Siamo ormai ben oltre la metà delle opere presentate qui allo Yaruki 2019 - Italian Japstyle Comics Award, categoria Indie. Vi ricordo che CLICCANDO QUI potete ancora votare le opere PRO in gara.

Continuiamo quindi con Angam di Delos Veronesi e Ivan Passamani
 
Yaruki Angam
 
Delos Veronesi, classe Star Wars, legge da quando ha memoria e ha sempre coltivato la passione per la scrittura. Scrittore da sempre appassionato di fumetti, ha riversato il suo amore per manga e comics nei suoi romanzi in attesa di esordire con la sua prima sceneggiatura. Autore della saga I figli del Newman, di cui sono già usciti i primi due romanzi Winter e Skin editi da Watson edizioni, ha vinto numerosi premi e contest in ambito letterario grazie al suo stile narrativo veloce e facilmente riconoscibile. Costantemente al lavoro su nuove idee, Delos collabora anche con il sito www.leggeredistopico.com, nato per promuovere la letteratura distopica, nel quale pubblica articoli, recensioni e gestisce la sezione dedicata ai fumetti con particolare attenzione alle simpatiche interviste agli autori.

Tra le sue pubblicazioni più importanti:
Winter – 2017 – Watson edizioni
Skin – 2019 – Watson edizioni
Kowloon Moon – 2019 – Delos Digital


Ivan Passamani è nato a Levico Terme in provincia di Trento, classe 1976, cominciai i primi passi nel mondo del disegno e dell’arte sequenziale all'età di 24 anni. Da sempre lettore accanito di Tex e Dylan Dog, rimasi colpito in seguito dalle opere giapponesi, manga appunto, e dal modo di raccontare le loro realtà immaginarie al pubblico. Iniziai a studiare molto per affinare la tecnica grafica presso associazioni artistiche e illustratori professionisti, partendo dallo stile classico italiano per poi proseguire da solo attraverso le tecniche del manga giapponese. Ancora oggi continuo a sperimentare nuovi metodi per realizzare storie che possano divertire i lettori che ci seguono regalando loro un momento di svago e riflessione.

Pubblicazioni:
“Love Sabbath”: genere: Graphic Novel horror; testi: Marco Torti edita dalla EF Edizioni, 2014.
“Il Trono Insanguinato” genere: Graphic Novel horror; testi: Federico Iannil edita dalla EF Edizioni, 2015.
“La morte di Tre uomini Liberi”: breve episodio per il libro “Festa d’Aprile” genere:storico drammatico; testi: Federico Iannil edita dalla Tempesta Editore, 2015.
“in the House of Horrors” genere: Graphic Novel horror; testi: Marco Torti edita da Novel Comix, 2016.
“Cose da ExtraTerrestri” genere:comico; testi Marco Torti per la rivista digitale Sbam, sotto la supervisione di Antonio Marangi, 2015
“La Leggenda della Dama Bianca” testi: Alessandro Bencivenga per la Proloco di Pergine Valsugana (TN), 2015.
“Love for Dogs” spot in formato di corto animato; regia di Alessandro Bencivenga per la Proloco di Pergine Valsugana (TN), 2016
“Spazio Profondo” genere: sci-fi horror; testi Ivan Passamani con al collaborazione di Marco Torti edita da Brudas Art, 2017-2018.
 
Nell'universo esistono infinite realtà, simili tra loro e al contempo segnate da piccoli dettagli che le hanno spinte verso sviluppi sempre differenti. In una di queste realtà l’Eurasia è unita sotto un unico regno, chiusa in un nuovo sakoku che ne ha fermato lo sviluppo in un periodo molto simile ai nostri anni ’80. Privata delle influenze esterne, la tecnologia dell’Impero ha intrapreso nuove strade alla ricerca di un’energia cosmica che va oltre le capacità di comprensione. Nascosti tra le costellazioni gli dei hanno sempre osservato il multiverso, per guidarlo e proteggerlo come farebbero dei genitori con dei bambini incapaci di comprendere la differenza tra il bene e il male. Zeus, colui che tutto sa e tutto vede, ha incaricato i Paladini di Orione di vegliare su questa linea temporale per difenderla dall'ambizione dei mortali. Gli Angam, dispregiativo con cui i Celestiali chiamano gli esseri umani, hanno scoperto l’UD e rischiano di liberarne il potere senza esserne degni. Betelgeuse decide che vanno fermati e invia sulla Terra uno dei suoi fratelli…

