Eccoci di nuovo. Tutto per voi il primo appuntamento con lo Yaruki 2019 - Italian Japstyle Comics Award, il contest di AnimeClick per le opere italiane con forti influenze manga. Nel corso dei prossimi due mesi vi presenteremo 15 opere PRO, mentre dopo l'estate sarà il turno delle opere indie. Ricordate di contattare yaruki4ever@gmail.com per ogni informazione sul contest e per candidare le vostre opere indie!

Iniziamo immediatamente con un pezzo da novanta: GG - Life is a Videogame scritto da Giacomo Masi e disegnato da Ilaria Gelli, edito da Tatai Lab.
 
Yaruki 2019
 
Ilaria Gelli. Appassionata di disegno fin da piccolissima, è alle scuole superiori che scopre i fumetti, in particolare i manga. Finito il quinto anno del Liceo Artistico di Lucca, si iscrive alla Scuola Internazionale di Comics a Firenze. Per tre anni partecipa ad una fanzine con alcune compagne di classe ed amiche, dopodichè lavora per l’Accademia Europea di Manga come insegnante nei corsi accademici, estivi e domenicali. 
Dopo vari lavori tra cui promoter Pentel e Copic, collabora alla realizzazione del film "Fukushima - A Nuclear Story", prodotto da Sky, occupandosi delle parti disegnate all'interno del docufilm. Attualmente lavora per la casa editrice TataiLab, un percorso iniziato due anni fa col la pubblicazione di "Canvas", un silentbook, e continuato con GG, il fumetto al quale sta lavorando anche adesso per la realizzazione del terzo e ultimo volume.

Giacomo Masi. Bello, carismatico e intelligente: Giacomo Masi non è niente di tutto questo.
Nato nel 1989 a Firenze, Giacomo inizia la sua carriera come sceneggiatore televisivo nel 2006, andando poi a mettere in pratica quello che ha imparato anche in numerosi progetti legati all'ambito cinematografico, videoludico e pubblicitario a Roma, Bologna, Milano e Firenze.
Oltre alla nuova collaborazione con Tatai Lab continua a portare avanti la sua professione di sceneggiatore e game designer per il videogioco Dry Drowning, per VLG e di docente di game design presso la Vigamus Academy

Lo sappiamo tutti su questo sito e non, il genere isekai è chiaramente ciò che va più di moda in questi anni, partendo da Sword Art Online fino a Re:Zero, e centinaia di altri, certe opere hanno monopolizzato la programmazione stagione dopo stagione; ma cosa succede quando non è il protagonista ad essere intrappolato in un videogame ma il gioco stesso a rimanere intrappolato nella nostra realtà?
 
E se il DLC di un videogioco sovrascrivesse la realtà? La storia racconta di un "party" di cinque amiche che una sera decidono di ritrovarsi per giocare assieme al loro videogioco preferito, "World of Ragnarock". Prima devono installare il nuovo DLC, ma il dowload dura la bellezza di dieci ore. Stremate dalla stanchezza, si addormentano sulle loro scrivanie, ma al loro risveglio ci saranno un bel po' di casini ad aspettarle...

Iniziare con GG mi è parso il minimo per mostrare che volto può avere il japstyle, un'ottima coesione di tecnica asiatica ed europea che ci porta un'opera che non è assolutamente uno scimmiottamento e che risulta essere squisitamente italiana, il che è in un certo senso la cosa più importante. Un fumetto divertente e leggero che ci porta nella normalissima vita di cinque ventenni che trovano una pausa dai loro problemi grazie ai videogame, proprio come la maggior parte di noi. Le cinque protagoniste sono sfaccettate e molto interessanti, capaci di rappresentare alcune delle personalità basilari nel mondo del gaming: abbiamo sia la nerd che sta chiusa in casa, come una ragazza che si arrabbia molto facilmente (flamer), ma non solo; è oltremodo interessante anche la figura della streamer dalle forme molto generose, una tipologia molto criticata ma sicuramente centrale al giorno d'oggi. Nessuna di loro in questi due volumi viene tratta con superficialità, il rapporto tra le ragazze del party è fortemente complesso, mostrandoci un'amicizia decisamente non così salda e quindi lontana da noiosi cliché.

