta al vincitore consiste nel poter esprimere un qualsivoglia desiderio che verrà immediatamente realizzato.

Anche se tutto può sembrare divertente e magico, si comprende che l’atmosfera risulta invece carica d’ansia e di ambiguità. È ovvio che i sette protagonisti vivono, in maniera più o meno evidente, gli stessi problemi, ma non si capisce perché siano stati scelti e coinvolti in questa strana caccia al tesoro, l’unica cosa certa è la loro voglia di cercare un posto che li faccia sentire protetti, al sicuro.

Per quanto riguarda l’albo in sé, sono stato colpito da come Tomo Taketomi sia riuscita a tramutare in disegno le emozioni di Kokoro: le sue paure, i suoi dolori, le sue ansie, le preoccupazioni, tutto è così ben caratterizzato, ed empatico, che riesce a far vivere al lettore la violenza delle maldicenze che subisce Kokoro. Quella paura irrefrenabile - e irrazionale - che ti toglie il respiro e ti fa sentire disorientato, in balia di una situazione all’apparenza così irrisolvibile. Nel primo volume, le emozioni sono state espresse meravigliosamente bene che tutto sembra così reale che senti di viverlo in prima persona.
Devo ammettere che parte di queste emozioni sono rese possibili anche dalla buona traduzione, realizzata in questo caso da Loris Usai. Il traduttore è stato così bravo nel rendere subito chiaro, efficace ed immediato il messaggio che l’autrice voleva trasmettere nel suo racconto, che ha reso estremamente “semplice” comprendere lo stato d’animo di Kokoro e dei vari coprotagonisti.
 

L'edizione è come sempre molto curata ed elegante - 224 pagine B/N con prima pagina a colori, copertina flessibile al prezzo di 12,90 €.
Mi rendo conto che Il castello invisibile può sembrare una lettura non per tutti, bisogna essere piuttosto predisposti per immergersi in questa lettura dove il confine tra malinconia e sconforto è sottile, e dove la violenza psicologica scatena nel lettore un sentimento di rabbia e fastidio, ma è proprio questo il suo punto forte; le emozioni. Ed è proprio quando ti senti sopraffatto, dove tutto sembra ormai impossibile da cambiare, che si intravede un barlume di speranza, di fiducia, che riesce a ricordarci che “non può piovere per sempre” e che la vita è mutevole. Per questo vi chiedo di fidarvi e di dare a quest’opera una possibilità, non ve ne pentirete parola mia.
Autore: CloveRed

 

"Mi fa male la pancia."
Come può una ragazza allegra, solare, avere paura di uscire di casa? Non ha un dolore fisico, ha un "dolore" mentale che non riesce a comunicare, non riesce a esprimerlo. Un passato che giustifica il tutto viene mostrato al lettore lentamente, un passo alla volta.  Le persone che le stanno vicine la amano, l'ambiente in cui vive dovrebbe essere sereno, eppure l'amore da solo non basta a volte. 
Uscirne da soli è molto difficile e si è soli in quei momenti, nessun adulto sembra comprendere. In fondo non sono cose importanti, in fondo sono solo sciocchezze, no, ciò che una persona sente e vive è sempre importante a prescindere dal contesto, ogni persona vive nel suo piccolo mondo. Se solo la magia esistesse davvero e salvasse quella povera ragazza... Se solo potesse realizzare un desiderio, quale sarebbe poi? Ecco all'improvviso una magia, un castello dove solo determinate persone possono accedervi, un gioco pacifico con un premio in palio molto allettante, un desiderio da poter realizzare. Tutto sembra perfetto, troppo perfetto, ma se chi organizza il tutto sembra un lupo, i ragazzi sembrano solo pecorelle...  



Quante domande affollano la mente, e lentamente nella lettura qualche risposta viene offerta, suggerita, ma siamo solo all'inizio.
Il castello invisibile è un manga che è capace di parlare di un qualcosa di molto doloroso e profondo in maniera delicata come una carezza sulla guancia a una persona che ne ha bisogno, una storia che fa star bene, ma qualcosa non convince. Sembra che qualcosa di importante sfugga ai protagonisti come al lettore, un qualcosa di voluto e ben costruito. Una lettura molto scorrevole farcita di personaggi dalla psicologia reale, il contesto magico non prevale sulla realtà, sulla vita dei protagonisti, che è a mio avviso un pregio importante e non scontato.
Dopo la lettura del primo numero si aprono tante strade da poter intraprendere, potrebbe seguire la strada più semplice ma anche avere risvolti imprevedibili e inquietanti e ovviamente anche solo accennarli... in ogni caso sarà una lettura piacevole. Un manga davvero consigliato.
Autore: Focasaggia


Il castello invisibile  1

Kokoro Anzai è una ragazzina di prima media che non trova il suo posto nel mondo e si è rinchiusa in se stessa, smettendo di andare a scuola. Un giorno, lo specchio della sua cameretta si mette a brillare all'improvviso. Oltre lo specchio c'è un mondo fantastico, dove Kokoro e altre sei persone come lei vengono accolte da un misterioso "lupo"... Adattamento a fumetti del romanzo campione d'incassi in Giappone, direttamente dalle pagine di Ultra Jump.

Opera:  Il castello invisibile
Editore: Dynit
Nazionalità: Italia
Data pubblicazione: 21/01/2022
Prezzo: 12,90 €


Totale voti:   11  0  0


smallville87

13 euro a volume, 4 in corso, quando posso comprare il romanzo da cui è tratto a 18 euro...

 14/04/2022

Arwen1990

Molto bello. La trama psicologica è molto intensa e fitta. Ogni bambino ha un suo malessere tutto personale e unico. Kokoro di apre definitivamente con le nuove compagne e ora sarà il turno di tutti gli altri. Davvero triste la sua vicenda.

 06/04/2022

Focasaggia

Molto bello, intrigante e misterioso. Nonostante i temi toccati siano profondi e complessi, la lettura è scorrevole, piacevole... e il mistero di fondo continua.

 03/03/2022

CloveRed

Toccante e misterioso, mi ha molto colpito come l'aurice sia riuscita a trasportare su carta, in maniera così chiara e diretta, le paure e le insicurezze della protagonista. Lettura scorrevole, temi difficil ma onesti, ottimi i disegni. Consigliato.

 23/02/2022

shinji01

Un primo volume delicato, molto ben disegnato, che fa presagire alcuni sviluppi di trame diverse senza chiarire già quale sarà la direzione. Un bel cast di personaggi con delle vite "sbagliate"

 12/02/2022

Tiger-lily83

Edizione curata, lettura scorrevole e si empatizza con la protagonista e gli “inquilini” del castello. Il gioco ed il premio sembrano più un pretesto per… Riusciranno ad aprire il loro cuore l’un l’altro? Anche per chi non conosce il romanzo. Ottimo

 07/02/2022


Altri Voti



Titolo Prezzo Casa editrice
Il castello invisibile  1 € 12.90 Dynit
Il castello invisibile  2 € 12.90 Dynit
Il castello invisibile  3 € 12.90 Dynit