Il primo episodio (di 39 previsti) dell'attesissima nuova serie dell'Uomo Tigre, Tiger Mask W, è finalmente uscito la scorsa settimana.
Questo intrepido lottatore con la maschera di tigre è sempre stato un'icona, una leggenda, in qualsiasi sua incarnazione: sia in Italia, dove la vecchia serie animata viene ricordata ancora oggi con grandissimo affetto; sia in Giappone, dove diversi celebri lottatori reali si sono succeduti sul ring indossando quella maschera.
A quasi cinquant'anni dalla tragica e bellissima storia di Naoto Date, può Tiger Mask affascinare e riscuotere successo ancora oggi?
La risposta è piuttosto ovvia per chi conosce la scena del wrestling giapponese, una disciplina ancora oggi seguitissima nel Sol Levante, e sa che l'attuale detentore della maschera, Tiger Mask IV, è nell'attuale roster della New Japan Pro Wrestling. Non stupisce, quindi, che proprio la New Japan Pro Wrestling sia stata coinvolta in prima persona nel progetto Tiger Mask W, che, a metà tra nostalgia e attualità, si pone l'obbiettivo di portare in animazione le meraviglie di uno sport ancora oggi seguitissimo ma poco affrontato nell'ambito dei cartoni animati giapponesi rispetto ad altri.

 

 

Proprio questa dicotomia tra classico e moderno è la cosa più affascinante di Tiger Mask W, ambientato ai giorni nostri, in tempi in cui i wrestler sono diventati personaggi pubblici dallo sterminato merchandise dedicato, ma con innumerevoli echi di atmosfere di tanti anni fa, di organizzazioni malvagie e allenamenti svolti combattendo orsi (tema di Zangief di Street Fighter in sottofondo) o scalando montagne innevate senza alcuna pietà per i propri compagni.
La serie sembra continuamente giocare sull'alternanza di questi aspetti.
Lo si nota subito, a cominciare proprio dalla grafica, che in parte è quella tipica delle ultime produzioni Toei Animation (Pretty Cure, Saint Seiya Omega, Abarenbou Rikishi Matsutarou) fatta di colori accesi e vivaci e di disegni un po' abbozzati in certi particolari, ma presenta anche dei tratti più sporchi, grezzi e ruvidi, chiarissimo rimando allo stile grafico dell'originale serie degli anni sessanta.

 

Da una parte, tanti personaggi femminili (in primis la procace Miss X, la cui prima entrata in scena coincide con un'inquadratura strategica) e persino probabili (e gradite, per quanto mi riguarda) implicazioni sentimentali; dall'altra, fisici muscolosi, violenza e quella otoko no konjou, la forza di volontà di un uomo, che è imprescindibile in una storia di questo tipo e che viene giustamente già messa in chiaro sin dalle prime battute.
I fans dell'attuale puroresu giapponese non possono che andare in brodo di giuggiole grazie alla comparsata di volti noti come Kazuchika Okada, Hiroshi Tanahashi, Togi Makabe e Yuji Nagata, che fanno bella mostra di sé persino nelle sigle, e ad una sfacciata presenza dei loghi e del merchandise della NJPW. Chi invece ha solo nostalgia del vecchio cartone animato che vedeva da ragazzino e non ha dimestichezza con l'attuale scena del wrestling nipponico, può altresì gioire per la presenza di tanti riferimenti alla serie originale, da Kentaro Takaoka all'evocato Mr. X, fino all'immarcescibile Tana delle Tigri.

 

 

Tiger Mask W mette in scena l'esaltante epopea di due amici che si ritrovano agli angoli opposti di un ring e che, presumibilmente, ritroveranno se stessi e il loro legame a suon di pugni e sottomissioni. La storia, che comunque è ancora tutta da scoprire, probabilmente non sarà il massimo dell'originalità, ma si è già colorata di tanti, interessanti, personaggi, e offre un'atmosfera impagabile, a metà tra classico e moderno e sin da subito intrisa di quella passione che da sempre caratterizza il wrestling.
Si prospetta una serie virile, tamarra ed esaltante, accompagnata come ciliegina sulla torta dalle musiche di un sempre fantastico Yasuharu Takanashi, che già ci offre brani orchestrati di grande atmosfera.
E, naturalmente, ci si esalta già con le sigle: la storica opening della serie anni sessanta rifatta in chiave più moderna e ritmata e una ending decisamente coinvolgente sia come musica che come immagini.
Chissà che non faccia capolino, prima o poi, anche il bellissimo tema personale dell'attuale Tiger Mask IV, "Omae wa tora ni nare"...

