Mancano sempre meno opere qui allo Yaruki 2019 - Italian Japstyle Comics Award, categoria Indie.

L'autunno si fa rovente con Mr. Nishikawa di Cris Fabian
 
Yaruki Nishikawa
 
Cristina Fabian nasce a Pistoia il 16 Ottobre 1969. Nel 1978 si innamora del Giappone grazie a Goldrake. Poi successivamente Astroboy, Remi, Marco Polo, Heidi, Candy Candy, Lamù, Gundam, Lady Oscar, Holly e Benji, City Hunter eccetera eccetera. A 16 anni pubblica il suo primo fumetto “politico” sulle pagine del quotidiano pistoiese, “Il Micco” grazie alla dritta di Luca Boschi, suo insegnante del corso di fumetto delle medie. Cris finalmente supera la sua timidezza e prova le brezza di andare in televisione e intervistare autori di fumetto “live” a Lucca Comics (quando entrare era ancora gratis) per la TVL libera Pistoia insieme all'attore Paolo Ricci e il cameraman Gionata Gori. Cris frequenta l'istituto economico Einaudi per volontà di un padre che non approva il talento artistico della figlia. A scuola fa disastri non va sopra la media del 6 meno meno ma finalmente a 20 anni con un calcio nel didietro va agli esami di stato con voto finale 7 su 10 grazie alla poesia “la pioggia nel Pineto” di G. D'Annunzio disegnata a fumetti invece che recitata a memoria di cui tutti sono impressionati. Successivamente Cris fa la conoscenza di Isil Clement con la quale consolida un'amicizia quasi esasperante, fino ad oggi.

A 25 anni si trasferisce in Francia come AuPair e a disegnare per due anni per una casa editrice nazionale di Belleville pubblicando la primissima versione di “Credi alle fate?” su idea di Luca Boschi e disegnata insieme a Isil Clement e Valentina Ghelli, un fumetto ridisegnato su PSD per Nuname 1, rivista che Cris crea insieme alla stessa Isil nel 2013. Nel 1997 visita il Giappone per la prima volta grazie al gemellaggio Pistoia - Shirakawa. Cris ritornerà per conto suo ancora per 5 volte imparando sulla propria pelle cosa è il vero Giappone. Quelle esperienze si agganceranno poi alla storia dell'agente segreto governativo Mr Nishikawa, personaggio che vide la luce per la prima volta quando Cris aveva solo 12 anni. Cris si trasferisce a Londra per studiare inglese a causa di una brutta esperienza “lost in translation” in Giappone che le fece perdere momentaneamente la vista. Lì conosce il futuro marito, Andrew, che lei chiama l'ultimo samurai inglese per la sua gentilezza e onore.

Cris con Isil, poi con kibbi Needle è attiva dal 2013 nella stesura del Mr Nishikawa e la creazione di Nuname con l'associazione no profit NuPress, un trampolino di lancio per tutti quegli autori di fumetto, illustrazione e vignette che come Cris vorrebbero pubblicare in case editrici ma i cui sogni sembrano ancora difficili a prendere il volo da soli.
 
Nishikawa è un hacker dei programmi ed è pure un bravo atleta di Parkour, un giapponese sotto copertura della Secret Service Agency che tiene sotto controllo l'andamento imprenditoriale del governo nella regione del Kanto, senza lotte alla Bruce Lee, catapulte e arrampicamenti alla Mission Impossible. Solo storie di spionaggio informatico, stare alle calcagna dei criminali della droga e i loro piani criminosi tra i distretti di Tokyo. Gli viene imposta una recluta a cui insegnare tutte le tecniche di spionaggio da lui stesso apprese durante la sua formazione con la trainer Miyako Fujie. Una ninfomane. Alla recluta, che di imparare quelle strane regole non ha nessuna voglia, impongono la missione di riportare sulla retta via Nishi, che apparentemente è un ribelle e fa sempre di testa sua durante gli incarichi sotto copertura. A Nishi piacciono le belle donne, ma ha una sola regola: non si farà mai una minorenne. Irene, la rookie ha solo 16 anni. In Giappone si raggiunge la maggiore età a 20 anni. Com'è riuscita ad entrare in Giappone a 16 anni? Perché nascondere la sua età? Tutto fa parte dell'idea della SSA che una sedicenne è più appetitosa di una ventenne nelle missioni in cui l'uso del proprio corpo ha la sua importanza in Giappone, un paese la cui idea di giovinezza è uno dei valori più importanti insieme ai soldi al lavoro e alla carriera. La cultura è diversa, la lingua è diversa, i caratteri dei protagonisti sono tutti diversi. Ci sarà da combattere. E a volte anche sotto chiave comica.

