logo AnimeClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
whitestrider

Volumi letti: 14/14 --- Voto 8,5
Kasane è la sventurata protagonista di questo manga: nata infatti con un volto piuttosto inguardabile, viene fatta spesso oggetto di scherno ed emarginazione da parte dei suoi compagni di classe e perfino da suoi parenti fin da piccola. L'unica persona che l'ha mai amata è sua madre, che tuttavia viene a mancare molto presto. L'unica cosa che le dona un po' di gioia è la sua passione per la recitazione, passione che tuttavia mantiene segreta, perché si vergogna profondamente del suo aspetto, ed ha paura dei giudizi degli altri. Nonostante una sua compagna di classe la scopra per caso e la inciti a recitare Kasane rifiuta categoricamente, per non peggiore la sua situazione. Un giorno, tra gli oggetti lasciati da sua madre, ritrova uno strano rossetto, dotato di una capacità alquanto particolare: permette infatti di "rubare" il viso di chi viene baciato, scambiandolo tra 2 persone. Grazie a questa inaspettata possibilità riesce finalmente ad esibirsi di fronte ad un piccolo pubblico, prendendo il posto di una ragazza mentre è svenuta.
In seguito viene avvicinata da un losco individuo, ex agente di sua madre, che le dice che sua madre gli aveva chiesto di aiutare Kasane nella sua carriera di attrice. Gli rivela anche uno dei (tanti) segreti di sua madre, attrice molto famosa ma che ad un certo punto si ritirò dalle scene, ovvero che anche lei faceva uso del rossetto per rubare il volto che l'aveva resa celebre, e che Kasane dovrebbe fare lo stesso, altrimenti non avrebbe speranze di sfondare con il suo attuale aspetto. I due riescono a trovare un'attrice esordiente molto bella, ma che soffre di un caso piuttosto grave di narcolessia, cosa che ovviamente le impedisce non solo di condurre una vita normale, ma anche di proseguire con la recitazione. Le cose iniziano a girare bene per Kasane, che per la prima volta nella sua vita si sente apprezzata. Nina, invece, l'altra ragazza che "presta" il suo volto a Kasane, non è per nulla soddisfatta della sua vita: costretta a vivere praticamente come "ombra" di Kasane, la quale è anche molto più brava di lei a recitare, dopo aver assistito ad uno spettacolo di Kasane con la sua faccia precipita in una profonda depressione e cerca di togliersi la vita. Miracolosamente sopravvive, ma è in coma profondo, situazione fortunata per Kasane visto che può ancora utilizzare la faccia di Nina per recitare. Tuttavia le cose stanno per precipitare un'altra volta, visto che un nuovo personaggio legato a Kasane e sua madre sbuca dal nulla, che rischia seriamente di sconvolgere tutti i piani di Kasane e del suo manager.

Meglio fermarsi qui con la trama, visto che è solo l'inizio di questa intrigante (ed a tratti molto triste) storia, piena di misteri, pathos, speranza e redenzione (di alcuni personaggi, almeno). Non è facile avvicinarsi ad un manga del genere se si pretende una coerenza narrativa di ferro (un esempio su tutti: perché Kasane non ricorre alla chirurgia estetica per "sistemare" una volta per tutte il suo volto?), ma per chi è disposto a lasciar correre e lasciarsi trasportare dalla storia e dai suoi personaggi Kasane potrà risultare sorprendente. Devo ammettere che il particolare che mi ha affascinato e convinto ad iniziare la lettura sono state le bellissime copertine dell'autore (non che i disegni effettivi del manga siano brutti, anzi), molto particolari, con volti evanescenti, a volte beffardi, in ogni caso sempre bellissimi (e condannati ad una perpetua infelicità).

Un vero peccato che il manga non sia al momento in cui scrivo (settembre 2019) ancora disponibile in italiano, mentre è facilmente reperibile in inglese, fortunatamente. Un vero peccato perché è un'opera piuttosto interessante, differente dal solito e capace di far riflettere un po' più del solito "ciò che conta è la bellezza interiore" (cosa vera fino ad un certo punto, in ogni caso in Kasane i personaggi non sono quasi mai "belli dentro e fuori", o brutti esteriormente ma dotati di un'anima cristallina e pura, no, le cose sono spesso assai più complicate. Ci sono personaggi più o meno detestabili o amabili, la stessa Kasane è una vittima sì, ma non si fa troppi scrupoli ad utilizzare il rossetto "magico" per raggiungere i propri obbiettivi (diventare un'attrice di prima classe), senza pensare troppo alle conseguenze. Non che questo la renda per forza la "cattiva" di questo manga, o quanto meno non è l'unica, non è la peggiore. Infatti ad un certo punto vengono a galla i segreti più torbidi e scioccanti relativi alla madre di Kasane e soprattutto al suo passato. Segreti che saranno in grado di segnare le vite dei personaggi principali di questa storia per sempre.