La sceneggiatura è chiaramente di alto livello, la storia si mantiene sempre ad un livello piuttosto leggero cercando di mettere in primo piano soprattutto il caos creato dal progressivo e sostanziale cambiamento della realtà, ma entrambi i volumi scorrono con una grandissima facilità, grazie ad una scrittura attenta a non calcare mai eccessivamente la mano e a delle protagoniste sempre pronte a stemperare la tensione. Ovviamente, ha un grande interesse vedere come il mondo si fonda con quello videoludico così come anche loro man mano diventino sempre più simili alle loro controparti, il lettore (che sicuramente è un amante di videogames) si può sentire facilmente coinvolto dalle vicende e chiedersi come si comporterebbe nei loro panni. Del resto una domanda che si presta facilmente nella lettura del fumetto è: se voi aveste la possibilità di vivere un'avventura simile, tornereste alla realtà? La risposta è probabilmente la chiave di lettura definitiva che ci accompagnerà fino all'ultimo volume.

I disegni di Ilaria Gelli, di certo non una personalità come tante, sono come sempre una garanzia, la colorazione porta ad un livello successivo l'opera e il tutto è confezionato perfettamente da Tatai Lab, ormai una delle realtà più importanti e che promette di darci immense soddisfazioni pure nel lato japstyle. Mi permetto infine di sottolineare come sia essenziale che un'opera simile abbia almeno parte della sua anima al femminile, essendo GG un fumetto che chiaramente tende a farci arrivare anche un messaggio chiaro, conciso ma allo stesso tempo senza nessuna ossessione didascalica: le gamer esistono, hanno comportamenti praticamente uguali ai maschi e sarebbe bello non dover scrivere frasi così ovvie. GG è un'avventura come tante di quelle che forse avrete sognato anche voi, per questo e per molto altro è una lettura più che consigliata!
 
Yaruki 2019

Intervista agli autori:

Un piacere immenso avere con noi autori di questo livello, grazie ragazzi: pronti?

Ilaria: Prontissima!


Com'è nata la vostra opera?

Ilaria: Non è nata come un vero e proprio fumetto, ed ha subito tantissimi cambiamenti, ma lascio la parola a Giacomo che è lo sceneggiatore!

Giacomo: GG nasce dalla voglia di raccontare una storia fresca, genuina e divertente che sappia prendere in giro gli RPG e il genere isekai (che tanto va di moda in questo periodo) volendo comunque raccontare qualcosa di interessante e di valore.



Il vostro fumetto quanto lo sentite vicino ai manga? Può essere una buona definizione di japstyle, ovvero quando il fumetto italiano incontra influenze dal Giappone?

Ilaria: Tutta la mia formazione fumettistica ruota intorno ai manga, ho imparato e insegnato basandomi sulla tradizione giapponese. Con gli anni e l'esperienza lavorativa sono riuscita a trovare una mia dimensione, che penso sia a metà tra la tecnica orientale e quella che sono io, un'italiana influenzata da tantissime cose e persone che la circondano... E vivo questa dimensione come un arricchimento di me stessa e del mio stile! Ma forse la sto facendo troppo lunga, ahahah! In sostanza, lascio decidere ai lettori!

Giacomo: Lo sento estremamente vicino al manga e al japstyle, anche se ha comunque uno stile molto occidentale sul metodo narrativo e di impostazione vignettistica, cosa che lo rende totalmente unico!


Quali sono le vostre influenze artistiche?

Ilaria: Tanta della produzione giapponese dagli anni novanta ai primi duemila! Da piccola mi sono innamorata dei manga con Sailor Moon e Daitarn 3 (bambina coerente), e ancora oggi gli autori a cui più faccio riferimento sono orientali.

Giacomo: Domanda davvero difficile. Ho sempre preso a piene mani da qualsiasi media e artista, provando a indossare “gli occhiali della sceneggiatura” per trarre ispirazione da qualsiasi cosa, per questo mi è molto difficile definire delle influenze specifiche! Posso dire che per GG l'influenza è derivata moltissimo da Konosuba!


Ilaria, cosa utilizzi per il disegno e la colorazione?

Ilaria: Io, per GG, faccio tutto in digitale, dalle bozze al colore, utilizzando PaintTool SAI. Come tavoletta grafica invece ho una Wacom 21hd.


GG è un fumetto che riflette in un certo senso uno dei maggiori trand del Giappone, ovvero il genere "Isekai" anche se in questo caso non è la protagonista intrappolata in un mondo di fantasia, ma il mondo di fantasia che arriva nel mondo reale. A vostro avviso, come mai questo genere di storie sta avendo un grande successo?