Ecco di seguito le coloriste (troverete nella sezione link dove seguirle): Marina Misschroma, Alexandra Ale Marchionne, Tiziana Berro, Anna Puppo, Elena Liberati.

E quindi anche in questa edizione siamo tornati a parlare di Mr. Nishikawa. Quando nell’edizione 2017 dello Yaruki introducemmo l’opera era ancora agli inizi, oramai siamo già arrivati al terzo volume (per quanto disponibile si può trovare il quarto) e di certo ci troviamo di fronte ad un’opera… più matura. Per evitare equivoci e fraintendimenti asserisco fin dall’inizio che questo che avete davanti è un fumetto non adatto ai minori, le scene esplicitamente sessuali sono tante e possiamo dire senza alcuna remora che rappresentano la sua caratteristica più lampante. Questa “libertà” rende ancora più caratteristico ed affascinante lo stile di Cris, il quale potremmo definirlo appartenente ad un’altra epoca, con i suoi disegni che forse ricordano gli anni ’80, così come l’ironia della serie, ma grazie ai colori (altro elemento imprescindibile) veniamo catapultati in questa nuova dimensione dove modernità e passato si incontrano, tra azione, belle donne e, perché no, anche bei uomini.

Infine permettetemi di parlare anche quest'anno della NuPress, dando modo a nuovi lettori di AnimeClick di conoscere questa realtà. Nupress è l'associazione no profit che aiuta i giovani talenti di Japstyle e non ad essere finalmente pubblicati; il trampolino per novelli autori con tante idee da raccontare in fumetto o in vignette o illustrazione. Nupress è gestito da 4 officers e da una ciurma di alfieri che aiutano a condividere i post della pagina o a passare la parola. La Nupress crede che l'unione di tanti giovani artisti faccia la forza dell'associazione. Ogni anno il gruppo di artisti si ricrea ma rimangono anche i vecchi “nunamers”, ovvero tutti coloro che approdano alla pubblicazione sulla rivista portante di Nupress, appunto NuName, che rimangono ad insegnare le tecniche da loro stessi imparate durante l'anno di preparazione a Nuname o insegnategli da altri, magari dalle scuole di fumetto o solo dalla loro esperienza personale in tradizionale o digitale. Si forma così all'interno dell'associazione il Nu Academy, il gruppo segreto di tutti coloro che pubblicheranno nell'anno in corso, scambiandosi opinioni, novità, tutorials e critiche costruttive per avanzare, migliorare con il proprio lavoro e dare alla fine, ovvero ogni Giugno, una short story da pubblicare disegnata e colorata al meglio della propria esperienza e formazione. NuName ha inoltre vinto il premio di Miglior Antologia all’Italian Indie Comics Award.
 
yaruki 2019


Intervista all'autrice:

Cris, una volta di più: pronta?

Eccome no?

Siamo arrivati con il nuovo volume di Nishikawa, come ci sei arrivata personalmente e artisticamente? 

Con divertimento perch io disegno per me stessa prima di tutto, per divertirmi. Ed è stato facile sceneggiarlo perché ho avuto dalla mia il name che avevo precedentemente disegnato e pubblicato su Facebook. Il bello viene ora al numero 4, dove su Facebook la storia è interrotta! Poi il numero due è stato maestosamente disegnato dall'inizio alla fine da Marina MissChroma, che davvero è stata bravissima con le luci le ombre e ha dato quel tocco di atmosfera solare che doveva avere il numero due.

Come valuti il tuo percorso fino ad ora?

Si migliora sempre e tutti, per ora non sono ancora a pieno valida come artista di manga perché fin dal principio mi sono mancate le basi anatomiche. Ovvero non so disegnare una figura completamente nuda di un uomo, ma ci sono stati dei maestri di japstyle che al momento del bisogno mi hanno corretto i difetti più visibili come Elena Liberati, autrice del fumetto Sirena di Nuname 6 e Chiara Delinna. Inoltre devo moltissimo al Clip Studio. 

