Da quando si è diffusa la notizia dell'imminente arrivo di un remake animato per Fruits Basket, tratto dall'omonimo ed amatissimo manga di Natsuki Takaya, in Italia per Panini Comics, la trepidazione da parte di fan e non è cresciuta giorno dopo giorno: il ritorno in TV della serie è ora realtà con Fruits Basket 2019.
Queste le nostre prime impressioni sul remake, ma attendiamo le vostre nei commenti!
 
 
TORU KISA
La dolce Tohru Honda, già orfana di padre, dopo la morte della madre, è costretta ad andare a vivere col nonno, poiché nessun altro parente si vuol prendere "il fastidio". A causa di alcuni problemi, ben presto però si trova costretta a lasciare l'abitazione, e decisa ad andare avanti con le sue forze, inizia a vivere in una tenda in un bosco. La positività della ragazza non basta e sciagure si susseguono: un tifone spazza via la sua "casa-tenda". Nel momento di maggior sconforto è Yuki Soma ad aiutarla, un compagno di scuola detto "principe" per via del suo bell'aspetto e i modi raffinati. Yuki le propone di trovare sistemazione nella casa in cui vive con dei parenti: Shigure, romanziere brillante, e Kyo, un ragazzo introverso con il quale ha un pessimo rapporto. Toru accetta l'invito estesole da Yuki e Shigure e scopre ben presto il segreto di casa Sohma: quando i membri della famiglia vengono abbracciati da una persona di sesso opposto, si trasformano in uno dei dodici animali dello zodiaco cinese! A prima vista la cosa potrebbe apparire divertente, si tratta in realtà di un'oscura maledizione a cui sembra impossibile sottrarsi.
  
 
hirochan


 
Tre episodi che ci presentano un nuovo personaggio e approfondiscono una delle colonne della serie. Andiamo quindi con ordine: Hiro è davvero un bambino difficile. Ammetto che anch'io avrei reagito come Kyo ^^'' Anche se vederlo amare così tanto Kisa, lascia davvero stupiti. Così come mi ha lasciata molto stupita scoprire che Hana ha davvero dei poteri!! Io credevo che giocasse solamente con la sua aura dark e invece.... quante ne ha passate. Anche con il supporto costante della sua famiglia, quanto dolore. Ma le preghiere sono esaudite dopo tutto. Unica nota stonata le tipe del fan club: va bene alleggerire l'atmosfera, ma le ho trovate decisamente sopra le righe. Troppo urlato, troppo concitato. Divertente per un pochino, poi a me ha stancato.
Autore: Hachi194
 
 
saki
 
Questi episodi si aprono con l'arrivo di uno dei personaggi meno simpatici del cast. Capisco la timidezza, la gelosia, i soliti magheggi di Akito (sempre lui) alla base di tutto, ma il bimbo-fastidio è davvero tanto fastidioso, e se c'è un personaggio che deve aprirsi e cambiare alla svelta è proprio lui.
In seguito, si passa ad esplorare il passato di Hana come fatto in precedenza con quello di Arisa. Ricordavo che questa parte fosse più avanti nel manga, ma forse sbaglio. E' un duo di episodi dall'atmosfera diametralmente opposta: divertente e ricco di gags il primo, pesante e drammatico il secondo.  Avrei personalmente forse invertito la dose, dal momento che il flashback è stato davvero pesante e avrei preferito stemperare il dramma con un episodio più leggero successivamente.                                                                           
Autore: Kotaro
 
kyo hiro


 
Mi piacerebbe dire "la quiete prima della tempesta" ma queste tre puntate sono tutt'altro che tranquille, e ognuna a suo modo, aggiunge un nuovo tassello nell'intricato mosaico dei personaggi di Fruits Basket.