Tiger Mask W è un po' la chiusura di un cerchio, iniziato da un wrestler a cartoni animati che ha fortemente influenzato negli anni il wrestling reale e che ora torna, in un cartone animato a sua volta fortemente influenzato dalla scena del wretling reale. Ce n'è abbastanza per solleticare l'entusiasmo di diverse tipologie di pubblico.
Staremo a vedere, ma l'esordio è positivo. E, per una volta, non poteva davvero essere altrimenti.


Tiger Mask W 01

Titolo italiano:  Le due tigri
Titolo Originale: Ni-tou no Tora
Titolo Inglese: The Two Tigers
Titolo Kanji: 二頭の虎

Data italiana: N.D.
Data in patria: 01/10/2016
Durata: 24 minuti

Totale voti:   27   2   2 


acquarius30

salve ragazzi volevo vedere gli episodi ma non so come si fa se x favore mi inviate qualcosa voi x vederli

 02/01/2017

Duke Fleed

A questa serie manca tutta la drammaticità dell'originale e hanno messo troppi elementi umoristici che stonan. Il protagonista non ha un milesimo del carisma di Naoto Date

 18/10/2016

hakodate93

Anch'io ho trovato molto buono il mix tra vecchio e nuovo. La trama sembra riprenderà molto della vecchia serie, ma questo tuffo nel passato non mi dispiace affatto. Le premesse sono buone.

 16/10/2016

Antonio.

In genere non male, i disegni non mi piacciono granché, e l'animazione non è nulla di speciale, ma mi ha tenuto incollato fino alla fine. Mi sono gasato quando l'uomo tigre è salito sul ring!

 04/10/2016

Kuroi Karasu

A primo acchito mi è sembrata una pallida imitazione delle 2 serie precedenti con la novità dei due lottatori tigreschi e francamente a me questo e l'effetto nostalgia non basta.

 03/10/2016

sheva79

Bella questa prima puntata, dove facciamo la conoscenza con i vari personaggi. A differenza di quanto temessi, questa serie sembrerebbe avere delle buone potenzialità.

 03/10/2016

Naco

Disegni che ricordano la vecchia serie, riferimenti a non finire... Mamma mia che nostalgia! *_*

 03/10/2016

marcotano-san

grafica volutamente old style ,ricorda la serie storica.Tanti richiami al passato ma è giusto così.Si preannuncia interessante anche se la trama è per forza ovvia.Lo seguirò.

 03/10/2016

HypnoDisk

Come introduzione (ma quanti pg?) direi che il riscontro è positivo. Non si sprecano i nomi riferiti alla vecchia serie (Miss X, Ruriko, Naoto, Demone Giallo ecc...) più il buon vecchio Ken Takaoka.

 03/10/2016

KazuyaRyuzaki

Primo episodio straepico!!!! Ottimo mix riuscito tra classico e moderno, per il momento sopra le più rose aspettative, Tiger Mask è tornato!!! Carisma assoluto!!!!!

 02/10/2016

Niccolò

Il comparto tecnico lascia un po' a desiderare ma tutto sommato si lascia seguire.

 02/10/2016

GianniGreed

Un bel primo episodio. Buona la storia e molto gasante l'entrata sul ring del nuovo Tiger Mask. Peccato per i disegni e le animazioni di bassa qualità. Comunque mi è piaciuto molto.

 02/10/2016

Thorgrim

Torna Tiger Mask e la Toei non si risparmia in nulla: animazioni ottime, bel character design ed una regia che riesce a rievocare un certo gusto vintage alla modernità. Un esordio più che positivo.

 02/10/2016

chomp96v2

Primo episodio che mi ha sorpreso molto in positivo, per lo stile grafico tra il passato e il presente e per la violenza caratteristica della serie che pare esserci anche qui, molto bene per adesso.

 02/10/2016

Kotaro

Un mix tra classico e moderno, che colpisce con una storia dalle molte potenzialità e di grande interesse.

 02/10/2016


Altri Voti