In questi 2 anni secondo te il movimento japstyle ha fatto passi avanti?

Il movimento Japstyle farà sempre passi avanti! Così tanti che non ci sarà spazio per tutti e cominceremo a ponderare meglio i nostri acquisti. Siamo sempre di più con storie bellissime. Disegnati sempre meglio anatomicamente parlando. Io sono ancora indietro, ho lo stile del tipico fumetto degli anni 80 ma cerco di accostarmi allo stile di oggi, più sofisticato e creativo. Una cosa che odio sono i fondali ma ho imparato Sketch up! 

Cosa gli manca ancora?

Ai nostrani? Basta guardare il fumetto di Salvatore Pascarella. Cosa gli manca ancora? o Guardate Radiant. Cosa gli manca? Nulla (per citarne due). Ognuno parte con una storia che intrattiene. Certo secondo i propri gusti personali, piace o no, ma artisticamente fa invidia anche ai giapponesi, ci metto la mano sul fuoco..

Quanto durerà ancora Nishikawa?

Calcolo circa 7/8 volumi ho cominciato già il quarto capitolo. Il terzo capitolo è stato colorato da tre artiste perché tutti hanno poi trovato un lavoro o altre cose da fare. Colorare Nishi non è facile per via dell'atmosfera che vorrei regalare ai lettori. Finora ho trovato delle gemme, come AleXandra che lavora alla Shui, e Tiziana Berro con Anna Puppo, entrambe di Nuname. La supervisione è e Sempre di Elena Liberati che mi fa da tutrice. Mi corregge gli sbagli più grossi.

Parliamo di NuPress: progetti presenti e futuri?

Per Nupress è un periodo di calma, come sapete è un gruppo di persone che oltre il lavoro si dedicano alla crescita artistica dei ragazzi già promettenti ma anche meno promettenti incoraggiandoli a creare un qualcosa che possa comunicare e intrattenere il pubblico. Il tempo che mettono, che mettiamo, è quello che togliamo alla famiglia, alla casa, al secondo lavoro chi ce l'ha e ai gatti! Per cui a volte non c'è davvero tempo per star dietro a tutto ma stiamo comunque dietro al secondo numero di Magia e al futuro NuKids, se il nostro capo editor riesce a finire il romanzo illustrato prima della sua morte. Massimo Pinna un tipo macabro, il che non fa rima molto con la nuova rivista per bambini che vorremmo creare con lui e che era in progetto dal primo Nuname!... 

Cosa ti spinge a portare avanti così tanti progetti e con tutta questa forza?

Me lo chiedo anche io! e oltre Nupress, Nuname, Nishikawa, Artlight il secondo lavoro da property manager, il lavoro primario al Five Guys (una roba americana) riesco anche a dare da mangiare ai gatti e a mio marito. Non riesco a pulire la casa però... Ma Non ci sono solo io! A Nupress c'è Isil, c'è Barbara, c'è Elena, Federica, Massimo e spero di invitare altri volenterosi a lavorare gratis per nuname e a partorire bei progetti con noi! 

Grazie, come sempre, Cris per tutto quello che fai... concludiamo allora con i saluti!

Vorrei salutare i miei Nunamers. E tutti i ragazzi che vogliono raccontare una storia ad immagini! Anche se disegnata male se la raccontate bene, funzionerà! Non dimenticate i primi episodi a fumetti del grande Osamu Tezuka! O quelli dell'Attacco dei Giganti!
 
Link Utili:
Mr. Nishikawa
Nuname
Nupress (Facebook)
Nupress (sito)
Tapastic

Marina MissChroma

Alexandra Marchionne
Anna Pacchan

Tiziana Berro
Elena Liberati

Concorrenti Precedenti:
Lylun Eye
A Place To Belong
CodeX
Imperfecta Lux
Ædon

La Casa delle Streghe
Letzter Wille
Lolicon Degree
Angam
Blossom
It's


Grafiche a cura di Megane郭

Per maggiori informazioni sull’award contattare yaruki4ever@gmail.com