Siamo già arrivati al decimo appuntamento dello Yaruki 2019 - Italian Japstyle Comics Award, il contest di AnimeClick per le opere italiane con forti influenze manga. Nel corso dei prossimi due mesi vi presenteremo 15 opere PRO mentre, dopo l'estate, sarà il turno delle opere indie. Ricordate di contattare yaruki4ever@gmail.com per ogni informazione sul contest e per candidare le vostre opere indie!

Oggi cadiamo nelle ombre di Dirty Waters di Francesca Siviero (Lumi Niemi), edito da Mangasenpai
 
yaruki 2019
 
Nata a Torino nel 1993, ha iniziato ad appassionarsi al disegno grazie agli anime di FMA e Saiyuki. Durante il terzo anno di liceo frequenta il corso dedicato al manga di Federica Di Meo (autrice di Somnia, per Panini), di cui sarà assistente per Somnia - il gioco del serpenteSomnia - caccia al tesoro. Ha frequentato le Master Class tenute da Yoshiyasu Tamura e Hiro Matsuba alla Lucca Manga School. Diplomata in Architettura e ambiente, ha frequentato l’Accademia di Belle Arti ed ora studia per diventare Concept Artist. Membro del collettivo artistico Kyoudai Manga, partecipa alla creazione di BLossom: un’autoproduzione di cui scrive e disegna la storia "Wolf's Song" e si occupa del concept e della lineart della copertina. Nel 2018 pubblica Dirty Waters, manga seinen thriller, per Mangasenpai.

Sinceramente, se ne sentiva bisogno di un'opera come Dirty Waters tra i fumetti dello Yaruki. Un thriller come questo tra i concorrenti non si vede praticamente mai, un genere forse ancora un po' troppo snobbato tra i vari autori... e posso perfettamente comprenderne il motivo: è probabilmente più facile intrattenere il lettore con azione adrenalinica, combattimenti o con storie d'amore che con investigazioni. Ma Lumi Niemi ha preferito questa strada, ha preferito rischiare... quindi facciamo la nostra parte e scopriamo cosa accade a Dirty Waters.
 
Nel paese di Dirty Waters, negli Stati Uniti, qualcosa non quadra. Nel passato della cittadina tremendi fatti di sangue ne segnano la storia recente. Vlad, appena trasferitosi in città avrà a che fare con questi fatti e qualcosa di oscuro riaffiorerà...

Tra un teen drama e un giallo, Dirty Waters è sicuramente una bella ventata d'aria fresca, lugubre, sicuramente, ma perlomeno riesce a rappresentare qualcosa di differente. Dirty Waters è la classica cittadina statunitense di quei classici telefilm dove anche gli alberi ti parlano dietro, dove tutti sanno di tutto e ovviamente se puzzi di città sei meritevole di tanto odio perché sì. Vlad si è appena trasferito in questo posto sperduto tra i boschi che, com'è ovvio che sia, nemmeno spunta nelle cartine, e si ritrova a vivere in una villa tra i boschi (nel caso non fosse chiaro che dobbiate aver paura) dal passato oscuro, dimora di diversi omicidi. Anche il nostro protagonista ha sicuramente avuto un passato travagliato e vivere in un posto simile fa riaffiorare vecchie cicatrici del suo animo. Ma se le sue possono sembrare paranoie non è di certo dello stesso avviso Lucian, un ragazzo che va in giro truccato da scheletro e che è un vero e proprio reietto, odiato da molti e temuto da tutti, un ragazzo che ha visto morire i suoi cari proprio dentro quella casa.

Lucian è un immenso elemento di forza per questa storia, il suo essere assolutamente sopra le righe gli permette di andare oltre alla tranquillità di una città cupa e noiosa, permette soprattutto a noi lettori di essere più intrigati di fronte alla realtà nascosta dietro questa casa e le persone che sono morte lì dentro. Non si parla di un fumetto sovrannaturale, non c'è un poltergeist da stanare o qualche altra entità demoniaca, i protagonisti indagheranno per scoprire chi è questo folle omicida che da chissà quanto tempo ha preso di mira coloro che vivono in quella lugubre villa. A Dirty Waters i cittadini decidono di far finta di nulla, preferendo la patina di morbosa tranquillità del loro paesino sperduto che dare aiuto ad un ragazzo abbandonato a sé, ad una famiglia che rischia di morire per la loro negligenza.