Episodio 20: così come nella vecchia serie, l'arrivo di Hiro viene anticipato rispetto al manga, ottima scelta che permette di conoscere uno dei più giovani membri della famiglia Soma. Ammettiamolo, Hiro non è la simpatia incarnata, né nei confronti di Tohru, né con gli altri membri della famiglia. Eppure Hiro non ha problemi con i suoi genitori, anzi, è un bambino molto amato, allora perché questo atteggiamento da bulletto saccente? Hiro è un elemento un po' particolare della famiglia, che se dovesse essere paragonato ad un altro Soma, incredibilmente sarebbe da comparare ad Hatori. Questo perché il bimbo non vive la sua vita in maniera distorta a causa della maledizione, né per un cattivo rapporto con i genitori: Hiro è semplicemente innamorato e soffre perché non riesce a prendersi cura della persona amata. Al contrario del bel cavalluccio marino però, Hiro è un bambino e non ha i mezzi per adempiere al suo scopo, né è abbastanza maturo da capire quale sia la cosa migliore da fare, quindi si comporta in maniera pomposamente adulta per sopperire ad un'infantilità e ad un'impotenza di cui è pienamente e tristemente consapevole. Tohru poi è il bersaglio perfetto per sfogare la sua frustrazione, sia perché è una tontolona, sia perché ha instaurato con Kisa un rapporto speciale, cosa che lui non può fare, e quindi ne è follemente geloso. Insomma, Hiro è un bambino molto immaturo ma al contempo "adulto" poiché conscio di quella stessa immaturità, è un uomo in divenire ma non può avere fretta, non può crescere alla svelta per proteggere Kisa, il tempo biologico dei nostri corpi è una cosa anche più solida della maledizione dei Soma. 
Alla fin fine, non mi sento di condannare Hiro per i suoi atteggiamenti antipatici e fastidiosi, è anche lui una vittima della crudeltà di questa maledizione, che come dimostra ampiamente il suo personaggio, non si limita a una trasformazione, ma intacca il senso della propria vita e delle relazioni con gli altri, corrompendole e distorcendole. Il piccolo Hiro, inoltre, ha ancora qualcosa da raccontarci su se stesso, e quando lo vedrete crescere e diventare un ometto (dentro, per il fuori ci vuole ancora parecchio), non potrete fare a meno di apprezzare il suo coraggio.
 
club di yuki



Episodio 21: sarà pure una puntata stupida e filler, ma l'avevo adorata nella vecchia serie e ci tenevo tantissimo che venisse riproposta. Non si racconta niente di che in questa puntata, se non che il fanclub del principe Yuki si reca a casa della "strega delle onde" per cercare di conoscerne i punti deboli e così abbatterla. Perché questo gruppo di simpatiche imbecilli pensa che eliminando le "guardie del corpo di Tohru", sarà più facile sistemare la megera che attenta alla virtù del loro amato. Però a me il fanclub sta simpatico, soprattutto Motoko, la capa, perché dopotutto queste adoratrici non fanno nulla di male, non sono neanche delle vere bulle, si tratta solo di innocue macchiette che parodizzano uno stereotipo comune dello shojo manga, quello del "principe della scuola" adorato da tutte. In più l'episodio ci regala Megumi, il fratellino di Hana, che le onde non le sa leggere ma in compenso pare sia parecchio bravo a lanciare maledizioni! 
Devo ammettere che questa puntata mi era piaciuta di più nella vecchia serie, per svariate piccolezze, però è stato comunque un piacevole intermezzo che fa da ponte all'episodio successivo.

Episodio 22: Uo e Hana sono due bellissimi personaggi costruiti e raccontati in maniera perfetta, ma se dovessi dare una preferenza, sarebbe per la bella Hanajima. Il suo fare svampito nascosto dietro una faccia inespressiva mi ha sempre divertita e trovo intrigante anche quella sua misteriosa arguzia. In realtà non sono sicura che nei piani originali dell'autrice, Hana avesse un tale background, ho sempre avuto la sensazione che la Takaya fosse partita con l'idea delle onde un po' per scherzo. Sta di fatto che a un certo punto del manga, l'autrice tira fuori questo suo passato tanto triste quanto pieno di coraggio e l'anime ce ne fa godere in anticipo rispetto al cartaceo.
La storia di Hana è esagerata e surreale, senza dubbio, però se togliamo il surreale resta una storia di discriminazione, di incapacità di comprendere chi è diverso da noi, di non accettazione dell'altro.
Anche in questo caso abbiamo una bambina non accettata da chi le sta intorno, una ragazzina che vuol fare ammenda di un peccato di cui non ha colpa, come se il male che si annida nell'animo umano fosse colpa di quell'unicità di cui è portatrice. Hana ha dalla sua una famiglia amorevole, ma consapevole di non poter vivere in quella bolla cerca il diritto di vivere anche al di fuori di essa, e lo trova in Tohru e Uo, che di vivere in maniera particolare se ne intendono. E in loro trova anche quella splendida amicizia che magari non durerà per sempre, perché ognuno prenderà la propria strada, ma che ti porterai per sempre nel cuore, perché negli anni in cui c'è stata, è stata preziosa e ti ha salvato, infinite volte.
Siamo quasi a fine serie e per l'ennesima volta Furuba ci racconta la storia di una ragazzina che lotta per vivere, per trovare un posto nel mondo e il diritto di esistere con tutte le sue peculiarità. Perché in fondo, a tutti sarà capitato di sentirsi un onigiri in un cesto di frutta, e per fortuna Hana, anche in mezzo a persone diverse da lei, ha trovato se stessa e il suo posto. 
Autore: Arashi84
 