Ilaria: Penso che tutti, giovani ed adulti, sognino, soprattutto in questi ultimi tempi, di scappare dalle responsabilità di ogni giorno; e negli isekai è proprio questo che succede. La morale è che le responsabilità te le porti dietro ovunque tu vada, non si può scappare, l'unica opzione è combattere. E questo che siano mostri, compiti in classe o bollette. 

Giacomo: Credo che il successo incredibile del genere sia dovuto dallo sdoganamento dei videogiochi in tutte le fasce di età e al desiderio nascosto di ognuno di noi di vivere all'interno di mondi fantastici, pronti a riscrivere la nostra vita.


Qual è la vostra esperienza col mondo videoludico? Avete mai pensato di voler rimanere intrappolati in qualche gioco? 

Ilaria: Ho iniziato a giocare ai videogiochi con Tetris, sfidando ogni giorno mio zio dopo la scuola e perdendo sempre miseramente. Crescendo, mi sono innamorata dei platform e degli RPG, i miei preferiti rimarranno per sempre Disgaea e Final Fantasy IX. Ultimamente, purtroppo, non ho molto tempo da dedicare ai videogiochi, un paio di sere alla settimana mi concedo una partita a League of Legends con gli amici. Rimanerci intrappolata? Mai, è già un successo rimanere viva nella vita reale!

Giacomo: Giocare ai videogiochi è letteralmente la mia passione più grande che mi ha accompagnato fin da bambino, e oggi ho la fortuna di poter dire che è diventata anche un lavoro, essendo un game designer e un insegnante! Certo, ci ho pensato più volte, e sono giunto alla conclusione che sarebbe davvero un incubo! Ed è proprio da questa idea che è nato GG!


La vostra opera vede come protagoniste delle ragazze: in questi ultimi anni (dal fenomeno gamergate), si è fatto un gran parlare di come le ragazze debbano essere considerate una parte integrante più che attiva nel mondo dei videogame (il che dovrebbe essere abbastanza scontato). GG vuole magari anche dare un messaggio in tal senso? Anche magari con la normalizzazione nel vedere ragazze giocare.

Ilaria: Precisamente! Ci siamo anche noi! Le ragazze che giocano ai videogiochi spesso vengono viste come animali mistici di cui una volta mio cugino ha sentito parlare ma non credo esistano veramente. Invece vi assicuro che esistono e che possono farvi anche il c...

Giacomo: Esatto, il messaggio di fondo che si voleva dare era proprio quello! La normalizzazione della ragazza gamer, superando stupidi stereotipi e cercando di dare un senso di umanità ad ognuna di loro! Abbiamo cercato di variegarle il più possibile, rendendole imperfette ma comunque molto vicine a quelle che sono le ragazze giocatrici della loro stessa età.


Quanti volumi ci possiamo aspettare per GG?

I volumi saranno tre in tutto! Quest'anno a Cartoomics è uscito il secondo numero, e il prossimo anno uscirà il terzo. Sarà un finale bomba.


Perché il vostro fumetto dovrebbe essere votato?

Ilaria: Mmmh che domanda difficile... Secondo me dovrebbe essere votato perchè ogni lettore, anche maschio, può ritrovarsi in una delle protagoniste. Nel volume due (e ancora di più nel volume tre) i personaggi si fanno "umani", e paradossalmente più il mondo intorno a loro diventa fantastico, più loro assumono tratti umani, con pregi e difetti che ognuno di noi ha. Io, nel piccolo delle mie capacità, ho cercato di riempire le cinque protagoniste di qualità condivisibili dai lettori, in modo da potersi immedesimare in almeno una di loro, e di poter vivere questa strana avventura insieme.
E poi ci sono i maialini fruttini. Cioè. Sono maiali... ma anche frutti.


Giacomo: Perché i disegni di Ilaria sono meravigliosi e credo che chiunque ami anche solo un minimo il mondo dei videogiochi e degli isekai saprà perdersi tra le pagine della nostra opera!


Un piacere immenso fare la vostra conoscenza, salutate pure i vostri fan!

Un abbraccio a tutti, e comunque vada, GG WP!

 



Link Utili:
GG (Facebook)
Motokosu (Instagram)


Grafiche a cura di Megane郭

Titolo Prezzo Casa editrice
GG  1 € 14.00 Tatai Lab
GG  2 € 14.00 Tatai Lab