Non potevamo non tornare a parlare di un'opera pregna di azione e dalle tine fortemente dark, ecco a voi Angam. Immediatamente vi consiglio di leggere le prime tavole, di visionare lo scontro, lasciarvi trasportare e notare quanto, anche questa volta, venga riproposto esattamente quello che ci aspetteremmo tutti quanti da un vero e proprio manga. Angam è un fumetto forte, d'impatto, ma che nel proseguo di questo suo primo volume di debutto si mostra anche più timidamente, facendoci comprendere quanto abbia davvero da offrire al lettore, che la storia creata da Delos è davvero lunga e complessa. Subito dopo il primo scontro infatti veniamo catapultati nel pianeta terra dove facciamo la conoscenza di nuovi personaggi, e anche il nostro protagonista comincerà ad aprirsi maggiormente, non solo a lettore ma anche a se stesso, ai suoi dubbi e quella che sarà la sua vera natura. 

Un primo volume tutto da scoprire ma che ben notiamo quanto sia "solo" l'inizio di un cammino, la storia come detto si presenta come lunga e ben strutturata, quindi chissà quanto altro ancora dobbiamo aspettarci, quali altri scontri e colpi di scena, già si possono immaginare repentini cambi di fazione. Vorrei infine sottolineare il rapporto proprio tra i due autori, nato per logiche vicissitudini dovute all'interesse comune nel creare un fumetto e proseguito con affetto, perché del resto sono anche queste le storie che vogliamo (e che, personalmente, dal 2015 amo raccontare qui sul sito e nelle fiere) raccontare allo Yaruki, il mondo del fumetto indipendente non è solo tanta bravura e tanti sacrifici ma sinergia, collaborazioni e rapporti particolari che si riescono a creare solo in certe situazioni. Non possiamo che augurargli il meglio!
 
Yaruki 2019


Intervista agli autori:

Ragazzi, finalmente siamo arrivati a voi: pronti?

Delos: Certamente siamo nati pronti… No non è vero, a essere sinceri ancora ci tremano le mani per l’emozione. Apparteniamo alla vecchia stirpe nerd e quando eravamo ragazzi sognavamo di poterci trovare in una situazione di questo genere, essere tra i finalisti di un concorso dedicato ai manga italiani è qualcosa che non avevamo sperato.

Ivan: Prontissimi!!! Ma non troppo! L’’emozione è davvero tanta.
Poter partecipare a questo Concorso è stata davvero una sorpresa inaspettata. Un piccolo sogno che si realizza.


Com'è nata la vostra collaborazione?

Delos: La collaborazione è nata grazie a quella lunga serie di coincidenze che capitano con la stessa frequenza degli allineamenti astrali. Io stavo cercando dei disegnatori per portare avanti alcune sceneggiature ma tutti quelli che conoscevo erano già impegnati in altri progetti, un amico mi ha consigliato di sentire Ivan e quando l’ho fatto ci siamo trovati subito in sintonia. Da quel momento è iniziata la nostra collaborazione e la nostra amicizia.

Ivan: Come ha detto Delos, da una serie fortunata di coincidenze del tipo: “L’uomo s’illude di essere il fautore della propria vita ma vi sono elementi superiori che guidano e controllano il destino di ognuno di noi.” Giusto perché è sempre bello citare le frasi di Berserk.


Delos, come mai hai avuto tutta questa voglia di creare un manga ad ogni costo?