 
famiglia hana

 

 
Ed eccoci al piccolo Hiro, un bambino tanto puccioso di aspetto quanto arrogante nell'atteggiamento. Proprio per questa ragione, per lungo tempo non l'ho visto di buon occhio come personaggio, eppure proprio con il passare del tempo, rileggendolo, sono arrivata a capire meglio la sua frustrazione e il suo disagio.
Perché sì, l'arroganza di Hiro non può essere giustificata in nessun contesto, ma è altrettanto vero che i ragionamenti da "adulto" che questo ragazzino fa, ancora "imprigionato" nel corpo di un bambino, lasciano letteralmente senza fiato.
Amare qualcuno significa anche desiderare di proteggere l'altro, e nel caso dei Sohma amare qualcuno della famiglia significa dover affrontare il giudizio di Akito. Hiro l'ha fatto, con un coraggio che alla sua età nessun altro avrebbe avuto, ma a pagarne (fisicamente e mentalmente) le conseguenze è stata purtroppo soltanto la piccola Kisa.
Come possa essersi sentito Hiro dopo questo, io posso solo vagamente immaginarlo: vedersi rifiutato il proprio purissimo amore, sentirsi insignificante come un insetto, sentirsi inutile e sgradito... sentirsi un macigno nel cuore, tra le altre cose.
Tra i tanti motivi per i quali adoro Furuba, c'è anche questo sviscerare le molteplici nature dell'amore.
E l'amore, che di per sé "in teorica" dovrebbe essere un sentimento che ci fa solo sentire bene, che ci fa crescere e vivere sereni, in verità comporta sempre anche dei sacrifici, dei compromessi e delle stilettate, e l'attraversare dei passaggi che, se già da adulti non sono facili per niente, da bambini pre-adolescenti non lo sono certamente di meno.
Ecco perché Hiro, nella sua infantile arroganza, per me dimostra una grandezza senza pari... e sono felicissima che l'incontro con Tohru lo induca a rendersi conto che sì, è ancora troppo piccolo per poter essere il sostegno a Kisa che vorrebbe, ma è già adulto abbastanza per iniziare ad essere un piccolo grande uomo.
 
megumi hana


I due episodi successivi invece si focalizzano sulla storia di Hana, la sua famiglia e il suo adorabile fratellino Megumi.
Di quest'ultimo facciamo la conoscenza grazie all' "auto-invito" a casa di Hana del club di appassionate di Yuki, fanciulle che se già non mi andavano a genio nel manga, lo sono ancora di meno nell'anime con il loro vociare inconsulto.
Tuttavia, per l'appunto, il loro contraltare è il giovane, silenzioso e "quasi ESPer" Megumi, un ragazzino che avrà detto tre parole in vita sua, ma sono sempre quelle giuste.
Adoro, letteralmente adoro, lo smisurato affetto che prova per la sorella; così come adoro il modo in cui Saki ricambia questo sentimento dolcissimo, e la natura del loro profondo legame <3
Poi per l'appunto scopriamo la storia di Saki Hanajima e delle sue "onde", motivo per lei di disagio fin da quando era bambina, a causa del suo "anomalo sentire" e della conseguente discriminazione da parte dei compagni di classe.
Così, se ogni discriminazione può apparire simile nel suo manifestarsi, ogni storia di discriminazione è invero "diversa a modo suo", e quella di Hana non fa eccezione. Già nel manga reputavo i passaggi della sua storia delicati e toccanti, l'anime in tal senso è altrettanto bello ed emozionante. Da brivido, a voler fare un quasi ironico gioco di parole con le onde di Hana.
Probabilmente non è un caso che sia scaturita un'empatia così profonda proprio con Tohru e Uo, che a loro volta di diversità se ne intendono. Di certo a me rimane nel cuore la frase che Saki ha fatto propria dalla mamma di Tohru, Kyoko: "forse un giorno nella vita poi prenderete strade diverse, ma questo non significa che la vostra amicizia venga meno. Non dovrai sentirti sola, perché di certo quel legame rimarrà dentro di te per sempre." 
Autore: zettaiLara
 