Fumetto di soli 4 volumi, al momento arrivato a metà strada, la lettura perfetta per chi sente il bisogno di un bel mistero.
 
yaruki 2019


Intervista all'autrice:

Ciao Francesca! Benvenuta a Dirty Wa... no aspè... allo Yaruki: pronta?

Non è proprio come quando i fan di Harry Potter dicono di voler andare ad Hogwarts: io eviterei Dirty Waters come la peste!
Comunque sì, dai. Ci metterò un po’ a carburare, ma sono pronta!



Com'è nato Dirty Waters? Immagino ci siano influenze anche extra-fumetto

Vorrei dire che è tutto frutto della mia immaginazione, ma la vita è piena di spunti e certe persone incontrate mi hanno dato una grande mano a delineare quello che è l’ambiente e le persone che abitano a Dirty Waters.


Quali sono le tue influenze come autrice?

Allora, allora … dovrei iniziare a fare una lunga sfilza di nomi e titoli di autori e libri/fumetti che mi hanno portato a questo punto, ma cercherò di essere breve.
Sicuramente Kaori Yuki e Kazuya Minekura sono le persone da “incolpare” più di tutte. Dovete sopportare i miei scarabocchi a causa loro!
Ho sempre avuto una passione per i generi thriller, giallo e horror, perciò credo che ogni libro o fumetto letto mi abbia influenzato parecchio.



Dirty Waters è già arrivato a metà, cosa c'è nel futuro di Lumi Niemi?

La domanda da 100 milioni di euro!
Sicuramente, lo studio. Mi sono resa conto che, lavorando a DW, ho meno tempo per studiare e cercare di migliorare ciò che faccio. La pratica aiuta, ma mi manca un po’ questa parte.
Ho alcune storie nel cassetto che spero possano vedere la luce al fianco di una casa editrice, ma nel frattempo mi dedicherò anche alla concept art per videogiochi.



Cosa vuol dire secondo te essere una fumettista italiana japstyle nel 2019?

Non credo di saper davvero rispondere.

Mi rendo conto, parlando con la gente in fiera, che molti sono contenti e apprezzano che ci siano dei manga italiani; ma c’è altrettanta gente che, vedendo un manga italiano, dà per scontato che non valga la spesa. Come se valesse meno per via della sua provenienza.



Come mai ti senti più vicina proprio con Vlad?

Vlad è il classico personaggio che non attira parecchia attenzione, è semplice anche a livello di character design. Sicuramente viene messo in ombra da Lucian, ma non per questo è meno importante. Diciamo che viene apprezzato con il tempo.
Dal punto di vista caratteriale siamo molto simili: entrambi preferiamo tacere i nostri problemi con gli altri e troviamo uno sfogo all'interno della famiglia o con le persone che sono riuscite a buttare giù l’armatura che ci portiamo dietro.



Dirty Waters è un fumetto atipico rispetto a quel che siamo abituati a vedere nel panorama del manga italiano, sia come genere che come tematiche. Hai avuto dubbi nella tua scelta? Hai visto la sua creazione come una sfida o per te il tutto è stato automatico? 

Dirty Waters è nato un po’ come sfogo e un po’ perché avrei voluto leggere una storia così: non è splatter, non è violenta dal punto di vista fisico; una storia di ragazzi che, se pur diversi, decidono di unire le loro forze solo perché sentono che è la cosa giusta da fare.
All'inizio non avevo nessuna intenzione di propormi ad una casa editrice, troppo fuori dalla mia portata, e allo stesso tempo sapevo che, anche se pubblicato sul web, sarebbe stato un genere abbastanza di nicchia. Ma ho voluto andare avanti anche per mettermi alla prova e cercare di migliorare come fumettista.
Successivamente, ho provato a proporlo a qualche casa editrice, ed è andata bene! Ancora adesso mi stupisco un po’ della cosa e mi si riempie il cuore di gioia quando le persone che lo hanno letto mi scrivono solo per dirmi che è piaciuto, anche e soprattutto per la sua spontaneità, e che è facile immedesimarsi nei protagonisti.



Saluta i tuoi fan e anche l'assassino!

Ciauuuuuuuuuuu! Ma niente spoiler, signor sorriso!


 


Link Utili:
Lumi Niemi

Concorrenti Precedenti:
GG - Life is a Videogame
La Calaca de Azùcar

Fr33d0m
Pendulum
Sahaam
Chrono Gear
Dada Adventure
Banana? Banana!
Aethernal


Grafiche a cura di Megane郭