Delos: Quando ero ragazzo andavo alle fiere del fumetto e inseguivo i vari VIP per mostrargli le mie storie, il mio sogno era scrivere fumetti. Per anni ho colmato questa voglia trasformando le mie storie in romanzi ma ho sempre continuato a sperare di trovare qualcuno con cui realizzare il mio primo fumetto. Ho sempre letto di tutto ma i manga sono stati la colonna portante della mia fantasia e dei mei sogni.

Quali sono le vostre ispirazioni?

Delos: Siamo ancora troppo lontani dal lusso di poter avere delle ispirazioni, tutto quello che arriva lo viviamo come un traguardo inaspettato. Fare programmi non funziona e i sogni tendono a infrangersi lasciandoti dell’amaro in bocca. Meglio vivere il momento.

Ivan: Comunicare attraverso queste Opere i nostri pensieri, le emozioni e tutti i sentimenti che proviamo ogni giorno nell’affrontare la vita e la realtà che ci circonda.


Quanto durerà Angam, quando avremo un prossimo volume?

Delos: Angam durerà…. Non posso dirlo. Onestamente non posso dirtelo perché una delle basi della nostra cooperazione è la libertà di espressione. Ivan si fida della mia storia e io della sua interpretazione. Io scrivo la storia e i dialoghi ma non gli do un’impostazione precisa delle tavole, lui le interpreta in base alla sua percezione grafica. E’ una collaborazione alla pari dove entrambi mettiamo il 50% della creatività, tutto questo per dirti che posso aver pensato a un tot di volumi ma tutto dipende da come deciderà di crearli Ivan.

Ivan: Il prossimo volume è in fase di arrivo (ormai mancano davvero poche pagine). Ma penso che ne seguiranno altri perché c’è tanta carne al Fuoco. Ringrazio Delos della fiducia che mi ha dato finora, perché questa si è trasformata nella libertà di espressione che mi serviva. Mi sono sentito coinvolto nello storyborad in modo attivo e questo ha permesso di creare una storia completa e personaggi credibili che sognano e crescono con noi, pagina dopo pagina.


Quali sono i vostri sogni artistici?

Delos: Troppi per dirli tutti in una volta e troppo lontani per crederci. Sapere che c’è qualcuno che legge e apprezza quello che facciamo è una soddisfazione che da sola vale tutto l’impegno che ci abbiamo messo.

Ivan: Disegnare finché le mani riusciranno a tenere. Far nascere quelle emozioni che spesso sono assopite nell’animo dei nostri lettori. Vedere la faccia entusiasta di chi legge la tua Storia e, un’istante prima della chiusura del volume, sentire ancora una volta la frase: “Bello! Mi Piace!”


Cosa ne pensate del mondo del manga italiano?

Delos: È un mondo ancora inesplorato. Il manga italiano ha iniziato da poco a mostrarsi al pubblico, sta finalmente superando la diffidenza dei lettori e spero che presto possa ritagliarsi la sua fetta di popolarità. In Italia ci sono moltissimi artisti di talento, hanno solo bisogno della possibilità di esprimersi liberamente e senza costrizioni di stile.

Ivan: Penso che sia una realtà, che vuole crescere, vivere e affermarsi. Da sempre è stato oggetto di molte controversie e contese, ma il Manga Italiano può solo fare del bene al panorama del nostro Fumetto. Ci sono molti giovani di talento, con idee nuove e questa forma d’arte è forse il modo più efficace per far ripartire la nostra Arte Sequenziale.
Il Manga Italiano è rimasto a margine per troppo tempo e ora è il momento di farlo partire.


Grazie del vostro tempo ragazzi, concludiamo il tutto con un saluto

Delos: Grazie a voi e speriamo di risentirci presto!

 


Link Utili:
AngaM (Facebook)
Ivan Passamani Art (Facebook)
Delos Veronesi Scrittore (Facebook)
Brudas Art Online Shop

Leggere Distopico


Concorrenti Precedenti:

Lylun Eye
A Place To Belong
CodeX
Imperfecta Lux
Ædon

La Casa delle Streghe
Letzter Wille
Lolicon Degree


Grafiche a cura di Megane郭

Per maggiori informazioni sull’award contattare yaruki4ever@gmail.com