 
hana lacrime




Fruits Basket 20

Titolo italiano:  Non ci credo che davvero l'hai presa
Titolo Originale: Nani maji de hirotten no sa
Titolo Inglese: I Can't Believe You Picked It Up
Titolo Kanji: 何マジで拾ってんのさ

Data italiana: N.D.
Data in patria: 17/08/2019
Durata: 24 minuti

Totale voti:   34   3   0 


Alex Ziro

Incontro il mio segno zodiacale. Mah non vedo l'ora di capire di più sto Akito.

 12/10/2019

TheRealNear

Il personaggio di Hiro mi è migliorato durante l'episodio ma non mi fa impazzire, bell'episodio comunque

 24/09/2019

zettaiLara

Hiro lo prenderei a sberle quando si atteggia così, ma a suo favore ha di essere un bimbetto troppo carino, e decisamente 'adulto' per la sua età, per certi versi, linguaccia e non solo. Kisa çOç!!

 06/09/2019

Arashi84

Io sono dalla parte di Kyo e a Hiro darei due pugni in testa, ma dopotutto è solo un bambino innamorato che sta affrontando una serie di problemi troppo più grandi di lui. Adorabile con Kisa <3

 03/09/2019

Hachi194

Va bene avere dei problemi, ma essere maleducati è un'altra cosa.... io reagirei come Kyo!! Kisa è adorabile.

 02/09/2019

Kotaro

In un certo senso è comprensibile (è sempre colpa di Akito), ma il bimbo-fastidio risulta anche qua davvero tanto fastidio...

 23/08/2019

BloodKurenai

Hiro lo tsundere davvero troppo carino con Kisa! Sempre più curiosa di conoscere meglio Akito, anche se penso che mi pentirò perché porterà guai mi sa XD

 21/08/2019

pippo311lp

Presentazione da schiaffoni per Hiro ma poi nel corso dell'ep, mostra i suoi veri intenti e il suo lato "principesco". Kisa è troppo tenera 😍🤗. Ancora non capisco il fine di Akito.

 20/08/2019

BeccaRebecca

Hiro, per quanto abbia atteggiamenti odiosi, è un personaggio che mi è subito piaciuto e, come gli altri componenti della famiglia Souma, ha un triste passato alle spalle. Akito la/lo odio sempre più

 18/08/2019

Mirokusama

Anche Hiro porta in dote una triste vicenda, ma che atteggiamento odioso, una faccia da schiaffi proprio!

 17/08/2019

crackers

finalmente è arrivato Hiro! Tra i miei preferiti con la sua ciancia, ha molto in comune con Kyo (speriamo nei prossimi episodi, troppo comparsa in questi episodi di presentazione dei vari personaggi)

 16/08/2019


Altri Voti





Fruits Basket 21

Titolo italiano:  Se si tratta di onde non mi tiro mai indietro
Titolo Originale: Urareta denpa wa kawanakucha
Titolo Inglese: I Never Back Down from a Wave Fight
Titolo Kanji: 売られた電波は買わなくちゃ

Data italiana: N.D.
Data in patria: 24/08/2019
Durata: 24 minuti

Totale voti:   27   4   1 


Alex Ziro

La svolta lesbo salva un episodio totalmente inutile

 13/10/2019

TheRealNear

Episodio divertentissimo, le tre oche mi hanno fatto morire xD. Molto belle anche le canzoni di sottofondo dell'episodio!

 26/09/2019

zettaiLara

Un po' troppo urlato per i miei gusti, le tizie del fanclub poi non sono esattamente le mie preferite. Tuttavia conosciamo l'adorabilissimo fratellino di Hana, Megumi, e non vedevo l'ora * _ *

 11/09/2019

Arashi84

Ricordo che questo episodio mi era piaciuto di più nella vecchia serie. Resta comunque divertente, le tipe del fanclub non riesco a odiarle! XD E Megumi è adorabile! *__*

 03/09/2019

Hachi194

Episodio che crea una pausa dalla famiglia Soma per dedicarsi alla Regina delle Onde Demoniache! Divertente ma forse un po' troppo sopra le righe...

 02/09/2019

rbstyle

Hana con i capelli sciolti e sorridente è davvero spettacolare...il trio delle meraviglie che se la da a gambe stile formula 1 mi ha divertito

 29/08/2019

Kotaro

Un episodio molto divertente, che però assume un retrogusto diverso sapendo a posteriori cose che succederanno dopo...

 28/08/2019

Saint_Ali

Verde solo perché Hana la amo troppo e il suo fratellino è un mito. Ma il fanclub di Yuki è odioso quanto esilarante

 27/08/2019

pippo311lp

La famiglia Hanajima mi ha fatto morire dalle risate, Saki e il fratello fantastici. Sicuramente la trama del fan club era evitabile, ma Saki meritava più minutaggio.

 26/08/2019

BeccaRebecca

Episodio dedicato ad Hana. Carino, ma mi sono mancati i Souma...

 25/08/2019

Mirokusama

Episodio incentrato su Hana e famiglia, mi ha divertito per certo versi però, insomma, preferirei approfondire più i retroscena dei Soma che il prince Yuki fan club, comunque una volta può andare...

 25/08/2019


Altri Voti






Fruits Basket 22

Titolo italiano:  Perché ero così felice
Titolo Originale: Datte ureshikatta no yo
Titolo Inglese: Because I Was Happy
Titolo Kanji: だって嬉しかったのよ

Data italiana: N.D.
Data in patria: 31/08/2019
Durata: 24 minuti

Totale voti:   35   2   0 


TheRealNear

Tema pesante e non facile da trattare, ma episodio realizzato benissimo. Honda sempre meglio come protagonista

 29/09/2019

ladynera

Bello e doveroso episodio. Anche il passato di Hana-chan andava affrontato. Carinissimo Megumi, e non immaginavo che dietro ci fosse una famiglia tanto stupenda.

 23/09/2019

zettaiLara

Mi piace un sacchissimo sempre la storia di Hana (e Megumi): una famiglia così solida alle spalle è una benedizione, ma nella vita si può essere soli comunque. Poi, ci sono Uo e Tohru, e la preghiera.

 11/09/2019

Hachi194

Quindi Hana ha davvero dei poteri!!! Storia molto triste ma che ci svela un nuovo pezzo del passato del trio di amiche. I bambini possono essere davvero crudeli.

 08/09/2019

Saint_Ali

Splendido e commovente. Finalmente anche in anime la storia completa di Hanajima ❤️

 04/09/2019

Arashi84

Hana è stata fortunata a incontrare Uo e Toru ma soprattutto ad avere una famiglia tanto bella. I peccati e il dolore non si cancellano ma si può guardare avanti positivamente nonostante tutto.

 03/09/2019

pippo311lp

Stupendo è dir poco. La storia di Hana-chan mi ha commosso eppure pensavo di aver fatto il callo, visto che storie tristi ce ne sono state parecchie. Non pensavo che lei avesse veramente dei poteri 😮

 03/09/2019

ssmith

Mi tolgo il cappello di fronte a questo episodio

 01/09/2019

BeccaRebecca

Episodio incentrato sul passato triste di Hana-chan.

 31/08/2019

Naco

I passato di Hana-chan mi stringe sempre il cuore. T__T

 31/08/2019

Kotaro

Episodio speculare al precedente. Un po' pesantino e deprimente, ma necessario.

 31/08/2019

Mirokusama

Stavolta tocca al passato di Hana-chan, il rapporto con Tohru e Uo-chan mi ha commosso, anche se il modo in cui l'hanno 'sequestrata' all'inizio era proprio divertenteXD

 30/08/2019


Altri Voti